Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
ila996
*
*
Messaggi: 616
Iscritto il: lun 29 mag 2006 8:44
Località: Caulonia (RC), Bologna (Boh!)

#136 Messaggio da ila996 » lun 15 set 2008 10:32

come ho scritto, ho scoperto questo treno grazie alla rivista citata come fonte, se per la redazione ci sono problemi di copyright le immagini si possono tranquillamente rimuovere, ma non basta il logo Bombardier sulle foto? :wink:
Io nun capisco 'e vvote che succede... e chello ca se vede nun se crede, nun se crede...

fla221
**
**
Messaggi: 1330
Iscritto il: gio 02 set 2010 12:00

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#137 Messaggio da fla221 » mer 12 set 2018 11:16

A distanza di 10 anni dall'apertura del topic e dopo aver rinfrescato i miei ricordi di Parigi devo dire che il materiale rotabile della RER è rimasto come all'apertura del topic: un bel po' di DP senza A/C, ma anche i monopiano non sono per nulla recenti (e servono anche l'aeroporto), nessuno schermo all'interno, mediamente sporche e con i sedili (tessuto-velluto) consumati e intrisi di sporco.

Considerando invece gli enormi passi avanti fatti da Trenitalia nel Lazio non c'è ombra di dubbio che i LEX, ma anche i TAF appena riammodernati (nuove fodere, riverniciati gli interni, nuovi schermi) sono 10 passi avanti alla situazione parigina attuale con livelli di pulizia che non ha paragoni. Rimane, a mio parere, il problema di alcune stazioni romane che andrebbero riammodernate (qualcosa si sta facendo) in particolar modo ad Ostiense dove andrebbe ristrutturato pesantemente il sottopassaggio e rifatte da zero le pensiline.

Avatar utente
GT3.2
**
**
Messaggi: 2926
Iscritto il: mer 19 gen 2005 11:08
Località: Annecy

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#138 Messaggio da GT3.2 » ven 14 set 2018 16:12

interessante riprendere questo topic dopo 10 anni...

1) riguardo la RER: un certo ricambio di materiale c'é, ma i treni nuovi sono principalmente sulla linea A. Che complessivamente fornisce un servizio della madonna, a frequenze volumi e velocità lontani anni luce da quelli ad esempio del passante milanese
la B che é quella che noi stranieri piu' conosciamo perché serve l'aeroporto, come materiale e servizio sta allo stesso punto che 10 anni fa. Alcuni dei treni monopiano hanno interni nuovi ma niente di che, non hanno nemmeno le bagagliere su un servizio aeroportuale! Non ho capito se sono treni nuovi o una (blanda) ristrutturazione
la C gira ancora sulle emu doppio piano classiche sncf. In complesso lascia parecchio a desiderare sia come materiale che come affidabilità. La scorsa primavera causa piena della senna, la tratta centrale é rimasta chiusa per parecchie settimane (la linea é al livello del fiume)
la D e la E non le prendo mai, non escludo che li ci sia qualche materiale nuovo (specie la E)
Le piu' "interessanti" sono le linee di superficie facenti capo a St Lazare (linee K, L, M etc) dove parte dei servizi sono ancora assicurati da antidiluviane automotrici in lamiera cannellata, terrificanti
In compenso pero' in questi 10 anni gli amici parigini hanno lanciato un nuovo passante (o meglio una metà) da St Lazare a La Defense. Difatto l'uscita ovest della RER E. Piu' delle linee di tram-treno sulla cintura merci. E col progetto "Grand Paris" alcune nuove linee metro pesanti
Non mi risultano ancora invece sistemi di S-bahn in altre grandi città francesi (Lione Bordeaux Marsiglia ecc)

2) riguardo i TGV: servizio stabile o leggermente declinante. In questi 10 anni é stato introdotto il servizio low cost ouigo (niente di che), qualche nuovo spezzone di linea é stato inaugurato una su tutte quella verso Bordeaux. Ma in sostanza niente di paragonabile all'esplosione dell'AV italiana, che in questi 10 anni mi sento di dire ha raggiunto o in alcuni aspetti (materiale, comfort) superato i TGV

3) servizio regionale intercity ecc. su linee classiche.
In generale stagnante o in declino. Molta poca attenzione. Sul regionale, buona dinamica di rinnovo dei materiali a bassa frequentazione, ma molte linee fuori regione parigina restano ancora servite a muzzo e le chiusure si sprecano. Intercity: notte praticamente spariti. Giorno, qualche rebranding a caso ma il materiale é allo stato di rottame viaggiante

4) servizio: la situazione scioperi é tuttora a distanza di 10 anni drammatica, vergognosa
Vogliamo l'Eurostar AV Milano-Bologna-Adriatica - FINALMENTE ARRIVATO!!
Vogliamo la riapertura delle linee "del Tonchino" (Evian-St. Gingolph) e Annecy-Albertville
Vogliamo un servizio decente tra Italia e Savoia! via Sempione E via Modane

gbelogi
**
**
Messaggi: 5347
Iscritto il: lun 21 ago 2006 18:08
Località: 86% oltre l'Adda 14% Roma

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#139 Messaggio da gbelogi » ven 14 set 2018 16:43

Tutta l'infrastruttura di trasporto di Parigi è invecchiata e pure male. Nella mia ultima visita ho preferito usare gli autobus.
100 % Guaranteed Friend of the USA
Italia 2018: piccole isole di buoni risultati economici, efficienza e buone pratiche in un oceano di inefficienza e declino morale ed economico.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15009
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#140 Messaggio da Tz » sab 15 set 2018 9:33

GT3.2 ha scritto:
ven 14 set 2018 16:12

2) riguardo i TGV: servizio stabile o leggermente declinante. In questi 10 anni é stato introdotto il servizio low cost ouigo (niente di che), qualche nuovo spezzone di linea é stato inaugurato una su tutte quella verso Bordeaux. Ma in sostanza niente di paragonabile all'esplosione dell'AV italiana, che in questi 10 anni mi sento di dire ha raggiunto o in alcuni aspetti (materiale, comfort) superato i TGV
Scusa ma dissento profondamente da queste valutazioni.

Quel "qualche nuovo spezzone di linea é stato inaugurato" sono esattamente 700 km inaugurati un un solo anno ovevro quanto misurano TUTTE le AV FS attivate finora !
Da aggiungere che questi 700 km vanno a completare una rete AV già ampiamente esistente mentre in FS costituisono L'UNICA rete esistente...
Quanto al servizio quello TGV è ormai (o meglio, finalmente) a regime con livelli ottimali in un territorio doppio del nostro, con la stessa popolazione e con servizi AV che servono pressochè tutte le direttrici che non è paragonabile alla nostra situazione in cui esiste UNA SOLA direttrice AV partita da zero 10 anni fa.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

sandro
*
*
Messaggi: 450
Iscritto il: ven 23 dic 2005 14:51
Località: arezzo

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#141 Messaggio da sandro » sab 15 set 2018 15:04

In Francia, su alcune linee principali escluso le LGV esistono ancora lunghi tratti con traversine in legno datate 40 anni e oltre. Spessissimo capita che si verifichino incidenti senza gravità è vero, a causa di "un rail cassé". Non ultimo a Marsiglia dove è deragliato un Tgv all'entrata in stazione. Tutto quello che non è Tgv è obsoleto, e sta su per grazia di Dio.
Sandro.

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15009
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#142 Messaggio da Tz » sab 15 set 2018 15:18

La casistica è molto ampia.
Pensa che invece qui capita che rinnovano completamente una linea con traverse in cemento e appena finiti i lavori e prima che passi il primo treno la chiudano: Casale-Mortara... :lol: :wall:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Z.G
*
*
Messaggi: 231
Iscritto il: mer 06 nov 2013 19:56

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#143 Messaggio da Z.G » sab 15 set 2018 18:26

Mi permetto di aggiungere alcune cose, tenendo presente che qualche settimana fa sono stato 12 giorni in Francia tra Bordeaux, Parigi e la Normandia.
1) RER A, materiale nuovo e lavori per aumentare la potenzialità.
2) RER B, materiale degli anni '80 rinnovato. Primi convogli bitensione e gestione in comune tra RATP e SNCF.
Le conosco poco perchè da Torino vado a Parigi in TGV senza infilarrmi in quei regni dei tempi morti che sono gli aeroporti.
3) RER C, difficile da gestire a causa delle tante ramificazioni che poi passano tutte nel tratto centrale a livello Senna.
4) RER D, RER E le più nuove
5) per il RER E non mi risulta che ci siano attivi raddoppi verso la Defense.
6) Notizie interesssanti su https://fr.wikipedia.org/wiki/R%C3%A9se ... -de-France
in cui si vede che già nel 2006 il RER A portava 1.000.000 di passeggeri al giorno.
Quali sono i numeri per Roma?
7) Per le linee di St. Lazare, e non solo, i convogli INOX sono in via di eliminazione, sostituiti ad esempio da altri di configurazione originale dette "Francilien" con casse corte e quindi più larghe (sono 230 attualmente)
8) per i tram nella regione parigina sono in servizio 10 linee, di cui solo una, la T11 è quasi una linea di tram-treno perchè viaggia su binari ferroviari.
9) Anche la T4 utilizza binari ex ferroviari ed è in corso un ampliamento di tipo tramviario.
10) La T2 usa in parte una ex linea ferroviaria completamente rifatta.
11) Le altre linee tramviarie sono state costruite ex-novo.
12) Nessuna è una vera linea di tram-treno perchè nessuna transita su binari cittadini e anche su binari ferroviari coesistendo con treni veri e proprii.
13) L'unico vero tram-treno in Francia si trova a Mulhouse.
14) Per le LGV (quelle dei TGV) aggiungo solo a quanto ha scritto Tz che lo "spezzone" verso Bordeaux è di 340 km, più o meno quanto la somma delle nostre Torino-Milano e Roma-Napoli.
15) sempre per i TGV, comunque ci si può consolare che non c'è paragone tra l'abitabilità dei loro verso i nostri 500.
Con i nostri successivi si può discutere.
16) per i servizi diversi, sono d'accordo, anche se oramai i "notte" sono inutili visti i tempi dei TGV.
17) concordo pienamente per quanto riguarda gli scioperi. Situazioni assurde; basta pensare che sono andati avanti per 2 mesi (maggio e giugno) a fare 3 giorni di sciopero e 2 di lavoro senza ricavarne nulla a quanto so.
Si vede che sono ben pagati se possono permettersi un comportamento così distruttivo.

Spero di non aver tediato nessuno.

fla221
**
**
Messaggi: 1330
Iscritto il: gio 02 set 2010 12:00

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#144 Messaggio da fla221 » mar 18 set 2018 14:45

GT3.2 ha scritto:
ven 14 set 2018 16:12
la B che é quella che noi stranieri piu' conosciamo perché serve l'aeroporto, come materiale e servizio sta allo stesso punto che 10 anni fa. Alcuni dei treni monopiano hanno interni nuovi ma niente di che, non hanno nemmeno le bagagliere su un servizio aeroportuale! Non ho capito se sono treni nuovi o una (blanda) ristrutturazione
Su questo forum si legge in ogni topic di quanto siano inadeguati Vivalto e Taf per mancanza di bagagliere capienti (perché almeno le cappelliere ci sono, senza contare delle zone completamente rifatte nei Taf laziali), sulla B invece abbiamo un servizio per l'aeroporto senza 1 cm di spazio per i bagagli.

e402a
**
**
Messaggi: 1969
Iscritto il: sab 30 lug 2005 13:01
Località: Veneto

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#145 Messaggio da e402a » mar 18 set 2018 15:06

Vero per carità, mi si compensano (di solito, o almeno ogni volta che io sono andato al CdG) con lunghi convogli e quindi le valigie/one le tieni semplicemente al tuo fianco...così come sulle varie S tedesche..se hai spazio (ovvero tante carrozze) anche meglio...Taf (4 pezzi), Vivalto (4\5 +1 prima) invece già permettono molto meno (come in generale tutte le 2p, straniere comprese)

Avatar utente
marzi
*
*
Messaggi: 419
Iscritto il: lun 09 nov 2015 20:37

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#146 Messaggio da marzi » mar 18 set 2018 15:29

Le S tipiche tedesche (br 422/3/5 ecc) a dire il vero hanno bagagliere assai capienti. Chiaramente inapplicabili a convogli a due piani.
Sempre in treno, in tram o in pullman

Avatar utente
GT3.2
**
**
Messaggi: 2926
Iscritto il: mer 19 gen 2005 11:08
Località: Annecy

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#147 Messaggio da GT3.2 » mer 19 set 2018 17:25

Tz ha scritto:
sab 15 set 2018 9:33

Scusa ma dissento profondamente da queste valutazioni.
Si sicuramente il termine "spezzoni" non dà giustizia a uno sviluppo kilometrico dell'AV che in Francia é rimasto importante: la linea per Bordeaux ma anche quella di Rennes, la Rhin-Rhone e la Est 2 che sono recenti, se vogliamo anche la AC Nimes-Montpellier...

quindi sviluppo infrastrutturale importante in termini kilometrici. Ma quando dico stazionario o stagnante parlo proprio di volume di servizio:
- frequenze ridimensionate su molti servizi in provincia (ad esempio sempre piu spesso i primi treni della mattina sono tagliati in giorni morbidi della settimana)
- relazioni intersecteurs (provincia/provincia) eliminate o molto ridimensionate
- su molte nuove linee AV, frequenze ben lontane da quelle a cui SNCF ci aveva abituati (linea interconnexion, Rhin-Rhone, la stessa estensione per Bordeaux, si attestano piuttosto sui 2-3 treni ora) questo anche perché man mano le estensioni delle linee si allontanano da Parigi si trovano a insistere da un lato su zone a minore domanda di trasporto, e comunque a non potere avere margini di aumento di traffico verso Parigi perché le tratte terminali sono sempre quelle, e sono sature
-> il tutto ben rappresentato dal fatto che ormai da qualche tempo SNCF é entrata in modalità contrazione netta della flotta in termini di numeri di treni. Mentre ovviamente partendo da una situazione 10 volte inferiore, in Italia l'esplosione in termini di flotta (e quindi di servizi) é stata notevole e non sembra arrestarsi

Secondo elemento di non-crescita é la qualità del servizio. Mentre in 10 anni la qualità dei treni e dei convogli AV italiani ha fatto passi da gigante, in Francia a parte un po di investimento sul digitale, non vedo che stagnazione o un po di regresso su questo aspetto

In sostanza gli investimenti in linee ci sono stati ma con effetti sui volumi di traffico marginali rispetto al caso italiano, dove si partiva molto indietro. Nei prossimi anni perché i km di linea costruiti possano portare a forte crescita del traffico AV, servirebbe aprire 1 o 2 segmenti LGV totalmente nuovi in entrata a Parigi
- linea dalla Normandia e/o dalla Piccardia (LGV Eurotunnel-Parigi diretta)
- POCL
ma con i recenti chiari di luna la vedo molto dura

E sicuramente, farebbe MOLTO bene l'arrivo di una concorrenza tipo la nostra
Ultima modifica di GT3.2 il mer 19 set 2018 17:58, modificato 1 volta in totale.
Vogliamo l'Eurostar AV Milano-Bologna-Adriatica - FINALMENTE ARRIVATO!!
Vogliamo la riapertura delle linee "del Tonchino" (Evian-St. Gingolph) e Annecy-Albertville
Vogliamo un servizio decente tra Italia e Savoia! via Sempione E via Modane

Avatar utente
GT3.2
**
**
Messaggi: 2926
Iscritto il: mer 19 gen 2005 11:08
Località: Annecy

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#148 Messaggio da GT3.2 » mer 19 set 2018 17:40

Z.G ha scritto:
sab 15 set 2018 18:26
5) per il RER E non mi risulta che ci siano attivi raddoppi verso la Defense.
In costruzione (con conseguenti ingorghi catastrofici a Porte Maillot :mrgreen: )
https://www.rer-eole.fr/la-carte-du-projet/
Vogliamo l'Eurostar AV Milano-Bologna-Adriatica - FINALMENTE ARRIVATO!!
Vogliamo la riapertura delle linee "del Tonchino" (Evian-St. Gingolph) e Annecy-Albertville
Vogliamo un servizio decente tra Italia e Savoia! via Sempione E via Modane

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15009
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#149 Messaggio da Tz » mer 19 set 2018 19:48

Non vedo niente di strano (se non nel tuo esagerare un po' la realtà) nella sitauzione "grand vitesse" della SNCF perchè significa semplicemente che è giunta a soddisfare pressochè tutte le direttrici in maniera adeguata e gli incrementi si sono azzerati perchè l'offerta soddisfa pienamente la domanda, ovvero la situazione è in equilibrio.
Il fatto è che per 30 anni dall'attivazione del primo TGV nel 1981 ci eravamo abituati a vedere grandi incrementi dovuti all'estensione della rete e dei servizi oggi giunti a soddisfare quasi tutti.
Per contro l'espansione del servizio AV in FS (su una sola direttrice invece di 4... :mrgreen: ) è unicamente degli ultimi 10 anni e pertanto ci troviamo noi ora come loro erano negli anni '80 - '90... semplicemente ci siamo arrivati 30 anni dopo... :lol: :wall:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
GT3.2
**
**
Messaggi: 2926
Iscritto il: mer 19 gen 2005 11:08
Località: Annecy

Re: Anche le SNCF sono rimaste al palo: l'esempio della RER

#150 Messaggio da GT3.2 » gio 20 set 2018 7:47

Si, stiamo dicendo piu' o meno la stessa cosa

D'altronde questo é un topic di 10 anni fa e qualcuno ha avuto l'idea di ritirarlo fuori, quindi l'idea é di raccontare cosa é successo in questi 10 anni in Francia. Che sul servizio TGV é proprio il plafonamento dei volumi di servizio di cui parliamo entrambi, e le cui cause sono strutturali e tutto sommato non preoccupanti. E concordo con te, l'Italia non fa che recuperare i 2 decenni di ritardo

Per i prossimi anni alcuni margini di crescita in realtà ci sarebbero ma
- le principali direttrici di nuove linee in proposta sono principalmente a miglioramento di assi di traffico già esistenti (interconnexion sud, Lione-Chambery ecc...)
- se anche ce ne sono su nuove direttrici (quindi nuovo traffico TGV potenziale) tipo la nuova linea in Normandia, sono rinviate alle calende greche
- difatto l'unico progetto che davvero sbloccherebbe una significativa crescita é il POCL. Speriamo parta

Se vuoi per me il vero punto non é sulla quantità (che pure un po si sente, in provincia) ma nella qualità del servizio (rotabili, regolarità/scioperi, servizi a bordo...). Qui la differenza di progressione con l'Italia é netta, non dipende da un nostro ritardo pregresso particolare, ma ha una sola spiegazione che i Francesi dovrebbero iniziare a considerare seriamente: concorrenza...
Vogliamo l'Eurostar AV Milano-Bologna-Adriatica - FINALMENTE ARRIVATO!!
Vogliamo la riapertura delle linee "del Tonchino" (Evian-St. Gingolph) e Annecy-Albertville
Vogliamo un servizio decente tra Italia e Savoia! via Sempione E via Modane

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite