Treni giapponesi automatici

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
Wilson
*
*
Messaggi: 407
Iscritto il: sab 03 set 2011 15:20

Treni giapponesi automatici

#1 Messaggio da Wilson » lun 30 ott 2017 17:55

Ciao a tutti i forumisti. Sento spesso dire che i treni in Giappone sono automatici, spesso con al posto del macchinista un pupazzo, moltissimi turisti di ritorno dal Giappone dicono questo. Sbirciando tra i siti internet, youtube ecc. però vedo che il macchinista è sempre presente, con tanto di cappello, guanti bianchi e divisa impeccabile (a differenza di certi pdc nostri che va bene se si fanno la doccia una volta al mese). Quindi il dubbio se effettivamente la JR ha dei treni senza conducente permane, parlo di treni e non metropolitane, quelle le abbiamo anche noi.

Ringrazio tutti per le delucidazione in merito. :ciao:

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 36069
Iscritto il: sab 20 dic 2003 12:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Treni giapponesi automatici

#2 Messaggio da E412 » lun 06 nov 2017 13:07

Il pupazzo mi mancava, certo che la gente è proprio fantasiosa :lol: :lol: :lol:
La maggior parte dei treni è senza dubbio 'manned'. Non ho idea se da qualche parte esista qualcosa di automatico in giro per le isole, anche se ne dubito. Ma su quello può aiutarti Lirex.

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1248
Iscritto il: lun 13 set 2004 12:10
Località: Milano

Re: Treni giapponesi automatici

#3 Messaggio da Lirex » lun 06 nov 2017 13:57

I treni giapponesi AV viaggiano con l' omino in guanti bianchi, hanno una ripetizione segnali che è qualcosa di intermedio tra la TVM ed ERTMS , quindi non adatto alla guida senza macchinista.
Le ferrovie private e metropolitane giapponesi in genere si basano su una ripetizione discontinua digitale e quindi anch' esse al massimo possono andare in guida assistita (ATO).
Senza guidatore ci sono cinque o sei people mover su pista in cemento o a levitazione magnetica, alcuni dei quali anche lunghi qualche kilometro, tra questi il Kobe-Portliner è stato tra i primi al mondo senza guidatore

ESCity81
**
**
Messaggi: 3367
Iscritto il: dom 11 ott 2009 17:56

Re: Treni giapponesi automatici

#4 Messaggio da ESCity81 » lun 06 nov 2017 14:20

Le ferrovie giapponesi sono sempre una fonte inesauribile di leggende metropolitane*

*termine quanto mai in topic :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
DAVIDE - ESCity

Avatar utente
sidew
**
**
Messaggi: 1985
Iscritto il: lun 04 feb 2008 8:49
Località: Pendolare della MMMOL
Contatta:

Re: Treni giapponesi automatici

#5 Messaggio da sidew » lun 06 nov 2017 15:47

Aicune stazioni della rete suburbana sembrano venire da storie del dopobomba...

https://kotaku.com/one-of-japans-scarie ... 1640222225
Sidewinder

"Oops!" - Shannon Foraker - Ashes of Victory

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 11370
Iscritto il: mar 25 mag 2004 13:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Treni giapponesi automatici

#6 Messaggio da sr » lun 06 nov 2017 16:25

Wilson ha scritto:
lun 30 ott 2017 17:55
Ciao a tutti i forumisti. Sento spesso dire che i treni in Giappone sono automatici, spesso con al posto del macchinista un pupazzo, ...
Ecco a voi il macchinista tipo JR

Immagine
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 36069
Iscritto il: sab 20 dic 2003 12:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Treni giapponesi automatici

#7 Messaggio da E412 » lun 06 nov 2017 16:29

Compreso il 'servizietto'? :megaball:

Carina la stazioncina. :D

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 11370
Iscritto il: mar 25 mag 2004 13:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Treni giapponesi automatici

#8 Messaggio da sr » lun 06 nov 2017 16:37

Quello solo se si ammosc... cioè, si sgonfia! :megaball:
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Wilson
*
*
Messaggi: 407
Iscritto il: sab 03 set 2011 15:20

Re: Treni giapponesi automatici

#9 Messaggio da Wilson » mar 07 nov 2017 17:25

Grazie moltissimo per le risposte, immaginavo che fosse una grande puttanata quella che mi è stata riferita. Uno immagina sempre il Giappone come il paese dei robot, dove gli unici lavori che esistono sono solo in campo informatico e delle arti marziali. Sapevo in fondo la verità ma sapete, quando più di qualcuno ti riferisce che in Giappone i treni sono automatici, qualche dubbio ti viene...

Una cosa: curiosando su google immagini, notavo che sui banchi di manovra degli shinkansen manca il comando della velocità impostata, hanno il freno che ricorda nella forma un oerlikon come nei nostri, il comando trazione (credo) e l'inversore marcia avanti-folle-indietro, della leva della velocità impostata non vedo traccia. E' prevista che voi sappiate? Forse si digita la velocità max su di un monitor come ad esempio sugli Italo oppure c'è un bottone che blocca la velocità come le G2000 o le auto dotate di cruiser control?

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 36069
Iscritto il: sab 20 dic 2003 12:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Treni giapponesi automatici

#10 Messaggio da E412 » gio 09 nov 2017 16:58

Potrebbero anche non avercelo proprio :D

Comunque il Giappone è (ancora) un paese un po' diverso dal nostro e da quelli europei in generale a livello culturale, ma non sono affatto tutti robot e non fanno tutti i robot. :D
E' che per noi italiani il fatto che 10 treni consecutivi possano viaggiare tutti e 10 in orario (anche in piena punta) è un fatto assolutamente inconcepibile e questo potrebbe alimentare qualche leggenda :>:):

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

ETR401
*
*
Messaggi: 527
Iscritto il: mar 26 ott 2004 15:30
Località: Eh?

Re: Treni giapponesi automatici

#11 Messaggio da ETR401 » gio 09 nov 2017 18:50

Wilson ha scritto:
mar 07 nov 2017 17:25
(...)sui banchi di manovra degli shinkansen manca il comando della velocità impostata, hanno il freno che ricorda nella forma un oerlikon (...)della leva della velocità impostata non vedo traccia. E' prevista che voi sappiate?
Se non mi sono perso qualcosa recentemente:.....

Sul materiale Shinkansen in circolazione sulle rispettive linee principali il sistema ATC consente un controllo semi-automatico della frenatura: alla ricezione di una indicazione restrittiva il macchinista (dopo la famosa conferma verbale-gestuale) porta il comando trazione a zero, verifica che la sua leva del freno sia a zero (conferma con commento "notch off, brake yoshi") e non fa altro.

La riduzione di velocità (in frenatura elettrica) è effettuata in automatico dal controllo azionamento che prende come riferimento il nuovo valore ricevuto dall' ATC.
Una volta raggiunto il nuovo valore, la frenatura si disinserisce: a questo punto il macchinista può dare trazione nuovamente per mantenere la velocità in relazione al profilo della linea o altro. Se arriva un'altra indicazione restrittiva il ciclo si ripete.

In un approccio "tipico" (ma non troppo, non sono tutti identici) con arresto in stazione (Ipotizzando di trovarci ad esempio sulla linea Sanyo con ATC "a gradini") la sequenza di rallentamento sarà 300-270-230-170-120-70-30-0.
A 70 il treno sta entrando in stazione (generalmente indifferente se in deviata o ct) e a metà marciapiede arriva l'indicazione 30; il treno riduce automaticamente da ~70 a 30 e la f.e. si disinserisce. A questo punto diventa operativo il macchinista, che preme un pulsante di conferma ed inizia a usare il manipolatore del freno per fermarsi manualmente "a bersaglio" in corrispondenza dell'indicatore in banchina relativo al suo tipo di materiale. Se il macchinista dorme o ha dimenticato pulsante e freno, un breve c.d.b. "tampone" vicino a fine marciapiede permette all'ATC di arrestare comunque il convoglio in sicurezza, anche se oltre il punto di fermata designato.

Che il macchinista si sia abbioccato e ciò nonostante il treno si sia ugualmente fermato in stazione come (ma non proprio "dove") previsto è accaduto davvero qualche anno fa e la notizia è finita sulla stampa internazionale: è probabile che questo episodio abbia contribuito a creare e/o alimentare la leggenda metropolitana dei treni-che-in-giappone-vanno-da-soli.

Su Tokaido, Tohoku e Kyūshū Shinkansen, dove è presente il più avanzato ATC digitale, la curva di frenatura è continua anzichè a gradini. Durante un approccio per fermata in stazione l'ATC riduce con continuità la velocità-tetto e il treno gli va dietro (anzi, davanti....) rallentando progressivamente fino ai 30, dove la procedura ritorna la stessa di prima.

Un comando di velocità impostata, introdotto con gli N700A e poi esteso ai precedenti N700 si usa sulla Tokaido solo in caso di necessità per recupero ritardo. Non c'è una leva ma un pulsante seminascosto vicino al comando di trazione. Quando necessario, il macchinsta porta la leva a zero e lo preme. La Vref diventa quella indicata dall' ATC (c'è da recuperare, quindi bisogna darci sotto...) e il treno la mantiene a meno di 2 km/h finchè non c'è da frenare o il macchinista lo disinserisce.

....spero ti sia utile... :ciao:
I play the game for the game's own sake....
Freedom must always be conquered.
"Stay hungry. Stay foolish." (Steve Jobs, The Whole Earth Catalog)
COMPARE DEL CHEESEBURGER ®

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 11370
Iscritto il: mar 25 mag 2004 13:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Treni giapponesi automatici

#12 Messaggio da sr » ven 10 nov 2017 9:10

Interessante, grazie! :wink:
Quindi quando viaggiano normalmente tengono manualmente una velocità inferiore a quella massima dettata dall'ATC?
E l'accelerazione è gestita interamente dal macchinista o anche qui ci sono automatismi?
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 12481
Iscritto il: sab 26 apr 2008 11:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: Treni giapponesi automatici

#13 Messaggio da UluruMS » ven 10 nov 2017 9:27

ETR401 ha scritto:
gio 09 nov 2017 18:50
A 70 il treno sta entrando in stazione (generalmente indifferente se in deviata o ct)
Grazie delle info! Infatti tutte le deviate impegnate non in ct sono sempre state a 70kmh
"Ingegné, io mi licenzio!"
"Ma..perché? non si trova forse bene qui?"
"No, è che da me le littorine vanno a nafta; se lo vuole il carbone se lo cavi fuori lei..."
Vanzago delenda est
"omissis" Cit: Amitrano Pasquale

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 36069
Iscritto il: sab 20 dic 2003 12:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Treni giapponesi automatici

#14 Messaggio da E412 » ven 10 nov 2017 9:29

Suppongo che staranno appena sotto il massimo, a meno che non adottino logiche di risparmio energetico...
Curiosamente da noi con il Coradia avviene l'opposto: se vuoi proprio tirare al limite per recuperare quache secondo devi guidare in manuale. :wink:

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Wilson
*
*
Messaggi: 407
Iscritto il: sab 03 set 2011 15:20

Re: Treni giapponesi automatici

#15 Messaggio da Wilson » ven 10 nov 2017 12:29

ETR401 ha scritto:
gio 09 nov 2017 18:50
Wilson ha scritto:
mar 07 nov 2017 17:25
(...)sui banchi di manovra degli shinkansen manca il comando della velocità impostata, hanno il freno che ricorda nella forma un oerlikon (...)della leva della velocità impostata non vedo traccia. E' prevista che voi sappiate?
Se non mi sono perso qualcosa recentemente:.....

Sul materiale Shinkansen in circolazione sulle rispettive linee principali il sistema ATC consente un controllo semi-automatico della frenatura: alla ricezione di una indicazione restrittiva il macchinista (dopo la famosa conferma verbale-gestuale) porta il comando trazione a zero, verifica che la sua leva del freno sia a zero (conferma con commento "notch off, brake yoshi") e non fa altro.

La riduzione di velocità (in frenatura elettrica) è effettuata in automatico dal controllo azionamento che prende come riferimento il nuovo valore ricevuto dall' ATC.
Una volta raggiunto il nuovo valore, la frenatura si disinserisce: a questo punto il macchinista può dare trazione nuovamente per mantenere la velocità in relazione al profilo della linea o altro. Se arriva un'altra indicazione restrittiva il ciclo si ripete.

In un approccio "tipico" (ma non troppo, non sono tutti identici) con arresto in stazione (Ipotizzando di trovarci ad esempio sulla linea Sanyo con ATC "a gradini") la sequenza di rallentamento sarà 300-270-230-170-120-70-30-0.
A 70 il treno sta entrando in stazione (generalmente indifferente se in deviata o ct) e a metà marciapiede arriva l'indicazione 30; il treno riduce automaticamente da ~70 a 30 e la f.e. si disinserisce. A questo punto diventa operativo il macchinista, che preme un pulsante di conferma ed inizia a usare il manipolatore del freno per fermarsi manualmente "a bersaglio" in corrispondenza dell'indicatore in banchina relativo al suo tipo di materiale. Se il macchinista dorme o ha dimenticato pulsante e freno, un breve c.d.b. "tampone" vicino a fine marciapiede permette all'ATC di arrestare comunque il convoglio in sicurezza, anche se oltre il punto di fermata designato.

Che il macchinista si sia abbioccato e ciò nonostante il treno si sia ugualmente fermato in stazione come (ma non proprio "dove") previsto è accaduto davvero qualche anno fa e la notizia è finita sulla stampa internazionale: è probabile che questo episodio abbia contribuito a creare e/o alimentare la leggenda metropolitana dei treni-che-in-giappone-vanno-da-soli.

Su Tokaido, Tohoku e Kyūshū Shinkansen, dove è presente il più avanzato ATC digitale, la curva di frenatura è continua anzichè a gradini. Durante un approccio per fermata in stazione l'ATC riduce con continuità la velocità-tetto e il treno gli va dietro (anzi, davanti....) rallentando progressivamente fino ai 30, dove la procedura ritorna la stessa di prima.

Un comando di velocità impostata, introdotto con gli N700A e poi esteso ai precedenti N700 si usa sulla Tokaido solo in caso di necessità per recupero ritardo. Non c'è una leva ma un pulsante seminascosto vicino al comando di trazione. Quando necessario, il macchinsta porta la leva a zero e lo preme. La Vref diventa quella indicata dall' ATC (c'è da recuperare, quindi bisogna darci sotto...) e il treno la mantiene a meno di 2 km/h finchè non c'è da frenare o il macchinista lo disinserisce.

....spero ti sia utile... :ciao:
Veramente interessante! Grazie moltissimo per le informazioni! Mi pare di capire che la velocità impostata ha un funzionamento simile a quello delle auto o delle G2000 dove però bisogna avere la leva dell'acceleratore su = , appena si muove la leva su +, su - o su 0, si muove il freno o si pigia sul bottone della velocità impostata si disinserisce. Ovviamente la fase di accelerazione la gestisce il macchinista, raggiunta la velocità desiderata preme il bottone della velocità impostata e fine; sarà la stessa cosa anche sugli shinkansen N700A ed N700 mi pare di aver intuito?

So che sulla metro rossa e gialla di milano non c'è possibilità di regolare l'accelerazione: o si viaggia in manuale o in automatico con il comando trazione/gas su 0. Si può soltanto selezionare tramite un interruttore la curva di accelerazione cioè veloce-media-lenta, qualsiasi movimento di trazione o freno disinserisce la guida automatica e solo a treno fermo si può reinserire. ATM vuole che i macchinisti viaggino in marcia automatica, per guidare manualmente devono avere delle giuste motivazioni.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti