LGV Rhin-Rhone

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
Avatar utente
settebello
*
*
Messaggi: 625
Iscritto il: sab 20 dic 2003 20:40

LGV Rhin-Rhone

#1 Messaggio da settebello » ven 10 apr 2015 0:04

Lunedi ho dovuto andare a St. Etienne e contrariamente ai miei principi (oltre 4 ore--> aereo) ho optato per il treno. Anche per provare l'ebrezza dei 320km/h sulla nuova LGV.
Prendo dunque il 9218 (Zurigo-Parigi) fino a Mulhouse. Devo dire che il treno, già esteriormente era in brutte condizioni cosa che purtroppo non migliorava internamente. Passo più di un ora a Mulhouse, stazione assolutamente fatiscente e in avanzata fase di decadenza! Finalmente arriva il 6841 (Duplex) decisamente più bello e nuovo e partiamo alla volta di Lione. Corsa senza problemi con velocità quasi sempre oltre i 300 con fasi a 320. Devo dire che i saliscendi e le ampie curve sul piano superiore si fanno sentire. Il treno non ferma a Digione nonostante ci passi dentro ma evita la stazione di Dijon-Ville. Dopo giù sulla storica (PLM) fino a Lione. Treno quasi vuoto.

Ritorno con il 6872 (Duplex) ancora più vuoto. Siedo da solo in prima classe e a Digione (questa volta fermiamo) entra un tizio che aveva prenotato il posto dove ero seduto e voleva assolutamente quel posto. Conoscendo i francesi, non mi stupisco più di tanto! Il treno viaggia costantemente oltre i 300 ma ha terribilmente problemi a superare i 310. In direzione est la linea tende a salire e qui si vede come anche il TGV sia al limite.

Tutto sommato un viaggio piacevole, devo tuttavia chiedermi a che serve un TGV da Strasburgo a Lione (500km) con solo una piccola parte in AV e con diversi cambi di banco (vel commerciale 115km/h). Faccio notare che il traffico totale sulla linea è di sole 20 coppie al giorno. Meno della Milano-Torino e che i treni viaggiano semivuoti. 5 o 6 di queste sono dalla Svizzera per Parigi. Queste almeno hanno una buona percentuale di AV e sono discretamente occupate. Le coppie Svizzere avrebbero però anche potuto percorrere la Parigi-Strasburgo, senza perdere tempo. Con il vantaggio inoltre di arrivare a Parigi Est, che essendo vicina alla Gare du Nord, avrebbe facilitato le coincidenze con il nord della Francia, Benelux e GB. Le stazioni in linea di Belfort e di Besançon solo lontane dalle rispettive città. All'andata abbiamo fermato in entrambe. Molta gente non è ne scesa ne salita. Al ritorno siamo passati senza fermare.Temo che l'investimento sia un pò fuori posto.

La settimana prossima vado a Bruxelles. Questa volta sarà ICE3 !

ETR401
*
*
Messaggi: 561
Iscritto il: mar 26 ott 2004 15:30
Località: Eh?

Re: LGV Rhin-Rhone

#2 Messaggio da ETR401 » ven 10 apr 2015 14:14

settebello ha scritto:Temo che l'investimento sia un pò fuori posto.
Pregevolissimo eufemismo.....
Allo stato attuale (e prevedibile) delle cose, l'utilità della LGV R-R è.....un ca§§o di niente!!
Persino su "La Vie Du Rail" di qualche mese fa (*) c'era un'articolo/intervista a tecnici RFF che diceva pressappoco "ora che abbiamo costruito la linea, vediamo di capire cosa farne...".

(*) Il che è tutto dire, considerato che parliamo di un Paese che è abituato a lavare i propri panni sporchi non solo "in famiglia" ma anche nella più profonda delle cantine e preferibilmente in piena notte....

P.s. per la prossima settimana, buon viaggio!!
I play the game for the game's own sake....
Freedom must always be conquered.
"Stay hungry. Stay foolish." (Steve Jobs, The Whole Earth Catalog)
COMPARE DEL CHEESEBURGER ®

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15013
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: LGV Rhin-Rhone

#3 Messaggio da Tz » lun 13 apr 2015 8:50

C'è qualcuno che confonde l'utilità di una linea con l'utilità di un treno...

La Rhin-Rhone è principalmente dedicata, come tutte le LGV francesi, ai traffici per/da Parigi, infatti i treni che la percorrono su Parigi hanno una più che buona frequentazione anche per le piccole stazioni intermedie, l'avevo visto lo scorso anno facendoci un giro... :mrgreen:
Ben diverso è se si pretende di riempire un Duplex su una relazione trasversale che giusto se ne serve per un tratto del suo percorso... è come se si pretendesse di riempire un ETR 500 su una relazione, che so, tipo Bolzano-Pisa e stupirsi che sull'AV Bologna-Firenze sul treno ci sono 50 persone e stabilire che quella AV non serve a un tubo... :roll:

Infatti per ora hanno realizzato solo il tratto verso ovest, quello verso sud è rimandato...
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
settebello
*
*
Messaggi: 625
Iscritto il: sab 20 dic 2003 20:40

Re: LGV Rhin-Rhone

#4 Messaggio da settebello » lun 13 apr 2015 21:30

ti pareva?

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15013
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: LGV Rhin-Rhone

#5 Messaggio da Tz » lun 13 apr 2015 23:21

Cosa mi pareva ?

Come hai fatto a stabilire che il TGV era al limite giudicando 10 km/h di differenza addirittura tra i 310 e i 320 km/h ? E se il macchinista non aveva voglia di viaggiare sempre al limite perché magari era in anticipo ? Conosco un macchinista che in AV quando ha voglia viaggia sul filo del rasoio, quando non ha voglia lascia scorrere il treno come viene lasciandolo oscillare in velocità a seconda della pendenza della linea e non usando l'impostazione di velocità che è uno stress meccanico ed elettrico per il mezzo.

Comunque poi dimmi se l'ICE 3 riesce a mantenere i 300 sulle livellette del 4%... :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: LGV Rhin-Rhone

#6 Messaggio da luca295 » mar 14 apr 2015 1:58

Certo che no. Sulla maggior parete delle AV non si tiene la vmax. E i 320 km/h francesi sono anodizzato proprio per fare i 300 di media sui saliscendi.

Quanto alla rione robe, che sia una linea inutile, Tz, e' chiaro anche ad un bambino.
Il tuo paragone e' fuori posto, perché ' e' vero che i treni dalla Svizzera passano di li. Ma come sette bello ha giustamente scritto, potrebbero passare da Strasburgo.
Peraltro i treni dalla Svizzera sono comunque poche coppie.

E' proprio uno spreco di soldi....

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15013
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: LGV Rhin-Rhone

#7 Messaggio da Tz » mar 14 apr 2015 7:56

Cambia PC o Tablet o Smartphone altrimenti 'n ci capiamo niente... :lol:

La Rhin-Rhone è una linea nata ad Y per soddisfare e integrare altre AV tra loro e al servizio di parte del territorio che altrimenti sarebbe rimasto isolato dal resto della rete principale SNCF oltre a due nazioni limitrofe, Sfizzera e Crucchia. E' una linea, per ora, un po' avanti nei tempi.
Per offrire il massimo deve essere completato l'effetto rete che è ancora ben lontano dall'esserlo. Come la To-Mi AV che pare un tronco morto in un "cul de sac" e rimarrà tale senza la Mi-Ve a regime e il FBT a regime.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7661
Iscritto il: mer 05 mag 2004 17:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: LGV Rhin-Rhone

#8 Messaggio da simplon » mar 14 apr 2015 9:44

Tz uber alles.

Proprio ieri sera avevo tra le mani la rivista Cargo delle FFS, appena arrivata per posta, con un numero monografico tutto dedicato al nuovo GBT. Non manca ovviamente un'intervista al mitico Adolf Ogi (consigliere federale dal 1988 al 2000 e sette anni ministro dei trasporti, di fatto il "padre" di tutta quest'opera ciclopica). A proposito di investimenti della portata della Neat (oggi molto più difficili da concepire rispetto a vent'anni fa), dichiara:

"Ai giorni nostri le visioni lungimiranti si scontrano con l’ottica a breve termine dei costi e dei benefici. Ma la politica dei trasporti non può essere realizzata in tempi rapidi, ha bisogno di un orizzonte di 50 anni. Deve produrre effetti positivi sul piano politico-sociale a lungo termine e non piegarsi a diktat puramente finanziari".

s.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Avatar utente
settebello
*
*
Messaggi: 625
Iscritto il: sab 20 dic 2003 20:40

Re: LGV Rhin-Rhone

#9 Messaggio da settebello » mar 14 apr 2015 9:57

@Tz
"Ti pareva" nel senso che, tu sai sempre di più!

Coccodrillo
***
***
Messaggi: 10000
Iscritto il: lun 10 mag 2004 19:30
Località: Ferrovia del Gottardo

Re: LGV Rhin-Rhone

#10 Messaggio da Coccodrillo » mar 14 apr 2015 10:06

Va bene non limitarsi al breve termine, ma è grave anche esagerare nell'altra direzione, dicendo "costruiamo, che magari nel 2070 servirà". Vedi molte AV spagnole, LGV Rhin-Rhône, FBT. Da notare che il GBT aprirà con circa 200 treni al giorno, perché sevre un traffico reale (il traffico ha creato il GBT, mentre si vorrebbe costruire FBT/Rhin-Rhône/alcune AV spagnole per creare il traffico...un processo inverso che non sempre funziona).

Assurdo poi avere linee AV fra due città e traffico passeggeri che fra le stesse usa la linea storica perché i biglietti dei treni AV sono troppo cari. Vedi Milano-Torino e Bologna-Firenze (ovviamente, la soluzione NON è sopprimere i treni sulla storica).
Gleis 3, einfahrt des InterRegio nach Linthal, Trun, Biasca, Chiasso, ohne Halt bis Glarus.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15013
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: LGV Rhin-Rhone

#11 Messaggio da Tz » mar 14 apr 2015 11:19

Sempre bella la visione coccocentrica del traffico sfizzero.
Rimane il fatto che se il FBT fosse già esistente da almeno 20 anni non ci sarebbe questa situazione ferroviariamente penosa sul versante italofrancese mentre contemporaneamente si raddoppiano i tunnel autostradali ! :shoot:

Ecco l'esempio di opere ferroviarie costruite troppo tardi a fronte di altre costruite in anticipo... :wall:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15013
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: LGV Rhin-Rhone

#12 Messaggio da Tz » mar 14 apr 2015 11:31

settebello ha scritto:@Tz
"Ti pareva" nel senso che, tu sai sempre di più!
No, io non ne so quasi niente di quella direttrice... Lione-Strasburgo l'avevo fatta nel 1978 con l'RTG attraverso una miriade di linee anche secondarie a binario unico non elettrificato... preferiresti che il servizio fosse ancora così ?
Certo, forse pensare di riempire i quasi 1000 un TGV Duplex su una tale relazione è eccessivo... :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
settebello
*
*
Messaggi: 625
Iscritto il: sab 20 dic 2003 20:40

Re: LGV Rhin-Rhone

#13 Messaggio da settebello » mar 14 apr 2015 16:58

Tanto per non equivocare:
Personalmente sono interessato a ferrovie moderne! Se c'è qualcosa che non mi interessa minimamente, sono loco a vapore e quello che appartiene a quell'epoca.
Ho seplicemente riportato le mie impressioni su un mio viaggio sulla LGV Rhin-Rhone.
Secondo me la linea è un lusso! Però, se possono permetterselo....gli spagnoli si permettono molto di più. Sono un "fan" dell'AV, ma solo se è giustificabile. L'UE richiede 9 milioni pax/anno per finanziare.
Per quanto riguarda la velocità del TGV, il macchinista (con cui ho scambiato qualche parola a Mulhouse, visto che facevano cambio banco) mi ha confermato di avere impostato il treno a 320, e che i saliscendi facevano oscillare la velocità perche in salita il treno non riusciva a raggiungere la vel impostata. Il Duplex è un bel treno. Per quanto mi riguarda è di gran lunga il miglior TGV. Gli altri non mi piacciono molto. Non ho fatto nessun confronto con l'ICE3, che è anche un bel treno.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15013
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: LGV Rhin-Rhone

#14 Messaggio da Tz » mar 14 apr 2015 21:19

Il Duplex e suoi discendenti a mio avviso è il miglior treno AV europeo e soprattutto adotta la configurazione che preferisco, ovvero a motorizzazione concentrata. Che su certe livellette non riesca a tenere i 320 ma solo i... 310 km/h non mi pare un problema. Poi dimmi delle impressioni sull'ICE 3.
Non so se la UE abbia finanziato o meno la Rhin-Rhone, forse devi averla finanziata anche un po' tu come svizzero... :mrgreen:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
settebello
*
*
Messaggi: 625
Iscritto il: sab 20 dic 2003 20:40

Re: LGV Rhin-Rhone

#15 Messaggio da settebello » mar 14 apr 2015 21:46

Si infatti la Svizzera a contribuito nell'ordine del 3% (66 milioni).
L'ICE3 lo conosco molto bene. Ci ho viaggiato molte volte. Onestamente non mi sembra migliore dell'AGV. Devo cmq ammettere di conoscere solo la 1a classe (di entrembi). Ho letto in questo forum che la 2a, o smart, dell' AGV non sia il massimo. Ma il treno di per se mi ha fatto una buone impressione.
Certo che i treni a motorizzazione concentrata (TGV, ICE1, ETR500) non hanno quei rumori che alcune volte si percepiscono negli elettrotreni.
Il fatto che l'UE consiglia un minimo di 9 mio pax/anno per costruire una linea non vuol dire che non contribuisce se il numero è inferiore.
In Spagna non superano i 5 mio in nessuna linea, eppure avranno ricevuto più contributi loro di chiunque altro.

Ultimo i 310km/h del TGV. Certo che non è un problema, anzi. Ma è interessante notare (anche in vista di chi vorrebbe andare a 400) che anche un treno con tanti cavalli a un certo punto non ce la fà più. E sarebbe meglio mettersi l'anima in pace e dire: 250 o 300 è abbastanza!

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite