PL - Passaggi a Livello

Lavori, storia, progetti, AV, tecnica su TE armamento e segnalamento.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Diego Martin
*
*
Messaggi: 811
Iscritto il: mer 29 lug 2009 15:11
Località: Piemonte- Valle d'Aosta - Alta Lombardia

PL - Passaggi a Livello

#1 Messaggio da Diego Martin » gio 26 nov 2009 7:59

Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?
Questa domanda me la sono posta vedendo come vanno le cose sulla Torino Milano e sulla Torino Aosta con l'abolizione di alcuni PL.... A livello di sicurezza senz'altro si. Però....

- attraversare la linea tramite dei cavalcavia e dei sottopassaggi diventa piuttosto complicato per le persone anziane;
- la costruzione di cavalcavia e sottopassaggi è molto costosa;
- spesso i cavalcavia ed i sottopassaggi non corrispondono all'ex PL e magari bisogna fare dei giri assurdi per raggiungerlo ed ogni tanto piuttosto rischiosi (come nel caso di Tronzano dove 3 PL sono stati sostituiti da un sottopassaggio stretto e tortuoso);
-l'abolizione dei PL tende a dividere i paesi;
- in teoria una linea con meno PL dovrebbe permettere una velocizzazione del traffico ferroviario, ma ad esempio i treni Torino Milano oggi (con si e no una decina di PL su tutta la linea) ci impiegano 10-15 min in più rispetto a 15 anni fa quando i PL erano tantissimi (presumo un centinaio se non di più).

In conclusione, dal mio punto di vista, l'abolizione dei PL è utile solo sulle arterie trafficate, ma sulle strade vicinali o poco trafficate sarebbe stato meglio lasciare i PL.

Tanto per fare un esempio il PL presente sulla Torino - Milano nella stazione di Castelrosso ... è utilizzato da qualche macchina, qualche trattore e tente persone in bici o a piedi di età piuttosto elevata .... abolirlo vorrebbe dire dividere in 2 il paesello obbligando le persone fare giri assurdi.

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7780
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#2 Messaggio da simplon » gio 26 nov 2009 9:03

Indendiamoci, tutto è opinabile e non penso esista una base "scientifica" per la discussione. A mio avviso, su tutta la rete cosiddetta fondamentale, e quindi anche sulla TO-MI, per definizione stessa di linea fondamentale, non dovrebbero esistere assolutamente PL neppure su un'intersezione di una stradina di campagna dove passa un trattore al giorno.

s.

Flax
**
**
Messaggi: 2453
Iscritto il: sab 19 set 2009 11:51
Località: Centallo (CN)

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#3 Messaggio da Flax » gio 26 nov 2009 9:05

Anche perchè se si blocca, la linea si blocca e succede un bel ingorgo.
Qua sulla Torino-Cuneo succede spesso che si blocchino e i treni rimangono accodati l'uno all'altro con inesorabili ritardi.

Inoltre per la circolazione ferroviaria, l'assenza dei PL implica una possibile velocità massima superiore quindi un più velcoe tempo di percorrenza...
"La linea Cuneo-Ventimiglia-NIzza è un ramo secco". Ing. Mauro Moretti AD Ferrovie dello Stato.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15330
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#4 Messaggio da Tz » gio 26 nov 2009 9:07

più della metà delle anormalità e casini vari sulle linee secondarie a CTC sono causate dai PL...
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
davide84
***
***
Messaggi: 13649
Iscritto il: ven 29 feb 2008 9:15

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#5 Messaggio da davide84 » gio 26 nov 2009 9:57

Diego Martin ha scritto:l'abolizione dei PL tende a dividere i paesi
Naaah. Basta fare le cose fatte bene. E ovviamente, ci vuole tempo, anche se nessuno lo dice.
http://www.miol.it/Stagniweb/Foto6.asp? ... e=50&Col=5
in teoria una linea con meno PL dovrebbe permettere una velocizzazione del traffico ferroviario, ma ad esempio i treni Torino Milano oggi (con si e no una decina di PL su tutta la linea) ci impiegano 10-15 min in più rispetto a 15 anni fa quando i PL erano tantissimi (presumo un centinaio se non di più).
Ci sono stati dei "problemi" interni alle FS che hanno cancellato i vantaggi derivanti dalla soppressione dei PL... vantaggi che comunque sono più evidenti per il traffico stradale.
Non più partecipante al forum.

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 38919
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#6 Messaggio da E412 » gio 26 nov 2009 10:24

L'abolizione dei PL è utile?
Si, senza dubbio.

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Avatar utente
Carlosanit
**
**
Messaggi: 2877
Iscritto il: sab 13 set 2008 8:54
Località: Torino
Contatta:

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#7 Messaggio da Carlosanit » gio 26 nov 2009 10:53

davide84 ha scritto:
Diego Martin ha scritto:l'abolizione dei PL tende a dividere i paesi
Naaah. Basta fare le cose fatte bene. E ovviamente, ci vuole tempo, anche se nessuno lo dice.
Come concordo! Come al solito, le soluzioni di oggi in questo paese sono l'utilizzo alla grande del cemento e il nessun riguardo alla funzionalità dell'opera. Bello e molto significativo l'album fotografico.
Amico delle ferrovie fin da tenera età

Acc
*
*
Messaggi: 480
Iscritto il: mer 11 lug 2007 11:14
Località: Crema

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#8 Messaggio da Acc » gio 26 nov 2009 11:45

Pro eliminazione. Opere necessarie per sviluppare ferrovia e tessuto urbano. Ci vorrebbe meno burocrazia e più pragmatismo, più collaborazione tra ferrovie ed enti locali e cittadini. Purtroppo qui da me stanno fallendo opere prioritarie, perchè i politici locali litigano su progetti più o meno fantasiosi, solo per questioni propagandistiche. Intanto il tempo passa e finiamo col "perdere il treno". :wall:
Bellissimi i cartelli artigianali, scritti in dialetto, apparsi in prossimità di un PL molto trafficato. :D
Ultima modifica di Acc il gio 26 nov 2009 11:55, modificato 1 volta in totale.
Ciao, Alberto.

Avatar utente
Massimo82
**
**
Messaggi: 3028
Iscritto il: ven 14 dic 2007 15:59
Località: Isola del Liri (FR), ma non ora.

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#9 Messaggio da Massimo82 » gio 26 nov 2009 11:51

Voto sì anche io all'abolizione dei PL. Sulle linee più importanti non dovrebbero proprio esistere, per esempio non mi spiego come facciano a sopravviverne alcuni a Firenze poco prima di entrare in SMN. Sulle secondarie...verissimo quanto dice Tz, ma dalle mie parti, per esempio, credo sia difficile ed economicamente sconveniente sopprimerli sostituendoli con scavalchi o sottopassi.
Massimo
"Utente GTT Linea 68 - Fermata Santa Giulia"
Ventotto , ventinove...
Se proprio dovete andare in macchina... fatelo a metano!!

ESCity81
**
**
Messaggi: 3934
Iscritto il: dom 11 ott 2009 18:56

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#10 Messaggio da ESCity81 » gio 26 nov 2009 11:58

Carlosanit ha scritto:
Come concordo! Come al solito, le soluzioni di oggi in questo paese sono l'utilizzo alla grande del cemento e il nessun riguardo alla funzionalità dell'opera. Bello e molto significativo l'album fotografico.
occhio, però, che qui in Liguria in quasi tutte le località la ferrovia passa a quota superiore rispetto al piano stradale, per cui la realizzazione dei sottopassi si rese necessaria fin dalla costruzione della linea stessa (fare un PL sarebbe stato "leggermente" complicato :mrgreen: ). Questo peralto, ha permesso che si realizzassero quegli autentici gioiellini, oggi impossibili.

In zone pianeggianti, o cmq in tutti i casi in cui soi voglia realizzare un sottopasso in unpre-esistente rilevato, l'uso del cemento è purtroppo praticamente obbligato, per questioni di costi e di metodologia di costruzione: spesso il sottopasso è costituito da una struttura scatolare in C.A. realizzata a lato e poi posta in opera per "spinta" all'interno del rilevato. Le orme sull'abolizione delle barriere architettoniche, in tutti quei posti in cui il piano viabile e quello ferroviario sono alla stessa quota o quasi, prescrive la realizzazione di rampe con pendenza limitata (e quindi grande sviluppo) che comportano grandi scavi, grande estensione dell'opera e purtroppo anche grande impatto visivo, inevitabile.
DAVIDE - ESCity

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7780
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#11 Messaggio da simplon » gio 26 nov 2009 12:05

Interessante l'album fotografico, ma non sono del tutto d'accordo che in passato l'impatto era trascurabile, mentre ora ci sono solo colate di cemento. Per esempio a Imperia farà pure, diciamo schifo, ma dietro ci sono case di scarsissimo pregio architettonico. Mentre non è detto che un treno poco invasivo, ma che passa proprio davanti a una chiesa, sia uno spettacolo in se.

s.

Avatar utente
Federico_2
**
**
Messaggi: 2742
Iscritto il: dom 17 mag 2009 14:20
Località: Meda

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#12 Messaggio da Federico_2 » gio 26 nov 2009 12:15

Questo è un argomento spinoso e devo dire che sia ferrovieri che automobilisti vorrebbero che i PL non esistessero.

In realtà io sono del parere che non bisogna fare un discorso unico per qualsiasi ferrovia.
Sulle linee AV, o con velocità superiori a 200 km/h, è giusto che non debbano esistere.
Sulle linee a doppio binario in linea di massima dovrebbero essere limitati all'essenziale inversamente proporzionale al traffico della linea
Sulle linee secondarie o a semplice binario, non vedo problemi per i PL finchè sono in numero congruo, sempre inversamente proporzionale ai treni che circolano.

Sono il primo a dire che andrebbero eliminati i PL sulla Milano-Genova, sulla Monza-Carnate e sulla Monza-Camnago, anche perchè spesso i sistemi di chiusura e riapertura non tengono conto di treni incrocianti (e quindi capita che qualche treno debba vedere il giallo).

Cio' non dimeno, dico che va bene il numero di PL esistenti sulla Molteno, sulla Merano-Malles e sulla Luino. Al massimo fatto un paio di sottopassi o ponti sulla Molteno, ma va abbastanza bene così. Quello che non va bene invece è il sistema di chiusura di alcuni PL (ma soprattutto PLA) che prevedono tempi faraonici, soprattutto sulla Molteno. I PLA a semibarriere tanto odiati invece sono una buona soluzione in alcuni casi.
Viene attivata un’indicazione ottica che annuncia il treno incrociante; contemporaneamente squilla una suoneria.

Avatar utente
traindriver
**
**
Messaggi: 4249
Iscritto il: ven 18 ago 2006 22:56
Località: Novara
Contatta:

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#13 Messaggio da traindriver » gio 26 nov 2009 16:54

Chi ha aperto questo topic non é mai stato in una cabina di guida a contare quanti deficenti fanno slalom o limbo rock nei PL.. né tanto meno ha mai visto cosa succede (troppo) spesso dopo dei semplici temporali.

sinceramente preferisco uno col fiatone che fa un cavalcavia piuttosto che vederlo a forma di spezzatino di 4 salti in padella Findus oppure stare mezzore ad attendere la polizia quando tocca procedere con le barriere aperte.. e penso che i viaggiatori sono concordi con me
COMPARE DEL CHEESEBURGER® E DEL CALAMARO®
Socio FerAlp Team - Bussoleno Nonché 50% del Duo Svacco. 8)
MODERATORE FARLOCCO
"...Auguri e figli FUFI !!!" :mrgreen:

Marvol
**
**
Messaggi: 1908
Iscritto il: lun 17 nov 2008 17:16

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#14 Messaggio da Marvol » gio 26 nov 2009 17:05

Se vogliamo la soppressione di tutti i PL per ragioni di sicurezza, allora è meglio che prima chiariamo se l'uso, soprattutto intenso, dei cellulari è nocivo oppure no o ci chiediamo se i conservanti cosiddetti innocui di cui sono imbottiti moltissimi cibi siano davvero innocui. Per non parlare dei vegetali commestibili cresciuti a grandi dosi di fertilizzanti, antiparassitari ecc. O delle carni che mangiamo. O dei campi elettromagnetici in mezzo ai quali campiamo.

I PL al confronto sono fin "troppo" sicuri.

Avatar utente
davide84
***
***
Messaggi: 13649
Iscritto il: ven 29 feb 2008 9:15

Re: Ma l'abolizione dei PL è veramente utile?

#15 Messaggio da davide84 » gio 26 nov 2009 17:09

Mmm... capisco il ragionamento, ma non e' proprio la stessa cosa... ::-?:
Non più partecipante al forum.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti