Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

Lavori, storia, progetti, AV, tecnica su TE armamento e segnalamento.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7835
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1771 Messaggio da Cinghiale » dom 10 feb 2019 19:16

Ecco il testo dell'articolo, trascritto in forma corretta:

Franca Nebbia ha scritto:

ACCANTO ALLA LINEA CASALE – MORTARA

UNA STRADA LUNGO I BINARI PER RIUSCIRE A ELIMINARE I PASSAGGI A LIVELLO ISOLATI

I Sindaci incaricati da RFI di trattare con i proprietari dei terreni per evitare di ricorrere agli espropri


Procedono a tappe forzate i lavori di RFI sulla linea ferroviaria Casale – Mortara, la cui riattivazione era stata annunciata per il 31 marzo. Un intoppo è rappresentato dai passaggi a livello, come riferiscono i Sindaci di Casale Titti Palazzetti e di Candia Stefano Tonetti. Per motivi di sicurezza e di mantenimento il più possibile costante della velocità dei treni è, infatti, necessario procedere ad una diminuzione dci passaggi a livello: sei, in tutto, ora, tra Casale e Mortara, alcuni vicini a cascine. La soluzione sarebbe di arrivare alla chiusura dei più isolati, realizzando strade parallele alla ferrovia, in modo che possano essere percorse dai veicoli fino al passaggio a livello più vicino e più sfruttato, perché accanto ai centri abitati.
Un'operazione, questa che richiede l'esproprio di parte dei terreni confinanti con la tratta ferrovia, compito che è stato affidato ai Comuni – dice la Palazzetti – che eseguiranno l'operazione e, per eventuali esborsi, riceveranno poi il rimborso da RFI. Non si tratta di grandi fette di terreno: si calcolano circa 3500 metri quadrati di superficie, in una quindicina di proprietà – aggiunge Tonetti – tenuto conto della larghezza media di una strada. L’augurio è che si arrivi a degli accordi bonari con gli agricoltori, per evitare di complicare la situazione con lunghe pratiche burocratiche.
Intanto, il Comitato che aveva raccolto firme a Casale e promosso manifestazioni per la riattivazione delle linee ferroviarie organizzerà un primo incontro all'inizio di marzo, per cominciare a ragionare su un trasporto integrato fra treno e bus, in modo da evitare doppioni e fornire il servizio adeguato agli utenti: una preoccupazione tutt’altro che peregrina, come hanno dimostrato i recenti problemi con un'autolinea della Lomellina che voleva cambiare tragitto tagliando fuori interi paesi; ipotesi poi accantonata.


Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7835
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1772 Messaggio da Cinghiale » lun 04 mar 2019 19:39

A quanto risulta da indiscrezioni sufficientemente attendibili, a Candia Lomellina, sarà rimosso il secondo binario, utilizzabile per precedenze ed incroci, ingessando la linea, poiché si avrà un’unica sezione di blocco lunga oltre 28 km, il che, oltre a ridurre la capacità della tratta, la rende particolarmente vulnerabile nei confronti di eventuali perturbazioni nella circolazione. A questo punto, sorge un altro inquietante interrogativo, poiché una volontà deliberata di distruggere quanto faticosamente costruito anziché mantenerlo o migliorarlo è una spia di un mal celato tentativo di affossare il servizio ferroviario, sotto le mentite spoglie di una sua rivalorizzazione.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16101
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1773 Messaggio da Tz » lun 04 mar 2019 22:44

Se un treno non arriva a Casale o a Mortara non può partire l'altro... tutto dipende da quale tipo di esercizio intendano effettuare... ovviamente il cadenzamento oraio non ci sta affatto.
Evidentemente non hanno inteso riattivare l'ACEI di Candia e il suo telecomando PaP da Casale...

Tz si chiede invece perchè spendere soldi su un tratto ferroviariamente e commercialmente inutile come quello. :roll:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8190
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1774 Messaggio da simplon » mar 05 mar 2019 10:01

Sarebbe utile davvero conoscere quale sarà il modello di esercizio (ammesso che qualcuno ci abbia già pensato... :mrgreen: ). Perché se è vero che questa tratta sarà riattivata ma avrà come unica fermata intermedia Candia, forse sta bene così.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Avatar utente
volvox
*
*
Messaggi: 194
Iscritto il: mer 24 feb 2016 8:11
Località: Istanbul

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1775 Messaggio da volvox » mar 05 mar 2019 11:40

Ma scusate, é cosi impattante, a livello di costi linea, il mantenimento del secondo binario di incrocio di Candia?
Spesso si parla di linee snelle, tagliando scambi e binari di incrocio, ma, chiedo agli esperti, quanto puo' influire il mantenimento di un binario di incrocio su una linea delle dimensioni di quella in questione? Intendo: fatti 100 i costi di esercizio, cosa impatta? 1%, 0,1%, 0.01?

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16101
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1776 Messaggio da Tz » mar 05 mar 2019 12:34

@ Simplon

Già non serve a una cippa e quasi nessuno ci salirà su quegli idioti trenini che andranno da una media cittadina come Casale (che necessità di ben altri collegamenti per altre direzioni) a un "buco nero" ferroviario e commerciale come Mortara ma se non li fai fermare anche a Terranova e Cozzo... :roll:

@ volvox

Avrebbe senso riattivare Candia come stazione d'incrocio se il modello di esercizio prevedesse incroci lì... altrimenti il gioco non vale la candela.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8190
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1777 Messaggio da simplon » mar 05 mar 2019 15:00

Guarda che non ho documenti ufficiali in mano, ma solo notizie raccolte dalla stampa che riporta dichiarazioni di questo o quel sindaco. Pare che l'unica fermata che sarà riattivata è Candia. Quindi Casale-Candia-Mortara e viceversa. Perché? Semplice: per avere l'AV della Lomellina. :lol: Battute a parte, pare che questa scelta sia voluta per favorire un collegamento veloce da e per Casale (ma non è meglio verso Vercelli?). Per gli altri paesi restano i bus.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16101
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1778 Messaggio da Tz » mar 05 mar 2019 17:53

Un collegamento veloce tra Casale e Mortara che non hanno nessun legame ne interesse reciproco... :wall:

Pensa solo che da Casale quello che più interessa è andare:
1) a Torino, esiste e funzuiona
2) ad Alessandria, esiste e funziona
3) a Milano... ma la via più logica, veloce e con maggior frequenza sarebbe via Vercelli ma non l'hanno ancora capita...
4) a Pavia e la via migliore sarebbe con la coincidenza a Valenza aggiustando gli orari.
5) ad Asti ma ormai rimane un sogno.

In tutto questo hanno stabilito di riattivare la Mortara che non frega una fava a nessuno ! :wall: :shoot:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

giorgiostagni
**
**
Messaggi: 1150
Iscritto il: gio 19 ago 2010 22:22
Località: Milano
Contatta:

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1779 Messaggio da giorgiostagni » mar 05 mar 2019 19:08

simplon ha scritto:
mar 05 mar 2019 10:01
Sarebbe utile davvero conoscere quale sarà il modello di esercizio (ammesso che qualcuno ci abbia già pensato... :mrgreen: ).
Non solo ci hanno pensato, ma l'hanno anche già deliberato e sottoscritto:
dgr n° X/7726 del 15/01/2018
"APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE E LA GESTIONE COORDINATA DEL SERVIZIO FERROVIARIO REGIONALE SULLE LINEE MORTARA-CASALE MONFERRATO E CASALE MONFERRATO-VERCELLI"

L'orario non è il massimo perché il tempo di percorrenza di poco inferiore ai 30' rende difficile fare un cadenzamento orario in modo efficiente (in sostanza si arriva a Casale a 59 e si riparte a 01, rendendo necessario l'uso di due automotrici, e a Mortara si prendono le coincidenze da/per Milano abbastanza al pelo, in 7').

L'ACEI della stazione di Candia sarebbe stato da rifare perché già obsoleto e malconcio nel 2010. Dato che questo modello di esercizio non prevede l'incrocio a Candia, e vista la non propriamente esaltante aspettativa di utenza, è stato reputato opportuno per ora rimandare la spesa.

--

Che poi tutto questo si traduca in realtà, vale che finché non lo si vede, non ci si crede.
Però almeno a Saluzzo i treni sono ritornati.

patrick
**
**
Messaggi: 1994
Iscritto il: mar 17 apr 2007 21:57

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1780 Messaggio da patrick » mer 06 mar 2019 0:20

Dopo mesi sono ripassato proprio un paio di giorni fa su metà tratta.

Gran fermento di lavori a Candia Lomellina HBF, con un bel cantiere al posto del piano caricatore e ponteggi sull'edificio. Una decina di operai tra chi ripittura e altri che con mezzi su rotaia stavano smantellando il marciapiedino tra il binario 1 e il 2. Per il momento, quest'ultimo e gli scambi ci sono ancora. In piena linea c'era un trattorino con due carretti.
Ripulita tutta la linea, forse già da un paio di mesi, specie intorno a Terranova che era messa peggio. Alla periferia di Casale ripristinato il breve tratto di rotaie mancanti. Nuovo scambio al bivio del ponte sul Po. Rotaie nuove intorno ai passaggi a livello con asfalto per quelli più piccoli e piastre di gomma per Casale e Terranova. Posate le canalette per i cavi su gran parte della tratta e logicamente segnali spenti. E nessuna sbarra rimontata.

Da un lato è stato bello rivedere il binario pulito, specie intorno a Terranova, e i lavori di ripristino. Ma gli 8 milioni, se è vero, serviranno a ben poco nonostante l'abbia difesa varie volte per la mia solita idea, finchè era attiva e dai costi irrisori. E' sempre un peccato chiudere e smantellare una linea.

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7835
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1781 Messaggio da Cinghiale » mer 06 mar 2019 8:16

Viene da domandarsi il motivo per il quale sia stata prevista la sola fermata intermedia di Candia Lomellina, quando a Cozzo e, a maggior ragione, a Terranova Monferrato, si potrebbero servire altri viaggiatori, levandoli letteralmente dalla strada, per tacere di Castello d'Agogna, colpevolmente ignorato: un paese da cui sui può facilmente raggiungere la linea ferroviaria mediante un percorso pedonale protetto lungo meno di trecento metri, al termine del quale realizzare una fermata, magari dotata di parcheggio per quegli utenti provenienti dalle zone limitrofe, per i quali risulterebbe quanto mai indaginoso posteggiare la propria autovettura nella Città di Mortara.
Qualcuno vuole far risultare vincente l'autobus azzoppando il treno ed annullando i suoi vantaggi e restringendo la tratta ad un uso prettamente locale.

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8190
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1782 Messaggio da simplon » mer 06 mar 2019 10:17

per tacere di Castello d'Agogna, colpevolmente ignorato: un paese da cui sui può facilmente raggiungere la linea ferroviaria mediante un percorso pedonale protetto lungo meno di trecento metri
E' prevista una pista ciclabile fino a Mortara, più utile di una fermata ridicola per un paese di quattro gatti che abitano a distanza quasi pedonale da Mortara.
Non solo ci hanno pensato, ma l'hanno anche già deliberato e sottoscritto
Grazie per l'informazione! Ho letto l'allegato della delibera. Si conferma quindi la sola fermata intermedia di Candia.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

patrick
**
**
Messaggi: 1994
Iscritto il: mar 17 apr 2007 21:57

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1783 Messaggio da patrick » mer 06 mar 2019 17:12

Nemmeno lo avessi fatto apposta, un articolo di ieri del Monferrato:
slitta la riapertura all'estate o forse a novembre per presunti problemi di Trenord ad ottenere le abilitazioni. I lavori di Rfi vanno avanti.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16101
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1784 Messaggio da Tz » mer 06 mar 2019 18:59

Hanno tagliato servizi su trafficate linee attorno a Milano e TN si prende la briga di gestire la "freccia della risaia" a spola e che non serve un ciufolo... :lol: :wall:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8190
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Asti-Alba e Asti-Mortara: a quando la riapertura?

#1785 Messaggio da simplon » gio 07 mar 2019 9:48

Ma in realtà TN ha tagliato treni, a sentire loro, per carenza di materiale rotabile decente. Qui invece ci metteranno dei marcioni diesel (da non confondere con mercioni). :mrgreen:
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 21 ospiti