Sui treni notturni

Nuove imprese, gare, orari, contratti di servizio, personaggi

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
massimo
**
**
Messaggi: 1875
Iscritto il: ven 20 ott 2006 11:35
Località: Roma

Re: Sui treni notturni

#6616 Messaggio da massimo » gio 15 mar 2018 8:14

Possibile che le vecchie semipilota Z1 vanno al macero :?:

Astro
**
**
Messaggi: 1047
Iscritto il: mar 17 gen 2017 14:33

Re: Sui treni notturni

#6617 Messaggio da Astro » gio 15 mar 2018 8:32

Mah, secondo me una soluzione ibrida potrebbe funzionare: l'idea è la stessa del modulo motore di Stadler, però trasformato in carrozza: un'automotrice elettrica passante che possa essere posta a centro treno.

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7552
Iscritto il: lun 26 gen 2004 12:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Sui treni notturni

#6618 Messaggio da Cinghiale » gio 15 mar 2018 8:46

Da un punto di vista tecnico, si possono realizzare ETR con allestimento notturno, tanto nella versione a potenza distribuita, quanto nella versione a potenza concentrata, oppure automotrici, termiche od elettriche quali esse siano, da accoppiare a comando multiplo, oppure materiale ordinario, esattamente al pari di quanto succede con i treni diurni.
Va da sé che il materiale automotore per il trasporto merci, visto che è stato citato, è proponibile solo per merci preziose, leggere o delicate, con esigenze di velocità e poche operazioni di carico e scarico lungo linea.

Astro
**
**
Messaggi: 1047
Iscritto il: mar 17 gen 2017 14:33

Re: Sui treni notturni

#6619 Messaggio da Astro » gio 15 mar 2018 9:22

Per i notturni il comando multiplo e la potenza distribuita non servono, non devi avere accelerazioni elevate (non devi nel senso dell'inglese "must not").

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 13630
Iscritto il: sab 26 apr 2008 11:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: Sui treni notturni

#6620 Messaggio da UluruMS » gio 15 mar 2018 10:26

Ma siete davvero convinti che il futuro dei notturni, della lunga percorrenza non da 300kmh, anche di certe categorie di regionali, sia in mano al materiale automotore??
"Ingegné, io mi licenzio!"
"Ma..perché? non si trova forse bene qui?"
"No, è che da me le littorine vanno a nafta; se lo vuole il carbone se lo cavi fuori lei..."

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7552
Iscritto il: lun 26 gen 2004 12:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Sui treni notturni

#6621 Messaggio da Cinghiale » gio 15 mar 2018 16:26

Sarebbe auspicabile avere ETR da 300 km/h ed oltre in allestimento notturno, in maniera tale da far esercitare alle linee ad alta velocità il loro mestiere: consentire spostamenti a grandi distanze in tempi brevi.
Le accelerazioni elevate non servono, ma la potenza distribuita consente una migliore fluidità di marcia.

Astro
**
**
Messaggi: 1047
Iscritto il: mar 17 gen 2017 14:33

Re: Sui treni notturni

#6622 Messaggio da Astro » gio 15 mar 2018 16:37

Perché notoriamente farsi Torino - Reggio Calabria (1400 km) a una media di 200 km/h (ovvero 7 ore) è molto importante. Invece notoriamente fare fermate intermedie non serve a nulla (visto che in 7 ore, per avere senso, dovresti partire a mezzanotte da Torino e arrivare a Reggio alle 7, perdendoti tutta la clientela del transito dall'1:15 alle 6:00 circa).

Sharklet
*
*
Messaggi: 788
Iscritto il: mer 30 mar 2016 21:33

Re: Sui treni notturni

#6623 Messaggio da Sharklet » gio 15 mar 2018 18:21

Però non si può lo stesso giustificare l'esatto contrario: intercity con 3-4 ore di allungo perché sennò partirebbero troppo tardi o arriverebbero troppo presto...

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7552
Iscritto il: lun 26 gen 2004 12:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Sui treni notturni

#6624 Messaggio da Cinghiale » gio 15 mar 2018 18:55

Lo scopo del trasporto pubblico è servire i Signori Viaggiatori, non accaparrarsi clientela.
Ad ogni buon conto, nessuno s'imbarcherebbe o, peggio, sbarcherebbe dalle ore 1:15 alle ore 6:00; nell'ipotesi di doverlo fare, sarebbe necessario avere anche vetture con posti a sedere in composizione.

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25145
Iscritto il: lun 22 dic 2003 9:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: Sui treni notturni

#6625 Messaggio da paolo656 » gio 15 mar 2018 19:25

Non sono d'accordo sulla potenza distribuita come motivazione per miglior fluidità di marcia.

Avresti una maggior rumorosità e nessun reale beneficio, per quel tipo di treno.

E per dirla tutta...sarebbe a mio avviso sufficiente avere valide vetture da 200. Ti garantisco che con vetture da 60 t e una condotta uniforme quasi non ti accorgi di essere in marcia, fino a velocità contenute.

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16935
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Sui treni notturni

#6626 Messaggio da Ae 4/7 » gio 15 mar 2018 20:06

Astro ha scritto:
gio 15 mar 2018 8:32
un'automotrice elettrica passante che possa essere posta a centro treno.
https://commons.wikimedia.org/wiki/File ... 150414.jpg :mrgreen:
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15025
Iscritto il: dom 21 mar 2004 17:20
Località: sul grande fiume

Re: Sui treni notturni

#6627 Messaggio da Tz » gio 15 mar 2018 23:02

La migliore posizione per il mezzo di trazione è sotto il culo del macchinista.
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Wilson
*
*
Messaggi: 503
Iscritto il: sab 03 set 2011 15:20

Re: Sui treni notturni

#6628 Messaggio da Wilson » gio 15 mar 2018 23:47

paolo656 ha scritto:
gio 15 mar 2018 19:25
Non sono d'accordo sulla potenza distribuita come motivazione per miglior fluidità di marcia.

Avresti una maggior rumorosità e nessun reale beneficio, per quel tipo di treno.

E per dirla tutta...sarebbe a mio avviso sufficiente avere valide vetture da 200. Ti garantisco che con vetture da 60 t e una condotta uniforme quasi non ti accorgi di essere in marcia, fino a velocità contenute.
Non sarei d'accordo nemmeno io per il materiale leggero per il servizio intercity, specialmente quello notturno, ma se la direzione è quella di avere per i treni passeggeri del materiale leggero ci sono altre motivazioni/convenienze che proprio non conosco (costi di manutenzione forse?).

Sempre che il servizio ICN nel lungo termine non sparisce proprio, mi auspico di no ovviamente.

ESCity81
**
**
Messaggi: 3856
Iscritto il: dom 11 ott 2009 17:56

Re: Sui treni notturni

#6629 Messaggio da ESCity81 » ven 16 mar 2018 8:31

Mah....a me viene da pensare che le convenienze siano principalmente per i costruttori.

E dato che i costruttori principali ormai offrono solo complessi automotori, è evidente che le IF comprino solo quelli. A me pare un po' la solita distorsione per cui finisce ad essere l'offerta che condiziona la domanda invece che il viceversa.

Il materiale ordinario, con le composizioni fisse e reversibili, garantisce gli stessi vantaggi degli automotori, ma con il vantaggio di potersi meglio adattare alle mutazioni delle esigenze del servizio che possono verificarsi in un periodo medio-lungo qual'è la vita utile dei rotabili.

Ad esempio, nel tempo è possibile incrementare le composizioni con 1-2 vetture: un automotore può solo essere raddoppiato con una doppia composizione, che può essere eccessiva, consuma più energia e non consente nemmeno l'intercomunicazione.
DAVIDE - ESCity

Avatar utente
marzi
*
*
Messaggi: 421
Iscritto il: lun 09 nov 2015 20:37

Re: Sui treni notturni

#6630 Messaggio da marzi » ven 16 mar 2018 8:39

Con i TSR e i vari treni modulari però il problema della rigidità delle composizioni è stato parzialmente superato, dato che accoppiando diversi complessi si ottengono convogli di qualsiasi lunghezza.
Sempre in treno, in tram o in pullman

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 18 ospiti