Un giro sul mio plastico

I vostri lavori - Tecniche di costruzione - DCC (impianti fissi)

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
ssb
**
**
Messaggi: 2398
Iscritto il: mar 09 dic 2014 17:24

Re: Un giro sul mio plastico

#1006 Messaggio da ssb » sab 28 lug 2018 16:33

Abbeh, un apparato elettronico dopo 30 anni ha raggiunto da un pezzo la fine del ciclo di vita (essendo “un troiaio non a sicurezza intrinseca” cit.) . Prova un po’a vedere se ti fanno un preventivo in Thales...

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14707
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1007 Messaggio da Tz » sab 28 lug 2018 16:46

No, no, il mio impianto proprio perchè progettato 30 anni fa E' a sicurezza intrinseca e passerebbe sicuramente la "omologazione Cinghio"... infatti ancora oggi è a prova di bomba... vabbè qualche contatto si può ossidare ma in questo caso i treni si piantano... quindi è a "sicurezza intrinseca"... non c'è nulla che gira sotto programma... :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1544
Iscritto il: lun 13 set 2004 12:10
Località: Milano

Re: Un giro sul mio plastico

#1008 Messaggio da Lirex » dom 29 lug 2018 6:58

I relè sono obsoleti....., oggi ove possibile si usano gli opto-triac, i contatti non si ossidano.... non ci sono !
PS: Cihghio forse avrebbe da ridire su quei pezzi ove sono presenti componenti SMD, non sono sicuri come i vecchi componenti THT con i piedinazzi che sono saldamente fissati nei fori ! :ciao: :ciao:

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14707
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1009 Messaggio da Tz » dom 29 lug 2018 9:47

Ci manca solo più che rifaccia tutte le schede di blocco... :shock: :wall: vanno benissimo così e poi non sono i contatti di quei microrelè che danno problemi (nel mio impianto commutano correnti irrisorie...) ma la piedinatura negli zoccoli che nel tempo qualche problema lo dà... ma basta toglierli, una spruzzata di disossidante e va tutto a posto... :mrgreen:
Di quei microrelè a 2 scambi ce ne sono installati 141 nel mio impianto in circuiti diversi e in 18 anni solo qualche volta hanno dato falsi contatti (solo in quelli che azionano gli scambi) ma finchè i problemi sono quelli sto tranquillo... se uno scambio non si manovra l'itinerario non si realizza, il treno sta fermo e non succedono disastri... :D
Con questa scheda di BA mi ero invece spaventato un po' perchè pensavo si fosse fottuto l'alimentatore... invece in 18 anni su 35 alimentatori mai nessuno si è ancora fottuto.. :shock: nonostante corti di tutti i tipi... e un trasformatore da 500 VA che li alimenta... :shock: :lol: che vuol dire anche le protezioni non le ho fatte male... :wink:

Comunque c'è voluto questo guasto perchè mi decidessi a realizzare in un pomeriggio quell'utilissimo telaietto di prova... :roll:
Nella parte alta in foto l'alimentazione di trazione, display rosso per la tensione in ingresso e blu per la tensione regolata in uscita.
Nella parte bassa l'alimentazione del BA con display rosso.
Al centro il led rosso che acceso conferma la chiusura del relè di blocco comandato dal temporizzatore di liberazione, spento sezione libera, e il pulsante per il comando di frenatura simulante l'azionamento del reed di frenatura da parte del treno.

Per il mese di luglio ho fatto fin troppo... :D
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14707
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1010 Messaggio da Tz » dom 29 lug 2018 9:52

Lirex ha scritto:
dom 29 lug 2018 6:58
PS: Cihghio forse avrebbe da ridire su quei pezzi ove sono presenti componenti SMD, non sono sicuri come i vecchi componenti THT con i piedinazzi che sono saldamente fissati nei fori ! :ciao: :ciao:
Più che alla componentistica penso che lui sia avverso totalmente alla logica di sistema: non accetta come sicurezza quella offerta da un programma... ::-?:
Preferisce il relè dove alla mancanza di corrente l'equipaggio mobile cade per gravità... quello si che è a "sicurezza intrinseca". :mrgreen:

PS: devo ammettere che un po' "cinghialesco" lo sono anch'io... ::-?: :D
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

ssb
**
**
Messaggi: 2398
Iscritto il: mar 09 dic 2014 17:24

Re: Un giro sul mio plastico

#1011 Messaggio da ssb » dom 29 lug 2018 11:09

Finché non si incollano i contatti è intrinseca...

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14707
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1012 Messaggio da Tz » dom 29 lug 2018 12:34

Casistica ! Casistica ! :mrgreen:
Nel mio piccolo con 141 di quei microrelè da segnale e 58 relè 2 scambi da 5A per le inversioni di BA e itinerari ACEI, quindi dove passa la corrente di trazione, in 18 anni non è mai successo... (anche perchè i miei circuiti commutano sempre a vuoto... quindi tutti i contatti sono ancora come nuovi... :D) ed è componentistica economica non ad usi professionali di sicurezza... :wink:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14707
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1013 Messaggio da Tz » sab 04 ago 2018 20:48

Ho messo in circolazione un po' di materiale che non girava da vari anni, soprattutto di quello che non esalta vedere circolare ma che dà meno problemi nella circolazione, ovvero invece che materiali ordinari merci o viaggiatori, delle elettromotrici o automotrici per rodarle un po' e verificare sempre l'efficienza dell'impianto.
Di queste composizioni, soprattutto tedesche, qualcuna era già illuminata mentre varie altre no e così sono stato colto dalla solita crisi da illuminomania che ci può anche stare in questo periodo estivo se non parti per le ferie... :roll:

Ho così installato l'impianto di illuminazione interna autocostruito a luminosità costante a 5V a queste composizioni crucche ma mantenendole analogiche che per il funzionamento sul mio impianto vanno perfettamente bene e digitalizzarle sarebbe significato ricablare tutto perchè non sono predisposte.

Nelle foto fatte a treno fermo appare solo il materiale rimorchiato perchè essendo analogiche le motrici se gli dai tensione non stanno ferme... :mrgreen:

VT 610 Fleishman con aggiunta di viaggiatori:

Immagine

Immagine

Immagine

ET 30 Lima senza aggiunta viaggiatori che intanto con tutte quelle tendine non si vedono...

Immagine

Immagine

ET 85 Roco con aggiunta viaggiatori ed elaborazione un po' complessa per l'illuminazione dell'elemento centrale che essendo una vettura a 3 assi articolati tra loro con cinematismo mi creava molte difficoltà nel realizzare le prese di corrente sulle ruote e così ho pensato di risolvere il problema realizzando una linea di alimentazione esterna con l'altro elemento... una libera interpretazione che però non fa nemmeno schifo a vedersi. Un connettore volante fatto con terminali strip. :mrgreen:

Immagine

Immagine

Immagine

e il particolare della linea di alimentazione esterna...

Immagine

non è che il caldo di questi giorni mi stia dando un po' alla testa ? ::-?:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14707
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1014 Messaggio da Tz » mer 08 ago 2018 13:42

Ne ho illuminata un'altra... :roll: la VT 06 crucca di Liliput ma ho voluto raffinare il circuito e invece di ralizzarlo a tensione costante ma fissa con lo stabilizzatore a 5 V e led tutti in parallelo con resistenza singola da 1 Kohm ho preferito (perchè ci stava negli spazi disponibili) utilizzare uno stabilizzatore switching regolabile (un'ottima cineseria a costi ridicoli) sempre con led in parallelo ma con resistenze singole da 330 ohm, in modo da poter regolare finemente l'illuminazione indiretta che ho tarato in uscita dallo stabilizzatore a 3,8 V ottenendo così anche un'illuminazione costante a tensione più bassa... :wink: Devo dire che finora è la circuitazione che mi è riuscita meglio e mi soddisfa maggiormente. :mrgreen:

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

PS: dimenticavo, ho dovuto realizzare anche le prese di corrente sugli assi delle rimorchiate , nelle foto come in quelle sopra, ci sono solo le rimorchiate e non la motrice.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14707
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1015 Messaggio da Tz » ven 10 ago 2018 14:05

:oops: si è fottuto un decoder... :roll: ... è la prima volta che mi capita.

Immagine

Immagine

visibilmente arrostito ! :shock:

Era nel TEE Breda di Roco e gestiva unicamente il motore e i fanali, l'illuminazione interna è indipendente.
Era l'unico mezzo digitalizzato che stava circolando in sessioni di prove sul plastico mente provavo contemporanemanete vari altri convogli che ho illuminato ma tutti analogici.
Il funzionamento automatico dell'impianto, ovvero quello di gran lunga più spettacolare perchè permette la circolazione di molti treni contemporanemanete, può avvenire solo in analogico quindi anche qualsiasi mezzo digitalizzato funziona in analogico in questo tipo di circolazione.

Il motivo dell'arrostimento mi riamne ignoto, nessun altra anomalia è stata riscontrata e reinserito il connettore analogico nella presa 8 poli tutto funziona regolarmente... quindi per ora rimane in analogico.
Sto pensando a un semplice surriscaldamento ma mi pare non accettabile... ::-?:

A fronte di questo inconveniente sto nuovamente valutando l'utilità per il mio plastico di proseguire nella digitalizzazione dei materiali in quanto al di là delle particolarità della migliore gestione singola in manuale dei mezzi essa è comunque NON sfruttabile sul mio plastico. Mettersi a far circolare in digitale un treno alla volta sull'intero impianto è possibile per qualsiasi evenienza o prova (con le modifiche apportate all'impianto) ma rimane un'esercizio avulso dalla logica con cui il plastico è stato realizzato.
Per contro essendo il funzionamento automatico o manuale tramite ACEI quello di gran lunga più spettacolare sto rilevando chè è molto più conveniente impegnare tempo e risorse, invece che nella digitalizzazione, nell'illuminazione dei vari materiali viaggiatori che infondono molta spettacolarità nella circolazione.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14707
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1016 Messaggio da Tz » sab 11 ago 2018 9:30

Anche l'illuminazione della ALn 663 nella sua veste originaria non è venuta male... :mrgreen:
Sempre a led a luce costante a 5 V

Immagine

Immagine
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14707
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1017 Messaggio da Tz » mer 15 ago 2018 13:07

Sono passato dall'iluminazione di materiali automotori a quello delle vetture.
Ho illuminato 6 vetture UIC OBB Roco nella vecchia livrea e di vari tipi: 2^ Cl, 1^ Cl, mista 1^ 2^ e ristorante.
Sempre a led a illuminazione costante e con la necessità di realizzare le prese di corrente sugli assi... ma non gli ho messo i viaggiatori perchè ce ne volevano troppi... :roll:

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Il risultato mi soddisfa molto, è un'altra cosa rispetto vederle circolare spente... quindi continuerò con altri set di vetture.

PS: ho fatto l'inventario del materiale ancora disponibile per illuminazioni interne, ne ho ancora per 38 vetture... ma mi sà che mi saturerò molto prima... :wink:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1544
Iscritto il: lun 13 set 2004 12:10
Località: Milano

Re: Un giro sul mio plastico

#1018 Messaggio da Lirex » mer 15 ago 2018 13:46

ma di giorno come le spegni ?
io direi che adesso è l'ora di aggiungere un simil cavo UIC per dare il comando luce-treno centralizzato.... :sofa:

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14707
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1019 Messaggio da Tz » mer 15 ago 2018 14:29

...e vuoi spegnere le luci su un impianto in cui l'80% del percorso è in galleria ? :wink:
Comunque sarebbe possibile inserendo un decoder luci per ogni vettura e comandando l'impianto in digitale... oltre i costi non mi passa nemmeno per la mente... :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 14707
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Un giro sul mio plastico

#1020 Messaggio da Tz » sab 18 ago 2018 12:01

Ho da quasi 40 anni 7 vetture Eurofima Roco (quindi nella livrea originaria) che mi sono sempre piaciute molto perchè hanno sempre fatto la loro porca figura nella circolazione sul plastico in quanto vanno bene come circolazione (senza dare problemi al contrario di certe altre... senza parlare delle americane che sono un disastro...) ed essendo in scala 1/100 per la lunghezza (orrore per i puristi contachiodi :lol: ) a mio avviso sono più proporzionate alle dimensioni dei nostri impianti e spanciando meno fanno più bella figura nelle curve... sono più vetture da circolazione su un plastico che modelli da vetrina... ovvero quello che serve a me. :mrgreen:
Ho quindi deciso di illuminarle sempre a luce costante a 5 V fissi e con la minima quantità di led necessaria... 5 per vetture 1^ cl e 6 per la 2^ cl per la diversa disposizione degli scompartimenti.
E' stata necessaria anche la realizzazione delle prese di corrente sugli assi solo parzialmente predisposta.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
Ultima modifica di Tz il sab 18 ago 2018 12:06, modificato 1 volta in totale.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti