Valichi alpini

Lavori, storia, progetti, AV, tecnica su TE armamento e segnalamento.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
quattroe28
***
***
Messaggi: 14751
Iscritto il: mar 24 gen 2006 22:34
Località: sull'Arno nei pressi di dove entro il 2018 la tramvia avrebbe dovuto attraversarlo
Contatta:

Re: Valichi alpini

#796 Messaggio da quattroe28 » ven 14 set 2018 23:39

la strada è dminuita, la ferrovia è più o meno stabile...
Finalmente avremo i binari Daucus per i treni metropolitani a Statuto, ma purtroppo non il tram a Gavinana
cari forumisti.... potreste smetterla di scrivere quell'orrore di "bho" e ritornare al classico ed esatto "boh"????????

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8228
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Valichi alpini

#797 Messaggio da simplon » ven 05 ott 2018 13:20

dalla newsletter TrasportiItalia:

"...si è svolto a Roma un incontro tra Gianfranco Battisti, amministratore delegato e direttore generale di Ferrovie dello Stato italiane e Andreas Meyer, Ceo di Ffs. L'obiettivo è stato quello di consolidare la buona collaborazione che intercorre tra le due imprese per migliorare l’offerta internazionale di trasporto passeggeri e merci. L'incontro tra i due Ceo ha voluto confermare il bilancio positivo seguito all’apertura della Galleria di base del San Gottardo che nell’ultimo anno ha fatto registrare un aumento del numero di passeggeri pari al 3,4%....".

Anche considerando il fatto che il tunnel di base è stato aperto all'esercizio parziale nel giugno 2016 e definitivo nel dicembre 2016, non è un po' poco come successo per questa linea?
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Avatar utente
massimo
**
**
Messaggi: 1928
Iscritto il: ven 20 ott 2006 12:35
Località: Roma

Re: Valichi alpini

#798 Messaggio da massimo » gio 03 gen 2019 14:18

Vediamo quanto regge questo nuovo collegamento:

http://www.intermodale24-rail.net/news/news.html#2510

Un treno da Melzo a Lione: Hannibal guarda a ovest e sfida le rampe del Frejus.

Hannibal, l'operatore intermodale del Gruppo Contship Italia, ha iniziato da fine ottobre a far circolare un treno per il trasporto di containers e casse mobili fra Melzo e il terminal di Lyon-Venissieux, utilizzando la linea di Modane e il tunnel del Frejus.

Nella fase di avvio vengono effettuati tre roudtrip alla settimana, con partenze il Lu-Me-Ve sia da Melzo che da Lyon, con transit time A-B su una distanza di 550 km. A regime sono previsti 5 rt alla settimana. All'inizio è stata seguita la via diretta Milano-Torino, con esclusione delle merci pericolose a causa dell'attraversamento del passante ferroviario di Torino. Successivamente è stato introdotto un nuovo instradamento via Alessandria, che consente il trasporto anche delle merci pericolose, fondamentali per allargare la platea dei clienti interessati, anche se così il treno deve viaggiare in TES (Trasporto Eccedente Sagoma, la linea è classificata C32). Sono ammesse unità di carico con altezza fino a codice C45.

La trazione è affidata in Italia a macchine E483 di DB Cargo Italia, in Francia a ECR (anch'essa Gruppo DB). Si tratta fra l'altro del primo servizio autoprodotto da due filiali estere di DB Cargo, e senza far transitare il treno dalla Germania lungo il percorso.

Contship Italia ha preferito iniziare a pubblicizzare il nuovo servizio soltanto dopo quasi due mesi di test, contrariamente a quanto avviene di solito. Questo perché, da un lato, si è scelto di proporre al mercato ampio un'offerta operativa e non un "progetto", dall'altro lato perché chi lavora quotidianamente nella realtà del trasporto sa bene che avviare un traffico economicamente sostenibile sulla linea storica del Frejus non è facile né sicuro.

La linea storica del Frejus, come è ben noto a chi segue questo portale, presenta pendenze fino a oltre il 30 permille (il triplo di quanto ammesso per una ferrovia efficiente) e obbliga quindi a limitare il peso totale dei treni sia a causa della prestazione delle locomotive, sia della sicurezza nella tenuta dei ganci che uniscono i vagoni. Per le locomotive del tipo utilizzato per questo treno, il peso massimo rimorchiato è di 550 tonnellate con una locomotiva, 1.100 utilizzando due locomotive accoppiate. Si può arrivare a 1.280 tonnellate mettendo una locomotiva di spinta in coda, con costi ancora più alti per la necessità di doppio personale di guida
Se pensiamo che con la disponibilità del Tunnel di Base del Moncenisio attualmente in costruzione, si potrebbero trainare con le stesse due locomotive più di 2.000 tonnellate, è evidente che i limiti imposti dalla linea esistente portano il costo per tonnellata trasportata molto più in alto. Di conseguenza la competitività del treno rispetto all’autotreno si riduce.

Nonostante queste difficoltà, Hannbal e il Gruppo Contship hanno deciso di proporre questo collegamento, confidando nella qualità del servizio, nella capacità organizzativa delle squadre dei diversi operatori coinvolti. e nella risposta del mercato in questa contingenza favorevole legata alla crescente penuria di autisti per i camion. Resta ancora da capire se operando al limite della sostenibilità e comunque con alti costi di esercizio anche una volta raggiunta l'efficienza piena in termini di roundtrip e di riempimento, questo progetto potrà consolidarsi e durare.

Il caso di questo treno dimostra che anche un servizio utile e richiesto dal mercato, che se fosse condotto con il minor costo per tonnellata consentito dal futuro Tunnel di Base avrebbe certamente la possibilità di acquisire grandi quote di traffico dalla strada, rischia di avere vita stentata a causa dell'inefficienza della linea storica del Frejus.

Coccodrillo
***
***
Messaggi: 10145
Iscritto il: lun 10 mag 2004 20:30
Località: Ferrovia del Gottardo

Re: Valichi alpini

#799 Messaggio da Coccodrillo » ven 15 mar 2019 19:11

Traffico merci transalpino: nel 2018 ulteriore calo dei transiti di mezzi pesanti

:arrow: https://www.bav.admin.ch/bav/it/home/at ... 74327.html


(a breve -forse!- i miei grafici aggiornati)
Gleis 3, einfahrt des InterRegio nach Linthal, Trun, Biasca, Chiasso, ohne Halt bis Glarus.

Avatar utente
quattroe28
***
***
Messaggi: 14751
Iscritto il: mar 24 gen 2006 22:34
Località: sull'Arno nei pressi di dove entro il 2018 la tramvia avrebbe dovuto attraversarlo
Contatta:

Re: Valichi alpini

#800 Messaggio da quattroe28 » ven 15 mar 2019 23:59

dai!!!! siììì li vogliamo!!!
Finalmente avremo i binari Daucus per i treni metropolitani a Statuto, ma purtroppo non il tram a Gavinana
cari forumisti.... potreste smetterla di scrivere quell'orrore di "bho" e ritornare al classico ed esatto "boh"????????

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 12403
Iscritto il: mar 25 mag 2004 14:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Valichi alpini

#801 Messaggio da sr » dom 17 mar 2019 12:48

dai che poi li mandiamo a Tonti e Tontinulla! :mrgreen:
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 8228
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Valichi alpini

#802 Messaggio da simplon » dom 17 mar 2019 12:59

Beh, ma allora devi farli sono autostradali e mettere in luce il successo del trasporto pesante lato Francia rispetto a quegli sfigati degli svizzeri! :mrgreen:
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Astro e 20 ospiti