Un giro sul mio plastico

I vostri lavori - Tecniche di costruzione - DCC (impianti fissi)

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1081 Messaggio da Tz » mer 10 apr 2019 18:49

...e a me sembra anche più logico perchè se un segnale è a VI non frega niente come sia il successivo... ma in Sfizzera è così...
Quindi devo modificare la logica delle due schedine aggiunte.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1082 Messaggio da Tz » mer 10 apr 2019 18:57

Ho terminato la scheda dei due segnali Sfizzeri di cui sopra avevo riportato il circuito logico e provati al banco funzionano anche ! :mrgreen:

Immagine

Immagine

Immagine

Adesso il maggior godimento è andarlo a installare dovendo riportare alla scheda tutte le condizioni dall'armadio ACEI tirando fili nelle canaline... :lol: :wall:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1083 Messaggio da Tz » sab 13 apr 2019 10:15

Mentre stavo installando e tirando fili per i segnali di cui sopra ho pensato a quanti ne devo ancora installare e ho fatto un rapido inventario, ovviamente metterò solo quelli in zone esterne e visibili mentre tutti quelli che andrebbero installati in zone non visibili perché in galleria non saranno realizzati.

Zona SBB
2 segnali di avviso isolati allineati su portale.
Segnali: portale da autocostruire, vele Schneider già acquistate.
Logica: da realizzare.

Zona DB
4 segnali: 2 di avviso isolati su stante singolo, 2 di 1^cat. accoppiati su stante singolo di protezione dell’interconnesssione.
Segnali: Viessmann già acquistati.
Logica. da realizzare.

Zona SNCF
4 segnali: 2 x 2 segnali su portale affiancati di 1^cat. accoppiati a protezione sezioni di BA.
Segnali: da acquistare.
Logica: da realizzare.

Zona FS
5 segnali di 1^cat. accoppiati di protezione dell’interconnessione.
Segnali: da acquistare e assemblare.
Logica: già realizzata su schede su MB ACEI e operativa su simulacri dei segnali. vedi sotto.


Immagine


In totale 15 segnali ancora da installare di 4 reti diverse… quanto basta per divertirsi un po’… :lol: :roll:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1985
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: Un giro sul mio plastico

#1084 Messaggio da Lirex » sab 13 apr 2019 11:55

comunque quello non è un ACEI..... :sofa: non vedo neanche un relè !
in RFI non ce ne sono, dovresti chiamarlo ACSI (apparato centrale statico a itinerari)

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1085 Messaggio da Tz » sab 13 apr 2019 12:35

In realtà i relè ci sono ma NON realizzano la logica dell'impianto ma solo funzioni accessorie:
- quelli piccoli l'alimentazione dei motori lenti dei deviatoi
- quelli grandi la corretta alimentazione dei cdb con la corrente di trazione dalle sezioni di BA.

Vedi relè inquadrati mentre TUTTIi relè posti sopra sono del BA e sono 4 per ogni sezione...

Immagine

Avevo già pensato di cambiargli nome in ACS, che sarebbe più corretto perchè tutta la logica è statica a IC, ma ho preferito lasciarlo così intendendo ACEI come:
Apparato Centrale ELETTRONICO ad Itinerari... :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Astro
**
**
Messaggi: 1267
Iscritto il: mar 17 gen 2017 15:33

Re: Un giro sul mio plastico

#1086 Messaggio da Astro » sab 13 apr 2019 20:50

Guarda che il magnetotermico protegge solo dai cortocircuiti (e dunque dagli incendi), non è un differenziale.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1087 Messaggio da Tz » sab 13 apr 2019 23:06

Cosa c'entra il magnetotermico ?
L'ho semplicemente adottato come interruttore generale per il plastico come avrei potuto usare un normale bipolare o anche unipolare che per spegnere/accendere andava (quasi) bene ugualmente... a monte di tutto c'è sempre il magnetotermico+differenziale dell'alloggio.
Forse ti riferisci al fatto di "prendere la scossa" toccando quei connettori come riportato sopra ? No, il differenziale non è mai scattato...
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1088 Messaggio da Tz » lun 15 apr 2019 8:39

Sempre in merito a quella "strana" tensione che avevo rilevato tra elementi elettrici nel plastico apparentemente senza nessuna connessione tra loro (che ho risolto invertendo la spina nella presa) ho appena letto un post su faccialibro che fa altrettanto pensare... ::-?:

Salve a tutti, ieri mi è capitata una cosa abbastanza inquietante. Stavo sostituendo una scheda di rete che non funzionava da un server e toccando la piastra metallica della NIC stessa, ho avvertito un pizzicore tipo scossa in corrispondenza della parte metallica del braccialetto antistatico che stavo indossando. Faccio ogni genere di misurazione col tester e risulta tutto normale, tranne per i 450V di potenziale in alternata tra la metal bracket e la messa a terra. Ci tengo a precisare che tra fase e neutro misuravo i classici 230V e tra neutro e terra praticamente zero. Preciso inoltre che avevo spento il server tramite l'interruttore del PSU prima del mio intervento, ma fase e neutro erano stati accidentalmente invertiti, quindi l'interruttore chiudeva solo il neutro e non la fase. Ultima precisazione, la metal bracket effettivamente non aveva modo di scaricare a terra perchè la parte del case dov'era inserita risultava verniciata. Ora, senza prendermi per pazzo, mi sapreste dire come mai un componente alimentato a 3.3V in continua può manifestare questo tipo di comportamento?

:mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1089 Messaggio da Tz » lun 15 apr 2019 19:00

Corretta la logica dei segnali OBB, ora a VI sono giustamente solo R

Immagine

Immagine

La modifica è stata anche molto semplice, è bastato eliminare un diodo... :mrgreen: solo che per farlo ho dovuto tirar giù entrambe le schedine... :roll:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Fabio
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3986
Iscritto il: dom 21 dic 2003 13:43
Località: Verona
Contatta:

Re: Un giro sul mio plastico

#1090 Messaggio da Fabio » lun 15 apr 2019 21:28

Braaaaavo! :wink:
Fabio Veronesi - FERROVIE ON LINE

"Appoggiare i piedi con le scarpe indossate sul pavimento e prestare attenzione a non insudiciare il treno". [cit. BLS]

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1091 Messaggio da Tz » ven 19 apr 2019 10:00

C'è qualcosa che non quadra... ::-?: e qui mi rivolgo agli elettronici del forum Lirex in testa... :mrgreen:

Nella scheda segnali SBB che sto installando funziona tutto perfettamente come logica ma c'è qualcosa che mi preoccupa.
A riposo, ovvero con i segnali chiusi (ma ovviamente accesi) va tutto bene mentre quando apro il segnale di avviso viene regolarmente V ma due IC tendono a scaldare... :shock:
Non da bruciare ma si scaldano abbastanza e non c'è nessun motivo perchè debbano scaldare... ::-?: Non mi è mai capitato che simili IC scaldino...

Lo schema elettrico è questo sotto e sono evidenziati in rosso e giallo quelli che scaldano:

Immagine

e sulla scheda sono questi evidenziati:

Immagine

Sto ipotizzando che autooscillino... ma come risolvere il problema ? ::-?:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1985
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: Un giro sul mio plastico

#1092 Messaggio da Lirex » ven 19 apr 2019 10:08

Gli ingressi delle porte logiche non usate sono messi a massa ?
I segnali in ingresso sono livelli logici puliti o c'è qualche segnale che non è proprio a zero o a Vcc ?
La tensione di alimentazione degli integrati e la tensione del livello 1 degli ingressi sono circa uguali ? ( se il livello 1 degli ingressi è inferiore si rischia di andare in zona lineare, se è superiore lavorano i diodi di protezione interni, fino ad un certo punto...)

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1093 Messaggio da Tz » ven 19 apr 2019 13:46

Grazie, comunque sto facendo una modifica perchè ho cappellato il comando... :roll: così come l'avevo progettato prende il comando dalla richiesta invece che dal controllo d'itinerario, ne consegue che il segnale si apre sempre anche se poi l'itinerario non si forma (es. un deviatoio non si gira)... :shock: :wall:
Per far questo i comandi presi dall'ACEI devono essere invertiti quindi devo aggiungerci un inverter su ogni ingresso di comando... in sostanza devo aggiungere un IC... :roll:
Questo per il segnale di 1^ cat + avviso mentre per quello sull'altro binario di avviso puro non cambia niente.
Devo anche alzare di molto le resitenze in serie ai led perchè sono troppo luminosi (attualmente hanno ciascuno 1800 ohm) e non posso abbasasre la tensione tarando basso il regolatore switching perchè tu mi insegni che sballo poi le tensioni di riferimento degli IC... :roll:

Vedremo come la risolvo... ::-?:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1094 Messaggio da Tz » mar 23 apr 2019 18:58

Aveva ragione Lirex. Ho alzato al massimo la tensione del regolatore in modo che la tensione di alimentazione degli IC e i livelli 1 di ingresso siano quasi uguali e gli IC non scaldano più. :mrgreen:
In sostanza quel regolatore switching se non lo mettevo era meglio... :lol: :wall:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 16210
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1095 Messaggio da Tz » mer 24 apr 2019 14:07

Maccheppalle che ogni volta che metto in circolazione qualche mezzo di trazione da un po' di tempo fermo (ne ho 270... non possono tutti girare con molta frequenza... :roll: ) qualcuno ha grane per il cedimento di qualche parte in plastica della trasmissione... :wall: :shoot:

Se posso comprendere che a una baracchetta di XBD SNCF di Jouef acquistata nel 1982 si fessuri un ingranaggio su un asse motore e saltelli questo non è più accettabile che accada a un 646 HRR di 10 anni ! :>:):
Il fatto è che alla XBD l'ho riparato (pulito con benzina, fresato leggermente l'asse e incollato l'ingranaggio con cianolit, riparazione tipica che ho già fatto su varie altre macchine e che finora non ha dato problemi) mentre tentando di fare la stessa riparazione sul 646 l'ingranaggioo si è aperto completamente... ovvero da sostituire l'asse... :wall:

Da queste grosse grane non ne è esente nemmeno Roco ma qui non si fessurano gli ingranaggi sugli assi ma cede la testa dello snodo cardanico fissata sull'albero LISCIO del motore... :wall: anche qui sempre riparati con la stessa tecnica detta sopra.

Ma è mai possibile che su modelli che ti fanno strapagare debbano sorgere grane simili su una componentistica semplice ?
Sull'impegnativo tracciato del mio plastico non ha MAI ceduto nessun motore mentre saltano simili componenti semplicemente stando fermi in vetrina ? :roll:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Rispondi