Ferrovia Genova Casella

Nuove imprese, gare, orari, contratti di servizio, personaggi

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 1887
Iscritto il: ven 29 dic 2006 17:57

Re: Ferrovia Genova Casella

#2131 Messaggio da Andmart » mer 10 gen 2018 15:50

Sì, l'A1 fa servizio ordinario, anche se in modo relativamente occasionale perché il grosso dei turni è coperto dalle FIREMA, più comode da condurre e con meno vincoli di utilizzo. ;-)

marchetti625
*
*
Messaggi: 177
Iscritto il: mar 15 nov 2005 23:43
Località: roma

Re: Ferrovia Genova Casella

#2132 Messaggio da marchetti625 » mer 10 gen 2018 17:12

No non ti lusingo affatto! :D Io dico sempre ciò che penso anche a volte questo crea problemi... :lol: Di un pò ma che tipo di IP ,anzi IR , è stato montato? Dalle foto si vedono dei fermi che mi ricordano le aperture a cremagliera applicate ai finestrini, questi si aprono parzialmente o sono fissi e avete montato un sistema di areazione forzata? Il pantografo mi sembra sia un 52 Fs modificatonel portastrisciante...è così?

Max RTVT

Avatar utente
E431.037
*
*
Messaggi: 811
Iscritto il: lun 18 dic 2006 22:15
Località: Genoa
Contatta:

Re: Ferrovia Genova Casella

#2133 Messaggio da E431.037 » gio 11 gen 2018 0:55

Andmart ha scritto:
mer 10 gen 2018 15:06
Tra l'altro nei prossimi anni sono previsti interventi di revisione generale di tutti i mezzi storici presenti in FGC, a partire dal 29 passando alla Spoleto A5 e finendo anche con la stessa A1. Questo piano di revisioni (che riguarderà anche l'A6) è finanziato con i soldi "ex-Sirio" e attualmente se ne sta avviando la progettazione.
Ma che bella notizia!!! :=D>: :=D>: :=D>:
Oh listen to the jingle / The rumble and the roar
As she glides along the woodlands / Through the hills and by the shore
Hear the mighty rush of her engine / Hear that lonesome hobo's call
We're travelling through the jungles /On the Wabash Cannonball

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7473
Iscritto il: lun 26 gen 2004 12:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Ferrovia Genova Casella

#2134 Messaggio da Cinghiale » gio 11 gen 2018 7:17

Sarebbe da prendere in considerazione l'installazione dei mantici per proteggere il passaggio di intercomunicazione, al momento, ridotto all'essenzialità delle due passerelle, ancorché questo vada contro i concetti di filologia del restauro.

Avatar utente
fab
**
**
Messaggi: 8596
Iscritto il: ven 02 dic 2005 16:58
Località: Milano - Sori (GE)

Re: Ferrovia Genova Casella

#2135 Messaggio da fab » gio 11 gen 2018 7:28

E perché? A cosa serve il mantice? Anche se i passaggi sono vietati al pubblico non vedo il problema.
fab® Post fata resurgo

"Miser chi mal oprando si confida
ch'ognor star debba il maleficio occulto"
(L. Ariosto)

Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 1887
Iscritto il: ven 29 dic 2006 17:57

Re: Ferrovia Genova Casella

#2136 Messaggio da Andmart » gio 11 gen 2018 8:02

marchetti625 ha scritto:
mer 10 gen 2018 17:12
Dalle foto si vedono dei fermi che mi ricordano le aperture a cremagliera applicate ai finestrini, questi si aprono parzialmente o sono fissi e avete montato un sistema di areazione forzata?
In origine vi erano, come ben sai, dei finestrini a compasso. Nella Revisione Generale del 1987 sono state inserite delle travature orizzontali a metà altezza che collegano tra loro i pilastrini di sostegno del tetto, che quindi non sono collegati fra loro solo in alto ed in basso ma anche metà altezza. In sostanza è una modifica migliorativa perché migliora la resistenza e solidità della struttura portante della cassa.
Tuttavia questa modifica rende impossibile applicare finestrini a compasso perché non c'è più spazio per loro. Nel 1987 gli originali finestrini furono quindi rimpiazzati da degli orribili klein, quelli che vedete anche sull'A1.

Nell'ambito di questo restauro, la questione di tornare alla forma originale dei finestrini era un bel problema:

-togliere quella trave orizzontale non era tanto una bella idea perché comunque è un elemento migliorativo della cassa. Inoltre, dal punto di vista normativo, questo intervento non sarebbe stato sostanzialmente possibile.
-mettere dei finestrini non apribili sarebbe stato un'oscenità su un mezzo storico destinato a servizi turistici: il bello della FGC è anche aprire i finestrini ed assaporare gli odori che si incontrano nel percorso prima macchia mediterranea, poi bosco sempre verde, ecc...
-realizzare un intercapedine lato interno ove alloggiarli avrebbe significato ridurre di una decina di centimetri lo spazio utile all'interno (e non c'è da scialare), appesantire tutta la macchina (e non è bello) ed anche l'effetto estetico esterno non sarebbe stato il massimo perché sarebbe rimasto una specie di "davanzale" sul lato esterno della cassa in corrispondenza dei finestrini con un effetto ottico particolarmente sgradevole. A chi suggeriva questa soluzione ho sempre detto: sì e poi ci mettiamo anche dei vasi con gerani e ciclamini. :lol: :lol:
-sono anche stati presi in considerazione finestrini ad apertura basculante e tutti d'un pezzo, ma viste le dimensioni sarebbero stati troppo pesanti ed un po' pericolosetti da aprire.

La soluzione che vedete è un colpo di genio tutto di Diego Ricci. Il finestrino è diviso in due pezzi, quello inferiore è fisso, quello superiore è a mobile a cremagliera. Nella giunzione tra i due pezzi non vi sono intelaiature spesse ed è tutto trasparente. Quando il finestrino è chiuso neppure si percepisce che non si tratta di un unico vetro, se non già non lo si sa. In compenso è estremante pratico e comodo da aprire e regolare in apertura (provato personalmente).
Inoltre è anche una soluzione che trova diverse applicazioni in mezzi coevi: li troviamo sia sulle Carrelli milanesi (1928) sia sulle motrici interurbane tipo Reggio Emilia (1928). In entrambe i casi hanno sostituito i finestrini a pantografo già negli anni '60 e più probabilmente subito dopo la guerra...

Immagine
Immagine
marchetti625 ha scritto:
mer 10 gen 2018 17:12
Il pantografo mi sembra sia un 52 Fs modificatonel portastrisciante...è così?
L'originale pantografo FEVF venne già pesantemente modificato in FGC a seguito delle prime corse prova dell'A2 avvenute nel giugno 1963: si passò così dallo strisciante singolo al doppio. Infatti la vecchia linea aerea FGC fatta dalla SEN (Società Elettrica Nazionale, azienda del gruppo Breda) nel 1928 era una chiavica e c'erano enormi problemi di captazione (i mezzi della dotazione originale giravano sempre col doppio pantografo in presa). Poi la linea aerea della FGC è stata rifatta con standard FS nel 1992.
Oggi tali pantografi sotto linee aree moderne sono fonte di infiniti problemi, perché sono troppo aggressivi, poco elastici, troppo grossi soprattutto in larghezza. Quello dell'A1 negli ultimi 2 anni ha fatto tribolare parecchio ed anche prima mi ricordo che era stato causa di diversi problemi.
Da qui la decisione di passare ad un pantografo più moderno, modificato nelle forme per ricordare l'originale e circolare sulla FGC. Il 52 differisce dal pantografo che c'era prima soprattutto per il quadro di base realizzato in lamiera scatolata anziché a sezione tonda che serve a far lavorare di più la sospensione dello strisciante migliorandone il comportamento nei confronti della linea aerea.
Se la soluzione si rivelerà buona come spero che sia, tale pantografo arriverà anche sull'A1 al momento della sua revisione.

Tra l'altro non è la prima volta che sulla FGC si adottano su macchine anziane pantografi più moderni di tipo FS: ho scoperto proprio nei giorni scorsi che sulle motrici ex-Montebellina del 1912 acquistate dalla Società Veneta negli anni '30 vennero installati, al momento della loro messa in servizio in FGC, pantografi tipo FS 42L. All'epoca erano il top della tecnologia, pensati e sperimentati su treni di lusso veloci, come gli ETR!!!

Cinghiale ha scritto:
gio 11 gen 2018 7:17
Sarebbe da prendere in considerazione l'installazione dei mantici per proteggere il passaggio di intercomunicazione, al momento, ridotto all'essenzialità delle due passerelle, ancorché questo vada contro i concetti di filologia del restauro.
Ma anche no! Sarebbe uno stupro nei confronti di questa macchina, anzitutto.
fab ha scritto:
gio 11 gen 2018 7:28
E perché? A cosa serve il mantice? Anche se i passaggi sono vietati al pubblico non vedo il problema.
Appunto.

marchetti625
*
*
Messaggi: 177
Iscritto il: mar 15 nov 2005 23:43
Località: roma

Re: Ferrovia Genova Casella

#2137 Messaggio da marchetti625 » ven 12 gen 2018 0:30

Il 52 è un ottimo pantografo che si è dimostrato versatile in ogni applicazione anche la più gravosa e certamente sia per comportamento sotto una TE comunque di tipo Fs( diciamo così) e anche per reperibilità di componentistica è l'ideale, quindi non si discute...Lo si trova applicato pure sul B 51 che avete ceduto alla Trento Marilleva... Unica considerazione (tanto per tenere viva la conversazione) è la sua generosa larghezza di sezione che su rotabili a sezione di 2600 mm lo fa sembrare ancora più imponente. Ma la A2 ne ha solo uno quindi in definitiva l'effetto complessivo è contenuto. Quanto alla faccenda dei mantici la prendo come una battuta :lol: Ti avevo chiesto dell'IR ...

Ancora complimenti è bellissima!

Max RTVT

Avatar utente
superP
**
**
Messaggi: 1605
Iscritto il: mer 04 mar 2009 8:36
Località: Provincia di Genova

Re: Ferrovia Genova Casella

#2138 Messaggio da superP » dom 28 gen 2018 19:49

Passando in zona mi sono chiesto: come è andato il 2017 a traffico??

Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 1887
Iscritto il: ven 29 dic 2006 17:57

Re: Ferrovia Genova Casella

#2139 Messaggio da Andmart » dom 28 gen 2018 20:18

Non ho i dati aggiornati.

Invece segnalo che a breve partirà l'ultimo lotto di lavori all'armamento.

Con questo dovrebbero sparire tutti i rallentamenti sulla linea, un traguardo storico!

Avatar utente
superP
**
**
Messaggi: 1605
Iscritto il: mer 04 mar 2009 8:36
Località: Provincia di Genova

Re: Ferrovia Genova Casella

#2140 Messaggio da superP » dom 28 gen 2018 20:24

Questa è una bella notizia....
Mini ritocco al basso delle tracce??

Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 1887
Iscritto il: ven 29 dic 2006 17:57

Re: Ferrovia Genova Casella

#2141 Messaggio da Andmart » dom 28 gen 2018 20:31

Presentato venerdì dal Direttore d'Esercizio ad un convegno organizzato dal cifi: a termine lavori la percorrenza scenderà sotto l'ora.
Il recupero in termini di percorrenza dal 2013 al 2018 (a cantieri conclusi) sarà di 20minuti, i rallentamenti passati da 29 a 0.


Ieri comunque c'ho viaggiato ed ho notato che già ora con le attuali percorrenze si fa anticipo.

Avatar utente
E431.037
*
*
Messaggi: 811
Iscritto il: lun 18 dic 2006 22:15
Località: Genoa
Contatta:

Re: Ferrovia Genova Casella

#2142 Messaggio da E431.037 » dom 28 gen 2018 20:48

Ma che bella notizia!!! :=D>: :=D>: :=D>:
Oh listen to the jingle / The rumble and the roar
As she glides along the woodlands / Through the hills and by the shore
Hear the mighty rush of her engine / Hear that lonesome hobo's call
We're travelling through the jungles /On the Wabash Cannonball

Avatar utente
em
**
**
Messaggi: 4294
Iscritto il: mer 07 gen 2004 11:34
Località: Genova

Re: Ferrovia Genova Casella

#2143 Messaggio da em » mar 03 apr 2018 8:07


Avatar utente
Il Basso di Genova
**
**
Messaggi: 7744
Iscritto il: sab 14 ott 2006 16:19
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
Contatta:

Re: Ferrovia Genova Casella

#2144 Messaggio da Il Basso di Genova » gio 05 apr 2018 12:44

Andmart ha scritto:
dom 28 gen 2018 20:31
Presentato venerdì dal Direttore d'Esercizio ad un convegno organizzato dal cifi: a termine lavori la percorrenza scenderà sotto l'ora.
Il recupero in termini di percorrenza dal 2013 al 2018 (a cantieri conclusi) sarà di 20minuti, i rallentamenti passati da 29 a 0.
E così nonostante la velocità massima di 40 km all'ora e treni con un'età media di 50 anni, la casella fa meglio della DTR di trenirottamagliaglio. :wall:

Complimenti e lunga vita all FGC!! :=D>:
Paladino dei marciapiedi alti
..contromano..

Avatar utente
fab
**
**
Messaggi: 8596
Iscritto il: ven 02 dic 2005 16:58
Località: Milano - Sori (GE)

Re: Ferrovia Genova Casella

#2145 Messaggio da fab » mer 16 mag 2018 9:48

Sarà già stato detto e Andmart mi darà del somaro, ma qua il sempre informato La Spina parla di carrozza con aria condizionata...è confermato? Se sì, a che punto sono?
fab® Post fata resurgo

"Miser chi mal oprando si confida
ch'ognor star debba il maleficio occulto"
(L. Ariosto)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti