Treni e ferrovie in Alto Adige

Nuove imprese, gare, orari, contratti di servizio, personaggi

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7668
Iscritto il: mer 05 mag 2004 17:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2296 Messaggio da simplon » lun 14 mag 2018 17:46

dal Corriere Alto Adige

Mobilità, la Provincia punta sulla ferrovia
Kompatscher: «Corse ogni 30 minuti»


Il cronoprogramma: «Entro il 2025 nelle città treni ogni quarto d’ora»

BOLZANO Le ambizioni sono supportate da anni d’investimento, culturale e materiale insieme. «Ci crediamo: vogliamo creare una Green Region», rimarca Arno Kompatscher. Ovvero un territorio altamente tecnologico, moderno e, soprattutto, rispettoso dell’ambiente. A cominciare dalla mobilità. E qui il presidente della Provincia riepiloga i tre pilastri della strategia di Palazzo Widmann: ridurre, in origine, il bisogno di spostarsi; trasferire il traffico dai mezzi privati a quelli pubblici (specie su rotaia); migliorare la viabilità. L’obiettivo è rendere vantaggioso, per i cittadini, l’utilizzo di bus e treni. Come? Entro il 2025 la Provincia intende moltiplicare le corse della ferrovia. «Ogni mezzora nelle periferie e ogni quindici minuti nei principali centri», spiega Kompatscher.
Presidente Kompatscher, posto l’obiettivo di ridurre le emissioni e migliorare la qualità della vita dei cittadini, quali sono le strategie della Provincia?
«I problemi da risolvere sono diversi e hanno a che fare con l’inquinamento ambientale, acustico e con il traffico. C’è quindi una duplice necessità. Una buona politica sulla mobilità ha tre pilastri: innanzitutto cercare di diminuire il bisogno di doversi spostare. Per essere chiari: evitare traffico. Come farlo? Attraverso politiche mirate per le periferie e per le zone rurali, implementando i servizi nei Comuni, migliorare la rete Internet, la fibra ottica e l’accessibilità all’e-government; l’amministrazione pubblica, con i propri servizi, può arrivare a casa e ridurre la necessità di muoversi. A ciò si aggiunge il bisogno di mantenere posti di lavoro periferici, evitando continui spostamenti tra pendolari».
C’è poi il secondo pilastro. Qual è?
«Spostare il traffico dai mezzi privati al trasporto pubblico — preferibilmente su mezzi ecologici — e, per farlo, l’intero sistema dev’essere accessibile, frequente, capillare e funzionante. Solo così, avendo quindi la garanzia che il servizio pubblico c’è sempre, il cittadino sceglie pullman e treni. In questo senso noi puntiamo sulla ferrovia, investendo somme ingenti con Rfi per avere cadenza ogni mezzora su tutto il territorio: da Malles fino alla val Pusteria, da Brennero a Salorno. E, nel caso delle città come Bressanone, Merano e Bolzano, un servizio ogni quindici minuti».
Come si attua questo piano?
«Prima è necessario occuparsi dell’infrastruttura, e lo stiamo facendo. Alla ferrovia serve poi un collegamento di coincidenza con i pullman. A questo si aggiunge un servizio di car sharing, nonché servizi tecnologici: App e informazioni sul cellulare complete».
Infine il terzo pilastro.
«In questo caso si tratta di migliorare anche la viabilità stradale. Lo si fa attraverso sistemi informativi che sappiano dirigere i mezzi verso i percorsi migliori in caso di code; poi un management delle zone di sosta e dei parcheggi in prossimità delle stazioni ferroviarie e, infine, dove necessario migliorare le strade, con qualche allargamento per fluidificare la circolazione. Un tempo questa era l’unica soluzione: in caso di traffico si pensava a nuove strade; oggi invece è l’ultima delle strategie. Tutto ciò, unito a un pacchetto di incentivi per spingere i cittadini a rinnovare il parco veicoli, favorisce una nuova mobilità».
Esiste una scadenza ideale? Quando, in altri termini, si potranno realizzare tutti e tre i livelli?
«Per quanto riguarda la cadenza di mezzora del trasporto pubblico, vogliamo sia funzionante entro il 2025. Ma prima ci saranno dei passaggi intermedi. Noi, del resto, ci crediamo: vogliamo essere una Green Region».
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

sandro87
*
*
Messaggi: 358
Iscritto il: sab 29 lug 2017 15:11

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2297 Messaggio da sandro87 » lun 11 giu 2018 6:44

Sapete perché SAD non fornisce online informazioni in tempo reale dello stato dei treni?


sandro87
*
*
Messaggi: 358
Iscritto il: sab 29 lug 2017 15:11

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2299 Messaggio da sandro87 » lun 11 giu 2018 15:42

L'avevo visto ma sembra più una rappresentazione dell'orario programmato che la realtà... o no?

fla221
**
**
Messaggi: 1333
Iscritto il: gio 02 set 2010 12:00

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2300 Messaggio da fla221 » lun 11 giu 2018 16:07

Stato reale, infatti alcuni treni hanno ritardo di alcuni minuti

sandro87
*
*
Messaggi: 358
Iscritto il: sab 29 lug 2017 15:11

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2301 Messaggio da sandro87 » sab 16 giu 2018 7:38

Ma dove li vedi i ritardi e minuti di ritardo?

Avatar utente
RF
**
**
Messaggi: 3090
Iscritto il: sab 10 mag 2008 10:44
Località: Treviso

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2302 Messaggio da RF » sab 16 giu 2018 13:57

La grafica in effetti fa parecchio cac….. peggio di viaggiatreno

Avatar utente
Fabio
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3961
Iscritto il: dom 21 dic 2003 12:43
Località: Verona
Contatta:

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2303 Messaggio da Fabio » mer 20 giu 2018 21:08

I ritardi, se presenti, compaiono davanti al figurino del relativo treno in rosso su sfondo grigio.
Altrimenti significa che il treno viaggia in orario.
Fabio Veronesi - FERROVIE ON LINE

"Appoggiare i piedi con le scarpe indossate sul pavimento e prestare attenzione a non insudiciare il treno". [cit. BLS]

Avatar utente
Fabio
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 3961
Iscritto il: dom 21 dic 2003 12:43
Località: Verona
Contatta:

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2304 Messaggio da Fabio » dom 24 giu 2018 17:20

E anche questi mi sono cascati sullo "scartamento ridotto". :wall: :wall: :wall:


Traffico | 22.06.2018 | 11:12
Ferrovia della val Pusteria, lunedì un treno all'ora
A causa dei lavori presso la stazione di Casteldarne, lunedì 25 giugno lungo la linea ferroviaria della val Pusteria viaggerà solo un treno all'ora.


Un nuovo sottopasso pedonale collegherà a breve la stazione di Casteldarne, lungo la linea ferroviaria della val Pusteria, alla vicina zona produttiva, consentendo a pendolari, lavoratori e consumatori un accesso più agevole, rapido e sicuro ad aziende ed esercizi commerciali. Con il coordinamento di STA (Strutture trasporto Alto Adige) e in accordo con RFI (Rete ferroviaria italiana) i lavori sono in corso di svolgimento in questi giorni, e comporteranno dei disagi. Il binario 2, infatti, non sarà agibile, e per questo motivo il traffico ferroviario lungo la linea della val Pusteria sarà a scartamento ridotto. Ciò significa che, nella giornata di lunedì 25 giugno, l'orario sarà modificato e prevederà un solo treno all'ora.
Da Fortezza il primo treno della mattina, anzichè alle 5.47, partirà alle 5.22, sarà cancellato quello delle 6.17, e la stessa sorte toccherà a tutti i treni che, a cadenza oraria, partono tra le 7.20 e le 19.20. Sul percorso inverso, ovvero quello con partenza da San Candido, saranno cancellati tutti i treni a cadenza oraria tra le 6.20 e le 18.20. Viaggeranno regolarmente, invece, i treni in partenza ogni ora, sia da San Candido che da Fortezza, al minuto 50.
Fabio Veronesi - FERROVIE ON LINE

"Appoggiare i piedi con le scarpe indossate sul pavimento e prestare attenzione a non insudiciare il treno". [cit. BLS]

sandro87
*
*
Messaggi: 358
Iscritto il: sab 29 lug 2017 15:11

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2305 Messaggio da sandro87 » dom 24 giu 2018 22:50

Non ho capito... hanno usato scartamento ridotto per dire la diminuzione di cadenza?

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7554
Iscritto il: lun 26 gen 2004 12:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2306 Messaggio da Cinghiale » lun 25 giu 2018 8:23

Probabilmente, riducendo lo scartamento, il sottopasso diviene più stretto, ancorché si debbano cambiare i carrelli immediatamente prima e immediatamente dopo: umorismo becero da pesce d'aprile.

Avatar utente
praderbz
*
*
Messaggi: 368
Iscritto il: gio 12 giu 2008 9:49
Località: su 60 km di BEAcc a 6 codici
Contatta:

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2307 Messaggio da praderbz » lun 25 giu 2018 18:40

"un gioco di parole" ..... Mah...
-- Variazione velocità sul deviatoio e non prima! --
-- Sì ai P.C. ogni 8 km --
-- CMStP&P: giant electrics, 24'2'' wire height --
-- We need automatic couplers (Voith SA3) --

Avatar utente
pelza
^_^
^_^
Messaggi: 84
Iscritto il: ven 08 lug 2016 18:36

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2308 Messaggio da pelza » ven 31 ago 2018 21:58

Immagine
rendering nuova fermata Sciaves

Avatar utente
pelza
^_^
^_^
Messaggi: 84
Iscritto il: ven 08 lug 2016 18:36

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2309 Messaggio da pelza » lun 03 set 2018 9:37

Bolzano-Vienna senza scendere

Kompatscher annuncia il treno diretto con la capitale austriaca. Tragitto in sei ore e mezzo. "Alto Adige e Vienna più vicini". Partenza alle 8.10, dall'inverno 2019.

Un treno diretto da Bolzano a Vienna. Il governatore Arno Kompatscher ha commentato il progetto reso noto oggi dal Dolomiten. L’accordo con le ferrovie austriache (Öbb) prevede un co-finanziamento della Provincia di Bolzano di un milione di euro l'anno per un treno diretto tra il capoluogo e la capitale austriaca, un tragitto da compiere in sei ore e mezzo.


Dopo Italo
Si rafforzano dunque i collegamenti veloci in partenza e in arrivo dalla città, un insieme di soluzioni a cui recentemente si è aggiunto Italo. Ma l‘iniziativa ha anche una portata simbolica. “Sudtirolo e Vienna torneranno a essere più vicini“ ha detto Kompatscher, fra l'altro in pieno tempismo elettorale. “Se vediamo che avrà successo la rafforzeremo”. Inizialmente, l’iniziativa è pensata in particolare per “studenti, per le loro famiglie, ma anche per turisti e lavoratori”, ha aggiunto il presidente della Provincia.

Quando si parte
Il collegamento giornaliero è pensato per essere operativo dall‘inverno 2019. Dalla stazione di Bolzano la partenza della corsa è prevista alle 8.10, con arrivo a Vienna alle 14.30. Le fermate indicate sono Bressanone, Fortezza, Vipiteno, Brennero, Innsbruck, Salisburgo, Linz. Dalla stazione della capitale austriaca il ritorno é fissato per le 15.30, con l‘arrivo a Bolzano alle 21.50.

Avatar utente
RF
**
**
Messaggi: 3090
Iscritto il: sab 10 mag 2008 10:44
Località: Treviso

Re: Treni e ferrovie in Alto Adige

#2310 Messaggio da RF » lun 03 set 2018 13:33

Immagino che sarà effettuato con un RailJet, però non capisco tutta questa attesa, se è un servizio atteso perché non farlo partire subito dal prossimo cambio di orario ?

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti