Linea Formia - Gaeta

Lavori, storia, progetti, AV, tecnica su TE armamento e segnalamento.

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
Avatar utente
Amerigo
*
*
Messaggi: 904
Iscritto il: gio 23 dic 2004 20:40

Re: Linea Formia - Gaeta

#61 Messaggio da Amerigo » ven 06 set 2013 12:34

Semplice cambio della denominazione della stazione di Formia in Formia-Gaeta dal giugno (?) dello scorso anno...
Temo che il sciognoooo si sia ormai dissolto (ma ammetto di covare ancora un residuo di speranza. ?. )

Avatar utente
GT3.2
**
**
Messaggi: 2713
Iscritto il: mer 19 gen 2005 11:08
Località: Annecy

Re: Linea Formia - Gaeta

#62 Messaggio da GT3.2 » mar 10 set 2013 10:24

vr80 ha scritto:Sono passato sabato scorso ed i lavori sono ancora fermi. La posa del nuovo binario si è fermata all'altezza del bivio che Via Sant'Agostino porta al quartiere Sant'Anna di Gaeta.
Quindi quanti km sono stati posati sul totale da ripristinare?
Vogliamo l'Eurostar AV Milano-Bologna-Adriatica - FINALMENTE ARRIVATO!!
Vogliamo la riapertura delle linee "del Tonchino" (Evian-St. Gingolph) e Annecy-Albertville
Vogliamo un servizio decente tra Italia e Savoia! via Sempione E via Modane

vr80
*
*
Messaggi: 422
Iscritto il: mer 25 feb 2009 15:06

Re: Linea Formia - Gaeta

#63 Messaggio da vr80 » mar 29 lug 2014 14:39

I Km esatti non li so comunque più o meno sono stati posati binari per 2/3 del percorso.

Avatar utente
superP
**
**
Messaggi: 1574
Iscritto il: mer 04 mar 2009 8:36
Località: Provincia di Genova

Re: Linea Formia - Gaeta

#64 Messaggio da superP » mer 30 lug 2014 6:15

Tutto sempre fermo?

vr80
*
*
Messaggi: 422
Iscritto il: mer 25 feb 2009 15:06

Re: Linea Formia - Gaeta

#65 Messaggio da vr80 » mer 30 lug 2014 13:39

Purtroppo si.

vr80
*
*
Messaggi: 422
Iscritto il: mer 25 feb 2009 15:06

Re: Linea Formia - Gaeta

#66 Messaggio da vr80 » ven 25 set 2015 11:16

Da pochi mesi si parla del fatto che la ferrovia in un primo momento non arriverà a Gaeta centro ma si fermerà in località Bevano (proprio dove ora arrivano i binari di cui parlavo nei post precedenti). A giugno hanno tolto le erbacce (già cresciute nuovamente) dalla sede ferroviaria nei pressi di Bevano.

Avatar utente
Alessandro99
**
**
Messaggi: 9664
Iscritto il: dom 29 apr 2012 9:30
Località: Su un Frecciarossa1000 o su un 500...
Contatta:

Re: Linea Formia - Gaeta

#67 Messaggio da Alessandro99 » gio 28 apr 2016 9:33

In questi giorni si sta riparlando di questa linea

Avatar utente
Alessandro99
**
**
Messaggi: 9664
Iscritto il: dom 29 apr 2012 9:30
Località: Su un Frecciarossa1000 o su un 500...
Contatta:

Re: Linea Formia - Gaeta

#68 Messaggio da Alessandro99 » gio 28 apr 2016 9:35

Immagine
Immagine


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

alealeale
*
*
Messaggi: 611
Iscritto il: mar 12 nov 2013 17:18

Re: Linea Formia - Gaeta

#69 Messaggio da alealeale » gio 28 apr 2016 9:47

si in binari sono tuttora visibili. e arrivano in centro gaeta dove per la metà sono stati asfaltati e trasformati in parcheggio.
la linea si svolge per circa 8 - 10 km in zona collinare per arrivare a formia.
sarebbe interessante scoprire il servizio passato, la storia e la dismissione, era traffico merci con buone probabilità. chi sa di più??

Avatar utente
RegioAV
**
**
Messaggi: 4031
Iscritto il: mar 06 gen 2015 14:17

Re: Linea Formia - Gaeta

#70 Messaggio da RegioAV » gio 28 apr 2016 11:05

Una delle tante cazzate italiane.
Tra Gaeta e Formia si muovono migliaia di persone al giorno (d'inverno).
Da maggio a settembre su strada (l'unica per andare al mare) è il delirio.
C'è un servizio di bus con intervalli fino a 15 minuti.
Il bus è molto più capillare, ma il treno avrebbe dalla sua un tempo di percorrenza ridicolo rispetto a quello su strada, una manciata di minuti contro 20, 30, 50 minuti a seconda dei giorni o delle ore.

Basterebbe veramente un niente per dare respiro ad un intero bacino.

Ovviamente Formia - Gaeta nostop, senza le ridicole fermate intermedie nel nulla e minimo 2 collegamenti/h.
Ipotizzando un servizio cadenzato 5-23 Gaeta - Formia - Minturno, questo sarebbe quasi a mercato dati i bacini collegati, le connessioni dirette con Roma e Napoli, il livello della domanda, la sua struttura (business, pendolare, scolastica, turistica), la sua simmetria, elementi che garantirebbero riempimenti medi altissimi per un servizio regionale. Da farci un pensierino...ad un costo di produzione di 12 €/km per treni da tipo 300 posti e un load factor medio del 40% ci si starebbe dentro pure al prezzo di un ticket urbano...ma qualcuno però deve realizzare i binari.

PS Ricordo che da 4 anni è chiusa anche la Priverno Terracina per un caxxo di sasso caduto sui binari e nessuno vuole trovare due spicci per mettere in sicurezza il pendio.
Delriosantosubito
Delrio Ministro forever

Avatar utente
Alessandro99
**
**
Messaggi: 9664
Iscritto il: dom 29 apr 2012 9:30
Località: Su un Frecciarossa1000 o su un 500...
Contatta:

Linea Formia - Gaeta

#71 Messaggio da Alessandro99 » gio 28 apr 2016 19:15

Cancellato

Alejandro
**
**
Messaggi: 2979
Iscritto il: mer 21 dic 2005 22:31
Località: Ferrovie Regionali del Lazio

Re: Linea Formia - Gaeta

#72 Messaggio da Alejandro » sab 30 apr 2016 22:07

Come hanno riattivato la Vigna Clara Valle Aurelia, stessa cosa andrebbe fatta con la Formia Gaeta, con la sola incognjta del materiale rotabile nuovo o usato da richiedere eventualmente fuori dal Lazio, non possediamo.automotrici diesel.
L'arte della vita sta nell'imparare a soffrire e nell'imparare a sorridere..
No all'escizzazione degli Ic!!
definitivamente e felicemente defacebookizzazione completata

Avatar utente
RegioAV
**
**
Messaggi: 4031
Iscritto il: mar 06 gen 2015 14:17

Re: Linea Formia - Gaeta

#73 Messaggio da RegioAV » sab 30 apr 2016 22:23

Con la differenza che la Formia Gaeta si riattiva con pochi spicci e può portare certamente migliaia di persone al giorno, l'Anello monco se tutto va bene ci stupirà con qualche centinaio di passeggeri/die dopo aver speso 100 milioni per un binario unico gestito a spola.
Delriosantosubito
Delrio Ministro forever

vr80
*
*
Messaggi: 422
Iscritto il: mer 25 feb 2009 15:06

Re: Linea Formia - Gaeta

#74 Messaggio da vr80 » mer 08 nov 2017 12:22

Ancora tutto fermo purtroppo. Da Castellone (Formia) si vede il binario per Gaeta pieno di erbacce.
Per quanto riguarda la Priverno Terracina mi chiedo come mai la vicina superstrada è stata ripristinata in soli 4 mesi mentre per la ferrovia non è stato fatto nulla. Dicono che prima di riparare la ferrovia bisogna mettere in sicurezza la montagna ma allora anche la superstrada Frosinone Mare è a rischio frana... però è funzionante al contrario della ferrovia...

Avatar utente
massimo
**
**
Messaggi: 1790
Iscritto il: ven 20 ott 2006 11:35
Località: Roma

Re: Linea Formia - Gaeta

#75 Messaggio da massimo » lun 18 dic 2017 12:35

Forse ci siamo:

http://www.qfiumicino.com/riportiamo-il ... fiumicino/

Lo scorso 28 novembre la Regione Lazio ha erogato lo stanziamento che consentirà la riapertura della linea ferroviaria Priverno Fossanova – Terracina, interrotta da una grossa frana dall’estate 2012; stazione appaltante dei lavori sarà lo stesso comune di Terracina che quindi avrà tutto l’interesse ad accelerarne i tempi. Questa notizia si aggiunge a quella che vede il via libera al completamento dei lavori di ricostruzione della ferrovia Formia – Gaeta: due delle tre località marittime della nostra regione servite da bretelle ferroviarie “dedicate” torneranno quindi, presumibilmente entro il 2019, ad essere nuovamente raggiungibili in treno.
A mancare all’appello, è inutile dirlo, è la ferrovia per Fiumicino, chiusa dal 2000 in favore del potenziamento del servizio per l’Aeroporto, con la promessa della costruzione di una nuova stazione subito a monte del vecchio bivio tra i due rami la quale, con la scusa di insistere su un’area archeologica, non è mai stata neanche ufficialmente progettata. Eppure i lavori per le due ferrovie prima nominate sono infinitamente più impegnativi: per quanto riguarda quella di Terracina è necessario mettere in sicurezza un intero costone montano a rischio idrogeologico, mentre per Gaeta si tratta in pratica di ricostruire ex novo una linea di oltre 8 chilometri totalmente chiusa dal 1981, comprendente tra l’altro tratti in galleria e un viadotto a 25 arcate: opere di tutt’altro spessore rispetto ai due chilometri in piano e in rettilineo da ricostruire tra bivio Porto e l’area nei pressi del vecchio passaggio a livello, dove era stato ipotizzato, anche nel programma dell’Amministrazione comunale che su questo tema tenne una manifestazione in piazza Grassi prima del ballottaggio poi vinto, di costruire il nuovo terminale. Né si può dire che sia stato un processo privo di ostacoli quello per le altre due linee sulle quali fino ad alcuni mesi fa la Regione stessa ci risulta fosse tutt’altro che convinta.
A Fiumicino sul sedime ferroviario è stato nel frattempo costruito un tratto di uno dei 12 corridoi della mobilità di cui si fece promotrice la Provincia di Roma nello scorso decennio: il corridoio che doveva portare da Ostia alla Fiera di Roma e che fu finanziato solo nel tratto tra Fiumicino e Parco Leonardo (peraltro, unico dei dodici), il quale avrebbe dovuto aprire nel 2012 ed i cui lavori sono ormai pressoché completati. Il progetto del Corridoio comunque prevedeva, secondo quanto ci ha dichiarato l’Assessorato alla Mobilità della Regione Lazio, l’immediata compatibilità con l’installazione di una nuova massicciata ferroviaria qualora fosse stata presa una decisione in questo senso.
Anche se evidentemente nella nostra città non si è ancora riusciti a coagulare le energie necessarie come è avvenuto negli altri due comuni litoranei, i fiumicinesi però hanno dimostrato di non avere scordato la loro ferrovia, intervenendo in tanti sull’argomento all’assemblea pubblica “La città che cresce, lavori in corso” indetta lo scorso 15 novembre dall’Assessorato ai Lavori pubblici, e sostenendo che l’autobus per Parco Leonardo (“per ora la stazione di Fiumicino”, come ha detto il sindaco) che verrà attivato sul Corridoio non può essere la soluzione definitiva. Tra l’altro, lo stesso studio della provincia (certo, ormai datato) indicava la Portuense come una delle arterie verso la capitale meno critiche, a dimostrazione che l’esigenza è quella di un collegamento su ferro.
La riapertura della ferrovia, da sempre propugnata tra gli altri dal Comitato Pendolari Maccarese – Palidoro (che al di là del nome “storico” è il referente ufficiale della Regione Lazio e delle Ferrovie per gli utenti di tutto il Comune) e dalla Consulta cittadina sulla Mobilità, e presente nel Piano Regionale della Mobilità, Trasporti e Logistica della Regione Lazio, è stata di recente sostenuta anche dall’Osservatorio Regionale sulla Mobilità, che ne ha fatto oggetto di una proposta al Piano Urbano della Mobilità Sostenibile del Comune di Roma, fatta propria anche da Assoutenti, e che chiunque può appoggiare sulla pagina web https://www.pumsroma.it/partecipa/propo ... fiumicino/
Nella sua ultima intervista, rilasciata alla nostra rivista poche settimane prima di morire, l’ex sindaco Giancarlo Bozzetto dichiarò che il suo errore più grave era stata proprio la chiusura della ferrovia. Per rimediare a quell’errore è necessaria oggi una volontà politica forte; perché i risultati, a volte, si possono ottenere.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 3 ospiti