Treni "no-frill" per riaprire linee poco usate

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 2124
Iscritto il: ven 29 dic 2006 18:57

Re: Treni

#16 Messaggio da Andmart » ven 20 lug 2018 10:44

Il Basso di Genova ha scritto:
ven 20 lug 2018 10:38
Anche su una tramvia isolata?

Voglio dire: capisco il caso in cui una 668 finisca contro un TaigaTrommel (ma allora il SIL4 a che serve?).. Ma su una ipotetica tramvia diesel con sole corriere con le ruote di ferro, non c'è alcun bisogno di avere una resistenza a tutti quei kilonewton..
Oppure imponiamo la stessa cosa ai veicoli stradali.
UluruMS ha scritto:
ven 20 lug 2018 10:31
Ecco, e se fossero "tram extraurbani"? Senza catenaria ma in sede propria? Ovvero linee "non interconnesse", si potrebbe ovviare alle TSI...
Rispondo ad entrambi. Gli USTIF italiani hanno il brutto vizio di equiparare le tranvie extraurbane alle ferrovie isolate e richiedere più o meno le stesse cose, sfruttando alcune ambiguità di fondo del DPR 753/80 (che per esempio non c'erano nel testo unico del 1912 che questo ha sostituito). Vedi caso Limbiate, dove oltre alle menate sui PL e sugli incroci c'è anche il CT. ANSF non sta partendo con un approccio diverso, anzi persino peggiore. E' andata a chiedere cose che valgono sull'armamento con vmax oltre i 200km/h a gestori di linee che hanno vmax 50km/h!

In ogni caso sui tram valgono diverse norme UNI che rendono sostanzialmente impossibile la riconversione d'uso tranviario di un mezzo stradale .

Ed anche le TSI limitano sino ad un certo punto: le prime limitazioni ce le siamo date da soli negli anni '90 chiedendo per esempio la resistenza al tamponamento di 100kN indipendentemente dal contesto, quindi anche su linee dove i treni viaggiano a 30km/h... E se prendete anche le NDR che integrano le STI (vedere Nota ANSF prot. 013102/2016 del 13/12/2016) vedete che buona parte dei costraint maggiori li abbiamo inseriti noi a livello nazionale sulle TSI stesse.

Secondo me prima o poi qualcuno identificherà chiaramente l'Italia come il cancro delle ferrovie europee... :wall: :wall:

Avatar utente
Ugo Fantozzi
*
*
Messaggi: 533
Iscritto il: mer 20 lug 2016 21:41

Re: Treni

#17 Messaggio da Ugo Fantozzi » ven 20 lug 2018 11:09

Ma non si riesce a creare un ente (anche all'estero) per reti ferroviarie separate ed isolate con regolamenti ad-hoc? (praticamente ciò che succedeva Pre-Corato)
Solo in questo modo possono fiorire treni no-frills...

Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 2124
Iscritto il: ven 29 dic 2006 18:57

Re: Treni

#18 Messaggio da Andmart » ven 20 lug 2018 11:14

Non succedeva neanche pre-Corato, intendiamoci.

E poi nessuno verrebbe mai assumersi la responsabilità di tali decisioni. Che ci guadagna?

Avatar utente
Ugo Fantozzi
*
*
Messaggi: 533
Iscritto il: mer 20 lug 2016 21:41

Re: Treni

#19 Messaggio da Ugo Fantozzi » ven 20 lug 2018 11:23

Andmart ha scritto:
ven 20 lug 2018 11:14
E poi nessuno verrebbe mai assumersi la responsabilità di tali decisioni. Che ci guadagna?
Lo spacchettamento degli enti produce posti di lavoro,e poltrone in più...

Avatar utente
Il Basso di Genova
**
**
Messaggi: 7799
Iscritto il: sab 14 ott 2006 17:19
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
Contatta:

Re: Treni

#20 Messaggio da Il Basso di Genova » ven 20 lug 2018 14:09

Comunque un tramvai (anche quelli a pianale scasso) costa già molto meno di un treno equivalente... Sarebbe sufficiente mettere un motore diesel sul tetto (tanto ormai.. :roll: )
Paladino dei marciapiedi alti
..contromano..

Frank_Castle
*
*
Messaggi: 534
Iscritto il: dom 12 ago 2007 15:15
Località: Grugliasco (TO)

Re: Treni

#21 Messaggio da Frank_Castle » mar 24 lug 2018 20:38

Io ho trovato questa pagina interessante sulla Newcastle -Ashington.

https://www.railfuture.org.uk/Ashington+Blyth+and+Tyne
- Te ne vai?
- Ho molto lavoro... leggi bene i giornali, te ne accorgerai.
- Quale sezione?
- Sempre i necrologi.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite