Un giro sul mio plastico

I vostri lavori - Tecniche di costruzione - DCC (impianti fissi)

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Fabio
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3986
Iscritto il: dom 21 dic 2003 13:43
Località: Verona
Contatta:

Re: Un giro sul mio plastico

#1096 Messaggio da Fabio » mer 24 apr 2019 18:55

Quello sui Roco è un problema noto che si manifesta(va) sui modelli prodotti in un limitato arco temporale.
A me è capitato su una E.412. Attak e passa la paura!
Fabio Veronesi - FERROVIE ON LINE

"Appoggiare i piedi con le scarpe indossate sul pavimento e prestare attenzione a non insudiciare il treno". [cit. BLS]

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1097 Messaggio da Tz » gio 25 apr 2019 0:12

Allora in quell'arco temporale le ho comprate tutte io ? ::-?: :mrgreen:

Ne avrò già riparate almeno 7 o 8... :wall:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1098 Messaggio da Tz » ven 26 apr 2019 14:34

Installati i due segnali SBB in galleria, le luci appaiono ovviamente sfocate nella foto...

a Sx segnale a VI e a Dx avviso di VI:

Immagine

a Sx VL ct con avviso di VL ct:

Immagine

a Sx VL ct con avviso di VI:

Immagine

a Sx VL a 60 km/h con avviso di VL ct:

Immagine

altro aspetto di VL a 60 con avviso di VL a 60 e TUTTI gli altri aspetti del segnale di avviso del binario di Dx non ho potuto visualizzarli perchè necessitano di inversione di BA e attualmente ci sono in circolazione sul plastico 18 treni... è un po' intasato... ::-?: :mrgreen:

Qui la scheda di gestione installata con ben 16 fili in ingresso e 11 in uscita giusto per gestire quei due segnali... alla faccia di chi si terrorizza per i fili nel plastico... :lol:
Inquadrato l'IC che ho dovuto aggiungere per aver cappellato originariamente le condizioni di ingresso dall'ACEI ... ::-?: sempre meglio di rifare tutto... :wink:

Immagine

Ah, non scalda più. :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1985
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: Un giro sul mio plastico

#1099 Messaggio da Lirex » ven 26 apr 2019 15:33

Ma nelle parti dove i segnali si vedono hai messo le piastrelline gialle .... oramai ti devi adeguare , se non altro per i cinesini che guidano, che poi arriva ANSFISA e ti sequestra tutto !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1100 Messaggio da Tz » ven 26 apr 2019 18:56

Riflette contro il legno del giro dell'elicoide superiore... devo colorarlo di nero o proseguire il rivestimento dell'imbocco che attualmente è di 40 cm mentre i segnali sono dentro di 70 cm.
Comunque qui regnano indisturbate le disposizioni Tz... :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1101 Messaggio da Tz » mar 30 apr 2019 15:20

Ho effettuato una accurata sessione di prova sia per l'impianto sia per alcuni materiali rotabili.

Ho messo in circolazione contemporanea i 18 seguenti materiali tutti rigorosamente viaggiatori con illuminazione interna:

FS
TEE 442/448
E 636 + 4 vetture 1921
Gr 744 + 3 vetture 100 porte
Ale 840 + Lebc
E 444 + 6 vetture Eurofima

DB
TEE VT 11
ICE-T
VT 610
VT 06
ET 85
E 103 + 5 vetture TEE
Br 39 + 3 vetture storiche
BR 44 + 4 vetture storiche

SBB
C5/6 + 2 vetture
E 460 + 9 vetture IC

OBB
1141 + 6 vetture IC

SNCF
CC 72000 + 5 vetture DEV
BB 4100 + carro puliscibinari (la salute del circuito... :wink: )

e inserito l'automatismo ho avviato la circolazione che consiste nella circolazione a BA sull'intero percorso ad anello che consta di 32 sezioni di BA e 300 m di lunghezza.
Nell'armadio relè (ACEI + BA) all'accensione la temperatura era di 19°C e l'armadio chiuso da antine.
La prima rilevazione l'ho eseguita quando si è completato un intero percorso, ovvero dopo che ogni treno aveva percorso completamente tutto il tracciato con ovviamente le restrizioni di circolazione dovute a intenso traffico e considerando che la velocità media era poi quella imposta dal treno più lento (lo sfizzero a vapore con la C5/6... :mrgreen: ) anche se visivamente la restrizione non è assolutamente percepibile perchè su ogni sezione di BA ogni treno raggiunge la velocità massima sua propria (a parità di tensione) pena poi fermarsi al segnale... :roll: e l'intero ciclo è durato ben 29'... :shock: ovvero ogni treno è tornato sulla sua sezione di BA originaria dopo 29' di percorrenza... :lol:
Durante la circolazione ho rilevato dagli strumenti una corrente media del circuito di comando abbastanza costante di circa 5 A mentre la corrente del ciruito di trazione era molto più variabile tra 5 e puntate di oltre 8 A... non male considerando tutti i materiali illuminati ma nessuna doppia trazione.
Dopo tale tempo ho misurato la temperatura interna dell'armadio relè nella parte alta ovvero quella del BA cioè della trazione rilevando 36°C... ::-?: concludendo che non avevo sbagliato ad aggiungere le alette di raffreddamento agli SCR... :wink:
Ho lasciato continuare la circolazione per un'altra intera sessione completa di un'altra mezz'ora però inserendo la ventilazione forzata dell'armadio relè che consiste in una ventola da PC aspirante da una parte e una estraente dalla parte opposta... al termine ho rilevato una temperatura di 26°C... :mrgreen: quella ventilazione che mi sembrava proprio un'inutile aggiunta invece mi pare indovinata soprattutto in considerazione della stagione estiva... :D
Nessun riscaldamento rilevabile invece per i due ACEI mentre irrisori erano invece gli aumenti di temperatura della parte alimentatrice sia di comando sia di trazione (variac, trasformatore e alimentatori switching) per il loro grande sovradimensionamento... :wink: Temperature rilevate con termometro a laser.

Conclusioni: nessuna anomalia rilevata nell'impiantistica di progetto e realizzazione "made in Tz"... :mrgreen: mentre prima di poter effettuare prove valide molte circolazioni dei materiali hanno dovuto essere effettuate per mettere a punto composizioni che non creassero problemi sull'intero percorso... ben pochi sono andati bene fin dall'inizio... :wall:
Dalla prova generale è comunque apparsa la necessità di tipo scenografico (non problemi impiantistici) di spostare il punto di fermata di due sezioni di BA in vista perchè poco consono alla spettacolarità e questo necessita lo spostamento di circa 1 m dei loro reed di frentura... questo sarà il prossimo lavoro.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

ssb
**
**
Messaggi: 2931
Iscritto il: mar 09 dic 2014 18:24

Re: Un giro sul mio plastico

#1102 Messaggio da ssb » mer 01 mag 2019 8:50

SBB
E 460
E? :megaball:

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1103 Messaggio da Tz » mer 01 mag 2019 10:12

Tra gli E crucchi e gli E nostrani c'è scappato anche l'E sfizzero... fai così: cambialo con "Re"... :D
Poi se tutto il resto va bene vuol dire che mi è andata di 'ulo... :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1104 Messaggio da Tz » dom 19 mag 2019 14:05

Tz ha scritto:
mar 30 apr 2019 15:20
Dalla prova generale è comunque apparsa la necessità di tipo scenografico (non problemi impiantistici) di spostare il punto di fermata di due sezioni di BA in vista perchè poco consono alla spettacolarità e questo necessita lo spostamento di circa 1 m dei loro reed di frentura... questo sarà il prossimo lavoro.
Ho risolto in maniera più elegante il problema, ovvero, invece di modifiche impiantistiche (spostamento dei reed) l'ho risolto con modifiche elettroniche... :D
Dovendo spostare, raddoppiandolo, il punto di fermata rispetto l'attuale sulle rispettive schede di BA ho inserito in serie al trimmer di frenatura una resistenza fissa di opportuno valore (18k su una e 27k sull'altra) utilizzando il trimmer solo per la regolazione fine... :wink: In sostanza ho appiattito molto la curva di scarico del condensatore pilota dell'alimentatore. Ora i treni si fermano in una zona più scenograficamente idonea e realistica rispetto i segnali di 1^ cat.
Non tutti però... perchè in analogico ci sono varie motrici con velocità molto diverse a parità di tensione e quindi il punto di fermata varia molto da treno a treno... occorre quindi portarli tutti all'interno di un "range" di velocità a parità di tensione affinchè non volino i segnali... che comunque nel mio impianto è solo un apetto estetico e non funzionale per la tipologia di BA che avevo ideato nel 1989 e poi installato nel plastico nel 2001.
Pertanto su varie motrici troppo veloci devo inserirci in serie al motore delle coppie di diodi (1N4007) per ridurre la velocità.
Questo per le macchine analogiche mentre per le digitali (già d'origine o digitalizzate in proprio) ho visto che il problema non esiste perchè sono già più lente per la caduta stessa imposta dal decoder.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1105 Messaggio da Tz » lun 20 mag 2019 15:49

Le prove intensive che sto eseguendo con quei 18 treni in circolazione contemporanea (in realtà sono 19 perchè in circolazione tengo sempre anche il "puliscibianri"...) mi servono sia per controllare/affinare le tarature del BA sia come importanti test di "endurance" per i materiali rotabili soprattutto le motrici che devono continuamente andar su e giù dai +70 ai +210 cm da terra sui 300 m di binari con anche lunghi elicoidi con il 3% di pendenza.
In alcune ore di prove continuative finora nessuna motrice ha dato segni di "stanchezza" ma quelle che soprattutto mi stanno impressionando sono i due E 103 crucchi che avevo pesantemente ristrutturato elettronicamente digitalizzandoli con il decoder economico cinesino Laisdcc e sul quale riversavo ben poca affidabilità in durata soprattutto perchè alimenta il famigerato "motorone" Roco... ma non hanno avuto nessun problema a tirarsi dietro le 5 vetture TEE illuminate (che per resistenza dovuta alle prese di corrente corrisponde a circa il doppio...) ne hanno mai denotato alcun cedimento... ovviamente alimentate in analogico. :shock: :mrgreen:

Immagine

Anche l'ICE-T Lima l'avevo digitalizzato con il Laisdcc e non sta dando alcun problema... :mrgreen: per contro si era fottuto ben presto sul TEE Breda Roco... ::-?: e non ho ancora capito perchè... ma ormai ho stabilito che quello rimane analogico.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1106 Messaggio da Tz » lun 20 mag 2019 23:14

Quei fetentoni di RFI non mi hanno dato le interruzzioni diurne per fare le prove e così ho dovuto farle in notturna... così le riprese filmate sono rimaste un po' buie... :mrgreen:

https://youtu.be/Rad1rik6CEc
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1985
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: Un giro sul mio plastico

#1107 Messaggio da Lirex » mar 21 mag 2019 10:41

Perchè sul treni di carrozze le code sono assenti ? L' omino che controlla le code che fa, dorme?

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1108 Messaggio da Tz » mar 21 mag 2019 12:26

Quello che dici sarebbe veramente importante se sul mio impianto avessi adottato il Bca perchè in caso di mancata liberazione di una sezione dovrei avere il giunto del treno per poter autorizzare lo spiombamento e il giunto lo puoi dare solo vedendo la coda.
Invece sul mio impianto è adottato il BA e quindi l'importante è che ogni veicolo assicuri l'occupazione dei cdb e tutti i veicoli in circolazione la grantiscono essendo illuminati. :mrgreen:

Nelle prove è capitato che un treno perdesse delle vetture ma rimanendo occupato il BA non si sono inculati... :wink: per contro è capitato che quelli troppo veloci volassero la sezione di BA in frenatura... :shock: motivo per cui la velocità dei treni messi in circolazione contemporanea deve essere abbastanza omogenea a parità di tensione anche se il "range" è abbastanza ampio.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1985
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: Un giro sul mio plastico

#1109 Messaggio da Lirex » mar 21 mag 2019 12:50

Si ma... almeno per bellezza, sarebbe complicato mettere per ogni composizione una carrozza con le luci di coda accese o un carro con lanterna da mettere in coda ai merci ( magari del tipo ammesso dalla amministraz. relativa, per pignoleria....)
Visto il bel filmato, la mancanza delle code salta subito all' occhio.....
PS: E' tutta invidia.....

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1110 Messaggio da Tz » mar 21 mag 2019 13:34

Per i merci avevo elaborato qualche carro con le luci di coda ma lì servivano anche per coprire la coda rispetto al BA.
Anche i 3 cabose yankee che possiedo li ho illuminati per coprire la coda dei merci americani che comunque rimangono critici nella circolazione sul mio plastico perchè tendono troppo a sganciarsi... :wall:
Per i viaggiatori dovrei modificare una vettura per ogni composizione mettendole le luci di coda e tenendola sempre in coda.

Avevo illuminato e messo le luci di coda a questa... ma poi non ho più continuato con le altre, lo farò prossimamente:

Immagine

Per contro c'erano le luci di coda applicate alla ristorante della composizione svizzera (tutte vetture che avevo acquistato usate e avevano fatto quella modifica) solo che le ho escluse perchè tenere la ristorante in coda è brutto e non ha senso.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Rispondi