Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16939
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

#16 Messaggio da Ae 4/7 » sab 25 giu 2016 11:12

TEE68 ha scritto:E la dogana, quella vera, ritorna in funzione.
Dogana che ho passato ancora ieri sera, senza alcun problema, con quattro bottiglie di lambrusco, dello speck dell'Alto Adige e un pezzo di Parmigiano Reggiano...
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

#17 Messaggio da luca295 » sab 25 giu 2016 11:17

Il problema della dogana riguarda lo scambio di merci, non una fetta di prosciutto che ti porti dietro.

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25146
Iscritto il: lun 22 dic 2003 9:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

#18 Messaggio da paolo656 » sab 25 giu 2016 11:19

Però sono aspetti diversi. La merce non accompagnata fa dogana, costa l'operazione anche se non ci sono imposte o dazi perchè comunque va gestita come pratica.

Per quanto riguarda il controllo doganale alle merci accompagnate, non è comunque un gioco. Dipende da quali sono i limiti. Non è il prodotto ma la quantità che si limita, normalmente. Dal denaro arrivando proprio agli alimentari.

Prova a entrare a VR con 3 bottiglie di vodka che costa solo 4 euro (ti controllano sempre) o con qualche grammo in più del limiti di caviale rosso (che costa anche lui 3 euro per scatoletta da 100 g) e ti passa la voglia di portare qualcosa di particolare pur se per nulla costoso a chi te lo chiede....

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16939
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

#19 Messaggio da Ae 4/7 » sab 25 giu 2016 11:22

Questo è proprio un problema delle dogane comunitarie; se ricordo bene un mio conoscente rientrando dalla Russia via Austria aveva avuto delle rogne proprio per via della vodka (peraltro al confine serbo-ungherese, in treno, ricordo di aver visto girare bottiglie di superalcolici, ma i Grenzer magiari parevano più interessati a controllare le persone)...

Mentre alla dogana commerciale a quanto mi consta non si sdoganano merci per uso personale...
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25146
Iscritto il: lun 22 dic 2003 9:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

#20 Messaggio da paolo656 » sab 25 giu 2016 11:27

Dipende dalle dogane. Merce personale non accompagnata in RUS fa dogana con limiti diversi (più bassi) rispetto a quella accompagnata. Quella accopagnata non è per nulla problematica e libera nella quasi totalità delle merci, fatti salvi i limiti.

AnyFile
^_^
^_^
Messaggi: 57
Iscritto il: mer 05 dic 2007 9:28

Re: Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

#21 Messaggio da AnyFile » sab 25 giu 2016 11:34

Ae 4/7 ha scritto:Questo è proprio un problema delle dogane comunitarie; se ricordo bene un mio conoscente rientrando dalla Russia via Austria aveva avuto delle rogne proprio per via della vodka (peraltro al confine serbo-ungherese, in treno, ricordo di aver visto girare bottiglie di superalcolici, ma i Grenzer magiari parevano più interessati a controllare le persone)...

Mentre alla dogana commerciale a quanto mi consta non si sdoganano merci per uso personale...
Dall'unificazione dei mercati e libera circolazione delle merci fanno eccezione

*alcolici
*tabacchi
*caffè
*veicoli a motore
(e forse qualcos'altro).

Proprio perché soggetti a tassazione particolare ( e fortemente diversa tra stato e stato) sono state mantenute delle restrizioni sugli spostamenti intracomunitari.

Per questi articoli è consentito potare in franchigia (senza dover pagare le tasse nel paese di destinazione) quello che è per uso personale. A differenza delle importazioni da fuori della UE non vi è una quantità limite prestabilita. In teoria se uno dimostra che lo importa per fini personali può importarne quanto ne vuole.

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: RE: Re: Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

#22 Messaggio da luca295 » sab 25 giu 2016 11:39

paolo656 ha scritto:Però sono aspetti diversi. La merce non accompagnata fa dogana, costa l'operazione anche se non ci sono imposte o dazi perchè comunque va gestita come pratica.
....
Appunto. Ed e' quello che conta a fini trasportistici ( argomento del topic).
Imho, Uk fuori dalla Ue intensifichera' gli scambi con Us e commonwealth e diminuira' quelli con la Ue stessa.

Riguardo al trasporto di passeggeri, caleranno anche essi perche' in parte dipendono dagli scambi commerciali, e perche' sara' comunque piu difficile recarsi in Uk per lavorare.

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25146
Iscritto il: lun 22 dic 2003 9:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

#23 Messaggio da paolo656 » sab 25 giu 2016 11:43

Non ho mai scritto che non e' vero sul lato trasporti.

Penso che alcuni prodotti semplicemente li paghera' leggermente di piu', considerato che comprarli da altre parti potrebbe essere non possibile o potrebbe essere piu' costoso il fronte trasporti, pero'.

Sul discorso persone sono abbastanza d'accordo.

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

#24 Messaggio da luca295 » sab 25 giu 2016 11:56

E infatti io citavo il tuo intervento cone spunto, non davvero in contrapposizione.

Avatar utente
44410496
**
**
Messaggi: 1641
Iscritto il: mar 22 set 2009 8:28

Re: Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

#25 Messaggio da 44410496 » mar 11 apr 2017 20:56

http://www.affaritaliani.it/affari-euro ... 73637.html

Commercio e Brexit, partito il primo treno da Londra alla Cina. Impiegherà tre settimane il primo treno merci partito da Londra alla volta della Cina. Così May vuole mantenere la leadership commerciale dopo la Brexit

Ha lasciato la stazione di London Gateway sull'estuario del Tamigi il primo treno merci della storia ad attraversare due continenti per mettere in comunicazione diretta Gran Bretagna e Cina. Il convoglio, composto da 32 container per una lunghezza totale di piú di mezzo chilometro, arriverà nella cittadine di Yiwu. Il treno ripercorre l'antica via della seta che si snoda tra Europa ed Asia: 12 mila chilometri in totale

Si apre il commercio su rotaia Uk-Cina


Il 18 gennaio era arrivato in Europa il convoglio proveniente dalla Cina e carico di abiti e altri beni a basso costo. Il treno é ripartito carico di whisky, bevande analcoliche e prodotti per l'infanzia. Non si tratta di un viaggio economico, visto che la nave rimane ancora il mezzo in assoluto meno costoso. Ma il treno impiega meno giorni, appena 18 giorni, e condizioni di viaggio piú sicure.

Londra rinforza i legami con Pechino


La tratta su rotaia inoltre è più economica di quella aerea e offre alle compagnie di logistica anche un opzione in più per le spedizioni, oltre a rafforzare il ponte tra Londra e Pechino. Il treno attraverserà il tunnel della Manica, la Francia, il Belgio, la Germania, la Polonia, la Bielorussia, la Russia e il Kazakistan prima di raggiungere il territorio cinese.

Avatar utente
Ugo Fantozzi
*
*
Messaggi: 434
Iscritto il: mer 20 lug 2016 20:41

Re: Conseguenze della Brexit sulle ferrovie inglesi ed europee

#26 Messaggio da Ugo Fantozzi » lun 16 lug 2018 20:18

Lirex ha scritto:
ven 24 giu 2016 11:01
Ho visto su Railway Gazette la dichiarazione di Eurotunnel che dice che la Brexit non avrà influenza sul traffico nel Tunnel in quanto regolato da una specifica convenzione francia-Inghilterra, sara vero... ? e comunque, si possono ipotizzare conseguenze ferroviarie sia nel campo dei servizi che in quello dei costruttori e delle regolamentazioni ?
Germany’s state rail operator has shelved plans for international high-speed services between London, Cologne and Frankfurt due to “changes” in the “economic environment”, The Independent has learned.

Deutsche Bahn (DB) said the services to London would now “not be on the agenda in the foreseeable future”, despite just last year saying they were “still interested”.

The company would neither confirm nor deny whether uncertainty caused by floundering Brexit talks had played a part in their decision to mothball the project, saying they did not want to wade into politics.
https://www.independent.co.uk/news/uk/p ... 94806.html

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite