Potenziometro (chiedo aiuto)

I vostri lavori - Tecniche di costruzione - DCC (impianti fissi)

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
Avatar utente
Mario De Prisco
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2284
Iscritto il: ven 19 dic 2003 18:13
Località: Rende (CS)
Contatta:

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#16 Messaggio da Mario De Prisco » ven 01 mar 2013 8:26

Tz ha scritto:... ci si può divertire imparando tante cose in fermodellismo anche lasciando il digitale in negozio...
Si imparano tante cose anche portandosi il digitale a casa. Certo sono diverse ed altrettanto certamente sono più al passo con i tempi. E se proprio vuoi smanettare (risparmiando) con saldatori e componenti particolari... esistono anche tanti progettini da realizzare!
DCC for ever!
Ciao a tutti
Mario
Mario De Prisco

FERROVIE ON LINE

Avatar utente
cf
**
**
Messaggi: 2120
Iscritto il: lun 01 mag 2006 11:18
Località: Berna - Ticino (Svizzera)
Contatta:

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#17 Messaggio da cf » ven 01 mar 2013 9:15

Tz ha scritto:Ecco, questo va sicuramente bene... :mrgreen:

http://www.ebay.it/itm/Reostato-a-filo- ... 0950873246

oppure questo, nuovo e con un valore più basso che dovrebbe essere più idoneo per la regolazione più precisa ma costa già troppo...

http://it.farnell.com/ohmite/rhs100/reo ... dp/2145776
E uno come questo andrebbe bene? (100ohm - 30W)
http://www.conrad.ch/ce/fr/product/4498 ... tronics-AB
Per me 30/40 euro non sono troppi considerando che me ne servono solo 3 (stazione a tre binari)
Ripeto quindi la mia domanda iniziale: quanti watt? E quanto ohm?

A chi mi chiede perché non passo al digitale, la risposta è: ho già diverso materiale analogico e mi interessa più agire da capostazione che da macchinista. Inoltre il plastico sarà piccolo con pochi treni in movimento.

grazie
CF
L'altro dì andando a Cevi...

Avatar utente
Mario De Prisco
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2284
Iscritto il: ven 19 dic 2003 18:13
Località: Rende (CS)
Contatta:

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#18 Messaggio da Mario De Prisco » ven 01 mar 2013 9:35

cf ha scritto:...ho già diverso materiale analogico e mi interessa più agire da capostazione che da macchinista. Inoltre il plastico sarà piccolo con pochi treni in movimento...
Molto chiaro. Io sono nelle tue stesse condizioni di dimensioni e numero treni, ma preferisco fare il macchinista.
Ciao a tutti
Mario
Mario De Prisco

FERROVIE ON LINE

Avatar utente
tof63
*
*
Messaggi: 887
Iscritto il: gio 01 gen 2004 22:32
Località: Torino
Contatta:

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#19 Messaggio da tof63 » ven 01 mar 2013 13:20

cf ha scritto:[E uno come questo andrebbe bene? (100ohm - 30W)
http://www.conrad.ch/ce/fr/product/4498 ... tronics-AB
100 ohm 30W corrispondono ad una corrente di 0,67A (I=radq(P/R), che è al limite, secondo me, ai fini di avere la sicurezza che non vada arrosto (bisognerebbe aver l'accortezza di lasciarne sempre inserito almeno il 5%, oppure di escluderlo completamente).

Comunque, sempre secondo me, 100 ohm sono troppo pochi per aver la sicurezza che tutti i modellini possano restare fermi quanto il potenziometro è inserito totalmente, e, per valutare la veridicità dell'affermazione, è indispensabile fare delle prove.
(leggendo in giro su internet si trova che un valore di 6 ohm può essere utile ad ottenere un rallentamento in discesa o in stazione per i modelli Marklin).
Luigi Cartello

Avatar utente
cf
**
**
Messaggi: 2120
Iscritto il: lun 01 mag 2006 11:18
Località: Berna - Ticino (Svizzera)
Contatta:

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#20 Messaggio da cf » ven 01 mar 2013 17:30

tof63 ha scritto:secondo me 100 ohm sono troppo pochi
è per questo che avevo chiesto: quanti watt? E quanto ohm?
comunque ce ne sono anche a 220Ω, 470Ω, 1kΩ, 4.7 kΩ, 4,7kΩ e 8,2kΩ (per una potenza di 30w) e costano tutti uguale.
tu cosa consigli?
tof63 ha scritto:per aver la sicurezza che tutti i modellini possano restare fermi quanto il potenziometro è inserito totalmente
Il potenziometro dovrà comandare una sola locomotiva.

grazie
CF
L'altro dì andando a Cevi...

Avatar utente
e646.060
*
*
Messaggi: 796
Iscritto il: dom 10 ott 2010 19:02
Località: Napoli

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#21 Messaggio da e646.060 » ven 01 mar 2013 18:37

Per essere sicuri che qualsiasi motore si fermi, basta collegare il terzo piedino del potenziometro all'altro polo del trasformatore (quello che va diretto al binario); così quando il potenziometro è girato tutto a destra le due rotaie sono in corto circuito e la tensione sui binari si annulla, quando è tutto a sinistra le rotaie sono collegate direttamente al trasformatore e la tensione sui binari è piena.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16207
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#22 Messaggio da Tz » ven 01 mar 2013 18:44

Mario De Prisco ha scritto:
Tz ha scritto:... ci si può divertire imparando tante cose in fermodellismo anche lasciando il digitale in negozio...
Si imparano tante cose anche portandosi il digitale a casa. Certo sono diverse ed altrettanto certamente sono più al passo con i tempi. E se proprio vuoi smanettare (risparmiando) con saldatori e componenti particolari... esistono anche tanti progettini da realizzare!
Come sai sul mio plastico unicamente orientato alla circolazione treni il DCC non serve a una cippa, nonostante questo una economica centralina DCC esiste e anche una DCS per le MTH ma solo per l'anello di prova al fine di poter provare e pasticciare con la mia 40ina di macchine digitali ma che sul plastico circolano poi in analogico. Ultimamente sono tentato di fare esperienze di automazione provando a pasticciare con Arduino...
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16207
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#23 Messaggio da Tz » ven 01 mar 2013 18:50

e646.060 ha scritto:Per essere sicuri che qualsiasi motore si fermi, basta collegare il terzo piedino del potenziometro all'altro polo del trasformatore (quello che va diretto al binario); così quando il potenziometro è girato tutto a destra le due rotaie sono in corto circuito e la tensione sui binari si annulla, quando è tutto a sinistra le rotaie sono collegate direttamente al trasformatore e la tensione sui binari è piena.
Ma in questo modo tieni sempre sotto carico l'alimentatore e se ne metti 3 di reostati in parallelo la resistenza totate incomincia a diventare troppo bassa...
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
e646.060
*
*
Messaggi: 796
Iscritto il: dom 10 ott 2010 19:02
Località: Napoli

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#24 Messaggio da e646.060 » ven 01 mar 2013 20:23

Con 100 Ohm (per un alimentatore da 12 Volt) il carico è di 120 mA, non mi sembra poi così grande... e quando non è usato basta escluderlo con un interruttore.

Piuttosto non mi convince il calcolo della potenza.

Posto tra 0,5A e 1A l'assorbimento massimo di un motore H0 (ma per molti modelli l'assorbimento è anche più basso) otteniamo una resistenza del motore tra 12 Ohm e 24 Ohm.
Con 100 Ohm di reostato e 20 Ohm di motore abbiamo un carico sul reostato che può variare tra 120mA@12V (reostato inserito totalmente) e 700mA@0,5V (reostato appena inserito) per una potenza dissipata che non arriva a 3 Watt (con reostato inserito al 25%: 300mA x 7,5V = 2,25W).
Non collegando il terzo piedino, il carico sul reostato può variare tra 100mA@10V (reostato inserito totalmente) e 600mA@0,1V (reostato appena inserito) per un massimo inferiore a 2 Watt (con il reostato al 20%: 300mA x 6V = 1,8W)

Con questi dati, direi che un potenziometro da 10W sia abbondantemente sovradimensionato; cacolando che il tempo di manovra sarà limitato si può provare a sperimentarne anche uno da 5W.

Avatar utente
tof63
*
*
Messaggi: 887
Iscritto il: gio 01 gen 2004 22:32
Località: Torino
Contatta:

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#25 Messaggio da tof63 » ven 01 mar 2013 22:49

La potenza dissipabile indicata nelle caratteristiche dei potenziometri è riferita al valore massimo di resistenza, ossia al caso in cui la corrente percorra l'intero avvolgimento resistivo.

La massima corrente sopportabile dall'avvolgimento del potenziometro è data dalla radice quadrata del rapporto tra la pontenza in watt e la corrente in ampere, ossia dalla formula I = radq(P/R).
comunque ce ne sono anche a 220Ω, 470Ω, 1kΩ, 4.7 kΩ, 4,7kΩ e 8,2kΩ (per una potenza di 30w) e costano tutti uguale
- Per 220Ω abbiamo I = radq(30/220) = 0,53 A
- Per 470Ω abbiamo I = radq(30/470) = 0,40 A
- Per 1kΩ abbiamo I = radq(30/1000) = 0,31 A
- Per 4.7 kΩ abbiamo I = radq(30/4700) = 0,185 A
Come vedi, aumentando il valore ohmico, la corrente ammissibile (che nel caso di 30W e 100 ohm è 0,67A) diminuisce.

Stabilito come valore medio di corrente assorbito dai motori 0,5A, con punte di 1A nel caso di ruote bloccate (ma ci sono dei modelli che assorbono meno - i vecchi motori G LIMA e altri che assorbono di più - esempio i vecchi ROCO), è possibile che già con 100 o 220 ohm tutti i tuoi modelli riescano a restare fermi a reostato tutto inserito (con tutti intendo non tutti assieme, ma sia la 740 Rivariossi che la E636 Roco che la 668 Lima, ossia tutti quelli che hanno motori di tipo diverso), ma con 470 ohm (o 500) è più sicuro e con questo valore resistivo, per stare al sicuro considerando 1A di corrente con reostato quasi, ma non del tutto, disinserito, occorrono purtoppo proprio 500W.
Luigi Cartello

Avatar utente
e646.060
*
*
Messaggi: 796
Iscritto il: dom 10 ott 2010 19:02
Località: Napoli

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#26 Messaggio da e646.060 » sab 02 mar 2013 2:20

tof63 ha scritto:occorrono purtoppo proprio 500W.
:shock: e chi produce questi 500W? non certo il trasformatore dei trenini...

Col reostato quasi tutto disinserito (1-2 ohm) la corrente che circola non è 1A, ma V/R cioè
12/(1+20)=0,57A
o
12/(2+20)=0,54A
e la potenza dissipata nel reostato P=VxI=RxIxI è rispettivamente:
1x0,57x0,57=0,33W
e
2x0,54x0,54=0,59W,
mentre la locomotiva consuma rispettivamente 20x0,57x0,57=6,5W e 20x0,54x0,54=5,9W.

Col reostato tutto inserito la corrente che circola è sempre V/R cioè
per 470 ohm: 12/(470+20)=0,025A
oppure per 100 ohm: 12/(100+20)=0,1A
e la potenza dissipata nel reostato P=VxI=RxIxI è rispettivamente
470x0,025x0,025=0,28W
e
100x0,1x0,1=1W,
mentre la locomotiva consuma rispettivamente 20x0,025x0,025=1,25W e 20x0,1x0,1=0,2W.

La massima potenza è dissipata quando il potenziometro è a circa 1/5 del valore nominale:
per 470 ohm abbiamo Imax=V/R=12/[(470/5)+20]=0,105A e Pmax=RxIxI=(500/5)x0,105x0,105=1,1W
per 100 ohm abbiamo Imax=V/R=12/[(100/5)+20]=0,3A e Pmax=RxIxI=(100/5)x0,3x0,3=1,8W

Anche a voler considerare il caso più sfavorevole (tensione sui binari 16V, motore della locomotiva che assorbe anche 2A quindi resistenza interna di 8 ohm) otteniamo:
Imax=V/R=16/[(100/5)+8]=0,57A e Pmax=RxIxI=(100/5)x0,57x0,57=3,73W

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16207
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#27 Messaggio da Tz » sab 02 mar 2013 19:47

e646.060 ha scritto:
tof63 ha scritto:occorrono purtoppo proprio 500W.
:shock: e chi produce questi 500W? non certo il trasformatore dei trenini...
...beh, veramente il trasformatore di alimentazione della trazione del mio plastico è un 500 VA... :oops: senza opportuni accorgimenti in un cortocircuito franco potrebbe anche fondere i binari... mentre l'elettronica di comando e controllo (BA, ACEI ecc...) è alimentata da un altro trasformatore da 160 VA... :mrgreen:

Comunque nei colcoli mi pare non debbano venire considerate solo le reistenze in gioco ma poichè si tratta di alimentare un motore occore considerare l'equazione di equilibrio del motore che è V=E+RI dove E è la forza controelettromotrice del motore... :megaball::
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
tof63
*
*
Messaggi: 887
Iscritto il: gio 01 gen 2004 22:32
Località: Torino
Contatta:

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#28 Messaggio da tof63 » sab 02 mar 2013 20:39

@ e646.060:

Tutto giusto quello che scrivi, tranne che se un motore assorbe 1A a ruote bloccate (ossia quando tutta la corrente assorbita viene trasformata in calore senza produrre energia cinetica alcuna) la resistenza interna risulta essere
R = V / I = 12V / 1 A = 12 ohm e non 20.

Se la porzione di potenziometro (quasi tutto escluso) percorsa dalla corrente vale 1 ohm, la corrente risultante I = V / R diventa 12V / (12 ohm + 1 ohm) = 0,92 A

Io non ho mai scritto che si dissipano 500W (al massimo nel potenzionetro se ne potranno dissipare una decina), io ho sempre fatto riferimento alla corrente di 1 A a ruote bloccate e quindi, per star sul sìcuro, ribadisco che occorre un potenziometro in grado di sopportare una corrente di 1 A (o 0,92 se vuoi proprio), anche se questo valore di corrente percorrerà solo una parte minima dell'avvolgimento, riscaldando solo quella, e lasciando fredda la parte restante, che però deve esserci per poter far sì che il treno possa essere fermato senza l'utilizzo di interruttori o altri dispositivi.
Luigi Cartello

frenky
^_^
^_^
Messaggi: 32
Iscritto il: gio 16 ott 2008 15:12

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#29 Messaggio da frenky » lun 17 mar 2014 15:23

cf ha scritto:Nel mio futuro plastico (analogico, in scala H0m) vorrei poter regolare singolarmente la velocità dei treni nei singoli binari della stazione (senza acquistare un trasformatore per ogni binario).
Pensavo di inserire, nel quadro di comando, un piccolo potenziometro per ogni binario (vedi foto).
Immagine
Il problema è che non capisco niente di elettronica e non so quale potenziometro mi serva (quanti watt? E quanto ohm?)
E poi, basta collegare il trasformatore al potenziometro e ai binari come indicato qui sotto?
Se qualcuno può aiutarmi...
Immagine

grazie in anticipo
CF

PS: domanda di riserva: qualcuno può indicarmi quanto è pressapoco il consumo di una locomotiva H0?

ciao, ma se usi questo articolo della Fleischmann ?
Fleischmann 6954

mi sembra proprio che fa al caso tuo.
saluti.
Frenky

http://www.tecnomodel-treni.it/dettagli.php?id=16714
pare che sia fuori catalogo, ma in giro si trova, esempio: ebay
ne trovi uno, cerchi di conoscere (chiedi aiuto a qualche amico esperto in materia) le sue caratteristiche e magari trovi qualcosa di simile nel mondo dell'elettronica per gli altri che ti servono, forse costa meno. visto anche che te ne servono un certo numero.
metterei anche un pulsante (tra il trasformatore principale e questo oggetto) che "comanda" ogni binario, per evitare che i vari convogli che hai nella stazione ti partono in simultanea. puoi mettere anche una levetta on/off, ma se la dimentiche su on ti parte il convoglio in quel momento non voluto. mentre con il pulsante, il convoglio ti parte solo nel momento in cui premi quello relativo al binario che ti serve, questo sistema l'ho utlizzato nelle mie gallerie"serbatoio", simili ad una stazione nascosta.

Avatar utente
cf
**
**
Messaggi: 2120
Iscritto il: lun 01 mag 2006 11:18
Località: Berna - Ticino (Svizzera)
Contatta:

Re: Potenziometro (chiedo aiuto)

#30 Messaggio da cf » sab 23 mag 2015 14:35

Ottima l'idea del Fleischmann 6954. Devo provare. Grazie del consiglio.
CF

PS: (scusa la risposta un po' tardiva)
L'altro dì andando a Cevi...

Rispondi