Ferrovie in Sardegna

Lavori, storia, progetti, AV, tecnica su TE armamento e segnalamento.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Vespa
*
*
Messaggi: 329
Iscritto il: gio 12 mar 2009 23:15
Località: Cagliari

Re: Ferrovie in Sardegna

#946 Messaggio da Vespa » gio 15 nov 2018 10:39

E412 ha scritto:
gio 15 nov 2018 10:15
Oltre ai contributi...occulti, ho il sospetto che quel progetto non l'abbiano proprio pensato, ma al massimo 'assemblato'.
Ecco, rendi bene la mia sensazione.

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 39833
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Ferrovie in Sardegna

#947 Messaggio da E412 » gio 15 nov 2018 10:45

Però...hai 25 macchine che non vuoi e non hai richiesto, hai un progetto di elettrificazione in monofase per quelle 25 macchine che probabilmente non ti interessa, e 'ommmmioddddio il sistema è incompatibile con il nostro segnalamento di terra! Fermate tutto!'. Questo quando il discorso interferenza tra sistemi con stessa frequenza era già noto. E con due possibili soluzioni:
a) risolviamo sta cavolo di interferenza
b) tutto a monte! tutto a monte!

20 anni dopo devono elettrificare l'AV nazionale in alternata, hanno lo stesso problema e 'beh, modifichiamo la frequenza della portante della RSC, no?'. Fatto in un baleno, o quasi, e quasi indolore.
Si potrebbe obiettare che sono passati 20 anni, ma si potrebbe controribattere che l'elettrotecnica non è cambiata. Si potrebbe obiettare che almeno non ci sono stazioni riadattate al 25 kV, ma fa un po' strano pensare che abbiano ignorato la cosa, e comunque sulla CCO qualche test lo hanno fatto.

Quella vicenda puzza di bruciato, anche se non si può escludere a priori la buona fede mischiata con superficialità e/o inadeguata competenza.

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

fab
**
**
Messaggi: 9081
Iscritto il: ven 02 dic 2005 17:58
Località: Milano - Sori (GE)

Re: Ferrovie in Sardegna

#948 Messaggio da fab » gio 15 nov 2018 10:50

Io ricordo che da ragazzino lessi qualche numero arretrato (dei primi anni '90) di iTreni e c'era una vignetta che ironizzava sul fatto che avevano scoperto questa interferenza in ritardo. Non so se però fu in Sardegna o nel tratto "sperimentale" convertibile della DD.
fab® Post fata resurgo

"Miser chi mal oprando si confida
ch'ognor star debba il maleficio occulto"
(L. Ariosto)

Vespa
*
*
Messaggi: 329
Iscritto il: gio 12 mar 2009 23:15
Località: Cagliari

Re: Ferrovie in Sardegna

#949 Messaggio da Vespa » gio 15 nov 2018 11:35

La realtà è che l'elettrificazione sarda fu voluta principalmente per coinvolgere l'industria privata nazionale nella sperimentazione - a spese dello Stato - di un nuovo tipo di trazione, per la quale era all'anno zero, che sembrava potesse rappresentare il futuro (e infatti così è stato). Il fatto che la Sardegna potesse trarne giovamento fu solo una scusa per giustificare "l'esperimento". Ma gli interessi erano ben altri e infatti, assottigliatisi questi e alle prime difficoltà, il progetto abortì. Molti, ingenuamente e ed entusiasticamente, credettero che in primo piano ci fosse l'interesse per la Sardegna...

Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 2332
Iscritto il: ven 29 dic 2006 18:57

Re: Ferrovie in Sardegna

#950 Messaggio da Andmart » gio 15 nov 2018 12:04

Secondo me c'era molto interesse a fare il mega appaltone/commessa (eravamo nei magnifici anni '80, il codice degli appalti non c'era, Tangentopoli era per i più un paese tra Topolinia e Paperopoli, ecc...) e nessun interesse a concretizzarlo. Quindi ogni scusa per abortirlo poi era buona. Perché quella delle frequenze della RSC è appunto una scusa...

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 39833
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Ferrovie in Sardegna

#951 Messaggio da E412 » gio 15 nov 2018 12:08

Dissento, la vedo più tra Paperopoli e Ocopoli :sofa:

Diciamo che la Sardegna avrebbe potuto giovarsene e sarebbe stato il banco di prova ottimale, essendo funzionalmente isolata dalla rete nazionale e comunque senza richieste prestazionali esagerate (non dimentichiamoci che quelle macchine sfornavano 3400 kW, praticamente una 646). Ma non penso che la cosa sia mai stata in cima alla lista delle priorità di qualcuno.

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Avatar utente
quattroe28
***
***
Messaggi: 14821
Iscritto il: mar 24 gen 2006 22:34
Località: sull'Arno nei pressi di dove entro il 2018 la tramvia avrebbe dovuto attraversarlo
Contatta:

Re: Ferrovie in Sardegna

#952 Messaggio da quattroe28 » gio 15 nov 2018 12:17

fab ha scritto:
gio 15 nov 2018 10:50
Io ricordo che da ragazzino lessi qualche numero arretrato (dei primi anni '90) di iTreni e c'era una vignetta che ironizzava sul fatto che avevano scoperto questa interferenza in ritardo. Non so se però fu in Sardegna o nel tratto "sperimentale" convertibile della DD.
era riferita al tratto sperimentale
Finalmente avremo i binari Daucus per i treni metropolitani a Statuto, ma purtroppo non il tram a Gavinana
cari forumisti.... potreste smetterla di scrivere quell'orrore di "bho" e ritornare al classico ed esatto "boh"????????

qalimero
**
**
Messaggi: 7047
Iscritto il: sab 27 dic 2003 1:15
Località: Toscana

Re: Ferrovie in Sardegna

#953 Messaggio da qalimero » gio 15 nov 2018 12:22

Confermo.

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1995
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: Ferrovie in Sardegna

#954 Messaggio da Lirex » gio 15 nov 2018 12:47

In realtà delle interferenze tutti non potevano non sapere, tanto è vero che con l' entrata in servizio delle E.633 fu montato su tutte le loco il famoso Franchini ( rilevatore armoniche a 50Hz), ma per la Sardegna se ne fregarono...
Le prime prove serie in cui si dovette quantificare il valore delle interferenze si ebbero nel 1992 quando si decise di fare un sito sperimentale "serio" nei pressi di Castiglione del Lago sulla LL FI-RM. Fu impiantata una SSE mobile da 25kVca e un binario fu messo sotto tensione di 25kV, mentre l' altro fu lasciato a 3kV. Con l'elettrificazione di un binario in c.a e la circolazione di treni con E.402 B ed ETR500PLT accanto a treni tradizionali sono state misurate le interferenze sui sistemi di segnalamento e sugli impianti telefonici. Alla fine si è giunti alla conclusione che le nuove linee avrebbero disturbato i circuiti di binario tradizionali a 50Hz che si trovavano a distanza inferiore a 3000 m ( se rotaia singola) o 1000 m ( rotaia doppia). In conseguenza di ciò si è stabilito di installare progressivamente iniziando dalle aree più critiche nuovi circuiti di binario alimentati a 83,3 Hz come portante fondamentale.

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 12415
Iscritto il: mar 25 mag 2004 14:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Ferrovie in Sardegna

#955 Messaggio da sr » gio 15 nov 2018 14:11

Lirex ha scritto:
gio 15 nov 2018 12:47
Alla fine si è giunti alla conclusione che le nuove linee avrebbero disturbato i circuiti di binario tradizionali a 50Hz che si trovavano a distanza inferiore a 3000 m ( se rotaia singola) o 1000 m ( rotaia doppia).
::-?:
Questa non l'ho capita.
Intendi singolo binario/doppio binario?
E comunque non vedo come possa essere diversa l'influenza in termini di distanza.
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1995
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: Ferrovie in Sardegna

#956 Messaggio da Lirex » gio 15 nov 2018 15:01

Se su una linea a 25 kV circolano treni, la corrente di trazione di ritorno viaggia sia nelle rotaie che nel terreno ed, essendo alternata, produce un campo elettrico che varia col quadrato della distanza e si propaga all'esterno della linea.
Se nelle vicinanze c'è una linea/stazione a 3kVcc che utilizza cdb a 50Hz ( sia per gli apparati centrali che per il segnalamento) si è visto che il campo disturbante a 50Hz potrebbe alterare il funzionamento del cdb; se il cdb è a singola rotaia ( una rotaia per il ritorno della trazione e l'altra per il segnale) si sta tranquilli solo se la distanza è superiore a 3km ( sicuramente sono misure molllto prudenziali), mentre se il cfb è a doppia rotaia ( quelli con le casse induttive), si può scendere a 1 km. Al di sotto conviene usare sulla linea a 3kV dei cdb a 83.3 Hz.

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 12415
Iscritto il: mar 25 mag 2004 14:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Ferrovie in Sardegna

#957 Messaggio da sr » gio 15 nov 2018 16:41

:idea:
Ecco!
Ho dimostrato ancora una volta la mia asinaggine elettrica! :sofa:
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Avatar utente
Dimitrakis
*
*
Messaggi: 141
Iscritto il: mer 20 nov 2013 0:31

Re: Ferrovie in Sardegna

#958 Messaggio da Dimitrakis » gio 15 nov 2018 17:40

I Pali e le catenarie sono state eliminate? Non potevanno essere usate per una elettrificazione a 3kV?

Vespa
*
*
Messaggi: 329
Iscritto il: gio 12 mar 2009 23:15
Località: Cagliari

Re: Ferrovie in Sardegna

#959 Messaggio da Vespa » gio 15 nov 2018 18:15

Rimangono i pali (solo la parte verticale) sulla Cagliari - Decimomannu, escluso tutto il piazzale binari della stazione di Cagliari. Sulla Villasor - Sanluri è stato eliminato tutto durante il raddoppio.

Avatar utente
aga
*
*
Messaggi: 116
Iscritto il: mar 27 apr 2004 17:45
Località: Cagliari

Re: Ferrovie in Sardegna

#960 Messaggio da aga » gio 17 gen 2019 10:02

Il Bacc sulla Cagliari Decimomannu è stato installato quando il progetto dell’elettrificazione era già morto da un pezzo. Fino ai primi anni 90 la Cagliari Decimo era, si raddoppiata ma con Bem, no Acei e due sole sezioni di blocco.

Rispondi