en 236

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
GMAHLER84
*
*
Messaggi: 126
Iscritto il: lun 20 ott 2008 17:07

en 236

#1 Messaggio da GMAHLER84 » dom 10 ago 2014 20:05

ho visto che il 236 ha una traccia abbastanza lenta con addirittura 2 ore per fare tarvisio villach mi sapete dire il perché ?

Avatar utente
Aln
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3047
Iscritto il: sab 16 apr 2005 8:03
Località: Succursale del Piave km 16 + 824
Contatta:

Re: en 236

#2 Messaggio da Aln » dom 10 ago 2014 20:47

Mi pare che a Villach stia fermo un bel pezzo, perché si aggiungono le carrozze da Zagabria (EN 498 Lisinski).
»Niente è più profondamente italiano delle FS. E niente rispecchia i limiti e i difetti del nostro popolo più delle Ferrovie dello Stato.«
_____________________
Alessandro
FERROVIE ON LINE

Orizzonti
*
*
Messaggi: 560
Iscritto il: gio 14 ago 2008 20:40

Re: en 236

#3 Messaggio da Orizzonti » dom 10 ago 2014 21:25

Infatti lo compongono e ricompongono a Villach e Salzburg, inoltre le due sezioni, quella per Monaco e quella per Vienna, arriverebbero troppo presto per un notturno se non ci fossero queste lunghe soste. L'ho utilizzato da Monaco verso
Venezia, e credo che anche a Salisburgo stia fermo per un pò in attesa del treno in connessione per Zagreb.
Comunque io ho dormito non mi sono accorto di agganci e sganci. Mi sono svegliato per qualche minuto solo a Tarvisio.

GMAHLER84
*
*
Messaggi: 126
Iscritto il: lun 20 ott 2008 17:07

Re: en 236

#4 Messaggio da GMAHLER84 » lun 11 ago 2014 0:19

ok ragazzi , ma una volta si fermava un oretta a villach e un oretta a salzburg … e qui ci sta … proprio per i motivi che avete citato voi . vi segno sotto la traccia
tv boscoverde partenza h 00.20
villach 02.20 - 02.35
( poi viaggio regolare )
salz 04.53 06.12
wien west 09.04



2h per fare 40 km ???

Flax
**
**
Messaggi: 2453
Iscritto il: sab 19 set 2009 10:51
Località: Centallo (CN)

Re: en 236

#5 Messaggio da Flax » lun 11 ago 2014 8:13

Probabilmente la traccia prevede delle interruzioni programmate per lavori e si tengono larghi, ovvero... un giorno potrebbe partire da Tarvisio in ritardo e recuperarlo, o arrivare molto in anticipo a Villach perchè non c'era interruzione... tipico dei notturni
"La linea Cuneo-Ventimiglia-NIzza è un ramo secco". Ing. Mauro Moretti AD Ferrovie dello Stato.

Avatar utente
Ilona
*
*
Messaggi: 353
Iscritto il: gio 28 mag 2009 18:47

Re: en 236

#6 Messaggio da Ilona » lun 11 ago 2014 8:25

GMAHLER84 ha scritto:ok ragazzi , ma una volta si fermava un oretta a villach e un oretta a salzburg … e qui ci sta … proprio per i motivi che avete citato voi . vi segno sotto la traccia
tv boscoverde partenza h 00.20
villach 02.20 - 02.35
( poi viaggio regolare )
salz 04.53 06.12
wien west 09.04

2h per fare 40 km ???
te li sei inventati questi orari ?

GMAHLER84
*
*
Messaggi: 126
Iscritto il: lun 20 ott 2008 17:07

Re: en 236

#7 Messaggio da GMAHLER84 » lun 11 ago 2014 9:55

Non mi permetterei mai d inventarmi orari , cercando su scotty ieri mi dava sto orario e a me puzzava !!!

fabribo
**
**
Messaggi: 2348
Iscritto il: lun 22 dic 2003 20:02
Località: Castel Maggiore (Bologna)

Re: en 236

#8 Messaggio da fabribo » lun 11 ago 2014 11:24

L'ultima volta che l'ho utilizzato (Ottobre 2013 per andare in Repubblica Ceca) ha fatto Tarvisio-Villach in 24 minuti.
Poi è regolarmente partito alle 1.46 da Villach dopo il salto della loco (+ aggiunta di un'altra) e l'aggancio delle vetture dalla Croazia.

Poi ci furono problemi (ricordo una lunga sosta a Paternion con sorpasso di un merci), arrivai a Salzburg alle 4.54 (oltre tre ore per percorrere la tratta dei Tauri).

Ripartì da Salzburg alle 5.27 dopo lo sgancio delle 6 vetture per Monaco cedute al EN da Budapest ("Kàlmàn Imre") e l'aggancio dallo stesso lato della loco + 5 vetture di seconda + 1 vettura di prima. Arrivò a Linz alle 6.43 con meno di 20' di ritardo

Saluti.
Fabrizio.
1 Dicembre 2013 : il mio ultimo viaggio da Torino a Bologna sul 2067
22 Dicembre 2003-22 Dicembre 2017 : i miei primi 14 anni FOL-LI

re2104
*
*
Messaggi: 370
Iscritto il: gio 20 giu 2013 14:51

Re: en 236

#9 Messaggio da re2104 » mar 12 ago 2014 20:36

Un tempo (fino al 2010 credo) aveva anche delle vetture per Praga che partivano da Salzburg con il R 206 Matthias Braun.

Avatar utente
Lasimpònar
**
**
Messaggi: 3574
Iscritto il: lun 13 set 2010 17:06
Località: Siede la patria mia tra il monte e ‘l mare

Re: en 236

#10 Messaggio da Lasimpònar » lun 29 ago 2016 15:52

"Ich bin ein Pole, Tscheche, Italiener, Friauler, Ladiner, Slowene, Kroate, Serbe,
Slowake, Ruthene oder Wallache"(Der Mann ohne Eigenschaften, R. Musil)
Bitte entschuldigen Sie die Unannehmlichkeiten

Avatar utente
Lasimpònar
**
**
Messaggi: 3574
Iscritto il: lun 13 set 2010 17:06
Località: Siede la patria mia tra il monte e ‘l mare

Re: en 236

#11 Messaggio da Lasimpònar » mer 31 ago 2016 15:39

http://diblas-udine.blogautore.repubbli ... ment-69086
La notizia del sardo di 34 anni fermato in Austria perché scambiato per un terrorista ha avuto una vasta eco nella sua terra di origine, la Sardegna. Ne hanno riferito, tra gli altri, la Nuova Sardegna, Casteddu Online, L’Unione Sarda, Sardegna Live. Sull’episodio ha preso posizione anche lo “Sportello dei diritti”, che, pur avendo appreso la notizia soltanto da fonti indirette, ha ritenuto di poter accusare la polizia austriaca di “eccesso di xenofobia”, al punto da “aver frainteso un semplice stato confusionale con un possibile attacco terroristico di matrice islamica”.
Le parole tra virgolette sono tratte dal sito online dello “Sportello dei diritti”, il cui presidente, Giovanni D’Agata, ha sostenuto come “in alcuni Paesi europei si viva in un clima di caccia alle streghe e un qualsiasi straniero, che per sua sfortuna si dovesse trovare in abiti e atteggiamento dimessi o in un semplice stato di disagio psichico, rischi di essere scambiato per un terrorista dell'Is”. Da ciò la richiesta di “una presa di posizione del nostro governo e del ministro degli esteri, affinché vengano tutelati i nostri concittadini da possibili soprusi al di là dei nostri confini”.
La nota dello “Sportello dei diritti” ha suscitato una serie di commenti in rete, che rispolverano i soliti pregiudizi nei confronti dei cittadini di lingua tedesca (definiti “crucchi”) ed esortano a cancellare l’Austria dalle mete di vacanza e/o di lavoro.

Ma che cosa è accaduto realmente? Come è stato trattato in Austria il nostro concittadino? Le cose che sappiamo e di cui abbiamo riferito due giorni fa, sono le seguenti: 1) una mamma con due bambini in tenera età si è chiusa in una toilette del treno notturno che da Vienna va a Roma e ha telefonato alla polizia dicendo che un uomo minacciava di sparare ai passeggeri del vagone; 2) la polizia è intervenuta in forze alla prima stazione (quella di Villach, che è l’ultima città prima del confine italiano), impiegando anche le “teste di cuoio” del loro reparto Cobra; 3) l’uomo che avrebbe minacciato di fare una strage, risultato poi di cittadinanza italiana, è stato bloccato e trasportato al Comando di polizia; 4) fin dal primo momento le forze dell’ordine si sono rese conto che il malcapitato non era un terrorista (tra l’altro non era in possesso di armi), ma un uomo con probabili problemi di confusione mentale; 5) per questa ragione, già il giorno dopo la Procura dello Stato ne ha disposto la liberazione ed è stato riaccompagnato in Italia.
Dove sta “l’eccesso di xenofobia”? Dove stanno “i possibili soprusi… nei confronti dei nostri concittadini”? La centrale di polizia che ha ricevuto l’allarme della madre impaurita – perché evidentemente aveva scambiato per minacce di morte comportamenti che erano soltanto di disturbo – ha spedito in stazione dieci pattuglie di polizia e addirittura le “teste di cuoio” perché il sospettato era un italiano? In quel momento nessuno conosceva la sua nazionalità. Ma, se anche fosse stato un austriaco, la polizia si sarebbe comportate diversamente, con meno “xenofobia”? O forse avrebbe dovuto ignorare l’allarme lanciato dall’incauta madre?
Non appena le cose sono state chiarite – non appena sono state chiarite, non una settimana dopo o un mese dopo, come talvolta accade in altri Paesi occidentali (qualcuno ricorda un vecchio film di Sordi?) – il sardo è stato rimesso in libertà.
Abbiamo saputo che era sardo, soltanto perché l’autore di questo blog ha insistito con la polizia carinziana (il fatto è accaduto in Carinzia, Land confinante con l’Italia) per conoscere almeno la regione di appartenenza di questo italiano. Perché nella civilissima Austria – come avevamo rilevato nel blog di due giorni fa – la polizia rispetta la privacy delle persone qualunque, come il nostro povero sardo, e non rende note le loro generalità e nemmeno il luogo di nascita o di residenza. Lo fa, invece, se le persone in questione sono politici, amministratori pubblici, dirigenti di banca, uomini insomma che rivestono responsabilità pubbliche, per cui è bene che la gente sappia che cosa hanno combinato.Se le cose sono come le abbiamo descritte, ha senso parlare di “caccia alle streghe”? O non è piuttosto una “caccia alle streghe” quella che il presidente di “Sportello dei diritti” ha avviato nei confronti dei poliziotti austriaci? Il suo ci sembra un passo non solo sbagliato, ma prima ancora inutile. Perché di fronte a una polizia e a una magistratura che liberano immediatamente una persona tratta in arresto per errore non si può parlare di soprusi e non c’è bisogno di alcuna tutela da parte del governo “al di là dei nostri confini”.
"Ich bin ein Pole, Tscheche, Italiener, Friauler, Ladiner, Slowene, Kroate, Serbe,
Slowake, Ruthene oder Wallache"(Der Mann ohne Eigenschaften, R. Musil)
Bitte entschuldigen Sie die Unannehmlichkeiten

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite