Linee della Valle d'Aosta

Lavori, storia, progetti, AV, tecnica su TE armamento e segnalamento.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
marzi
*
*
Messaggi: 792
Iscritto il: lun 09 nov 2015 21:37

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2386 Messaggio da marzi » mer 20 mar 2019 8:42

La corriera verres - Val d’Ayas arriva a champoluc in meno tempo di quello che impiego io in macchina (tranne in situazioni particolari tipo il giorno di mercato). Sono fenomenali.
Sempre in treno, in tram o in pullman

Avatar utente
nicola_luisari
**
**
Messaggi: 1204
Iscritto il: lun 22 mar 2004 16:46
Località: Tra il Kazakhstan e la mia Italia

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2387 Messaggio da nicola_luisari » mer 20 mar 2019 10:08

Una fuori servizio mi ha tirato la volata in discesa: 35 minuti scarsi periasc Verres con strada deserta
Ciao
Nicola
La disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile
Corrado Alvaro

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7901
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2388 Messaggio da Cinghiale » lun 08 apr 2019 8:40

Il quotidiano LA STAMPA, nel numero di domenica 7 aprile 2019, a pagina 29 ha scritto:

ALLA SCOPERTA DEL MONTE BIANCO CON IL TRAM – TRENO DEL FUTURO


Il progetto su rotaia permetterà di collegare Aosta con Entrèves.
Per realizzarlo, servono 128 milioni.


JESSICA CAVALLERO – COURMAYEUR (AOSTA)

Arrivare in tram ai piedi del Monte Bianco. L'ipotesi del tram – treno da Aosta alle pendici della montagna più alta d'Europa è tra quelle contenute in uno studio affidato dalla Regione alla Società TPS di Perugia dopo che una mozione in Consiglio Regionale chiedeva di individuare l'opzione migliore di collegamento tra Pré-Saint-Didier ed Entrèves (Courmayeur) dove ha sede la partenza dello Skyway Monte Bianco, la nuova e spettacolare funivia per Punta Helbronner. In questo contesto, la tratta ferroviaria Aosta – Pré-Saint-Didier, chiusa dal dicembre 2015, sarebbe riconvertita in tramvia. Tra le altre ipotesi, anche una funivia o un servizio di bus rapido.
Il tram – treno è un veicolo leggero che si sposta su rotaia, modificato per circolare su linee ferroviarie. Può superare notevoli pendenze e ha una grande capacità di accelerazione. Possono esistere sistemi misti di treni e tram che viaggiano nelle stesse fasce orarie o in orari diversi.
Il caso esemplare è quello di Karlsruhe in Germania con una linea di oltre 500 kilometri. Il primo tram – treno Italiano è stato attivato a Cagliari nel 2015 su una tratta di 4.2 km. Nel caso Valdostano, potrebbe viaggiare da Aosta fino Pré-Saint-Didier sulla linea ferroviaria già esistente e poi con modalità di tram da Pré-Saint-Didier ad Entrèves, ma, per realizzarlo, servono 128 milioni.
È indubbio – dice l'Ingegnere Giovanni Mantovani, uno dei massimi esperti in Italia di questo sistema – che il tram – treno possa offrire significativi vantaggi. A partire dall'eliminazione di rotture di carico ma anche aumento del comfort, maggiore uso del trasporto pubblico di conseguenza minori costi indiretti generati dalla riduzione d traffico privato.
Del progetto se ne è parlato venerdì in un incontro pubblico organizzato a Morgex dal movimento Rete Civica. L'ipotesi riapre il dibattito sul sistema dei trasporti dell'intera zona: Per noi – dice il Sindaco di Morgex, Lorenzo Graziola – questa è una discussione irrinunciabile. Non possiamo, vere in una situazione così deprimente dal punto di vista dei trasporti. Il Sindaco di Courmayeur, Stefano Miserocchi dice: L'ipotesi vincente è quella di un unico collegamento tra Aosta ed Entrèves, Il turista potrà sciare a Pila la mattina e, nel pomeriggio, andare allo Skyway. Per Elio Riccarand del comitato Valle d’Aosta Riparte, arrivare con le rotaie fino ai piedi del Monte Bianco non è una favola come sostenuto in passato, ma un progetto concreto, che può portare rilevanti benefici.
Finalmente, qualcosa di muove: un tram - treno, forse, avrebbe poco senso, poiché, nel Comune di Courmayeur, un'eventuale rete tramviaria, avrebbe limitata estensione, mentre un impianto a fune, che andrebbe ad aggiungersi agli esistenti, potrebbe assicurare un ottimo servizio, poiché le pendenze in gioco sarebbero dell'ordine di quelle esistenti sulla ferrovia Retica, a meno di realizzare rampe elicoidali sotterranee, nel qual caso, si potrebbe realizzare addirittura la tratta urbana di una ferrovia ordinaria.
Ora è giunto davvero il momento di pensare a riattivare la tratta compresa tra Asti e Chivasso, appositamente realizzata quale segmento dell'itinerario dal Mar Ligure alla Valle d'Aosta.

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 14460
Iscritto il: sab 26 apr 2008 12:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2389 Messaggio da UluruMS » lun 08 apr 2019 8:43

Sì si, prendete esempio da Perugia, così portate al dissesto tutto il comporto del TPL, che già in VdA avete dimostrato di essere corrotti e incapaci
🙈🙉🙊

Avatar utente
nicola_luisari
**
**
Messaggi: 1204
Iscritto il: lun 22 mar 2004 16:46
Località: Tra il Kazakhstan e la mia Italia

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2390 Messaggio da nicola_luisari » lun 08 apr 2019 11:28

Da una rapida indagine tra amici con casa a Courma, il 100% e' assolutamente favorevole all'uso dell'auto per raggiungere l'amena localita' di villeggiatura. Figuriamoci quelli che devono pure portarsi le valige appresso. Mio figlio usa la corriera. Io la macchina

Se dovono proprio spendere soldi, mettessero a posto la linea fino ad Aosta in primis.
Ciao
Nicola
La disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile
Corrado Alvaro

Avatar utente
derit
**
**
Messaggi: 1111
Iscritto il: sab 10 gen 2009 14:14
Località: Settimo Torinese

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2391 Messaggio da derit » lun 08 apr 2019 11:53

La VdA come il Piemonte... pur di non risolvere neanche un minimo problema attuale, si crea sempre un futuro futuribile... fatto di progetti, ipotesi, possibilità che, quando dovranno per forza diventare attuali, saranno sostituite da altro futuro futuribile.

E via così, nell'immobilismo più totale
#IdoneoInLotta

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8282
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2392 Messaggio da simplon » lun 08 apr 2019 12:03

Concordo totalmente. Spendiamo prima di tutto i fondi sulla Ivrea-Aosta con un potenziamento degno del nome e poi sul resto se ne riparla.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Avatar utente
etr480
*
*
Messaggi: 851
Iscritto il: mar 23 dic 2003 17:16
Località: a SudOvest di paperina

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2393 Messaggio da etr480 » ven 12 apr 2019 7:36

...e i BTR?
Al confine tra reale e virtuale chiedono i documenti?
Andate in v-strom

Avatar utente
derit
**
**
Messaggi: 1111
Iscritto il: sab 10 gen 2009 14:14
Località: Settimo Torinese

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2394 Messaggio da derit » ven 12 apr 2019 7:50

Inizio ad essere pessimista.
Pare che la consegna sia slittata “a data da destinarsi”.

Non arriveranno mai
#IdoneoInLotta

giorgiostagni
**
**
Messaggi: 1181
Iscritto il: gio 19 ago 2010 22:22
Località: Milano
Contatta:

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2395 Messaggio da giorgiostagni » ven 12 apr 2019 8:34

I BTR sono fatti, finiti e funzionanti ormai da mesi (oltre che molto piacevoli, dentro e fuori). Temo che qualunque ritardo sia dovuto a carte e cartacce...

carloE444
**
**
Messaggi: 1168
Iscritto il: mer 20 gen 2010 19:35

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2396 Messaggio da carloE444 » ven 12 apr 2019 8:53

derit ha scritto:
ven 12 apr 2019 7:50
... Pare che la consegna sia slittata “a data da destinarsi”.
Fonte?

Avatar utente
derit
**
**
Messaggi: 1111
Iscritto il: sab 10 gen 2009 14:14
Località: Settimo Torinese

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2397 Messaggio da derit » ven 12 apr 2019 8:59

http://www.ansa.it/valledaosta/notizie/ ... e8314.html

È vero che è opposizione. Ma comunque il silenzio regna sovrano
#IdoneoInLotta

carloE444
**
**
Messaggi: 1168
Iscritto il: mer 20 gen 2010 19:35

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2398 Messaggio da carloE444 » ven 12 apr 2019 9:49

Ti ringrazio derit!

Non volevo dare un giudizio sulla fonte ma soltanto conoscerla. Penso che, poi, ognuno possa farsi un’opinione sull’attendibilità di quelle affermazioni.

Personalmente credo che abbia ragione Stagni.

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 12411
Iscritto il: mar 25 mag 2004 14:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2399 Messaggio da sr » ven 12 apr 2019 9:51

Anche nel trafiletto ANSA si parla di pastoie burocratiche.
Ma i costi di questi ritardi, quando potranno essere addebitati a chi non fa il proprio dovere in tempi giusti?
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 2318
Iscritto il: ven 29 dic 2006 18:57

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2400 Messaggio da Andmart » ven 12 apr 2019 10:09

Sti treni sono sfigati.

Sono stati ordinati il 12 maggio 2015 e la costruzione vera e propria dei treni è stata avviata nel luglio 2016.

Il 13 dicembre 2016 è stato emesso il Decreto ANSF n.1/2016 che riguarda "Riordino normativo, standard tecnico, sottosistemi materiale rotabile e controllo-comando e segnalamento di bordo. Norme tecniche nazionali in materia di sottosistemi costituenti i veicoli ferroviari relative alla autorizzazione di messa in servizio dei veicoli.".

In teoria essendo un progetto già avviato l'impatto dei nuovi requisiti tecnici e normativi dovrebbe essere limitato, ma non sempre poi la teoria incontra la pratica. In realtà pare che l'impatto sull'AMIS sia stato tutto tranne che limitato e che siano emerse necessità di aggiustamento in corso d'opera del progetto per soddisfare i nuovi desiderata di ANSF (ufficializzati a costruzione già in corso), anche se non ho documentazione di prima mano ma solo voci. Mi risulta invece che Stadler abbia scelto come VIS Italcertifer, società del gruppo FS.

Le pratiche per l'AMIS di ANSF sono aperte da ormai oltre un anno: hanno fatto le prove statiche in fabbrica, quelle dinamiche in Polonia e da agosto 2018 anche qualche prova dinamica in Italia (Toscana).

Voci dicono che in diversi hanno storto il naso su questi convogli così atipici e che rischiano seriamente di fare la fine delle 491/2, ma personalmente ritengo siano solo malelingue. Prima o poi l'AMIS arriverà, anche se sarebbe meglio arrivasse prima...

Rispondi