Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

Lavori, storia, progetti, AV, tecnica su TE armamento e segnalamento.

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
Avatar utente
Intallonabile
**
**
Messaggi: 2695
Iscritto il: gio 16 nov 2006 20:31
Località: M45

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#16 Messaggio da Intallonabile » dom 19 dic 2010 22:29

Occhio che i trasformatori gialli a strisce nere (classico trifase 380 V primario e 6x56 V al secondario) riguarda i deviatoi riscaldati a resistenze corazzate.
Tempo fa scrissi alcune differenze tra resistenze corazzate e autoregolanti...tutto andato a zozzeria, vabbuò; principalmente le prime molto rozze, le seconde molto automaticamente raffinate.

NB: ritengo SCANDALOSO avere scaldiglie a gas!
"Un treno fermo è un treno sicuro, ma non è per questo che i treni sono stati costruiti"

gogo
*
*
Messaggi: 598
Iscritto il: sab 25 giu 2005 21:42

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#17 Messaggio da gogo » dom 19 dic 2010 22:55

Possibile che a Torino PN abbiano montato quelle autoregolanti? Mi diceva un mio amico ingegnere che ha progettato, per conto della sua ditta, un sistema per comandarle e accenderle a distanza, per evitare che venissero accese a Novembre e spente a Marzo, dato che RFI spendeva 60.000 € di corrente per farle funzionare... :shock:

Avatar utente
Intallonabile
**
**
Messaggi: 2695
Iscritto il: gio 16 nov 2006 20:31
Località: M45

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#18 Messaggio da Intallonabile » dom 19 dic 2010 23:14

Mah in teoria quelle autoregolanti si accendono sotto una determinata temperatura mantenendo ago e contrago a circa 12° C. Esempio, se il 26 dicembre ci sono 5° C non si accendono, se il 4 febbraio la temperatura è 2° C si accendono.
Oppure si lascia sempre al DM la possibilità di attivarle a piacimento (non ho esempi di ciò con le autoregolanti).
"Un treno fermo è un treno sicuro, ma non è per questo che i treni sono stati costruiti"

chicc0zz0
***
***
Messaggi: 10995
Iscritto il: mar 21 nov 2006 19:27
Località: Imperia Oneglia
Contatta:

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#19 Messaggio da chicc0zz0 » dom 19 dic 2010 23:14

Aln ha scritto:Parentesi: gli snevatori possono anche essere alimentati a gas.
ricordo benissimo il rumore di quelli a gas di Ronco durante la nevicata dello scorso anno :D
U/S/R/iR = Bahn mit System - spostare persone
Una ferrovia comoda. Per tutti.
BANNATO DAI BUFFET FERROVIARI DELLA LIGURIA®

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 12331
Iscritto il: mar 25 mag 2004 14:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#20 Messaggio da sr » lun 20 dic 2010 10:54

Quelle a gas hanno bisogno dell'omino con accendino che vada ad accenderle?
E in caso di vento, spero siano riparate abbastanza da non spegnersi.
E se arriva una loco col vomere carico e ce lo scarica sopra, cosa succede?

Tutte le stazioni, almeno nel nord Italia dovrebbero avere scaldiglie. Il problema (come al solito) è la manutenzione.
Se in una stazione ci sono 200 scambi tutti con scaldiglie ma una su un binario di corsa fa cilecca, il casino è comunque garantito anche se statisticamente .... :roll:
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 39314
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#21 Messaggio da E412 » lun 20 dic 2010 11:08

sr ha scritto: E se arriva una loco col vomere carico e ce lo scarica sopra, cosa succede?
Si spegne.
Il vantaggio di quelle a gas è che non dipendono necessariamente dalla presenza di corrente elettrica per funzionare (non esistono solo treni TE...).
Per il resto...personalmente le elettriche mi paiono infinitamente più pratiche.

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

qalimero
**
**
Messaggi: 7019
Iscritto il: sab 27 dic 2003 1:15
Località: Toscana

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#22 Messaggio da qalimero » lun 20 dic 2010 16:23

Nei fatti quelle a gas erano "pianificate" laddove risultava poco affidabile o troppo onerosa l'installazione di quelle elettriche.

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 12331
Iscritto il: mar 25 mag 2004 14:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#23 Messaggio da sr » lun 20 dic 2010 17:22

Altra domanda su quelle a gas:
Da dove lo prendono il gas? Bombole o da "impianto cittadino"?
Nel primo caso vedo una criticità, soprattutto con l'organizzazione tipica "made in Italy". :?
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15752
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#24 Messaggio da Tz » lun 20 dic 2010 21:35

Bombole di GPL in apposite garitte sul piazzale.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 12331
Iscritto il: mar 25 mag 2004 14:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#25 Messaggio da sr » mar 21 dic 2010 10:55

Ma il GPL in condizioni di temperature molto basse (-10 in giù) non rischia di ghiacciare?
Nelle bombole è in pressione ed il problema non si pone, ma nei tubi?
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Avatar utente
quadamage76
**
**
Messaggi: 1620
Iscritto il: lun 22 dic 2003 8:58
Località: Casalmaggiore (CR)

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#26 Messaggio da quadamage76 » mar 21 dic 2010 13:33

mi pare di ricordare da una discussione di qualche anno fa che si parlasse di scaldiglie a Gas nel triestino che, in caso di bora, sistematicamente si spegnevano.
L'imperatore dell'OT, ossia: "come svacco i thread io non li svacca nessuno!"

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25239
Iscritto il: lun 22 dic 2003 10:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#27 Messaggio da paolo656 » mar 21 dic 2010 18:18

Siete sicuri 10 kW per ogni unità? a me sinceramente pare veramente tanto...

In Francia ne ho viste tantissime (se non quasi tutte) alimentate a gas. A fianco della massicciata vedete i bomboloni di accumulo o recinzioni con bombole.

sr: le problematiche alle basse temperature sono del butano e della miscela di gas generalmente denominata GPL. Non hai problemi fino a -20 con il propano. Tra l'altro...anche in Russia usano il propano per le auto....

Avatar utente
Intallonabile
**
**
Messaggi: 2695
Iscritto il: gio 16 nov 2006 20:31
Località: M45

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#28 Messaggio da Intallonabile » mar 21 dic 2010 21:19

Diciamo che il trasformatore ha una potenza di 15kVA.
"Un treno fermo è un treno sicuro, ma non è per questo che i treni sono stati costruiti"

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25239
Iscritto il: lun 22 dic 2003 10:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#29 Messaggio da paolo656 » mar 21 dic 2010 21:41

Grazie, interessante...

Avatar utente
E.636.263
*
*
Messaggi: 286
Iscritto il: sab 09 gen 2010 13:23

Re: Dove è presente lo sghiacciamento scambi?

#30 Messaggio da E.636.263 » mer 22 dic 2010 7:19

Il dato 10 kW l'ho letto su un articolo di tutto treno di qualche anno fa sugli impianti elettrici, la potenza del trasformatore di 15 kVA avvalora questo dato.
Visto ieri sera a Chivasso 2 scambi con sghiacciamento a gas, più che visto ho sentito il rumore soffuso del gas che brucia e un lieve odore tipico, non ho visto invece il colore blu della fiamma, ho presunto che le fiammelle fossero nascoste tra le rotaie.
Appassionato di treni che rimpiange le ferrovie anni '80

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti