FCU - Ferrovia Centrale Umbra

Nuove imprese, gare, orari, contratti di servizio, personaggi

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
spo
*
*
Messaggi: 498
Iscritto il: mer 13 ott 2010 21:21

Re: FCU - Ferrovia Centrale Umbra

#151 Messaggio da spo » mar 05 dic 2017 20:45

Beh Busitalia sta facendo regolarmente i treni su rete RFI quindi il materiale deve fare manutenzione...
Da quanto ne so in caso di necessità i rotabili sono inviati ad Umbertide via rete sociale

Avatar utente
scaledifuoco
**
**
Messaggi: 2647
Iscritto il: mer 16 mar 2005 15:30
Località: Terni
Contatta:

Re: FCU - Ferrovia Centrale Umbra

#152 Messaggio da scaledifuoco » mer 06 dic 2017 9:04

Stavolta li hanno ripuliti ad Orte.
In servizio sul Piccolo Gottardo Umbro
Abilitato alla circolazione sul Pollino
Linea (AV) Lioni - Avellino ;-)

Avatar utente
Ugo Fantozzi
*
*
Messaggi: 781
Iscritto il: mer 20 lug 2016 21:41

Re: FCU - Ferrovia Centrale Umbra

#153 Messaggio da Ugo Fantozzi » dom 06 gen 2019 19:51

Rubati tre chilometri di binari della ex Fcu
PERUGIA - Del feuilleton ha le incredibili sorprese e l’intreccio complesso. Come romanzone d’appendice sarebbe anche avvincente se non pregiudicasse il ritorno alla normalità dell’ex Fcu. Della telenovela non mancano i cattivi che nei mesi scorsi hanno fatto sparire 250 tonnellate di materiale ferroso, come quantificato nella denuncia ai carabinieri. La notizia è trapelata adesso, preceduta da insistiti rumors perugini.

Traducendo, si sono volatilizzate rotaie, piastre e bulloni, accatastati alla stazione di Città di Castello. All’epoca era in corso l’ammodernamento fino a Ponte San Giovanni e lungo la linea c’erano depositi di scarti da smaltire a cura di una ditta di Castel Vomano, vicino Teramo. L’ammanco è emerso dalle verifiche, effettuate a distanza di una decina di giorni l’una dall’altra per procedere allo smantellamento del piazzale. E lo dimostrano le foto che un dipendente di Umbria Mobilità ha allegato all’esposto raccolto da un sottufficiale dell’Arma. «È evidente una sottrazione di detto materiale da parte di ignoti quantificabile in circa 250 tonnellate, ovvero 50mila euro circa». Facendo un rapido conto, si sono volatilizzati tre chilometri di binario più accessori. Come, resta un mistero. Nelle vicinanze dello scalo tifernate nessuno si sarebbe accorto di movimenti sospetti, svincolabili dal normale orario del cantiere, a settembre ancora aperto. Ipotizzabile, dunque, l’azione di uno o più dipendenti infedeli che avrebbero distratto i manufatti destinati al recupero, movimentandoli con le gru a disposizione.

Giallo fitto, come quello che ha per protagonisti Velio Del Bolgia e Mauro Fagioli. Il primo, direttore regionale di BusItalia, a ridosso delle feste ha firmato una lettera dal contenuto inequivocabile: «Le attività prestate dall’ingegnere Mauro Fagioli relative alla direzione di esercizio dell’infrastruttura ferroviaria di competenza di Umbria Tpl e Mobilità spa, nonché gli incarichi di supporto tecnico e di Rup dallo stesso assunti per gli interventi attinenti alle opere relative alla suddetta infrastruttura ferroviaria, cesseranno definitivamente il 31.12.18 con l’estinzione del relativo contratto». Ma ad oggi Fagioli è rimasto in sella, avendo trovato, evidentemente, un punto di convergenza con chi ne aveva annunciato il fine impegno. Tanto è bastato a rafforzare le voci sull’ennesimo slittamento del passaggio degli impianti a Rfi, la cui firma non compare in calce al verbale d’accordo per il perfezionamento dell’operazione, stilato a dicembre da sindacati, Umbria Mobilità, new-co Ferro srl.

Vorrà dire qualcosa? Nel frattempo, del treno si parlerà sabato prossimo alle 16 a Perugia, alla Sala dei Notari per conoscere e comprendere il presente ed il futuro del vettore su ferro in Umbria, nonché il rapporto che lo lega al territorio. Emblematico l’input alla discussione: «Ex Fcu, “super regionali”, pendolarismo ed alta velocità». Presenti politici, addetti ai lavori, associazioni come Il Mosaico, impegnata a rompere l’isolamento dell’Altotevere nel trasporto pubblico.
https://www.ilmessaggero.it/umbria/ruba ... 11469.html
Più bimodali per tutti!
Bimodale in servizio intercity: http://www.jarnvag.net/images/bild/vagn ... 150401.jpg

Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 2332
Iscritto il: ven 29 dic 2006 18:57

Re: FCU - Ferrovia Centrale Umbra

#154 Messaggio da Andmart » mer 17 apr 2019 8:59

Su alcuni siti (per esempio: http://www.../index.php/it/1 ... lla-ex-fcu) è stata riportata questa notizia:
Prevista una nuova interruzione di servizio della ex FCU.

Le previsioni di RFI contemplano il blocco della ferrovia centrale dal 9 giugno per 15-30 giorni. Il fermo della linea Città di Castello-Ponte San Giovanni, riaperta nel settembre scorso dopo un anno di inattività totale, è legato a una necessità di carattere burocratico.
Il passaggio a RFI prevede infatti il transito in una nuova compagnia, Umbria ferro, che possiede le certificazioni dell’Agenzia Nazionale di Sicurezza Ferroviaria. Ma RFI non può utilizzarle subito.

Nell’assemblea straordinaria intanto i soci si sono divisi sul ripiano delle perdite: non è stata deliberata la riduzione del capitale.
Vista la data dell'articolo (1 aprile) ed alcune imprecisioni/semplificazioni in esso contenute sulle autorizzazioni di sicurezza, mi auguro si riveli una bufala. Mi auguro. ::-?:

Rispondi