Due miliardi di utenti per il TGV

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#16 Messaggio da luca295 » ven 25 lug 2014 19:52

Allora il secondo punto e' falso. Mi chiedo allora,come,pensino,di migliorarlo!

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16935
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#17 Messaggio da Ae 4/7 » ven 25 lug 2014 21:04

Anche l'ultimo paragrafo dell'articolo de Les Echos mi lascia piuttosto perplesso (per questo non l'ho tradotto :megaball:: )...
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7664
Iscritto il: mer 05 mag 2004 17:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#18 Messaggio da simplon » ven 25 lug 2014 22:44

Strano che il nostro DB non abbia colto questa discussione sul futuro del Tgv, gli avrebbe offerto sul piatto d'argento materia per l'ennesima bordata contro l'AV. :oops:

s.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 13630
Iscritto il: sab 26 apr 2008 11:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#19 Messaggio da UluruMS » dom 12 ott 2014 9:26

Sulla bassa utilizzazione della flotta TGV: a integrazione di quanto scritto da me illo tempore, parrebbe che SNCF sia insoddisfatta delle percorrenze medie. Ora, io non so quanto siano questi km, ma ad occhio non mi pare che stiano fermi... ipotizzo, cifre quasi a caso, che magari vogliano passare da 400.000 a 500.000 km annui medi a treno?
"Ingegné, io mi licenzio!"
"Ma..perché? non si trova forse bene qui?"
"No, è che da me le littorine vanno a nafta; se lo vuole il carbone se lo cavi fuori lei..."

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12220
Iscritto il: dom 14 ago 2005 22:48

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#20 Messaggio da augustus » ven 24 ott 2014 20:18

http://www.repubblica.it/economia/2014/ ... ref=HRLV-6

L'analisti della Corte dei conti sui bilanci dell'alta velocità transalpina è disarmante: costi esorbitanti, investimenti non coperti e convogli senza passeggeri per soddisfare interessi politici locali. Per la prima volta calano i ricavi
dal nostro corrispondente ANAIS GINORI

Francia, Tgv nel mirino: "E' un buco nero per lo Stato"

PARIGI - Il Tgv, treno ad alta velocità, è un buco nero per lo Stato. La rete ferroviaria francese è tra le più ampie d'Europa, con oltre 2000 chilometri di linee e ben 230 stazioni disseminate per il paese. Ma secondo la Corte dei conti ha costi esorbitanti, non riesce a coprire gli investimenti e in alcuni casi fa viaggiare treni senza passeggeri per accontentare alcune città e interessi politici locali. L'organismo pubblico di controllo denuncia nell'ultimo rapporto i costi proibitivi dei Tgv, il fiore all'occhiello della République.

''Tgv alla deriva'', titola in prima pagina il quotidiano Le Figaro, un lungo articolo dedicato ai rilievi dei Saggi. Inaugurato nel 1981, il Tgv è sempre stato simbolo di modernità e progresso. Secondo la Corte dei conti, il modello economico su cui si basa ormai ''non è più sostenibile''.

L'anno scorso, per la prima volta i ricavi del Tgv sono calati da 4,9 miliardi a 4,7 miliardi di euro. E la tendenza continua dall'inizio del 2014. Complice la crisi, molti viaggiatori scelgono treni meno veloci e meno cari oppure cambiano addirittura mezzo di trasporto.

La manutenzione di treni e rete continua invece a essere molto elevata. Il margine operativo per la Sncf, le Ferrovie dello Stato francesi, è passato dal 28% nel 2007 al 12% l'anno scorso. I Saggi fanno tra l'altro notare che gli utili degli anni scorsi dipendevano essenzialmente sull'aumento dei prezzi dei biglietti. Mentre oggi le tariffe sono state abbassate per non perdere ulteriormente viaggiatori.

Ad aggravare ulteriormente il giudizio della Corte dei conti alcune linee dell'alta velocità, realizzate solo a scopi elettorali o politici. E' così ad esempio per i nuovi collegamenti di Tgv tra Tours e Bordeaux, oppure quello tra Poitiers e Limoges: per entrambi le linee in costruzione la copertura finanziaria non è ancora garantita.
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16935
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#21 Messaggio da Ae 4/7 » ven 24 ott 2014 20:24

Lo stavo per postare da un'altra testata (bon, insomma...) :mrgreen: :
FRANCIA

24/10/2014 - 20:23
Tgv alla deriva

L'alta velocità perde colpi: modello elitario e poco redditizio

PARIGI - Guadagni insufficienti, previsioni di traffico sovrastimate, costruzione sistematica di nuove linee: i Tgv, i treni ad alta velocità fiore all'occhiello della Francia, finiscono nel mirino della Corte dei conti. Inaugurato nel 1981 come simbolo di modernità e progresso, il Tgv "perde colpi", scrive Le Figaro, facendo eco alla decisione dei saggi di Parigi, secondo cui il modello economico su cui si basa l'alta velocità transalpina è "elitario" e "non più sostenibile".

"La scelta sistematica dell'alta velocità ferroviaria - sentenzia la Corte dei Conti - ha portato a un sistema poco coerente dove i convogli di Tgv collegano 230 destinazioni e passano il 40% del loro tempo sulle linee normali (cioè quelle usate dagli altri treni, ndr.)". Secondo la Corte dei conti, i Tgv dovrebbero invece collegare meno stazioni sulle loro rotaie speciali e circolare meno sulle tratte normali.

"La buona immagine conquistata dell'alta velocità non deve occultare i limiti del suo successo né le loro conseguenze sul resto del sistema ferroviario - sostiene il presidente dell'alta istituzione, Didier Migaud - La scelta attuale verte sistematicamente sul lancio di progetti di linee a alta velocità anche quando non rispondono a criteri razionali". E conclude: "Il modello francese dell'alta velocità ferroviaria ha un costo troppo elevato rispetto alle risorse pubbliche ormai disponibili".

Per il futuro, ammonisce la Corte, il comparto pubblico dovrà "adottare un'attitudine realistica e razionale". Mentre il Tgv è diventato un mezzo di trasporto "elitario", i suoi viaggiatori appartengono "in gran parte alle categorie di popolazione con i redditi più elevati".

Le cifre parlano chiaro: il Tgv non è più redditizio come una volta. Per la corte dei Conti l'aumento del fatturato tra il 2002 e il 2012 è dovuto più all'aumento del prezzo del biglietto che al numero dei viaggiatori. E da allora non ha fatto che diminuire da 4,9 miliardi di euro nel 2012 a 4,7 miliardi di euro nel 2013, con una tendenza al ribasso anche nel 2014.

Secondo la direzione della Sncf, l'azienda ferroviaria, il lavoro della Corte dei conti verte principalmente sulla "decisione di costruire linee ad alta velocità", elemento che "non riguarda la Sncf ma i governi e i poteri politici locali". Nei giorni scorsi, il premier Manuel Valls, ha invece ribadito il suo appoggio alla Torino-Lione, definendolo un progetto "indispensabile". "Dobbiamo unire in modo completo l'Italia del nord, prima regione industriale d'Europa, alla Francia", ha insistito il capo del governo. Proprio mentre Francia e Italia depositano un dossier congiunto per ottenere maggiori sovvenzioni dall'Europa.

ansa / ats
http://www.tio.ch/News/Estero/Attualita ... lla-deriva
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#22 Messaggio da luca295 » sab 25 ott 2014 9:34

La corte dei conti francesi pare abbia preso in abbaglio enorme, andando a mettere il becco senza nessuna competenza nel settore ferroviario...
Il problema della ferrovia francese e' uno solo, e si chiama monopolio. Oltretutto di una azienda particolarmente inefficiente.

Avatar utente
ETR.300 Settebello
*
*
Messaggi: 218
Iscritto il: mar 19 ago 2014 14:26

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#23 Messaggio da ETR.300 Settebello » sab 25 ott 2014 14:42

quando il sistema av diventa popolare come solo in francia allora la ferrovia ha centrato il suo obiettivo,se poi per far ciò bisogna far debito si esce dall'euro e si stampa moneta,i giappi col debito a 250 non mi sembra ne soffrano.
Settebello, Arlecchino, RAe TEE II, Polifemo, Binato Breda, Treno Azzurro: questo e molto altro nella Milano Centrale degli anni '60!

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#24 Messaggio da luca295 » sab 25 ott 2014 18:38

Non diciamo cavolate. Uscire dall'euro per avere delle linee Av e' un'idiozia.
I giapponesi soffrono tantissimo l'indebitamento.

Avatar utente
ETR.300 Settebello
*
*
Messaggi: 218
Iscritto il: mar 19 ago 2014 14:26

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#25 Messaggio da ETR.300 Settebello » sab 25 ott 2014 19:33

l'uscire dall'euro ci puo far fare di tutto,anche finanziare le linee av,così almeno si fa qualche occupato per costruire quelle e non solo,elettrificare la jonica,poi con la sovranità monetaria puoi andare a debito finchè vuoi che sei sempre in grado di pagare,puoi sbattertene di maastricht e di quella culona della merkel.
Settebello, Arlecchino, RAe TEE II, Polifemo, Binato Breda, Treno Azzurro: questo e molto altro nella Milano Centrale degli anni '60!

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12220
Iscritto il: dom 14 ago 2005 22:48

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#26 Messaggio da augustus » sab 25 ott 2014 21:24

OT/simil-finanziario
Peccato che nessuno prenda in cosiderazione l'andamento dei tassi di rifinanziamento che provocherebbe un ritorno alla 'lira', tassi legati al rischio-paese, che per l'Italia è impercettibilmente più alto di quello dell'EU. Se ricordate, quando l'Italia entrò nell'euro, quei tassi erano assai elevati, diciamo che la Svizzera viaggiava sullo 0.5% (basso tasso, alta credibilità della nazione), mentre l'Italia se ben ricordo era oltre il 10%.
In altre parole, se abbiamo un debito pubblico impercettibilmente alto com eil nostro, mi pare che tassi attuali siano più digeribili di tassi elevatissimi legati alla fuoriuscita dell'euro. Secondo me se si uscisse dall'euro potremmo non solo dimenticarci le linee AV, ma probabilmente le linee ferroviarie in toto.
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15022
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#27 Messaggio da Tz » sab 25 ott 2014 22:46

Scusa, ma questo non è esattamente l'obiettivo di quella gente ? :mrgreen: :wall: :shoot:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12220
Iscritto il: dom 14 ago 2005 22:48

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#28 Messaggio da augustus » dom 26 ott 2014 0:14

:mrgreen: :ciao:
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

attila90
*
*
Messaggi: 138
Iscritto il: ven 07 dic 2012 10:23

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#29 Messaggio da attila90 » dom 26 ott 2014 7:39

Sono d'accordo, finanziamo la spesa pubblica stampando nuova moneta, come lo Zimbawe.
Io corro a mettere su una fabbrica di cariole :ciao:

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16935
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Due miliardi di utenti per il TGV

#30 Messaggio da Ae 4/7 » dom 26 ott 2014 15:03

Intanto, come riferisce il Canard Enchaîné di mercoledì, Hollande continua, nonostante il rapporto della Corte dei conti, a puntare sulla costruzione di un TGV Poitiers-Limoges a servizio del Limosino, sua terra d'elezione (nonostante secondo le conclusioni della commissione Duron, adottate nel 2013 da J.-M. Ayrault, la tratta in questione non sia da considerarsi prioritaria; la Corte dei conti la cita inoltre in virtù del fatto che sarebbe particolarmente deficitaria).
Il 29 settembre all'Eliseo sono stati ricevuti degli amici del Presidente, tra i quali M. Jau, prefetto della Regione Centro e già prefetto del Limosino, nonché collega di Hollande all'ENA e suo camerata al reggimento e il padrone socialista della Regione limosina J.-P. Denanot. Secondo Jau, il Preseidente avrebbe loro promesso "una partecipazione importante dello Stato" per la realizzazione di questa tratta, a scapito di altre più prioritarie. Inoltre si sarebbe impegnato a farla dichiarare in tempi brevi come d'utilità pubblica. In questo senso, il Consiglio di Stato, il quale renderà nota la sua decisione il 15 gennaio, ha già fatto sapere che la sua decisione sarà positiva qualora "il Governo si dovesse impegnare a programmare [rapidamente] i lavori e non dopo il 2030".
Hollande avrebbe promesso di sbloccare mezzo miliardo di euro da fondi pubblici, ciò che a cascata attirerebbe 200 mio. di sussidi dell'UE e 400 mio. di RFF. Aggiungendo l'apporto delle collettività locali (700 mio.), il finanziamento di 2 mia. sarebbe praticamente assicurato.

Immagine
Immagine
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti