11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
Avatar utente
cf
**
**
Messaggi: 2071
Iscritto il: lun 01 mag 2006 11:18
Località: Berna - Ticino (Svizzera)
Contatta:

11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#1 Messaggio da cf » ven 29 set 2017 15:52

L'altro dì andando a Cevi...

ssb
**
**
Messaggi: 2583
Iscritto il: mar 09 dic 2014 18:24

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#2 Messaggio da ssb » ven 29 set 2017 16:03

Tra Locarno e Intragna verrà introdotta la cadenza semioraria. Questo miglioramento richiederà l’ampliamento delle stazioni di Intragna e Tegna per un costo di circa 15 milioni di franchi.
:=D>:

Avatar utente
cf
**
**
Messaggi: 2071
Iscritto il: lun 01 mag 2006 11:18
Località: Berna - Ticino (Svizzera)
Contatta:

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#3 Messaggio da cf » ven 29 set 2017 16:48

No.
Se ho capito bene, quello era l'auspicio del cantone. Non figura però nell'elenco degli investimenti proposti dal Consiglio federale.
Ciao
CF
L'altro dì andando a Cevi...

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16991
Iscritto il: mer 06 feb 2008 23:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#4 Messaggio da Ae 4/7 » ven 29 set 2017 21:01

Visti i precedenti forse è meglio così: avrebbero rischiato di ampliare l'infrastruttura (demolendo anche la stazione di Intragna, se ben ricordo cosa scriveva il giornale), per poi non utilizzarla...
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12264
Iscritto il: dom 14 ago 2005 23:48

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#5 Messaggio da augustus » gio 09 nov 2017 14:20

Riassumo la conferenza stampa odierna:

Meyer parla di "metropolitana della Svizzera" (mi ricorda qualcosa :mrgreen: )

Ticino: nulla di che, allo studio attestare IC a Mendrisio invece di Lugano, ma se si farà - e non è per nulla sicuro - sarà dopo il 2030-2035.
Sulla questione "spostare i nodi di 10 minuti" non è presa in considerazione, perché nessuno a Berna dal Ticino s'è lamentato per i 18 minuti di attesa a Lugano (il che implica che nel 1986 ci avrei messo4 minuti in meno di oggi con Tili e attese epocali)

I merci avranno cadenza semi-oraria, il che significa "armonizzazione" della velocità, quindi i treni passeggeri andranno più lentamente, come ha detto Meyer. :(

Per il resto penso che sia già stato detto più o meno tutto.

Colpisce il fatto che a Zurigo Aeroporto non fermeranno più IC, ma solo IR, questo perché, è stato detto, chi si serve dell'aeroporto sono anche piccoli centri e non solo i grandi, quindi meglio farci passare degli IR.

Tra gli auspici post 2035 c'è la stazione sotterranea di transito a Lucerna.
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

880814
**
**
Messaggi: 1266
Iscritto il: ven 18 ago 2006 20:01
Località: Kanton Zug

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#6 Messaggio da 880814 » gio 09 nov 2017 21:59

... e neanche un centesimo per il Lötschberg ...
Chiamato dal Titolare e dall'Aggiunto mi sentii dire: "Abiamo deciso, [pausa] noi tre, [ripausa] che domenica prossima salti il riposo e vieni a fare pomeriggio ...

... miracoli della concertazione !!

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12264
Iscritto il: dom 14 ago 2005 23:48

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#7 Messaggio da augustus » gio 09 nov 2017 22:52

Meyer ha detto che non prevedono di terminare il Lötschberg, che va bene così com'è. Magari in futuro, ma solo in previsione di un aumento del traffico merci.
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

880814
**
**
Messaggi: 1266
Iscritto il: ven 18 ago 2006 20:01
Località: Kanton Zug

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#8 Messaggio da 880814 » ven 10 nov 2017 7:59

augustus ha scritto:
gio 09 nov 2017 22:52
Meyer ha detto che non prevedono di terminare il Lötschberg, che va bene così com'è. Magari in futuro, ma solo in previsione di un aumento del traffico merci.
mica è suo ...
Chiamato dal Titolare e dall'Aggiunto mi sentii dire: "Abiamo deciso, [pausa] noi tre, [ripausa] che domenica prossima salti il riposo e vieni a fare pomeriggio ...

... miracoli della concertazione !!

880814
**
**
Messaggi: 1266
Iscritto il: ven 18 ago 2006 20:01
Località: Kanton Zug

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#9 Messaggio da 880814 » ven 10 nov 2017 8:04

Chiamato dal Titolare e dall'Aggiunto mi sentii dire: "Abiamo deciso, [pausa] noi tre, [ripausa] che domenica prossima salti il riposo e vieni a fare pomeriggio ...

... miracoli della concertazione !!

Avatar utente
cf
**
**
Messaggi: 2071
Iscritto il: lun 01 mag 2006 11:18
Località: Berna - Ticino (Svizzera)
Contatta:

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#10 Messaggio da cf » ven 10 nov 2017 11:41

augustus ha scritto:
gio 09 nov 2017 22:52
Meyer ha detto che non prevedono di terminare il Lötschberg, che va bene così com'è. Magari in futuro, ma solo in previsione di un aumento del traffico merci.
Sicuro?
http://www.arcinfo.ch/articles/economie ... nte-714746
L'altro dì andando a Cevi...

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12264
Iscritto il: dom 14 ago 2005 23:48

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#11 Messaggio da augustus » mer 15 nov 2017 0:06

Sentito con le mie orecchie a Berna lo scorso 9 novembre dal l'Andy in persona rispondendo a un'annotazione di un giornalista romando ;)
880814 ha scritto:
ven 10 nov 2017 8:04
L'UTP la vede diversamente: https://www.voev.ch/de/unsere-themen/ve ... hritt-2035
No, dice che lo si fa se non va a cozzare con altri impegni.
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16991
Iscritto il: mer 06 feb 2008 23:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#12 Messaggio da Ae 4/7 » mer 31 ott 2018 22:05

Fase di ampliamento delle ferrovie 2035: il Consiglio federale potenzia i trasporti pubblici con 11,9 miliardi di franchi

Berna, 31.10.2018 - Il Consiglio federale intende adeguare l'offerta ferroviaria alla domanda crescente completandola con collegamenti supplementari a cadenza semioraria e quartoraria. A tale scopo, entro il 2035 prevede di ampliare l'infrastruttura ferroviaria con investimenti per un valore di 11,9 miliardi di franchi. Durante la sua seduta del 31 ottobre 2018 il Consiglio federale ha licenziato il relativo messaggio e lo ha trasmesso al Parlamento. Nel messaggio, che tiene conto dei risultati della consultazione, sono stati integrati progetti supplementari, quali l’equipaggiamento di tecnica ferroviaria della galleria di base del Lötschberg come pure misure di miglioramento dei collegamenti tra Basilea, il versante sud del Giura e Ginevra. Avanza inoltre la pianificazione per il passante di Lucerna e per quello di Basilea (rete suburbana trinazionale).

Nonostante gli ampliamenti in corso diverse tratte ferroviarie sono saturate o lo saranno a medio termine. Situazione che interessa anche numerose stazioni. Per rispondere adeguatamente alla domanda in forte crescita, il Consiglio federale propone al Parlamento di investire, nel quadro della fase di ampliamento 2035 (FA 2035), circa 11,9 miliardi di franchi nel miglioramento dell'infrastruttura ferroviaria. Tra i progetti supplementari integrati nel messaggio rientra il completamento delle installazioni tecnico-ferroviarie nel tratto scavato del secondo tubo della galleria di base del Lötschberg, che consente offerte migliori per il traffico viaggiatori e maggiori capacità per i treni merci nella galleria.

Collegamenti supplementari a cadenza semioraria e quartoraria

Ulteriori misure sono volte a consentire l'introduzione della cadenza quartoraria sulle tratte Ginevra – La Plaine, Avry–Friburgo, Olten–Baden, Aarau–Zurigo, Brugg–Zurigo e Lucerna–Zugo–Zurigo. Grazie alla riduzione dei tempi di percorrenza ottenuta attraverso la galleria di Brütten, la Svizzera orientale usufruirà di un'offerta attrattiva: San Gallo sarà elevata a nodo principale e Frauenfeld disporrà di un collegamento aggiuntivo e più veloce con Zurigo. Inoltre sarà possibile introdurre treni diretti tra Basilea, Delémont e Ginevra e ampliare l'offerta nella regione del Giura.

Considerati i risultati della consultazione, il Consiglio federale rinuncia alla soluzione proposta per il finanziamento da parte di terzi del passante di Lucerna e per quello di Basilea (rete suburbana trinazionale): entrambi i Cantoni interessati si sono infatti espressi negativamente. I due progetti possono tuttavia essere portati avanti e concretizzati in vista della fase di ampliamento successiva. Il relativo finanziamento è assicurato.

La FA 2035 aumenterà le capacità nel traffico viaggiatori su tutto il territorio nazionale, consentendo offerte più attrattive e nuovi collegamenti a cadenza semioraria e quartoraria ed eliminando i previsti sovraccarichi. Sull'asse est-ovest gli interventi interesseranno prevalentemente l'Arco lemanico e le regioni di Berna e Zurigo con ampliamenti, in particolare, dei tronchi Ginevra–Losanna–Yverdon–Bienne e Soletta–Olten–Zurigo–Winterthur. Sulla linea tra Neuchâtel e La-Chaux-de-Fonds saranno invece apportati ammodernamenti che permetteranno di raddoppiare i collegamenti, con due treni veloci e due regionali all’ora. Un miglioramento dell'offerta è previsto anche sul versante sud del Giura, tra Basilea e l'Altipiano centrale, nella regione di Glarona, nella Svizzera orientale e centrale, per i collegamenti tra Berna e Interlaken o Briga, nell'area di Lugano e in diverse regioni rurali e turistiche. In alcune stazioni, ad esempio Morges, Basilea FFS, Lenzburg e Zurigo Stadelhofen, si sopperirà alle carenze di capacità più urgenti e si effettueranno i lavori necessari per attuare le prescrizioni della legge sui disabili. È inoltre prevista la realizzazione di 15 nuove fermate.

Tracce supplementari per il traffico merci

Nel traffico merci la FA 2035 permetterà di aumentare l'attrattività, sia sull'asse est-ovest che su quello nord-sud, potenziando le capacità e riducendo i tempi di percorrenza (rete di tracce merci rapide): saranno ampliati e velocizzati i collegamenti tra le grandi stazioni di smistamento Losanna e Limmattal, così come quelli tra queste ultime e l'Arco giurassiano o la Svizzera orientale. Si elimineranno inoltre le forti limitazioni finora applicate al traffico merci durante le ore di punta del traffico viaggiatori mediante l'aggiunta di tracce standard e veloci sull'Altipiano e nell'area di Zurigo. Oltre all’ampliamento e alla migliore integrazione degli impianti di carico, questi investimenti consentiranno anche un notevole aumento della competitività del traffico merci su rotaia.

Il finanziamento dell'ampliamento ferroviario è garantito dal Fondo per l'infrastruttura ferroviaria (FIF), adottato nel 2014 da Popolo e Cantoni nel quadro del progetto concernente il finanziamento e l’ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria (FAIF). Il Parlamento discuterà la fase di ampliamento 2035 presumibilmente nel 2019. In accordo con la pianificazione continua decisa con il progetto FABI saranno esaminati ulteriori investimenti, da presentare al Parlamento in una successiva fase di ampliamento.

Il progetto posto in consultazione prevedeva due varianti di ampliamento, una di minore, l’altra di maggiore entità. Siccome tutti i Cantoni e la maggior parte dei partiti si sono espressi a favore della seconda, l'opzione di una fase di ampliamento da 7 miliardi di franchi da realizzare entro il 2030 non viene più presa in considerazione.
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniz ... 72731.html (con documenti vari)

(Un bel "Delsberg" a pag. 106 del messaggio, saranno contenti i Giurassiani...)
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
giannozz
*
*
Messaggi: 537
Iscritto il: gio 21 ago 2008 17:46
Località: Udine

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#13 Messaggio da giannozz » gio 01 nov 2018 9:24

Cos'è l'equipaggiamento di tecnica ferroviaria della galleria di base del Lötschberg? italiano federale, traduzione dal tedesco con google translate, altro ?

EDIT: ah, ho visto, è spiegato (si fa per dire) sotto: il completamento delle installazioni tecnico-ferroviarie nel tratto scavato del secondo tubo della galleria di base del Lötschberg,
Paolo

The best lack all conviction, while the worst
Are full of passionate intensity

(The second coming, W. B. Yeats)

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16991
Iscritto il: mer 06 feb 2008 23:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#14 Messaggio da Ae 4/7 » gio 01 nov 2018 11:50

Analisi delle conseguenze cantonticinesi (in sostanza si finanziano il Tram dei Puffi (che continua a sembrarmi un Prestigeprojekt) e la fermata di Piazza Indipendenza che renderà ancora più lenta e tediosa di quanto già non sia la marcia dei TiLo; mentre altrove il tempo guadagnato con la NEAT continuerà, a quanto sembra, ad andare in fumo causa coincidenze inesistenti (ancorché progettate); laddove basterebbe forse modificare (assimilandola a quella della SSIF) la politica delle fermate dei diretti, ormai quasi a cadenza oraria, per metterci una pezza):
Tram-treno del Luganese, 240 milioni da Berna
Confermato il finanziamento da parte della Confederazione. Sì anche per la fermata a Bellinzona

Il Consiglio federale ha licenziato oggi il Messaggio sul finanziamento del Programma di sviluppo strategico della rete ferroviaria nazionale, fase d’attuazione 2030/35 (PROSSIF 2030/35), che include il progetto concernente la realizzazione della tappa prioritaria della Rete tram-treno del Luganese (Lugano Centro-Bioggio). Una decisione di cui ha preso atto con soddisfazione il Dipartimento del territorio (DT), il quale sottolinea che il finanziamento da parte della Confederazione, pari a circa 240 milioni CHF, è pertanto confermato.

"Il Messaggio del Consiglio federale conferma la decisione del 29 settembre 2017 d’includere il progetto ticinese nella proposta d’investimenti per la prossima fase di attuazione del PROSSIF" si legge nella nota del DT. "La realizzazione della tappa prioritaria della Rete tram-treno del Luganese consentirà di estendere il servizio ferroviario della linea Ponte Tresa-Lugano fino a Manno e di raggiungere direttamente il centro città. La frequenza sarà intensificata fino a un treno ogni dieci minuti e i tempi di percorrenza saranno drasticamente ridotti. Le aree strategiche dello sviluppo del Luganese – Città di Lugano, Basso Vedeggio e Malcantone – saranno così servite da un sistema di trasporto molto performante".

Lo scorso 19 giugno, ricordiamo, il Gran Consiglio aveva approvato la tappa prioritaria della Rete tram-treno del Luganese, accogliendo la richiesta di credito di 63,2 milioni di franchi. La fase realizzativa è programmata dal 2020 al 2027.

Sì alla fermata ferroviaria di Piazza Indipendenza a Bellinzona, rinviati altri progetti

In occasione della sua seduta odierna, il Consiglio federale ha anche confermato il finanziamento del progetto relativo alla fermata di Piazza Indipendenza (Bellinzona). A tal proposito, specifica il DT, le FFS stanno già elaborando il Progetto definitivo su incarico del Cantone. Il completamento del terzo binario Giubiasco-Bellinzona e la realizzazione della nuova fermata, strettamente interdipendenti, sono previsti entro il 2025.

Il DT informa inoltre che le misure “Cadenza semi-oraria Locarno-Intragna FART” e “Nuove fermate Valle del Vedeggio: Bironico-Camignolo e Torricella-Taverne”, proposte dal Cantone nei concetti d’offerta del traffico regionale, non sono state ritenute nel Programma di sviluppo strategico dell’infrastruttura ferroviaria per questa fase d’attuazione. Il DT è comunque intenzionato a proseguire con la loro progettazione: "Il progetto che concerne le FART permetterà di garantire le coincidenze a Locarno con tutti i treni TILO in direzione di Bellinzona e di Lugano – quest’ultima località sarà direttamente raggiungibile attraverso la nuova galleria di base del Ceneri – migliorando nel contempo l’attrattività del trasporto pubblico tra il polo di Locarno e le Terre di Pedemonte" si legge nella nota. "Questo potenziamento presuppone la creazione di un doppio binario ferroviario a Tegna e di un nuovo binario di attestamento a Intragna".

Le nuove fermate nella Valle del Vedeggio consentiranno invece "di aumentare la capillarità del servizio TILO lungo la linea di montagna dal Ceneri che, con l’apertura della galleria di base nel dicembre 2020, sarà alleggerita dal traffico di transito".

AlpTransit per ora si ferma a Lugano

La richiesta del Consiglio di Stato per l’avvio della progettazione del completamento di Alp Transit con la circonvallazione di Bellinzona e il proseguimento a sud di Lugano non è stata invece accolta. "La decisione del Parlamento federale sull’odierno Messaggio del Consiglio federale sarà presa nel corso del prossimo anno" conclude il DT.

Redazione | 31 ott 2018 16:29
https://www.ticinonews.ch/ticino/473632 ... i-da-berna
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

gbelogi
**
**
Messaggi: 5382
Iscritto il: lun 21 ago 2006 19:08
Località: 86% oltre l'Adda 14% Roma

Re: 11,5 miliardi di franchi entro il 2035 per l’ampliamento della rete ferroviaria

#15 Messaggio da gbelogi » ven 02 nov 2018 20:10

Qualcosa sullo Zimmerberg tunnel?
100 % Guaranteed Friend of the USA
Italia 2018: piccole isole di buoni risultati economici, efficienza e buone pratiche in un oceano di inefficienza e declino morale ed economico.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti