Linee della Valle d'Aosta

Lavori, storia, progetti, AV, tecnica su TE armamento e segnalamento.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7741
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2371 Messaggio da Cinghiale » dom 16 set 2018 9:47

Caso mai, potrei candidarmi per ricoprire alte cariche pubbliche, al posto dei fantocci che circolano ormai da troppi decenni.

Avatar utente
densou
**
**
Messaggi: 1604
Iscritto il: ven 23 apr 2010 1:25
Località: Un pustaz 'isolato' come capoluogo
Contatta:

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2372 Messaggio da densou » lun 17 set 2018 0:46

Cinghiale ha scritto:
sab 15 set 2018 9:45
sono trasformate in Società per Azioni, assolutamente fuori luogo in questo contesto, ma che, grazie all'essere di Diritto privato, non pongono limiti superiori agli emolumenti dei Consiglieri d'Amministrazione, specie gli Amministratori Delegati, losche figure totalmente estranee al mondo dei servizi, che andrebbero relegate all'industria o similari.


ma non citi le SRL dove pecunia non olet? (perché lo fan sparire ancor meglio/prima che con le spa :mrgreen: )

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7741
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2373 Messaggio da Cinghiale » lun 17 set 2018 9:10

La formula S. R. L. è più adoperata dai privati a scopo di evasione fiscale.

Avatar utente
Grande Puffo
***
***
Messaggi: 11367
Iscritto il: mer 28 gen 2004 13:06
Località: Torino / Traves in estate

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2374 Messaggio da Grande Puffo » lun 17 set 2018 9:56

cf ha scritto:
ven 14 set 2018 11:11
fede8977 ha scritto:
mar 11 set 2018 12:17
Non ha senso pretendere di fare concorrenza con un bus su una tratta già servita dal treno.
Domanda da profano: ma è legalmente possibile in Italia fare concorrenza a una linea ferroviaria regionale? Non c'è un sistema di monopolio ferroviario come c'è qui in Svizzera?
Definire il concetto di “concorrenza” è un po’ vago. Sovente ci sono ferrovia ed autoservizio che corrono paralleli, ma l’autoservizio è indispensabile perché fa molte più fermate e serve anche le località non servite dalla ferrovia. Il problema è che la ferrovia sovente fa schifo e la gente preferisce l’autoservizio anche per spostarsi fra località servite dalla ferrovia.
Esempio: immagina di dover andare tutti i giorni da Verres a Pont Saint Martin. L’autoservizio fa 9 fermate intermedie ed impiega 22, mentre il treno ne fa solo 2 ed impiega 13 minuti. Però l’autoservizio è mediamente più puntuale ed offre molte più corse per cui molta gente lo preferisce, in particolare dove non c'è integrazione tariffaria.
DAL 30/05/07 COMPARE DEL CHEESEBURGER ®
DAL 25/04/09 SVACCATO IRREVERSIBILE
Arena si è arenata. E direi, con quel nome...
10/11/2018 SI TAV a Torino, io c'ero!!!

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7741
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2375 Messaggio da Cinghiale » mar 09 ott 2018 22:40

La testata informatica Trasporti Italia ha scritto:
VALLE D'AOSTA: LA REGIONE VALUTA UNA PROROGA PER LA CONSEGNA DI TRENI BIMODALI

Da alcuni mesi sono in corso, sulle linee ferroviarie della Toscana, le prove necessarie per ottenere da parte dell'Autorità nazionale per la sicurezza ferroviaria l'autorizzazione alla messa in servizio dei nuovi treni bimodali. Lo fa sapere l'assessorato del Turismo, Sport, Commercio e Trasporti della Valle d'Aosta comunica, spiegando che i cinque treni bimodali acquistati dalla Regione sono stati tutti costruiti e sono stati già collaudati in fabbrica da oltre sei mesi, le prove ad oggi effettuate, sia in Polonia sia sulla rete italiana, hanno avuto un esito positivo e coerente con le prestazioni richieste dal contratto. Considerato che si tratta di un treno innovativo, che può viaggiare sia in modalità elettrica sulle linee elettrificate sia in modalità diesel sulle altre linee, le prove devono essere svolte in entrambe le modalità di trazione e quindi su linee diverse. Il costruttore dei treni, cui compete anche l'ottenimento delle autorizzazioni necessarie all'immissione in servizio, ha segnalato che il relativo iter amministrativo sta richiedendo tempi più lunghi rispetto a quelli programmati e che ciò comporterà un ritardo di 4 mesi rispetto alla data prevista per la consegna del primo treno. Il costruttore dei treni, nel dichiarare che si tratta di una circostanza indipendente dalla sua organizzazione e responsabilità, ha chiesto alla Regione una nuova proroga sui tempi contrattuali, che attualmente prevedono la consegna dei treni entro fine ottobre. Le strutture tecniche dell'assessorato stanno valutando tale richiesta sotto il profilo delle norme e delle declaratorie contenute nel contratto in essere, stipulato il 12 maggio 2015" - spiega l'Assessore Claudio Restano. I cinque treni bimodali rientrano in un'iniziativa avviata dal Governo precedente nell'ambito del Programma Attuativo Regionale FAS 2007/2013 e di un Accordo di Programma Quadro sottoscritto nel 2016 con l'Agenzia per la Coesione Territoriale e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Con l'immissione in servizio dei bimodali - conclude l'Assessore Restano - la Regione disporrà di treni nuovi, più sicuri, meno inquinanti, e, soprattutto, in grado di svolgere il servizio Aosta-Torino senza il cambio treno a Ivrea, evitando da subito, in attesa dell'elettrificazione della linea, i relativi disagi per gli utenti Valdostani. L'utilizzo dei treni bimodali è espressamente previsto tra le condizioni contrattuali presenti nell'appalto in corso per il servizio ferroviario e sicuramente è tra i fattori che hanno reso possibile la partecipazione alla gara da parte di due imprese, nonché l'ottenimento di un significativo ribasso d'asta e di altrettanto significativi risparmi di spesa per l'Amministrazione.

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7741
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2376 Messaggio da Cinghiale » ven 14 dic 2018 19:57

Silvia Savoye, sulla testata Aosta Sera ha scritto:
FERROVIA: ALLO STUDIO CINQUE SCENARI PER COLLEGARE AOSTA A COURMAYEUR

Aosta - Affidato uno studio di prefattibilità per il collegamento ferroviario fra Pré-Saint-Didier e Courmayeur: fra le ipotesi, una metrotramvia ed una funivia.


Collegare Aosta a Courmayeur con una metrotramvia oppure realizzare al posto delle rotaie una corsia dedicata agli autobus o ancora ripristinare il servizio ferroviario fino a Pré-Saint-Didier collegando poi il paese ad Entrèves con una funivia.
Sono questi alcuni scenari che la società, a cui è già stato affidato il compito di redigere il piano regionale di trasporti, dovrà studiare per arrivare con un’analisi costi-benefici.
Era stata una mozione, approvata nel luglio scorso in Consiglio Regionale, a chiedere la predisposizione di uno studio di prefattibilità per il collegamento ferroviario fra Pré-Saint-Didier e Courmayeur.
L’incarico è stato affidato nei giorni scorsi al raggruppamento temporaneo di Imprese Tps SRL – Airis SRL – Gruppo Clas che dal marzo scorso si sta occupando del piano regionale dei trasporti, oltre che del piano della mobilità ciclistica.
Le società dovranno prendere in esame e comparare cinque scenari alternativi di progetto. Si tratta del prolungamento della linea ferroviaria da Pré-Saint-Didier a Courmayeur; della combinazione ferrovia sulla tratta Aosta - Pré Saint Didier con un Bus Rapid Transit Low Emission sulla tratta Pré-Saint Didier - Courmayeur / Entrèves e della combinazione ferrovia sulla tratta Aosta - Pré-Saint-Didier con un impianto di trasporto a fune con sistemi ad ammorsamento automatico sulla tratta Pré-Saint Didier - Courmayeur. Le ultime due ipotesi sono la trasformazione della tratta Aosta - Pré-Saint-Didier in Metrotramvia extraurbana con prolungamento da Pré-Saint-Didier a Courmayeur (Entrèves) e la dismissione della linea ferroviaria e realizzazione di un sistema BRT (corsie dedicate per i Pullman) tra Aosta ed Entrèves.
Per ciascuno scenario, dovrà esser studiato il percorso, valutata l’attrattività del sistema proposto, i benefici trasportistici che esso è in grado di produrre (traffico sottratto all’auto privata, riduzione della congestione sulla rete stradale, riduzione dei costi di esercizio del TPL automobilistico, riduzione delle emissioni di inquinanti atmosferici). Inoltre dovranno esser stimati i costi di realizzazione e gestione.
La riattivazione della linea ferroviaria per l’Alta Valle, chiusa dal dicembre 2015, così come il suo prolungamento fino a Courmayeur, è uno degli obiettivi della legge regionale 22/2016 Disposizioni per una ferrovia moderna ed un efficiente sistema pubblico integrato dei trasporti.

Avatar utente
marzi
*
*
Messaggi: 569
Iscritto il: lun 09 nov 2015 21:37

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2377 Messaggio da marzi » ven 14 dic 2018 20:25

Vedo bene anche un servizio con slitte trainate da renne
Sempre in treno, in tram o in pullman

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7983
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2378 Messaggio da simplon » sab 15 dic 2018 17:27

Mah che dire, sembra uno scenario da ubriachi: prima con tutta fretta e trovando il pretesto giusto chiudono la linea, poi si danno a progetti visionari e futuristici. Come è bella l'Italia!
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Avatar utente
Aenigmaticus
**
**
Messaggi: 1198
Iscritto il: mer 31 mar 2004 14:48
Località: Milano, a metà strada tra Rogoredo e Porta Vittoria

Re: Linee della Valle d'Aosta

#2379 Messaggio da Aenigmaticus » mer 19 dic 2018 13:12

Vi siete dimenticati un'opera fondamentale!! La stazione sotterranea a servizio dell'Aeroporto "Corrado Gex"!! :mrgreen: :mrgreen:

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: GT3.2 e 36 ospiti