Criterio numerazione scambi

I vostri lavori - Tecniche di costruzione - DCC (impianti fissi)

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15325
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Criterio numerazione scambi

#46 Messaggio da Tz » ven 07 ago 2009 15:16

Come al reale... mica le linee sono nate nell'ottocento già computerizzate... credo che andare per stati di avanzamento semplifichi la vita e rateizzi la spesa
Sicuramente semplifica la vita e rateizza la spesa ma presenta una grande incongruenza: nessun impianto ACEI verrebbe costruito in una stazione con linee afferenti in "blocco telefonico"... :roll:

Come minimo è da prevedere sia in caso di programmazione (come il tuo) sia in caso di realizzazione di hardware dedicato (come il mio) l'inserimento delle condizioni di blocco.
Senz'altro ci sono condizioni che è impensabile riprodurre nel modellismo.
Aggiungerei che magari non è necessario ma non impossibile...
Se poi ci aggiungi una conoscenza approssimativa del reale capisci che il modello non può che essere imperfetto.

Per questo motivo ritengo questa discussione un buon punto di partenza. Ci sarà sempre tempo per apportare le dovute semplificazioni modellistiche. Ma senza travisare nulla.
Medita pure sotto l'ombrellone su quegli schemi e penso che condividerai che è possibile avvicinarsi veramente molto alle condizioni reali magari complicandosi un po' la vita ma alla fine con maggiori soddisfazioni. Sul mio impianto penso di aver raggiunto un buon compromesso. Potevo fare di più e andare oltre ma avrei complicato eccessivamente l'hardware, interfacciandoci un software i risultati potrebbero raggiungere livelli veramente eccelsi...
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

E 645 307
^_^
^_^
Messaggi: 18
Iscritto il: mar 18 set 2018 20:17

Re: Criterio numerazione scambi

#47 Messaggio da E 645 307 » ven 05 ott 2018 20:59

Tz ha scritto:
gio 30 lug 2009 17:25
Alla veloce:

- deviatoi con manovra a mano : 1xx (101-102-103...)
- deviatoi con manovra elettrica : 1 - 2 -3...
- comunicazioni: stesso numero per entrambi i deviatoi con "a" quello più vicino e "b" quello più lontano, notare che nelle comunicazioni i due deviatoi non si manovrano mai insieme, prima l'a poi il b,
- guardando il piano schematico a sinistra i deviatoi dispari a destra i pari così come pure i punti origine dell'ACEI.
Recupero l'argomento per chiedere quale sia il criterio di numerazione per i segnali bassi e a quali deviatoi si applichi la numerazione 2xx.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15325
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Criterio numerazione scambi

#48 Messaggio da Tz » dom 07 ott 2018 13:37

Trovare le fonti normative non è facile anche perchè bisognerebbe avere accesso a documentazione IE piuttosto particolare e on-line non è più accessibile nemmeno quella di primaria utilità...
Posso solo dirti ciò che ho notato osservando piani schematici abbastanza recenti:
- i segnali bassi sono numerati come dispari quelli da sinistra verso destra e quelli pari da destra verso sinistra del piano schematico.
Niente saprei dire circa la numerazione dei deviatoi 2xx.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

E 645 307
^_^
^_^
Messaggi: 18
Iscritto il: mar 18 set 2018 20:17

Re: Criterio numerazione scambi

#49 Messaggio da E 645 307 » mar 09 ott 2018 20:30

Grazie, Tz!

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite