Terzo Valico

Lavori, storia, progetti, AV, tecnica su TE armamento e segnalamento.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
em
**
**
Messaggi: 4521
Iscritto il: mer 07 gen 2004 12:34
Località: Genova

Re: Terzo Valico

#3181 Messaggio da em » ven 21 dic 2018 13:40


Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8084
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Terzo Valico

#3182 Messaggio da simplon » gio 27 dic 2018 9:16

da La Stampa

ALESSANDRIA

L’occasione dello scalo merci: “Noi retroporto di Genova”

In Finanziaria due milioni di euro per la progettazione ad Alessandria. Esulta il sindaco Cuttica, ora non resta che convincere le Ferrovie

«Credo sia la prima volta che Alessandria entra direttamente in una Finanziaria». Difficile confermare o smentire l’impressione del sindaco Gianfranco Cuttica, certo è che la notizia dei «due milioni di euro stanziati, all’interno del maxi emendamento della Legge di Bilancio 2019, appositamente per progettare il rilancio dello scalo merci» hanno messo in fibrillazione il mondo politico locale proprio alla vigilia di Natale.
Visto che è stato il ministro Toninelli a rilanciarla, su Facebook ovviamente («Vengono stanziati un totale di 200 milioni di euro nei prossimi 4 anni per l’Autorità di sistema portuale del Mare Ligure occidentale e viene affidata, per il prossimo anno, al commissario Bucci anche l’ottimizzazione dei flussi logistici del porto, compresa la progettazione del nuovo centro merci di Alessandria Smistamento»), è il Governo stesso che stavolta s’impegna. Ora non resta che convincere le Ferrovie e il gioco è fatto: oddio, sono anni che ci provano inutilmente, ma stavolta chissà...
Anche perché il momento pare favorevole al rilancio dello scalo merci alessandrino: dopo il crollo del ponte Morandi si sono fatte più urgenti le esigenze retroportuali di Genova, il calo dei traffici è stato palpabile, tanto che gli spedizionieri meditano una class action contro Autostrade e Mit per il rimborso danni. Inoltre stanno muovendosi alcuni dei maggiori operatori: dal Psa, gruppo di Singapore che controlla il Vte, terminal di Voltri, al Sech Terminal Contenitori.
La rosa dei retroporti interessanti per Psa si riduce a pochi candidati: in cima alla lista delle preferenze ci sarebbe il terminal intermodale di Rivalta Scrivia, Rail Hub Europe, controllato al 100% dal Gruppo Gavio attraverso la Autosped G. Ma Alessandria rientra nel novero: si tratterebbe di comporre maxi-treni per il Nord Europa, Basilea in particolare, partendo da quelli più «piccoli» (si parla comunque di convogli sui 350 metri) in arrivo dalla Liguria, Genova ma anche Savona.
Un progetto di massima per lo scalo merci alessandrino ci sarebbe già: è di Slala, la fondazione per la logistica che, dopo aver rischiato la liquidazione, è tornata al centro dei giochi; anche Genova, con il sindaco Bucci, è rientrata fra i soci, così come Savona. Lo smistamento potrebbe essere collegato direttamente all’autostrada, visto che la bretella dell’A26 tra i caselli Sud e Ovest passa sui binari. Il progetto intersecherebbe il trasporto su gomma, anche se a questo punto si rischia di fare un po’ di confusione.
Da un lato c’è la logistica ferroviaria, che ha per forza di cose tempi medio-lunghi (come detto siamo solo alla fase di studio), dall’altra quella autostradale che invece dovrebbe svilupparsi molto più rapidamente. Secondo Slala i «buffer», cioè le aree di interscambio merci tra i camion e la navette con il porto, potrebbero essere pronti entro il 2019. Questo grazie anche alla Zls, le Zone logistiche speciali, per le quali il sindaco Cuttica vuole «dire grazie all’onorevole Riccardo Molinari, che sul rilancio dell’Alessandrino si sta spendendo moltissimo, e con concretezza».
Inoltre il sindaco assicura che «da tempo ci stiamo confrontando con Genova e le sue realtà produttive per divenirne il naturale sbocco, fondamentale per un nuovo ruolo degli scali liguri in direzione Nord Italia e Sud Europa». Che è l’idea da sempre di Fabrizio Palenzona («Il corridoio Reno-Alpi è certamente il più importante nella logica della coesione europea»), uomo delle banche, amico di Gavio, al vertice delle autostrade, ma soprattutto da decenni «dominus» di quanto avviene in provincia. Alla fine destra o sinistra lì si torna.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

gbelogi
**
**
Messaggi: 5527
Iscritto il: lun 21 ago 2006 19:08
Località: 86% oltre l'Adda 14% Roma

Re: Terzo Valico

#3183 Messaggio da gbelogi » gio 27 dic 2018 9:41

Genova-Milano in 50 minuti? Da orario attuale un Intercity con due fermate in 50 minuti arriva a Tortona. Forse il nuovo tunnel funziona con il teletrasporto?

Se qualcuno ricomincerà a proporre una nuova AV lungo la A7 io divento NO TAV.
100 % Guaranteed Friend of the USA
Italia 2018: piccole isole di buoni risultati economici, efficienza e buone pratiche in un oceano di inefficienza e declino morale ed economico.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15883
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Terzo Valico

#3184 Messaggio da Tz » gio 27 dic 2018 10:09

I forumai mi spieghino una cosa: se il retroporto ad Alessandria ex smistamento lo sostiene a spada tratta Tz è una vaccata mentre se lo promuove Tontinulla s'ha da fare ? ::-?:
In mezzo c'è solo stata per tanti anni Slala che non ha mai combinato una cippa... :wall: ... e nel frattempo hanno realizzato quella porcata colossale dei Timo in mezzo ai babi e alle nebbie a Mortara distane 30 km dal più vicino casello autostradale da raggiungere dai Tir su provincialine del catso in mezzo ai paesi... :shoot:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
dedorex1
**
**
Messaggi: 6312
Iscritto il: mer 28 set 2005 16:48
Località: Milano

Re: Terzo Valico

#3185 Messaggio da dedorex1 » gio 27 dic 2018 10:14

La domanda che mi farei è perchè Alessandria non è mai entrata nelle serie mire di nessun privato, ne' parastatale. E' solo un problema dell'incapacità di Slala?
Il fatto che lo promuova Tontinelli, già lo rende molto meno interessante a mio avviso...
Adoratore della fu Trimurti DelrioCascettaGentile
Fondatore del DelrioSantoSubito Club (NB iscrizioni attualmente sospese per previsto taglio contributi TPL 2017)

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15883
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Terzo Valico

#3186 Messaggio da Tz » gio 27 dic 2018 10:18

Alessandria smistamento è stata abbandonata per la totale incapacità di FS di vedere più lontano del proprio naso.
E se Tontinelli avesse semplicemente letto quanto ha scritto Tz e in un barlume di lucidità avesse capito che quella è l'unica logica soluzione ? D'altra parte andando controcorrente è un motivo per lui per abbracciarla...:lol:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
dedorex1
**
**
Messaggi: 6312
Iscritto il: mer 28 set 2005 16:48
Località: Milano

Re: Terzo Valico

#3187 Messaggio da dedorex1 » gio 27 dic 2018 10:25

Posso anche essere d'accordo su TI, resta che, nonostante diverse occasioni, nessun privato ha pensato idee diverse da TI.
Per esempio Hupac preferisce infognarsi (per me) in quel di Brescia, invece che sfruttare Alessandria: quali sono le ragioni di tali scelte? Me lo chiedo veramente, non ho risposte pronte
Adoratore della fu Trimurti DelrioCascettaGentile
Fondatore del DelrioSantoSubito Club (NB iscrizioni attualmente sospese per previsto taglio contributi TPL 2017)

gbelogi
**
**
Messaggi: 5527
Iscritto il: lun 21 ago 2006 19:08
Località: 86% oltre l'Adda 14% Roma

Re: Terzo Valico

#3188 Messaggio da gbelogi » gio 27 dic 2018 10:46

Attualmente quali sono gli scali usati come retroporto di Genova?
Funziona un modello che prevede uno stoccaggio dei container nell'entroterra?
100 % Guaranteed Friend of the USA
Italia 2018: piccole isole di buoni risultati economici, efficienza e buone pratiche in un oceano di inefficienza e declino morale ed economico.

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8084
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Terzo Valico

#3189 Messaggio da simplon » gio 27 dic 2018 11:05

gbelogi ha scritto:
gio 27 dic 2018 10:46
Attualmente quali sono gli scali usati come retroporto di Genova?
Presumo solo Rivalta. In quanto ad Alessandria ha proprio ragione Tz e nel postare la news ho pensato la stessa cosa...
dedorex1 ha scritto:
gio 27 dic 2018 10:25

Per esempio Hupac preferisce infognarsi (per me) in quel di Brescia, invece che sfruttare Alessandria
Hanno due funzioni completamente diverse: Brescia vuole essere il terminale per i traffici tra il centro Europa e l'area nord-orientale rispetto a Milano. E' un po' un Busto-Gallarate a est. Alessandria (o chi per esso) invece lo puoi legare solo con il porto di Genova (come terminal o in una relazione sud-nord) perché non potrebbe avere altra funzione che questa (non arrivi dalla Svizzera piuttosto che dal Belgio o dall'Olanda per servire quale area industriale?). Concordo comunque sul fatto che Brescia non mi è mai sembrata una soluzione molto felice, non per l'area geografica servita, ma per l'ubicazione stretta tra città e periferia e lontana da veloci collegamenti stradali.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Avatar utente
dedorex1
**
**
Messaggi: 6312
Iscritto il: mer 28 set 2005 16:48
Località: Milano

Re: Terzo Valico

#3190 Messaggio da dedorex1 » gio 27 dic 2018 11:11

Sicuramente le ragioni possono essere quelle, ma allo stesso modo con Alessandria avrebbe preso potenzialmente preso due piccioni con una fava, considerato che, per Hupac, Genova è un obiettivo dichiarato
Un'ipotesi è che Alessandria sconti una distanza non ottimale da Milano, unita alla carenza di tessuto industriale adeguato nell'intorno
Ultima modifica di dedorex1 il gio 27 dic 2018 11:17, modificato 1 volta in totale.
Adoratore della fu Trimurti DelrioCascettaGentile
Fondatore del DelrioSantoSubito Club (NB iscrizioni attualmente sospese per previsto taglio contributi TPL 2017)

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7777
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Terzo Valico

#3191 Messaggio da Cinghiale » gio 27 dic 2018 11:14

Genova, purtroppo, ha poche possibilità di trattenere la merce a terra, a causa dell'infelice orografia; nondimeno, il problema di collegare gli scali merci con le autostrade non dovrebbe sussistere, poiché un servizio merci ben fatto non dovrebbe avere necessità di raccogliere o distribuire merce tramite autostrada, ma solo su brevi e brevissimi percorsi di viabilità locale.
Taccio ogni commento su Palenzona ed esseri simili.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15883
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Terzo Valico

#3192 Messaggio da Tz » gio 27 dic 2018 13:28

dedorex1 ha scritto:
gio 27 dic 2018 11:11
Un'ipotesi è che Alessandria sconti una distanza non ottimale da Milano, unita alla carenza di tessuto industriale adeguato nell'intorno
Tra Alessandria e Milano fa tutto schifo ad iniziare dal servizio viaggiatori regionale (anche via strada perchè c'è da percorrere due autostrade per arrivarci mentre via statale è assolutamente improponibile qualunque via !) sia per le merci non è e NON deve essere il suo punto di riferimento per Milano...( da specificare per chi ritiene Milano mondocentrica)
Per contro Alessandria è esattamente all'incrocio sia ferroviario sia autostradale tra due direttrici est-ovest e nord-sud con caselli autostradali accessibilissimi con un breve raccordo dallo smistamento e ferroviariamente sulla direttrice orizzontale facente capo a ovest col futuro FBT e sulla direttrice verticale col Loetschberg e Gottardo via Novara evitando quella fogna di Milano.
All'ex smistamento poi lo spazio è assolutamente abbondante e ferroviariamente perfettamente già raccordata con le direttrici principali con ingressi/uscite a due binari verso ovest e nord e addirittura a 3 binari verso sud ed est... non come quel cesso del Boschetto di Novara dove ci devi entrare uscire da qualunque direzione sul binario unico... :shoot:

Rimane sconcertante che abbia dovuto essere Tontinulla ad accorgersene e a proporlo... :wall:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15883
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Terzo Valico

#3193 Messaggio da Tz » gio 27 dic 2018 18:26

Copio-incollo dal profilo FB di Daniele Borioli (ex assessore ai trasporti alla regione Piemonte ed ex presidente di Slala) le precisazioni sull'articolo de La Stampa postato da Simplon:

[Daniele Borioli
1 h ·

LOGISTICA ALESSANDRINA TRA VERITÀ E PROPAGANDA. Il Ministro Toninelli e il Sindaco di Alessandria annunciano 2 milioni in legge di bilancio per il rilancio dello scalo ferroviario, affidati alle disponibilità finanziarie del Commissario per Genova, il Sindaco Bucci. La notizia è di per sé positiva e, indipendentemente dalla collocazione politica, va in quanto tale accolta come un passo avanti lungo una strada ancora lunga e complicata. Proprio per questo, guardando all'interesse comune, sarebbe bene sottrarla all'enfasi della propaganda e farla diventare patrimonio di tutte le forze politiche, economiche e sociali del territorio, per vedere di destinare al meglio quelle risorse. 2 milioni sono importanti ma sono circa 1/15 di quanto, secondo le stime fatte 10 anni fa dalle stesse ferrovie, titolari dell'area, servirebbero per bonificarla e attrezzarla al fine sviluppare in essa le funzioni intermodale e logistiche. 35 milioni di euro, 11 dei quali per la sola strada di collegamento tra lo scalo e la tangenziale di Alessandria, senza la quale ogni ipotesi di rilancio dell'infrastruttura ferroviaria è del tutto velleitario. Quegli undici milioni furono stanziati dalla Giunta Bresso (anche grazie al mio modesto impulso) tra il 2008 e il 2009 e assegnati al Comune di Alessandria, che della strada sviluppò un progetto preliminare molto avanzato. Su quelle basi e sul piano finanziario sviluppato da SLALA, allora presieduta da Fabrizio Palenzona, da Fs Logistica, del gruppo Fs allora guidato da Moretti, e dall'Autorità portuale di Genova, presieduta da Luigi Merlo, fu costituita la Società del Retroporto, di cui entrarono a far parte Finpiemonte, per conto della Regione Piemonte, e la stessa SLALA. In questa brevissima cronistoria, naturalmente tutta quanta agli atti e facilmente ricostrubile da un cronista che volesse documentare e non girare veline, sta la prima chiave per distinguere la verità dalla propaganda. Non è vero, come frettolosamente dicono alcune voci ufficiali, che "per la prima volta dopo 15 anni di parole a vuoto del centrosinistra siamo di fronte a un impegno concreto". È vero invece, questo sì, che i 2 milioni di oggi risarciscono almeno in parte (esattamente per 1/5) il danno causato nel 2010 dalla subentrata giunta regionale di centrodestra, guidata da Roberto Cota, che cancello' Alessandria dalla mappa della logistica piemontese, in favore di Novara. E con essa cancello' anche i dieci milioni di euro già stanziati per la strada di collegamento fra scalo e tangenziale, che oggi sarebbe già con buona probabilità ultimata e in esercizio, pronta per la funzione retroportuale dell'infrastruttura alessandrina. A questa sciagurata decisione della giunta regionale a trazione leghista, vanno sommati certamente gli effetti della crisi economica, che hanno flagellato anche il sistema dei traffici merci e, soprattutto, la coincidente decisione dell'amministrazione comunale di centrodestra, guidata da Fabbio, di abbandonare il progetto dello scalo a favore di un improbabile sviluppo logistico a S.Michele. Così si è arenata la "vocazione logistica" di Alessandria, tra il 2010 e questi ultimi anni. Potendosi imputare, caso mai, al centrosinistra nazionale e regionale la responsabilità di non aver voluto ascoltare con la necessaria attenzione le sollecitazioni arrivate dal territorio alessandrino, e finalizzate a rimettere in moto il progetto della logistica alessandrina dalla "casella zero" cui l'avevano ridotta le scelte del centrodestra locale e regionale. Intendiamoci, i 2 milioni di oggi sono importantissimi. Ma occorre lavorare da subito, ovviamente in raccordo con il sindaco di Genova, perché siano spesi al meglio (ricordiamoci che, pur avendo certamente a cuore lo sviluppo dei porti liguri, stiamo parlando del nostro territorio), e anche per comprendere: in primo luogo come armonizzare la valorizzazione dello scalo alessandrino con quella dello scalo di Novi S. Bovo (per il quale ci sono già operatori ferroviari che hanno manifestato interesse in risposta a un pubblico bando delle ferrovie, e ci sono già risorse che potrebbero essere rese disponibili dai fondi per lo sviluppo legati al Terzo Valico); in secondo luogo per garantire che sia rigorosamente il "ferro" la destinazione di quel finanziamento, al fine di evitare che la vocazione logistica si trasformi in una servitù permanente del nostro territorio alle dinamiche, già ora molto consistenti e invasive, del traffico pesante su strada.]
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
EUGENIO
**
**
Messaggi: 1673
Iscritto il: dom 21 dic 2003 10:25
Località: mortara

Re: Terzo Valico

#3194 Messaggio da EUGENIO » ven 28 dic 2018 9:24

Si puo' dire tutto sul Timo , ma credo che non sia nato per fungere da retroporto di Genova.....
CIAO GIUSEPPE

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15883
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Terzo Valico

#3195 Messaggio da Tz » ven 28 dic 2018 10:02

No certo (manca solo che avessero pensato a quella funzione) è una succursale del CIM di Novara ovvero di uno scalo nato male, nel punto più sbagliato incastrato fra altre importanti infrastrutture e senza possibilità di adeguato ampliamento e con enormi difficoltà insormontabili di idonei collegamenti con la rete storica... lampante esempio di come realizzare infrastrutture necessarie ma senza capirci una fava.
Il Timo di Mortara amplia ulteriormente il ventaglio di vaccate infrastrutturali riproposte invece in mezzo al nulla creando altri problemi.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 16 ospiti