Carrelli a tre assi: problemi e soluzioni

Treni, locomotive, carrozze, carri, tecnica dei rotabili.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Vainamoinen
**
**
Messaggi: 2469
Iscritto il: dom 02 gen 2005 17:40
Località: 45°19'N 8°51'E

Carrelli a tre assi: problemi e soluzioni

#1 Messaggio da Vainamoinen » mer 01 ago 2018 13:47

Premesso che le C0'C0' mi hanno sempre intricato, perlomeno da bambino, succube dei modellini Lima delle Br103 e CC6500, non ho mai capito come si risolvono i problemi di gestire tre assi in curva (scusate la spiegazione maccheronica). La prima soluzione che mi viene in mente è che come su (alcune) locomotive a vapore si consenta agli assi di spostarsi lateralmente dentro al carrello. Un'altra possibilità è che la ruota centrale sia senza bordino, o è troppo "retrò" come soluzione? Per le CC6500 il passo di soli 3216 mm credo sia stato d'aiuto nel non aggravare il problema; invece per le Br103 con il passo di... non ho trovato il valore, ma ad occhio oltre i 4,2 metri, come si faceva?
So che negli USA sia GE che EMD hanno proposto carrelli ad assi sterzanti. Ma tale soluzione è presente anche sulle loco russe?
Lo chiedo perchè ho trovato questa foto di un carrello delle M62 ex-sovietiche, che allego qui sotto: è possibile che il primo e terzo assi siano sterzanti rispetto a quello centrale che è solidale col carrello? O lavoro troppo di fantasia? Immagine
Voglio sapere.
Voglio cavalcare il vento e vedere dove nasce.
Voglio filare la seta dalla sabbia.
Voglio coniare una moneta con una sola faccia.
Voglio vedere i confini del mondo, al di là di tutti i monti e deserti.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti