crollo viadotto caltagirone-gela

Lavori, storia, progetti, AV, tecnica su TE armamento e segnalamento.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Il Basso di Genova
**
**
Messaggi: 7885
Iscritto il: sab 14 ott 2006 17:19
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
Contatta:

crollo viadotto caltagirone-gela

#1 Messaggio da Il Basso di Genova » lun 09 mag 2011 8:27

da siciliaonline..

http://www.siciliaonline.it/ultimora/cr ... one-e-gela


FERROVIE: CEDE ARCATA DI UN PONTE,
CHIUSA LINEA TRA CALTAGIRONE E GELA
PALERMO Intorno alle 10.20 di stamattina ha ceduto una delle arcate centrali di un ponte ferroviario situato al km 326 della linea Lentini-Gela, tra le stazioni di Piano Carbone e Niscemi. Per questo motivo le Ferrovie hanno deciso di chiudere la Caltagirone-Gela e di sostituire otto treni con bus. "La linea ferroviaria Lentini-Gela é stata realizzata dall'Ufficio Speciale Costruzioni Ferroviarie del Ministero dei Lavori Pubblici tra il 1959 e il 1979 e consegnata, a fine lavori, all'allora Azienda autonoma Ferrovie dello Stato - spiega una nota delle Fs. Il ponte é stato costruito con piloni in muratura e arcate in cemento non armato". Rete Ferroviaria Italiana "secondo le procedure, effettua visite periodiche annuali di controllo che mai hanno segnalato anomalie alla struttura del ponte. L'ultima é avvenuta il 27 maggio 2010. Quella in calendario per quest'anno era in programma per i prossimi giorni". Inoltre, "15 giorni fa, é stata effettuata una visita all'infrastruttura con un carrello mobile, con esito regolare. RFI sta verificando i progetti e la consistenza dei materiali con cui il ponte é stato realizzato" ed "é stata disposta un visita straordinaria a tutte le infrastrutture della linea". (ITALPRESS)


:shock: :shock: :shock: :shock: :shock: :shock:
Paladino dei marciapiedi alti
..contromano..

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25272
Iscritto il: lun 22 dic 2003 10:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#2 Messaggio da paolo656 » lun 09 mag 2011 8:35

...calcestruzzo non armato? ma no, dai, non ci credo, immagino sia una questione differente....

Avatar utente
scaledifuoco
**
**
Messaggi: 2645
Iscritto il: mer 16 mar 2005 15:30
Località: Terni
Contatta:

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#3 Messaggio da scaledifuoco » lun 09 mag 2011 8:43

Anche a me sembra troppo assurda per essere vera la storia del cemento non armato ...
In servizio sul Piccolo Gottardo Umbro
Abilitato alla circolazione sul Pollino
Linea (AV) Lioni - Avellino ;-)

Avatar utente
Carlosanit
**
**
Messaggi: 2888
Iscritto il: sab 13 set 2008 8:54
Località: Torino
Contatta:

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#4 Messaggio da Carlosanit » lun 09 mag 2011 8:52

Non sono un ingegnere civile, ma i ponti ad arcate li facevano già i Romani, e sicuramente non li facevano col cemento armato. Quindi di sè potrebbe non essere strano che si parli di cemento non armato. :megaball::
Amico delle ferrovie fin da tenera età

Avatar utente
davide84
***
***
Messaggi: 13649
Iscritto il: ven 29 feb 2008 9:15

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#5 Messaggio da davide84 » lun 09 mag 2011 8:56

Il cemento non armato ha resistenze agli sforzi ben diverse dal cemento armato (lo armano mica per niente) e anche dalla pietra che usavano i romani ;-)

In particolare l'enciclopedia cartacea dei miei genitori mi insegnava che il cemento semplice resiste bene agli sforzi di compressione ma non di flessione, mentre l'acciaio fa il contrario. La pietra... boh, immagino entrambi? bisognerebbe sentire il geologo del forum, 4&wind8.
Non più partecipante al forum.

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25272
Iscritto il: lun 22 dic 2003 10:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#6 Messaggio da paolo656 » lun 09 mag 2011 9:03

Suvvia, non è assolutamente normale costruire con calcestruzzo non armato. Per la precisione...l'armatura si usa per gli sforzi di trazione.

Come giustamente è stato fatto osservare, i Romani costruivano con le pietre e soprattutto con fattori di forma ben differenti.

L'armatura serve a dare resistenza, in generale, agli sforzi non di compressione. Senza armatura il calcestruzzo è un materiale poco interessante, di gran lunga è meglio l'acciaio.....

Avatar utente
Il Basso di Genova
**
**
Messaggi: 7885
Iscritto il: sab 14 ott 2006 17:19
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
Contatta:

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#7 Messaggio da Il Basso di Genova » lun 09 mag 2011 9:20

Immagine


fonte: lasiciliaweb.it
Paladino dei marciapiedi alti
..contromano..

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25272
Iscritto il: lun 22 dic 2003 10:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#8 Messaggio da paolo656 » lun 09 mag 2011 9:39

senza parole...

ponte.....non sarebbe meglio cominciare da quelli semplici?

Avatar utente
sandro.raso
**
**
Messaggi: 5483
Iscritto il: lun 10 nov 2008 15:43

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#9 Messaggio da sandro.raso » lun 09 mag 2011 9:55

Se la foto rappresenta quel ponte (che non conosco) l'aspetto è propriamente quello di un ponte in pietrame calcestruzzo non armato.
Lo si capisce anche dal fatto che nella foto non sono evidenti spezzoni di ferri d'armatura che, se il ponte fosse stato di calcestruzzo armato, sarebbero ben visibili.
La forma dell'arco, ideata sin dal tempo dei Romani, serve proprio a questo: le spinte orizzontali vengono compensate fra un'arcata e l'altra e sulle spalle.
Un crollo del genere è probabilmente causato da un cedimento della "chiave" ovvero del punto più alto dell'arco, forse costituito da materiale non idoneo e/o deterioratosi nel tempo per insufficiente manutenzione.
A prima vista si direbbe che le due pile laterali all'arco crollato non abbiano fatto una piega; sarebbero però necessari interventi urgenti di rinforzo perchè, essendo ora soggette ad una spinta orizzontale non più compensata, rischiano altrimenti a loro volta gravi danni.
Comunque non sempre il calcestruzzo armato resiste e dura più di quello armato, dipende da parecchi fattori: ci sono molti esempi di strutture in c.a. che sono miseramente crollate (di solito per cattiva esecuzione) e di imponenti acquedotti romani che dopo 18/19 secoli non fanno una piega.
Immagine

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25272
Iscritto il: lun 22 dic 2003 10:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#10 Messaggio da paolo656 » lun 09 mag 2011 10:05

Sì, MA, scritto grande come una casa questo ma.... il fattore di forma delle costruzione romane è differente, inoltre un conto è dire che "ci sono state costruzioni armate in modo non corretto, con relativi crolli" e dire che "le strutture in calcestruzzo armato non sono poi tanto diverse da quelle non armate".

Oggi come oggi non costruisce niente di non armato, basta guardare l'antisismica. E devi stare attento a come leghi le armature anche...

L'evoluzione è il calcestruzzo armato precompresso, usato tipicamente per i portali e per realizzare capannoni. Si sopperisce alla resistenza sostanzialmente nulla a trazione che ha il calcestruzzo....

Possiamo assolutamente dire che nell'ambito delle costruzioni civili le prestazioni di un calcestruzzo armato sono di gran lunga superiori rispetto a quelle di un semplice calcestruzzo....

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 14358
Iscritto il: sab 26 apr 2008 12:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#11 Messaggio da UluruMS » lun 09 mag 2011 10:38

Però, osservando i resti, a me sembra che è venuta giù una pila, che si è portata dietro i due archi adiacenti, piegandosi verso la sinistra della foto
🙈🙉🙊

Avatar utente
sandro.raso
**
**
Messaggi: 5483
Iscritto il: lun 10 nov 2008 15:43

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#12 Messaggio da sandro.raso » lun 09 mag 2011 10:47

Certo oggi nessuno costruirebbe un ponte in quel modo, in pochi decenni le tecniche sono completamente cambiate. Questo non significa però che quel ponte, con appropriati controlli e manutenzione, non avrebbe potuto assolvere egregiamente al suo compito addirittura per secoli.
Io conosco un ponte stradale, di cui ho dovuto occuparmi qualche anno fa, costruito nel 1928/29 con piloni in muratura e arcate in mattoni, calcolato in origine (ho rinvenuto la contabilità dei lavori ed i calcoli statici) per un sovraccarico di 400 kg/mq; in origine ponte largo solo metri 6, poi allargato (1970 circa) con due marciapiedi a sbalzo realizzati con putrelle e tavelloni, larghi 1,20 ciascuno.
Secondo le normative attuali, non va bene nemmeno per il semplice passaggio pedonale!
Ho dovuto consigliare ai miei capi di chiuderlo e demolirlo per costruirne un altro idoneo, io ho fatto la mia parte, non tocca a me provvedere.
Rimane il fatto che questo ponte, attraverso cui si accede ad un paese e ad un grosso cantiere di costruzioni navali militari, sopporta quotidianamente un carico ben maggiore di quello della semplice folla compatta, anche carichi eccezionali. Al momento nessun segno di cedimento.
Immagine

Avatar utente
sandro.raso
**
**
Messaggi: 5483
Iscritto il: lun 10 nov 2008 15:43

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#13 Messaggio da sandro.raso » lun 09 mag 2011 10:48

UluruMS ha scritto:Però, osservando i resti, a me sembra che è venuta giù una pila, che si è portata dietro i due archi adiacenti, piegandosi verso la sinistra della foto
Potrebbe anche essere... in tal caso direi cedimento della fondazione.
Immagine

Avatar utente
saphire73
**
**
Messaggi: 2648
Iscritto il: mer 26 gen 2005 9:47

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#14 Messaggio da saphire73 » lun 09 mag 2011 10:49

Naturalmente di tempi di ripristino non se ne parla!
:wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall: :wall:

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25272
Iscritto il: lun 22 dic 2003 10:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: crollo viadotto caltagirone-gela

#15 Messaggio da paolo656 » lun 09 mag 2011 10:53

Sì, Sandro, peraltro i ponti sono fatti per stare dove sono, non per cascare! :wall:

ripristino? e di cosa? e perchè?

Infine....senza aver alcun dato e dunque parlando in modo molto personale....io demolirei la struttura e ne farei uno in carpenteria metallica, chiuso...

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 16 ospiti