Legge di stabilità

Nuove imprese, gare, orari, contratti di servizio, personaggi

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7689
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Legge di stabilità

#1 Messaggio da Cinghiale » gio 15 nov 2012 7:35

Legge di stabilità 2013: il testo approvato dal Consiglio dei Ministri

Disegno di legge approvato il 09.10.2012


(omissis) ...

Art. 9

Trasporto pubblico locale

1. L'articolo 16 - bis del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95 ... (omissis) ... è cosi sostituito:

"Articolo 16 - bis

1. A decorrere dall'anno 2013 è istituito il Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale, anche ferroviario, nelle regioni a statuto ordinario. ... (omissis) ...
2. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri ... (omissis) ... sono definiti i criteri e le modalità con cui ripartire e trasferire alle regioni a statuto ordinario le risorse del fondo di cui al comma 1.1 criteri sono definiti, in particolare, tenendo conto del rapporto tra ricavi da traffico e costi dei servizi previsto dalla normativa nazionale vigente in materia di servizi di trasporto pubblico locale e di servizi ferroviari regionali salvaguardando esigenze della mobilità nei territori anche con differenziazione dei servizi e sono finalizzati ad incentivare le regioni e gli enti locali a razionalizzare e rendere efficiente la programmazione e la gestione dei servizi medesimi mediante:
a) un'offerta di servizio più idonea più efficiente ed economica per il soddisfacimento della domanda di trasporto pubblico;
b) il progressivo incremento del rapporto tra ricavi da traffico e costi operativi;
c) la progressiva riduzione dei servizi offerti in eccesso in relazione alla domanda e il corrispondente incremento qualitativo e quantitativo dei servizi a domanda elevata;
d) la definizione di livelli occupazionali appropriati;
e) la previsione di idonei strumenti di monitoraggio e di verifica.
3. Per l'anno 2012 il Fondo di cui agli articoli 21, comma 3, del decreto legge n. 98 del 2011 e 30, comma 3, del decreto legge n. 201 del 2011 è ripartito sulla base del criterio storico.
4. Entro sessanta giorni dalla data di emanazione del decreto di cui al comma 2, le Regioni a statuto ordinario, al fine di ottenere assegnazioni di contributi statali destinati ad investimenti o a servizi in materia di trasporto pubblico locale e ferrovie regionali, procedono, in conformità con quanto stabilito con il decreto di cui al comma 2, alla riprogrammazione dei servizi di trasporto pubblico locale e di trasporto ferroviario regionale, rimodulano i servizi a domanda debole e sostituiscono, entro centottanta giorni dalla predetta data, le modalità di trasporto da ritenersi diseconomiche, in relazione al mancato raggiungimento del rapporto tra ricavi da traffico e costi del servizio al netto dei costi dell'infrastruttura, previsto dall'articolo 19, comma 5 del decreto legislativo n. 422 del 1997 con quelle più idonee a garantire il servizio nel rispetto dello stesso rapporto tra ricavi e costi. A seguito della riprogrammazione, rimodulazione e sostituzione di cui al presente comma, i contratti di servizio già stipulati da aziende di trasporto anche ferroviario, con le singole regioni a statuto ordinario, sono oggetto di revisione.
5. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, da emanarsi sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, entro il 31 marzo di ciascun anno, sono ripartite le risorse del fondo di cui al comma 1, previo espletamento delle verifiche effettuate sugli effetti prodotti dal piano di riprogrammazione di cui al comma 4 dei servizi nell'anno precedente. Per l'anno 2013 il decreto è emanato entro il 28 febbraio ... (omissis) ...
7. A decorrere dal 1° gennaio 2013 le aziende di trasporto pubblico locale e le aziende esercenti servizi ferroviari di interesse regionale e locale trasmettono, per via telematica e con cadenza semestrale all'Osservatorio istituito ai sensi dell'art. 1, comma 300, della legge n. 244 del 2007 i dati economici e trasportistici, che lo stesso Osservatorio provvede a richiedere con adeguate garanzie di tutela dei dati commerciali sensibili, utili a creare una banca dati e un sistema informativo per la verifica dell'andamento del settore, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. I dati dovranno essere certificati con le modalità indicate con apposito decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, d'intesa con il Ministro dell'economia e delle finanze ed il Ministro dell'interno. I contributi pubblici e i corrispettivi dei contratti di servizio non possono essere erogati alle aziende di trasporto pubblico e ferroviario che non trasmettono tali dati, secondo le modalità indicate ... (omissis) ...
9. La regione non può avere completo accesso al fondo di cui al comma 1, se non assicura l'equilibrio economico della gestione e l'appropriatezza della gestione stessa, secondo i criteri stabiliti con il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di cui al comma 2. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, da emanarsi d'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sono stabilite, per l'ipotesi di squilibrio economico:
a) le modalità di redazione del piano di riprogrammazione dei servizi, anche con la previsione della eventuale nomina di commissari ad acta,
b) la decadenza dei direttori generali degli enti e società regionali che gestiscono il trasporto pubblico locale,
c) le verifiche sull'attuazione del piano e dei relativi programmi operativi, anche con la eventuale nomina di commissari ad acta."

2. Il presente articolo entra in vigore alla data di pubblicazione della presente legge nella Gazzetta Ufficiale.

Sembra fatto deliberatamente per aprire la porta alla dittatura della mafia stradale.

giorgiostagni
**
**
Messaggi: 1065
Iscritto il: gio 19 ago 2010 22:22
Località: Milano
Contatta:

Re: Legge di stabilità

#2 Messaggio da giorgiostagni » gio 15 nov 2012 9:44

Cinghiale ha scritto:Sembra fatto deliberatamente per aprire la porta alla dittatura della mafia stradale.
Esatto.
Rispecchia fedelmente la visione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, secondo cui il Paese è pieno di ferrovie inutili e costose (o brutte, sporche e cattive, secondo quanto si vuole essere politically correct).

Si tratta di un testo già proposto a luglio (ne avevo letto una bozza tal quale) poi messo nel cassetto (uscì l'art. 16-bis oggi vigente, meno articolato) e ora ritirato fuori.

La visione ministeriale è descritta nel dettaglio qui:
http://www.miol.it/stagniweb/tagli12.htm#punto4

Povera ferrovia.
Ma senza dimenticare che questo sembra essere anche quello che auspica una larga fetta di cittadini, come si è spesso letto persino qui dentro, in fin troppi interventi (che, come ho già detto senza troppi convenevoli, ho sempre trovato sgradevoli e pericolosi).

delmo 349
**
**
Messaggi: 4035
Iscritto il: ven 25 ago 2006 16:59
Località: Loano, Western Liguria

Re: Legge di stabilità

#3 Messaggio da delmo 349 » gio 15 nov 2012 11:28

Tutto accompagnato da pesanti tagli anche al tpl su gomma e da soppressioni o chiusure di uffici periferici e presidi territoriali di giustizia sanita, istruzione. Insomma si costringe la popolazione a spostarsi per accedere ai servizi e la si costringe a spostarsi in auto.
buon viaggio Marco!
O caminho de ferro foi uma revoluçao. se todas fossem assim..
"..scigùa de noette u trenu, respìa tra i scoeggi u mà.." (fischia di notte il treno/respira tra gli scogli il mare)

gworld
**
**
Messaggi: 7362
Iscritto il: sab 01 dic 2007 15:29

Re: Legge di stabilità

#4 Messaggio da gworld » gio 15 nov 2012 11:54

Questa legge porterà a chiudere decine di linee ferroviarie al centro-sud che non arrivano al 35% di introiti da biglietti previsto dalla legge del 1997, per motivi vari (mancanza di materiale rotabile nuovo, di cadenzamento e di investimenti, bassa densità di popolazione, disinteresse politici locali ecc.).

Domanda: la percentuale del 35% verrà calcolata sull'intero contratto di servizio di una regione, su ogni singola linea o peggio sulla singola corsa?

giorgiostagni
**
**
Messaggi: 1065
Iscritto il: gio 19 ago 2010 22:22
Località: Milano
Contatta:

Re: Legge di stabilità

#5 Messaggio da giorgiostagni » gio 15 nov 2012 12:04

gworld ha scritto:Domanda: la percentuale del 35% verrà calcolata sull'intero contratto di servizio di una regione, su ogni singola linea o peggio sulla singola corsa?
Non è chiaro. Il DLgs 422 parla inequivocabilmente di contratto. Il problema è che più si va al sud, più non si raggiunge il 35% neanche per contratto (cioè per l'intera Regione!). Inoltre è evidente che la voglia dei Ministeriali è di arrivare a valutare per linea.
Per corsa è sciocco e irrealizzabile, ma si hanno anche esempi in tal senso, da parte delle "migliori menti" (sia pure in contesti non del tutto uguali), ad esempio nel 2007 la soppressione dell'IC Ventimiglia-Milano delle 13 e viceversa, lasciando un bel buco di 4 h nel cadenzamento biorario.

gworld
**
**
Messaggi: 7362
Iscritto il: sab 01 dic 2007 15:29

Re: Legge di stabilità

#6 Messaggio da gworld » gio 15 nov 2012 12:10

A me starebbe anche bene che il sistema dei trasporti di alcune regioni venisse commissariato, ma col vincolo di non chiudere nessuna ferrovia, di riorganizzare il servizio e che comunque i soldi di ogni regione rimangano almeno quelli.
Paradossalmente il governo intende mettere per il 2013 quasi gli stessi soldi dell'anno in corso ma con l'obbligo di un presunto efficientamento, che di fatto significherà chiudere gran parte delle linee al centro-sud e potenziare quelle al centro-nord.

Avatar utente
danieleexpress
**
**
Messaggi: 7092
Iscritto il: mer 07 gen 2004 23:46
Località: Torino
Contatta:

Re: Legge di stabilità

#7 Messaggio da danieleexpress » gio 15 nov 2012 12:20

La ferrovia è una rete, non ha senso ragionare per linea. Questo è il punto secondo me
mmmmmmmmm pfffffffffffffffffffttttt (segnale acustico + porta che si chiude)
"Io auguro alla gente di salire su un aereo per fare Milano-Reggio Calabria" I.Cipolletta, Presidente gruppo FS
In Pendolino con Pendolino, sull'Etna con Etna

gworld
**
**
Messaggi: 7362
Iscritto il: sab 01 dic 2007 15:29

Re: Legge di stabilità

#8 Messaggio da gworld » gio 15 nov 2012 12:27

Oltre al 35% bisognerebbe guardare anche altri parametri, per esempio se si impiega più tempo col bus o col treno, e non solo tra i capilinea ma tra tutte le località servite.

gworld
**
**
Messaggi: 7362
Iscritto il: sab 01 dic 2007 15:29

Re: Legge di stabilità

#9 Messaggio da gworld » gio 15 nov 2012 14:17

A proposito, i treni con solo macchinista e senza capotreno, sarebbero la salvezza per molte linee del sud per farle rientrare nella soglia del 35% e non chiudere la ferrovia.

Avatar utente
aspirante
**
**
Messaggi: 5848
Iscritto il: ven 20 giu 2008 16:20
Località: Piovarolo

Re: Legge di stabilità

#10 Messaggio da aspirante » gio 15 nov 2012 14:20

Mafia stradale = benzina = soldi per lo stato
Viva i FLIRT, viva Stadler....... Ma anche Bombardier.............

lineafnm
*
*
Messaggi: 466
Iscritto il: ven 21 dic 2007 21:07

Re: Legge di stabilità

#11 Messaggio da lineafnm » gio 15 nov 2012 14:26

sottoscrivo l'amico aspirante....lo stato connive con tutto cio' che muove lo stradale alla grande....porta una barca di soldi...
ai voglia a sperare negli investimenti ferroviari......
basta guardare fuori dalla finestra dove sono stato 2 mesi io in veneto......in una tangenziale in 24 ore totale(intero giorno)solo per 33 secondi non ho visto un tir.....osservazione fatta davvero....mica cazzate :shoot: :shoot: :shoot: :shoot:

delmo 349
**
**
Messaggi: 4035
Iscritto il: ven 25 ago 2006 16:59
Località: Loano, Western Liguria

Re: Legge di stabilità

#12 Messaggio da delmo 349 » gio 15 nov 2012 16:30

non solo per il gettito..lo stato ha tutto l'interesse a risparmiare anche nella manutenzione dell'infrastruttura ferroviaria, considerando quante linee minori attraversano territori orograficamente accidentati è evidente la volontà di chiudere tutto e lasciare alle frane e ai rovi.
buon viaggio Marco!
O caminho de ferro foi uma revoluçao. se todas fossem assim..
"..scigùa de noette u trenu, respìa tra i scoeggi u mà.." (fischia di notte il treno/respira tra gli scogli il mare)

Avatar utente
ringhio
**
**
Messaggi: 1395
Iscritto il: sab 25 lug 2009 16:46
Località: sulla ferrovia del sempione

Re: Legge di stabilità

#13 Messaggio da ringhio » gio 15 nov 2012 17:20

Questo è un governo di ciarlatani nel migliore dei casi.

E lo dico perchè certi provvedimenti sbandierati ai quattro venti sono stati solo fuffa. Nel campo della sanità, che posso permettermi di giudicare dal'interno, il medico di base h24 (irrealizzabile, e la guardia medica esiste già) o la falsa riforma farmaceutica (non è cambiato niente, anche prima veniva passato il farmaco che costava meno) sono solo specchietti per le allodole.

Questo politica nei confronti della ferrovia, un patrimonio di tutti, conferma questo trend. Altro che salvatori dell'Italia.
Sono finiti i soldi? bene niente TAV allora...e con quei soldi ci finanzi il TPL su ferro per il prossimo secolo.
A-CWL 61 81 70-70 003-2

Avatar utente
em
**
**
Messaggi: 4495
Iscritto il: mer 07 gen 2004 12:34
Località: Genova

Re: Legge di stabilità

#14 Messaggio da em » gio 15 nov 2012 17:41

Non credo che la spesa prevista per le nuove linee AV sia cosi` alta. ::-?:

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7689
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Legge di stabilità

#15 Messaggio da Cinghiale » gio 15 nov 2012 18:10

ringhio ha scritto:(omissis) ... Nel campo della sanità, che posso permettermi di giudicare dal'interno, il medico di base h24 (irrealizzabile, e la Guardia Medica esiste già) o la falsa riforma farmaceutica ... (omissis) ... sono solo specchietti per le allodole ... (omissis)
Un altro Medico, suppongo. Il discorso di creare dei poli per assistenza di base funzionerebbe solo nelle città, mentre sarebbe improponibile nelle zone rurali.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 16 ospiti