L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

Nuove imprese, gare, orari, contratti di servizio, personaggi

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Strix Hexe
**
**
Messaggi: 3950
Iscritto il: dom 12 nov 2006 15:28
Località: Girando il mondo ho partecipato al sabbah della Lux obnubilata nella notte di capodanno

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#91 Messaggio da Strix Hexe » ven 25 gen 2013 21:50

luca295 ha scritto:-la retribuzione media in Ti è di 50mila€/anno ( i quadri pesano, evidentemente )
Retribuzione al dipendente o costo lordo dell'agente?
Hexe, dòna italo veneta del bon zugo
Chi xè mona staga a casa!
Ite per exemplum, genus o mortale, dearum, gaudia nec cupidis vestra negate viris. Ut iam decipiant, quid perditis?

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#92 Messaggio da luca295 » ven 25 gen 2013 22:15

Costo lordo medio ... considera che il 12% dei dipendenti Ti sono quadri....
Cmq la cifra è ilrapporto tra spesa e numero di dipendenti.

Avatar utente
danieleexpress
**
**
Messaggi: 7076
Iscritto il: mer 07 gen 2004 22:46
Località: Torino
Contatta:

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#93 Messaggio da danieleexpress » ven 25 gen 2013 22:19

Grande Puffo ha scritto:
luca295 ha scritto:Un 737 Ryanair trasporta giornalmente 1,2milioni paxkm; un agv Ntv ne trasporta 375mila ,piu di tre volte tanto.
Con la differenze che un ryanair vola quasi sempre pieno mentre un italo viaggia con una media del 50% di load factor. Ryanair vola pieno perché si può spostare liberamente in europa fino a trovare le rotte più redditizie..ntv no per il solito discorso delle certificazioni ecc.. (oltre che del personale molto precario...)

Un aereo ryanair che vola tra Bergamo e Ciampino da un giorno all'altro può passare alla Londra-Budapest se c'è più domanda.
mmmmmmmmm pfffffffffffffffffffttttt (segnale acustico + porta che si chiude)
"Io auguro alla gente di salire su un aereo per fare Milano-Reggio Calabria" I.Cipolletta, Presidente gruppo FS
In Pendolino con Pendolino, sull'Etna con Etna

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#94 Messaggio da luca295 » ven 25 gen 2013 23:22

Beh non è proprio così.
L'aereo ha Load Factor strutturalmente piu' elevati. le compagnie low cost hanno estremizzato la ricerca del miglior load factor puntando sulla modulazione delle tariffe in maniera esasperata. Detto questo, un volo è programmato con mesi di anticipo, non è che viene fatto o meno a seconda di quanti pax arrivano.
L'aereo offre un servizio punto-punto, quindi non ha posti vacanti per parte del percorso.
In cambio, gli aerei non volano su una rotta prestabilita; in una giornata un aereo con base a bologna puo' fare 1 servizio su Valencia, 1 su Londra, 1 su cracovia... Ovvero viene ottimizzato il numero di voli sulle singole tratte. Anche con l'effettuazione di voli no giornalieri ( moltissimi si effettuano un giorno si uno no, per esempio : su loaclità su cui la richiesta non è molta, e neanche la concorrenza, per cui i pax si adeguano al giorno di effettuazione del volo .
Gli aerei tipici da corto raggio ( traffico europeo) sono "piccoli". i Boeing 737 e gli airbus a 320 hanno una capienza intorno ai 170 posti. ( molti operatori usano anche aerei piu piccoli ); per cui è piu semplice modulare l'offerta sulla domanda.
Insomma, per gli aerei è piu semplice arrivare a detti load factor.
per un servizio Av 50% si puo considerare un buon risultato, anche se sui singoli treni è possibile arrivare a valori molto piu elevati
Sul thello Venezia Parigi si sta parlando dell'82% .

Avatar utente
Strix Hexe
**
**
Messaggi: 3950
Iscritto il: dom 12 nov 2006 15:28
Località: Girando il mondo ho partecipato al sabbah della Lux obnubilata nella notte di capodanno

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#95 Messaggio da Strix Hexe » sab 26 gen 2013 1:02

luca295 ha scritto:Costo lordo medio ... considera che il 12% dei dipendenti Ti sono quadri....
E allora non puoi scrivere 'retribuzione', altrimenti vien logico pensare che sia quanto si intasca il dipendente.
E per un 'quadro' non FS qual è il costo lordo medio?
Hexe, dòna italo veneta del bon zugo
Chi xè mona staga a casa!
Ite per exemplum, genus o mortale, dearum, gaudia nec cupidis vestra negate viris. Ut iam decipiant, quid perditis?

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#96 Messaggio da luca295 » sab 26 gen 2013 2:08

Beh, costo e retribuzione lorda coincidono . C'è scritto "media" per cui mi sembra chiaro che sia quanto in media intascano i dipendenti, e ho ben specificato che una parte dei dipendenti, i quadri, alzano parechhio questa media .
Non riesco a capire come si possa confondere la media dela retribuzione lorda ( precisando che detta media comprende i quadri ) con quanto si intascano i dipendenti. Otretutto in un ambito in cui si fanno i conti dei costi aziendali, e non delle retribuzioni nette.
Non capisco poi il senso della domanda. Che senso ha ? Cosa c'entra con il discorso? Qui mica si sta parlando di retribuzioni dei quadri, ma del costo della forza lavoro per l'azienda.

Lo ripeto : Ti spende in retribuzioni 2074422254€; ha 36700 dipendenti, per cui il costo medio per la retibuzione dei dipendenti è di 56523€ cadauno .Io a memoria avevo arrotondato al ribasso . Questi sono i dati del bilancio 2011. Che un singolo ne prenda 30mila, ed un'altro magari 150mila , non importa molto , no?

mariob
*
*
Messaggi: 431
Iscritto il: lun 25 giu 2012 7:08

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#97 Messaggio da mariob » sab 26 gen 2013 2:11

Scusate ma per tornare all' argomento iniziale: non vedo perche' non si possa ottenere una standardizzione dei sistemi di segnalamento e blocco, la certificazione automatica riconoscendo quelle dei paesi firmatari dell' accordo e cosi' via. Mi pare una questione non troppo complicata che con un po' di buona volonta' e naturalmente impegno da parte delle amministrazioni interessate si potrebbe risolvere attraverso una commissione mista tecnico-politica dei vari ministeri dei trasporti.

qalimero
**
**
Messaggi: 6947
Iscritto il: sab 27 dic 2003 0:15
Località: Toscana

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#98 Messaggio da qalimero » sab 26 gen 2013 11:54

Standardizzazione sino a che livello, mariob?
La domanda non è peregrina.

luca295
In effetti costo medio per addetto si equivoca meno di retribuzione media.

Sui dati di TI sulla ripartizione delpersonale, sei sicuro? In specie per DTR Toscana?
Nel caso, abbi pazienza come hai suddiviso il personale?

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#99 Messaggio da luca295 » sab 26 gen 2013 13:42

Sicuro è un parolone, leggo i dati che trovo nei documenti ufficiale e ufficiosi.
Per la Toscana si, la ripartizione era piu' o meno quella, stando ai dati dichiarati da ti ( se non ricordo male, circa 3500 dipendenti per la Dtr, di cui circa 1600 di condotta/scorta ; il rimanente è amministrativo , manutenzione e quadri ). Del resto, è una ripartizione abbastanza corrispondente a tutto quello che leggo in giro ( anche all'estero, anche se i numeri cambiano abbastanza da realtà a realtà ).
Sul numero di quadri, mi rifaccio al bilancio di Ti ; anche se a me sembrano un'esagerazione 1 quadro ogni 9 dipendenti ; però questo spiega abbastanza il divario tra costo della rertibuzione media e retribuzione lorda effettiva del personale ( per esempio ai 35milae/anno lordi per il Pdm che hai riportato ). Per fare un confronto, per le compagnie inglesi risulta una retribuzione lorda media di 48mila€ , quasi equivalente alla media del personale di macchina di 46mila€ ( netta : 30mila€ ; ma varia tra compagnia e compagnia da 37mila ea 25 mila€ ),. Sarebbe interessante concoscere la situazione in seno alle Db ( retribuzione lorda media del Pdm :47mila€per schenker e 36mila€ per DBBahn , equivalenti a28mile e 22mila € nette )*
Sulla ripartizione nazinale non ho un dato sinceramente, ho confrontato quello toscano con un'analisi comparaa del costo del personale per servizio ( 2 dati certi )con il costo ipotizzabile per il personale effettivamente in servizio sui treni. E il rapporto mi sembra essere piu o meno 2:1. Per cui ti ripeto, dati certi non ne ho, ma lpinterpolazione dei vari dati collima da quaunque punto tu la guardi per cui la ritengo plausibile.
per confronto, ho un dato preciso riguardante insieme delle imprese ferroviarie inglesi : 49mila addetti di cui 24mila a bordo dei treni.
Se puoi darmi dei dati piu' precisi te ne sarei grato.

Per la scelta delle parole, va benissimo "costo medio per addetto"....sia mai che qualcuno mi assalga dicendo che non è vero che il Ct giadagna 56mila€ all'anno!!!

*una piccola curiosità. La retribuzione netta media del Pdm inglese corrisponde al 107% della retribuzione media nazionale ( con punte del 131%); per il Pdm Italiano vale 125%, per quello tedesco 130% per DbSchenker e 112% per DbBahn. Ovvero in Uk si puo' guadagnare, in proporzione al costo della vita, un po' piu o un po' meno che in Germania e Italia. IN Uk e Germania si fanno 35 ore settimanali in media.
Il rapporto invece tra retribuzione netta e costo all'utente del prodotto si da in migliaia di km equivalenti all'anno ; la media inglese è 218milakm , la media italiana è 230milakm. In quanto la tariffa media a paxkm Ukè 14€cent contro 8,3 €cent in italia . La retribuzione netta media nazionale vale 202mila km in Uk contro 192mila in Italia ( ovvero il potere di acquisto del servizio ferroviario è maggiore in Uk). Il sussidio pubblico vale invece 8,4€cent a paxkm in Inghilterra contro 7,3 €cent in italia.Il rapporto tra sussidio pubblico e reddito medio netto nazionale è di vale 166mila€/€di reddito per Uk e 182mila€/€ di reddito per l'italia. Se rapportiamo invece il costo a paxkm del sussidio al valore del reddito, questo vale 334mila paxkm in Uk contro 216mila paxkm iin Italia ( ovvero, costo sociale del sussidio è circa il 40% minore in Uk )Da tutto cio' ne consegue un costo lordo a kmtreno di 28,6 €/km in Uk, 34,6€/kmtreno in italia; al netto del costo della rete 13,5€/kmtr contro 21,5€/kmtr , ed infine un costo totale reale a paxkm equivalente in entrambi i casi a 23€cent paxkm ( non calcolando pero' l'ammortamento della rete dovuto al cargo, in ambo i casi )

Avatar utente
Strix Hexe
**
**
Messaggi: 3950
Iscritto il: dom 12 nov 2006 15:28
Località: Girando il mondo ho partecipato al sabbah della Lux obnubilata nella notte di capodanno

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#100 Messaggio da Strix Hexe » sab 26 gen 2013 15:00

luca295 ha scritto:Beh, costo e retribuzione lorda coincidono.
Sicuro, sicuro?
Mi dovresti spiegare, allora, perché al mio puffo non viene in tasca almeno il doppio di quello che in realtà riceve.
Ero curiosa di sapere quanto guadagna un quadro non FS, giusto per fare un paragone.
Hexe, dòna italo veneta del bon zugo
Chi xè mona staga a casa!
Ite per exemplum, genus o mortale, dearum, gaudia nec cupidis vestra negate viris. Ut iam decipiant, quid perditis?

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#101 Messaggio da luca295 » sab 26 gen 2013 16:51

Sicuro Strix. Il valore medio è il totale del costo della retribuzione dei dipendenti diviso il numero degli stessi. Siccome sono cifre desunte dal bilancio Ti, non si discutono. ( lordi, stiamo sempre parlando di importi lordi, non di quello che arriva netto in busta, che è mooolto meno ) Per intendersi, 56mila lordi possono corrispondere a circa 2mila e rotti netti in busta paga.
Detto questo, non ho idea di quale possa essere la paga di un quadro non Fs. Ma non riesco neanche a cogliere cosa c'entri.

luca295
***
***
Messaggi: 24614
Iscritto il: mar 18 nov 2008 18:21

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#102 Messaggio da luca295 » sab 26 gen 2013 17:55

Rettifico e chiedo perdono . Ho scoperto OGGI (meglio tardi che mai ) che la "retribuzione lorda" NON comprende gli oneri sociali , che quindi rappresentano la differenza tra costo del lavoro e la retribuzione stessa. il giorno che capiro' la proliferazione di norme contributive e fiscali italiane sarà troppo tardi. Per cui parliamo di costo del lavoro ( e del resto di quelo si stava parlando, le cifre e i conteggi non cambiano ).

mariob
*
*
Messaggi: 431
Iscritto il: lun 25 giu 2012 7:08

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#103 Messaggio da mariob » dom 27 gen 2013 2:07

Standardizzazione fino al livello minimo sufficiente a permettere ai treni di circolare in Europa liberamente e senza ostacoli. Perche' questo e' l'obiettivo e quindi il parametro che interessa. Abbiamo l' esempio della ferrovia del Tenda che soffre per questo problema. I treni italiani o svizzeri dovrebbero poter arrivare a Nizza e anche i treni francesi viaggiare in Italia o in Svizzera fino a destinazione senza cambio di macchina e personale.

mariob
*
*
Messaggi: 431
Iscritto il: lun 25 giu 2012 7:08

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#104 Messaggio da mariob » dom 27 gen 2013 2:16

Resto dell' opinione che l' AV non consenta di far concorrenza all' aereo e che occorra ricorrere a tecnologie piu' avanzate. Il maglev permette di arrivare a velocita' tali da esser competitivi, sui 600 km/h.

Avatar utente
sidew
**
**
Messaggi: 2043
Iscritto il: lun 04 feb 2008 8:49
Località: Pendolare della MMMOL
Contatta:

Re: L'Europa vuole una ferrovia senza frontiere

#105 Messaggio da sidew » dom 27 gen 2013 11:21

io invece resto che l'attuale sistema AV e' competitivo contro l'aereo fino a 600-700km.
Sidewinder

"Oops!" - Shannon Foraker - Ashes of Victory

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti