Un giro sul mio plastico

I vostri lavori - Tecniche di costruzione - DCC (impianti fissi)

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
ssb
**
**
Messaggi: 2138
Iscritto il: mar 09 dic 2014 17:24

Re: Un giro sul mio plastico

#916 Messaggio da ssb » ven 17 nov 2017 0:10

Eh e quindi cosa sono? Non fare il prezioso!

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14037
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#917 Messaggio da Tz » ven 17 nov 2017 8:02

...sarà un segreto molto prezioso... :roll:
Aspettavo solo che qualcun'altro tenti d'indovinare.
Dai, non è difficile.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14037
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#918 Messaggio da Tz » ven 17 nov 2017 12:35

Visto che nessun altro ci prova...

hai indovinato la 464 e che la foto è fatta da una Traxx... l'altro treno "abbagliante" è un AGV... lo si distingue veramente da lontano.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

gbelogi
**
**
Messaggi: 5199
Iscritto il: lun 21 ago 2006 18:08
Località: 86% oltre l'Adda 14% Roma

Re: Un giro sul mio plastico

#919 Messaggio da gbelogi » ven 17 nov 2017 19:09

Oltre a un grande plastico e una grandissima pazienza, anche grandissime fotografie da vero professionista! Complimenti!
100 % Guaranteed Friend of the USA
Italia 2018: piccole isole di buoni risultati economici, efficienza e buone pratiche in un oceano di inefficienza e declino morale ed economico.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14037
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#920 Messaggio da Tz » ven 17 nov 2017 22:49

Grazie... ma non è così come sembra.
Le foto sono tutte fatte con la vecchia macchinetta da 5 Mpx di 12 anni fa ma c'ho preso la mano ed è molto pratica e idonea per quelle foto, quella nuova è grossa, meno pratica e non c'ho ancora preso la mano ma fa foto migliori.

Il plastico non è poi tanto grande e quanto alla pazienza certe volte devo averne di più sui forum... :wink: :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14037
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#921 Messaggio da Tz » mer 22 nov 2017 8:47

Passato a digitalizzare moderni modelli di Traxx di ACME, che esteticamente e funzionalmente mi piacciono, sono rimasto però deluso aprendole.
Un po' di groviglio di fili che sono però giustificati dalla buona idea di mettere ben 3 led per ogni frontale (fanali bianchi, rossi e faro centrale) che però NON sono gestiti adeguatamente dal pcb che è penoso... :wall:
Anche in digitale non è possibile gestire separatamente il faro centrale dai fanali di testa e le rosse di coda non è possibile tenerle spente se hai il treno dietro.
Cosa faccio ? l'idea sarebbe quella di aggiungerci il mio solito talaietto autocostruito ma è problematico per il poco spazio e senza pensare all'illuminazione cabina... :shock: quindi rinuncio... addirittura non riesco a mettere il decoder diretto, quello con i pin sotto, perchè il leggero spessore in più non permette di chiudere la macchina... :roll: e devo mettere quello con il connettore e infilare il decoder nel suo posto sottocassa. Giusto riesco ad aggiungerci, incollandoli, i condensatori dell'UPS.

Qui l'interno che è identico sia per la E 483 sia per la E 186:

Immagine

e qui in prova dove esteticamente per l'impossibilità della gestione adeguata delle luci tra funzionamento analogico e digitale non cambia nulla... :roll:

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine



Questi sopra sono lavori della scorsa settimana... tranquilli che adesso sono già andato a cercarmi un'altra grana... :lol: :wall:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14037
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#922 Messaggio da Tz » ven 24 nov 2017 9:21

Passato all'elettrico "old time" ho aperto il 326 di HRivarossi (una macchina che nella realtà non mi è mai piaciuta, una versione ridotta del 428) e l'impianto elettrico mi ha fatto ancora più schifo di quelle sopra perchè con il 21 poli è logico poter pretendere un circuito più sofisticato e completo mentre invece non ci sono nemmeno le luci rosse di coda eppure lo spazio per far qualcosa di buono c'era... :wall:
Sono tentato di elaborarlo pesantemente ma desisto... per ora... ::-?: Quindi gli infilo solo il decoder 21 poli con i condensatori dell'UPS che non hanno problemi a stare sotto il pcb.

Immagine

Immagine


Apro il 428 sempre di HRivarossi e l'impianto elettrico è ancora il solito schifo ma col connettore 8 poli.
Decido di elaborarlo pesantemente aggiungendoci le luci rosse di coda e la luce cabina anteriore (aggiungendo i macchinisti) entrambe da potere accendere/spegnere in digitale gestite dal mio sperimentato circuitino ausiliario solo che per i risigati spazi devo realizzarlo in smd tenendo lo spessore a 3 mm... e lo realizzo alla buona su basetta millefori... :lol: :roll:

Immagine

poi, aggiunti i led rossi alle testate, il led di illuminazione cabina cablo il tutto come qui sotto... il decoder diretto sopra il connettore non ci sta sotto l'imperiale quindi uso un decoder con connettore e cavi ma accorcio i cavetti altrimenti occupano troppo spazio... riporto, saldandoli al connettore da sotto il pcb, i fili bianco, giallo e verde alla basetta ausiliaria, inserisco un connettore per praticità sull'illuminazione cabina e sistemo i condensatori dell'UPS nel posto previsto per il decoder.
Provato sul banco a rulli funziona tutto perfettamente... :mrgreen:

Immagine

Ora si tratta di chiudere la macchina... ma non c'è verso ! Lo spessore del decoder in quella posizione non prevista è leggermente superiore allo spazio disponibile... :roll:

Quindi devo smontare tutto e trovare un'altra sistemazione generale... :lol: :wall:

Fare e disfare è tutto un lavorare... :>:):
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Wilhem275
**
**
Messaggi: 4333
Iscritto il: mar 19 dic 2006 0:03
Località: Genova & Venezia/Padova
Contatta:

Re: Un giro sul mio plastico

#923 Messaggio da Wilhem275 » ven 24 nov 2017 14:58

Devo dire che più passa il tempo e meno sento l'esigenza delle luci di coda sulle loco datate e/o merci. Più che altro perché nel mio immaginario modellistico la loco è fatta per portarsi il giro il treno e quindi per il 99% del tempo la coda deve essere spenta.
Discorso diverso ovviamente per le macchine che possono trovarsi a spingere.

PS: chiaramente col digitale si può giocare come si vuole. E' solo per dire che se mi ritrovo una macchina antica senza luci rosse personalmenten non mi cruccerei più di tanto per aggiungergliele ;)
Petizione per l'aborto postumo dei progettisti di Italferr
Rete Ferroviaria Italiana: perché a noi, la capacità, ci fa schifo.

Se non si vedono le immagini nei miei messaggi, per favore scrivetemi.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14037
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#924 Messaggio da Tz » ven 24 nov 2017 20:17

E' vero, infatti quando sono in circolazione mi da fastidio vedere una macchina al traino di un treno con le rosse posteriori accese... ma considerando che col digitale oggi è possibile fare (quasi) tutto non vedo perchè non metterle più (quando addirittura usano stampi con ancora il posto per quelle lampadine...) o metterle senza approntare i circuiti per gestirle adeguatamente quando gli stessi decoder sono predisposti per farlo. E' una semplice aggiunta circuitale sul pcb che non costerebbe nulla fatta su larga scala... ma aggiungerle come sto facendo è da certosino... :roll:

Nel lavoro che sto facendo cerco di renderle meglio gestibili quando ci sono e metterle quando non ci sono... se non devo stravolgere troppo il modello... :wink:
Non parliamo poi della luce in cabina... che da noi è quasi inconcepibile... a meno che non siano gli stessi led che illuminano l'ambiente viaggiatori come fanno sui mezzi leggerei... :roll:

Certo che se poi paragoniamo le schifezze elettroniche che ci propinano sui nostri modelli strapagati con uno schifosissimo pcb giusto per accogliere quel penoso decoderino di cui tutti ci accontentiamo con modelli americani che (allo stesso prezzo) vengono venduti con un'elettronica da paura allora mi incazzo ancor di più !

Come qui dove puoi vedere cabine con 4, 5 e anche 6 led frontali per illuminazione di fari con effetti vari, fanali, luci di identificazione, luci cabina ecc.. che automaticamente operano in funzione della marcia gestite da schede elettroniche coi baffi vien da chiedercsi quando la smetteremo di farci prendere per il @ulo con i nostri modelli... :shoot:

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14037
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#925 Messaggio da Tz » lun 27 nov 2017 8:30

Ho rifatto il lavoro sul 428 II serie (che mi è sempre piaciuto molto sia il modello, quando a 14 anni avevo preso la scatola di montaggio TrenHObby di Rivarossi, sia nella realtà quando lo guidavo oltre 40 anni fa... insomma ci sono sempre stato affezionato... :oops: ), è venuto un cablaggio abbastanza pulito ma ho dovuto rinunciare al condensatore UPS perchè non c'era spazio nemmeno per uno da 470 uF che ritengo sia il minimo per aver senso di metterlo.
Il decoder e il circuitino ausiliario per l'illuminazione di mia costruzione in smd ci sono stati entrambi agevolmente nello spazio per il decoder... e ora finalmente si chiude senza problemi... :roll:

Immagine

Qui in prova in linea... con le luci rosse di coda che in realtà sono ben rosse ma in foto appaiono molto sbiadite... ::-?:

Immagine

e qui col normale segnalamento di testa con i macchinisti aggiunti ma cabina spenta:

Immagine

Immagine

e con cabina accesa:

Immagine

e il macchinista che tira il maniglione mentre l'aiuto guarda il fascicolo orario... :mrgreen:

Immagine

Immagine


Vabbè, anche questa è finita ma ne ho altri due 428, il I^serie (non predisposto per il digitale quindi da ricablare completamente...) e il III^ serie già predisposto... ma per ora non ne ho più voglia di digitalizzare macchine... devo cambiare lavoro... ::-?:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14037
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#926 Messaggio da Tz » sab 09 dic 2017 9:24

Ho digitalizzato e illuminato l'ICE T di Lima... ma se l'avessi saputo del tribolamento non avrei nemmeno iniziato... :roll: ... comunque è venuto bene. :mrgreen:

Non era predisposto ne per la digitalizzazione ne tanto meno per l'illuminazione. Sulla motrice ho eliminato il pcb di base che ingombrava e non serviva a niente, l'ho sostituito con la barra dell'illuminazione e con un pezzo di basetta millefori sulla quale fare i cablaggi del digitale compresa illuminazione della cabina di guida e sostituzione dell'illuminazione fanali con led al posto della lampadina. L'illuminazione è costante (dai 7-8 V in su) con stabilizzatore a 5 V e condensatore antisfarfallio da 1000 uF 10 V, questo su ognuno dei 5 elementi del treno. Ovviamente ho dovuto realizzare le prese di corrente su tutti gli elementi folli e l'ho fatta su tutti gli assi, complessivamente è venuto un po' duro da tirare per l'attrito ma la motrice ha ottime caratteristiche e pur senza anelli di aderenza non ha difficoltà su tutto il plastico.
La brutta sorpresa è stata che illuminata per prima la motrice mi sono trovato che la carrozzeria appariva molto trasparente alla luce dei led e sembrava fosforescente... :shock: ho così dovuto rivestire la parte alta dell'interno con cartoncino per eliminare le trasparenze e doverlo fare su tutti gli elementi... :wall: Ormai il lavoro l'avevo iniziato e ho deciso di portarlo a termine.

La motrice ricablata completamente e illuminata:

Immagine

e una rimorchiata con illuminazione uguale:

Immagine

applicazione prese corrente su tutte le ruote dei carrelli folli:

Immagine

frontale con fanali accesi e cabina spenta:

Immagine

e con cabina accesa:

Immagine

con i led rivolti verso l'imperiale l'illuminazione è più uniforme e anche guardando da sotto non si vedono i led (sul mio plastico in vari punti si vedono i treni da sotto, passando anche a 210 cm da terra, e se si vedono i led come sulle illuminazioni commerciali fanno schifo...):

Immagine

Immagine
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14037
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#927 Messaggio da Tz » mer 13 dic 2017 8:45

Ho cambiato lavoro (era ora... :mrgreen: ) e ho iniziato a dedicarmi al paesaggio... che non è il mio forte... :roll:
Devo terminare le zone montane partendo dalla parte più alta e venendo giù... ho così provato a realizzate dei pini...(non voglio niente di commerciale ma tutto autocostruito) non mi sembra poi che mi siano venuti particolarmente schifosi... ::-?:
Adesso devo rivestirli di fogliame... chissà che riesca a rovinate tutto.. :lol:

Immagine

Immagine
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14037
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#928 Messaggio da Tz » mer 27 dic 2017 17:27

Ho terminato la prima tranche di pini e ho provato a piazzarli su un costone...
mi soddisfano abbastanza anche perchè l'osservatore li vede a oltre 2 metri di distanza...

Immagine

ne sto facendo altri con altezze, fogge e colore leggermente diversi e pian piano devo scendere rimboscando la scarpata dove c'è il prato...

Immagine

Immagine
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Fabio
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3894
Iscritto il: dom 21 dic 2003 12:43
Località: Verona
Contatta:

Re: Un giro sul mio plastico

#929 Messaggio da Fabio » gio 28 dic 2017 9:58

L'erba di quel prato la tagliano gli scalatori? :mrgreen:
Fabio Veronesi - FERROVIE ON LINE

"Appoggiare i piedi con le scarpe indossate sul pavimento e prestare attenzione a non insudiciare il treno". [cit. BLS]

ssb
**
**
Messaggi: 2138
Iscritto il: mar 09 dic 2014 17:24

Re: Un giro sul mio plastico

#930 Messaggio da ssb » gio 28 dic 2017 13:30

Ma perché c’è l’erba lì? Alta montagna!

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti