Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

Lavori, storia, progetti, AV, tecnica su TE armamento e segnalamento.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 14452
Iscritto il: sab 26 apr 2008 12:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1786 Messaggio da UluruMS » gio 07 mar 2019 11:01

giorgiostagni ha scritto:
mar 05 mar 2019 19:08
L'orario non è il massimo perché il tempo di percorrenza di poco inferiore ai 30' rende difficile fare un cadenzamento orario in modo efficiente (in sostanza si arriva a Casale a 59 e si riparte a 01, rendendo necessario l'uso di due automotrici, e a Mortara si prendono le coincidenze da/per Milano abbastanza al pelo, in 7').
Cioè la linea rimane limitata a 80kmh?
🙈🙉🙊

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16205
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1787 Messaggio da Tz » gio 07 mar 2019 13:45

simplon ha scritto:
gio 07 mar 2019 9:48
Ma in realtà TN ha tagliato treni, a sentire loro, per carenza di materiale rotabile decente. Qui invece ci metteranno dei marcioni diesel (da non confondere con mercioni). :mrgreen:
Qualche porcheria di 668 che sovente devi mandare a rifornire e far manutenzione a Pavia... che buffonata ! :shoot:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16205
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1788 Messaggio da Tz » gio 07 mar 2019 13:50

UluruMS ha scritto:
gio 07 mar 2019 11:01
Cioè la linea rimane limitata a 80kmh?
Potrebbero aver deciso di risparmiare non riattivando l'ACEI di Candia e il suo telecomando PaP ma di automatizzare tutti i PL privati... :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 14452
Iscritto il: sab 26 apr 2008 12:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1789 Messaggio da UluruMS » gio 07 mar 2019 15:27

Ma non era già il limite ante chiusura?
🙈🙉🙊

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7898
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1790 Messaggio da Cinghiale » gio 07 mar 2019 15:48

Come da fascicolo numero 12:

Dal km 68 (3.17 oltre la stazione di Casale Monferrato) al km 73, 100 / 105;
dal km 73 al km 77, 75 / 80;
dal km 77 al km 93.61 (Stazione di Mortara), 80 / 80.


Rango C non previsto, come, parimenti, è incomprensibile avere valori di velocità di fiancata così bassi in una tratta praticamente rettilinea.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16205
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1791 Messaggio da Tz » gio 07 mar 2019 19:04

Secondo me quella era la velocità per le condizioni un po' disastrate dell'armamento ma poi la linea venne interamente rinnovata nell'estate (mi pare 2008) solo che invece di riaprirla in autunno sospesero definitivamente l'esercizio.

Su quei binari rinnovati non circolò mai più un treno !

Penso che potrebbe essere aumentata la velocità per quanto riguarda la linea ma non lo faranno mai anche in funzione dei PLp... :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7898
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1792 Messaggio da Cinghiale » lun 01 apr 2019 11:07

Il Prof. Sergio Moscone di Serralunga d'Alba, sulla Gazzetta della stessa Città, nel numero di martedì 26 marzo 2019 ha scritto:
S'È FATTO TANTO CHIASSO ATTORNO AL TAV
MA SI È DIMENTICATA LA VECCHIA LINEA CUNEO – MILANO


La vicenda TAV, con il probabile ridimensionamento della stessa, di fatto, monopolizza il discorso della mobilità ferroviaria, come se l'unico problema fosse raggiungere Lione o Parigi. Non entro nel merito del fatto in sé, che meriterebbe un approfondimento complesso. Il climatologo Piemontese Luca Mercalli, dopo un suo servizio non allineato sul TAV, si vide chiudere dalla RAI la sua prestigiosa trasmissione Scala Mercalli.
Personalmente, non trovo così assurda l’attuale vicenda: ritengo, invece, scandaloso che continui ad essere chiusa la tratta ferroviaria Alba – Asti / Alessandria e non si faccia nulla per la sua riapertura. Le legislature Regionale e Comunale sono al termine e, in cinque anni, non si è riusciti a mettere mano al ripristino della galleria Ghersi, pretesto usato per chiudere la tratta. Trovo anacronistico che i pendolari, che, quotidianamente, devono raggiungere Asti, Alessandria e percorrere la Valle Belbo, debbano usare mezzi privati, inquinanti e costosi.
È incredibile che non si sia mai messo in atto, dopo tante parole, il progetto Metrogranda, riattivando parte della Bra – Ceva, nel tratto Narzole – Monchiero – Bastia Mondovì, che permetterebbe di raggiungere via treno, quindi, in modo sostenibile, le principali Città della Granda.
È altrettanto ridicolo – in mezzo a strade piene di buche, con ponti crollati e non più ricostruiti, che ricordano la viabilità dell’Est Europa al tempo del comunismo reale – che non si pensi a collegare di nuovo Alba con il Capoluogo di Provincia e con Milano, come lo era già negli anni Ottanta del secolo scorso con il treno Alba – Milano (il famoso Cuneo – Milano Porta Genova) proprio adesso che l’Albese è il cinquantesimo sito UNESCO. Fa sorridere, per non dire altro, il carosello di politici nostrani blasonati, che si stracciano le vesti per la chiusura delle tratte ferroviarie locali e continuano a non fare nulla, dimenticano di essere stati loro stessi la causa di queste scelte demenziali.
Anche il contesto locale, ricco di risorse ed imprenditorialità, non brilla per lungimiranza. Il locale non va oltre la difesa della monocoltura di vigneti e noccioleti, come nell’agricoltura di piantagione dell’America Latina. I nuovi feudatari, pronti ad occupare anche il più piccolo fazzoletto di terra libero, sono assenti quando si tratta di perorare la causa della mobilità sostenibile come quella ferroviaria; proprio loro, che traggono dall’ambiente locale enormi risorse a loro vantaggio.
Le infrastrutture del passato furono costruite per unire, mentre, adesso, si chiude, si spezzetta, si frammenta e sorge spontanea una domanda: a chi giova tutto questo? Si tenga presente che il territorio sta invecchiando ed i giovani sono sempre meno numerosi. Quale mobilità locale sostenibile e peculiare sarà offerta nei prossimi anni ad una popolazione sempre più anziana, debole, povera e vulnerabile? Sarebbe bene rifletterci, prima che sia troppo tardi.


Frank_Castle
*
*
Messaggi: 605
Iscritto il: dom 12 ago 2007 15:15
Località: Grugliasco (TO)

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1793 Messaggio da Frank_Castle » lun 01 apr 2019 11:44

Sono favorevole all'uso della ferrovia, ma qua siamo al demenziale...
- Te ne vai?
- Ho molto lavoro... leggi bene i giornali, te ne accorgerai.
- Quale sezione?
- Sempre i necrologi.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16205
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1794 Messaggio da Tz » lun 01 apr 2019 14:34

Che assurdo minestrone.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8274
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1795 Messaggio da simplon » lun 01 apr 2019 16:40

Ma per lo meno il minestrone è un sapiente mix di verdure e di ingredienti qui siamo all'accozzaglia.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

patrick
**
**
Messaggi: 1995
Iscritto il: mar 17 apr 2007 21:57

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1796 Messaggio da patrick » lun 01 apr 2019 23:15

Piccolo aggiornamento di Candia Lomellina rivista la scorsa settimana:
finita di ripitturare e senza più i ponteggi. Bella. Saranno decenni che non vedeva la vernice. Nuovo marciapiede del primo binario ma smantellato quello del secondo. Nuove tabelle di stazione. Smantellati i segnali già l'altra volta, a cui non avevo fatto caso. E il nuovo scambio di Casale penso che l'abbiano messo mesi fa.
Comunque vanno avanti con lentezza.

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7898
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1797 Messaggio da Cinghiale » mar 02 apr 2019 8:21

Giustissimo smantellare il marciapiede del secondo binario, poiché interposto tra i due: il secondo binario dovrebbe essere avvicinato al primo ed il marciapiede posto all'esterno. Ad ogni buon conto, a parte il ponte sulla Sesia, la linea sarebbe raddoppiabile ed elettrificabile senza colpo ferire, in improvvisazione diretta.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16205
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1798 Messaggio da Tz » mar 02 apr 2019 9:39

Potrebbe costituire, insieme alla Mortara-Milano, l'ultimo tratto di una linea internazionale Italia-Francia via Mercantur per un collegamento diretto Milano-Costa Azzurra in alternativa al contestato Frejus. :mrgreen:

Invece finirà così: riattivata l'inutile Casale-Mortara dopo un paio di anni di un servizio che non interessa a nessuno faranno un bilancio tra quanto è costato riattivarla, quanto costa mantenerla e quanto non serva una cippa e decideranno di chiuderla nuovamente.
Il risultato sarà disastroso perchè verrà assunto come esempio assolutamente negativo a dimostrazione che riattivare certe linee non ha senso e ciò andrà a danno di altri tratti che invece sarebbero molto più produttivi e che, visti i precedenti, non verranno riattivati... :wall:
Non ne indovinano una ! :shoot:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8274
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1799 Messaggio da simplon » mar 02 apr 2019 9:40

in improvvisazione diretta
Sì certo, prendi una decina di extracomunitari, gli dai due pale e una carriola e li metti al lavoro. Direttore del cantiere un prof di applicazioni tecniche delle scuole medie, vitto e alloggio fornito dalla parrocchia e vai! :mrgreen:
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8274
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1800 Messaggio da simplon » mar 02 apr 2019 9:49

Tz ha scritto:
mar 02 apr 2019 9:39
Potrebbe costituire, insieme alla Mortara-Milano, l'ultimo tratto di una linea internazionale Italia-Francia via Mercantur per un collegamento diretto Milano-Costa Azzurra in alternativa al contestato Frejus.
Dici bene. :D Pensa che quando ero un ragazzo (qualche anno fa...) venne proposta con ampio risalto sulla stampa l'idea (definirla progetto sarebbe eccessivo) della superstrada Nizza-Milano che ricalcava in chiave automobilistica lo stesso itinerario. La superstrada sarebbe passata attraverso Cuneo, quindi Asti, Mortara e infine Milano. Inutile dire che l'idea è rimasta tale. Si sono realizzate singole tratte mai inserite in un discorso di corridoio internazionale. In pratica, anche se incompleta come sappiamo, c'è solo la Cuneo-Asti con una breve tratta oltre la tangenziale di Asti. E poi il vuoto, prima e dopo.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Rispondi