Zibaldone britannico

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
XauMankib
*
*
Messaggi: 107
Iscritto il: sab 23 set 2017 10:05

Re: Zibaldone britannico

#91 Messaggio da XauMankib » mer 06 giu 2018 12:00

Praticamente si.
Per prepararsi alla stagione alta ferroviaria, hanno messo talmente tanti treni che alla fine, per coprire tutto, dovevano mandare macchinisti in overtime.
Tira che tira, niente persone in più e niente più treni.
Troppo ottimismo nel fare le cose.

fabribo
**
**
Messaggi: 2373
Iscritto il: lun 22 dic 2003 21:02
Località: Castel Maggiore (Bologna)

Re: Zibaldone britannico

#92 Messaggio da fabribo » mer 06 giu 2018 13:49

I dettagli qui

https://www.northernrailway.co.uk/temporary-timetables

Praticamente gli orari hanno validità settimanale o quasi.... :?

Saluti.
Fabrizio.
1 Dicembre 2013 : il mio ultimo viaggio da Torino a Bologna sul 2067
22 Dicembre 2003-22 Dicembre 2017 : i miei primi 14 anni FOL-LI

XauMankib
*
*
Messaggi: 107
Iscritto il: sab 23 set 2017 10:05

Re: Zibaldone britannico

#93 Messaggio da XauMankib » mer 06 giu 2018 16:32

Risolvono il risolvibile.
Il ballo settimanale degli orari durerà per almeno due mesi.

ssb
**
**
Messaggi: 2577
Iscritto il: mar 09 dic 2014 18:24

Re: Zibaldone britannico

#94 Messaggio da ssb » mer 06 giu 2018 22:12

Va detto che in UK fare gli straordinari è la normalità per la gran parte del personale ferroviario e praticamente il funzionamento della ferrovia si basa (anche) su quello.

Basti dire che esistono ancora macchinisti e CT che hanno contratti “Sundays out”, ovvero le domeniche escluse, ovvero se non ti va di lavorarci non ci lavori la domenica! Cose assurde per noi qui. Chi lavora la domenica tipicamente è chi lo fa per lo stipendio domenicale (o altri motivi).

Quindi non è così assurda come lo sarebbe qui quella situazione (pur essendo imbarazzante).

ssb
**
**
Messaggi: 2577
Iscritto il: mar 09 dic 2014 18:24

Re: Zibaldone britannico

#95 Messaggio da ssb » mar 12 giu 2018 9:43

A completamento di quanto detto pare che il disastro Thameslink sia dovuto alla mancanza di macchinisti formati per le linee (sia vecchie che nuove) e i mezzi necessari, sembra siano state varie riorganizzazioni di depositi senza che poi il personale fosse poi formato su quanto gli sarebbe servito post-apertura e che le due TOC abbiano sottovalutato i tempi e la logistica necessaria per queste formazioni, ovvero: in UK la conoscenza linea è presa molto sul serio (anche per delle peculiarità del loro sistema), non è stato considerato per formare un macchinista occorrono varie settimane ed è quest’ultimo ad avere sempre l’ultima parola se la conoscenza sia acquisita oppure no. Inoltre qualcuno da qualche parte ha decisamente sottovalutato il fatto che per mandare un macchinista a fare conoscenza linea lo si deve togliere da un altro servizio, quindi manca...questo si è andato a sovrapporre a quanto detto sopra riguardo agli straordinari.

ssb
**
**
Messaggi: 2577
Iscritto il: mar 09 dic 2014 18:24

Re: Zibaldone britannico

#96 Messaggio da ssb » mer 13 giu 2018 6:54

https://www.londonreconnections.com/201 ... the-blame/

Saltano fuori dettagli interessanti...
A metà 2017 si era trovato un accordo tra il dipartimento e GTR per il pagamento di una “penalità” dovuta alla penosa performance del 2016.
Curioso è che durante queste negoziazioni i due soggetti si sono accordati anche per il pagamento anticipato di una multa di 10mln£ nel caso avessero dovuto esserci problemi fino a settembre 2018 con le nuove attivazioni.
Praticamente questi hanno pagato la “tassa” e al momento non hanno probabilmente nessuna fretta di ristabilire un servizio decente, essendo paraculati fino a settembre.

Avatar utente
Ugo Fantozzi
*
*
Messaggi: 476
Iscritto il: mer 20 lug 2016 21:41

Re: Zibaldone britannico

#97 Messaggio da Ugo Fantozzi » sab 07 lug 2018 7:27

https://www.telegraph.co.uk/travel/news ... -eurostar/

Low-cost rival to Eurostar proposed – with slower trains and departures from Stratford

Budget cross-Channel trains may soon come into service between London and Paris as a cheaper but slower alternative to the high-speed Eurostar service.

Getlink, which operates the Channel Tunnel, is proposing to open the route to a new service between Stratford, in east London, and Roissy station, beside Charles de Gaulle Airport, north of Paris.

XauMankib
*
*
Messaggi: 107
Iscritto il: sab 23 set 2017 10:05

Re: Zibaldone britannico

#98 Messaggio da XauMankib » dom 15 lug 2018 14:17

https://www.aol.co.uk/amp/2018/07/14/fr ... ed-on-sun/

In breve, Northern taglia 170 servizi domenicali, soprattutto nella Greater Manchester, nel Cheshire e nel Lancashire.
Motivo sarebbe assenza di personale la domenica.

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 13708
Iscritto il: sab 26 apr 2008 12:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: Zibaldone britannico

#99 Messaggio da UluruMS » ven 20 lug 2018 17:51

https://www.railjournal.com/index.php/b ... l?channel=

Sulla crisi della ferrovia in UK, l'opinone di David Briginshaw, che mi sento di condividere; visti i precedenti :sofa: direttamente in italiano grazie alla mia pigrizia :mrgreen: e google translate :>:):
Ci sono diversi gravi problemi che hanno portato alla crisi: il crollo per la terza volta della franchigia Inter-City East Coast; continue controversie industriali che interessano diversi operatori, alcuni dei quali sono durati più di un anno; l'incapacità del gestore dell'infrastruttura Network Rail (NR) di completare diversi progetti importanti nei tempi e nel budget e di pianificare il calendario in modo affidabile e in tempo utile; e ora enormi disagi ai servizi sulle reti di due importanti operatori, Northern e Thameslink, in seguito all'introduzione di un nuovo orario il 20 maggio. Aggiungi a questo mix il Dipartimento per i trasporti (DfT), che non riesce a dare la leadership quando necessario, mentre micromanages franchisee.

Il sistema di franchising britannico è chiaramente in difficoltà. Il costo dell'offerta è esorbitante ei margini sono diventati sottilissimi, mentre la necessità di prevedere con precisione ricavi e costi con almeno sette anni di anticipo, al fine di garantire sia l'aumento dei pagamenti annuali o una riduzione delle sovvenzioni, aumenta il rischio di fallimento.

Ciò ha portato a un numero in calo di potenziali organizzazioni disposte a fare offerte per franchising, con nove operatori privati ​​attivi. Molte delle franchigie britanniche sono ora gestite da filiali di ferrovie statali europee che dispongono di enormi risorse e non sembrano preoccuparsi di prendere una scommessa.

Abbiamo appena assistito al crollo della joint venture Stagecoach-Virgin sulla East Coast Main Line (ECML), che non poteva più permettersi di soddisfare i suoi pagamenti premium di poco più di tre anni nel suo franchise di otto anni. L'operatore di DfT di ultima istanza, London North Eastern Railway (LNER), è subentrato il 25 giugno.

Il segretario di stato per il trasporto, Chris Grayling, afferma che il DfT "inizierà a lavorare con NR per riunire i team che gestiscono la pista e i treni sulla rete LNER". Questa sarà la seconda volta che il DfT ha provato a avvicinare un affiliato e NR. La prima riguardava l'ex franchigia di South West Trains che, nonostante fosse l'unico operatore su quella particolare rete, fallì. Ma l'ECML è utilizzato da nove operatori di passeggeri e da diverse compagnie di trasporto merci, quindi è abbastanza un modo per avvicinare LNER e NR mentre escludendo che tutti gli altri lavoreranno è un mistero.

Il nuovo calendario ha comportato un'importante riorganizzazione dei servizi Northern e Thameslink e un aumento della frequenza, ma è crollato il primo giorno con centinaia di treni cancellati. Entrambi gli operatori hanno introdotto calendari temporanei nel tentativo di stabilizzare la situazione mentre trovano una soluzione.

Sembrano esserci diverse cause di questo fiasco. Mentre NR ha completato l'enorme progetto Thameslink da 7 miliardi di sterline in tempo, che includeva la ricostruzione completa della stazione di London Bridge e l'introduzione di ATO su ETCS Level 2 nella sezione centrale Thameslink nel centro di Londra, l'elettrificazione del corridoio Manchester - Bolton - Preston - Blackpool corse tardi e NR non ha dato un avvertimento adeguato al Nord.

C'era chiaramente una mancanza di comunicazione sia all'interno delle organizzazioni che tra loro. I dirigenti di Thameslink e Northern avrebbero dovuto sapere che non avevano un equipaggio di treno sufficiente con la conoscenza del percorso necessaria per gestire il nuovo orario e, anche se lo sapevano, non lo hanno comunicato a NR e al DfT. Portare alla cieca non è una ricetta per il successo.

Il dipartimento degli orari della NR ha subito una fuga di cervelli quando NR ha trasferito la sua sede da Londra a Milton Keynes nel 2012 come parte di una misura di riduzione dei costi. Da allora il dipartimento degli orari è stato in difficoltà e non è riuscito a far fronte all'enorme numero di cambiamenti di quest'anno che hanno causato numerosi errori e diversi orari non pubblicati in tempo.

L'incapacità di NR di gestire alcuni dei suoi principali progetti è stata ovvia per qualche tempo. Mentre alcuni sono stati gestiti bene, come il Thameslink e la ricostruzione della stazione di Reading sulla Great Western Main Line (GWML), è in difficoltà in altre aree, in particolare l'elettrificazione del GWML e nell'Inghilterra nordoccidentale. Come possono esserci così tante variazioni nella consegna dei progetti in NR?

Il DfT ha mostrato scarso interesse nel cercare di risolvere l'attuale ondata di disordini industriali, che deriva in gran parte dalla sua insistenza sul fatto che i nuovi affiliati cercano di eliminare i conduttori sui treni dei pendolari per ridurre i costi operativi. Il sindacato RMT ha fatto un salto in avanti e continua ad avere il sopravvento quando i gestori non riescono a raggiungere un accordo per fermare gli scioperi che hanno causato troppa sofferenza ai pendolari per troppo tempo.

Anche il DfT non riesce a gestire i beni nazionali. Gli offerenti in franchising sono stati incoraggiati a introdurre nuove flotte di treni, con il risultato che un gran numero di treni che hanno ancora anni di vita vengono ritirati dal servizio con poche possibilità di trovare una nuova casa.

L'aspetto peggiore della crisi è che molti giocatori senior non riconoscono nemmeno alcuni di questi problemi, tanto meno la gravità della situazione è diventata. In queste circostanze, ci sono poche possibilità di una soluzione nel prossimo futuro.
"Ingegné, io mi licenzio!"
"Ma..perché? non si trova forse bene qui?"
"No, è che da me le littorine vanno a nafta; se lo vuole il carbone se lo cavi fuori lei..."

ssb
**
**
Messaggi: 2577
Iscritto il: mar 09 dic 2014 18:24

Re: Zibaldone britannico

#100 Messaggio da ssb » ven 20 lug 2018 18:54

Decisamente il modello andrebbe rivisto. In teoria forse non è male, ma nella pratica ci sono troppi punti che non funzionano. Forse anche a causa della guida debole del DfT, ma d’altra parte bisognerebbe tener conto anche di quello (purtroppo)

fabribo
**
**
Messaggi: 2373
Iscritto il: lun 22 dic 2003 21:02
Località: Castel Maggiore (Bologna)

Re: Zibaldone britannico

#101 Messaggio da fabribo » ven 20 lug 2018 19:24

UluruMS ha scritto:
ven 20 lug 2018 17:51
Anche il DfT non riesce a gestire i beni nazionali. Gli offerenti in franchising sono stati incoraggiati a introdurre nuove flotte di treni, con il risultato che un gran numero di treni che hanno ancora anni di vita vengono ritirati dal servizio con poche possibilità di trovare una nuova casa.
Sarebbero i quarantenni HST??? ::-?:

(ne ho provati un paio proprio Domenica 24 sulla ECML tra Edinburgo e York ..... però hanno gli interni rifatti e tutto sommato non sono malvagi.... 8--) )

Saluti.
Fabrizio.
1 Dicembre 2013 : il mio ultimo viaggio da Torino a Bologna sul 2067
22 Dicembre 2003-22 Dicembre 2017 : i miei primi 14 anni FOL-LI

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 13708
Iscritto il: sab 26 apr 2008 12:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: Zibaldone britannico

#102 Messaggio da UluruMS » ven 20 lug 2018 21:31

Credo sia generalizzato. Restando nei treni LP i nuovi Hitachi andranno a sostituire anche gli IC225 (1988), i Alstom 180 (2000), ABB 166 (1992), Siemens 185 (2005).
Passi per treni 40 anni, ok pure per quelli di 25-30 anni, ma....
Sostituire treni che hanno solo 13-18 anni senza prevederne un riutilizzo...
"Ingegné, io mi licenzio!"
"Ma..perché? non si trova forse bene qui?"
"No, è che da me le littorine vanno a nafta; se lo vuole il carbone se lo cavi fuori lei..."

ssb
**
**
Messaggi: 2577
Iscritto il: mar 09 dic 2014 18:24

Re: Zibaldone britannico

#103 Messaggio da ssb » ven 27 lug 2018 8:31

C’è un po’ di maretta in Inghilterra dopo che il segretario Chris Grayling, a capo del dipartimento dei trasporti, interrogato a proposito del fallimento Thameslink, ha dichiarato che non intende assumersene la responsabilità, in quanto non è uno specialista in cose ferroviarie. :lol:

Se da un lato pone dei punti validi nelle proprie risposte, dall’altra dimentica (o finge di non capire) che tutto quanto costruito e progettato e approvato è una sua diretta responsabilità...

https://www.mirror.co.uk/news/politics/ ... g-12972977

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 13708
Iscritto il: sab 26 apr 2008 12:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: Zibaldone britannico

#104 Messaggio da UluruMS » ven 27 lug 2018 9:12

E a dicembre dovrebbe partire la Elizabeth Line, speriamo bene...
"Ingegné, io mi licenzio!"
"Ma..perché? non si trova forse bene qui?"
"No, è che da me le littorine vanno a nafta; se lo vuole il carbone se lo cavi fuori lei..."

dedorex1
**
**
Messaggi: 5905
Iscritto il: mer 28 set 2005 16:48
Località: Milano

Re: Zibaldone britannico

#105 Messaggio da dedorex1 » ven 27 lug 2018 9:46

Scusate, seguo solo sporadicamente questo topic
In soldoni, le ragioni dei casini a cosa sono legate?
- eccessiva competizione per le tratte
- crescita abnorme degli utenti che ha saturato i treni
- altre eventuali?
Adoratore della fu Trimurti DelrioCascettaGentile
Fondatore del DelrioSantoSubito Club (NB iscrizioni attualmente sospese per previsto taglio contributi TPL 2017)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti