organizzazione stazione di chiasso

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
pietrotico
**
**
Messaggi: 6229
Iscritto il: mer 16 set 2009 17:35
Località: Lecco

Re: organizzazione stazione di chiasso

#16 Messaggio da pietrotico » mer 18 dic 2013 12:14

Relativamente ai merci da MO1 preciso che grazie all'interesse del Sommo i merci per Molteno - Oggiono e Lecco non ci sono più in quanto erano di competenza SBB Cargo e quindi gli scali delle due località sono diventati poco sicuri e quindi sono stati chiusi.
Quei merci per fortuna oggi gravitano su Lecco Maggianico (generalmente NC) e il ferro trasportato è caricato su camion e trasportato indovinate dove? Nello stesso piazzale dove prima arrivavano in treno (cioè accanto alla stazione di Oggiono). Gran genialata. In più spesso e volentieri sulle nostre strade si può godere di un discreto via vai di carri (Eaos, Shimms e telonati) su camion sempre verso queste due località...... Poter del Moretti.....

Coccodrillo
**
**
Messaggi: 9977
Iscritto il: lun 10 mag 2004 19:30
Località: Ferrovia del Gottardo

Re: organizzazione stazione di chiasso

#17 Messaggio da Coccodrillo » gio 19 dic 2013 17:49

Il destino della gloriosa stazione internazionale di Chiasso, trattative e progetti: http://la1.rsi.ch/home/networks/la1/ilq ... tabEdition

Il traffico in Ticino: http://la1.rsi.ch/home/networks/la1/ilq ... tabEdition (anche ferroviario)
Gleis 3, einfahrt des InterRegio nach Linthal, Trun, Biasca, Chiasso, ohne Halt bis Glarus.

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12110
Iscritto il: dom 14 ago 2005 22:48

Re: organizzazione stazione di chiasso

#18 Messaggio da augustus » gio 19 dic 2013 22:03

Belle le immagine in b/n e quanti ricordi... :)
Ma il Moreno al trucco poteva farsi sbarbare no? :mrgreen:
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

MO-MO
*
*
Messaggi: 679
Iscritto il: dom 03 gen 2010 9:48
Località: CH-6850 MENDRISIO

Re: organizzazione stazione di chiasso

#19 Messaggio da MO-MO » sab 21 dic 2013 12:39

augustus ha scritto:Belle le immagine in b/n e quanti ricordi... :)
Ma il Moreno al trucco poteva farsi sbarbare no? :mrgreen:
Immagini in b/n in parte di provenienza privata perché la TSI non esisteva ancora nella sede ticinese.
Quanto al Moreno:... non ha più bisogno di fare voti, al prossimo rinnovo dei poteri comunali non si presenta più...

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16776
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: organizzazione stazione di chiasso

#20 Messaggio da Ae 4/7 » lun 23 dic 2013 22:14

Non è una gran foto ma… che magone! :cry:

Immagine
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

ssb
**
**
Messaggi: 2310
Iscritto il: mar 09 dic 2014 17:24

Re: organizzazione stazione di chiasso

#21 Messaggio da ssb » dom 12 giu 2016 10:07

Scusate se ripesco questo topic ma non ho trovato altro su Chiasso.
Mi par di ricordare che fino a non molti anni fa in fondo al bin. 1 all'altezza del segnale italiano c'era un crocodile. Ricordo bene? Se sì qual'era il suo scopo? C'entrava il TEE? Ma soprattutto cosa c'entrava il rettile con l'italia?

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16776
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: organizzazione stazione di chiasso

#22 Messaggio da Ae 4/7 » dom 12 giu 2016 10:24

Non solo al binario 1, per la verità ::-?: :

Immagine

P.S. in una vecchia discussione trovata presso la concorrenza confederata si sostiene che il 470 disponesse delle relative spazzole... ::-?:
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

ssb
**
**
Messaggi: 2310
Iscritto il: mar 09 dic 2014 17:24

Re: organizzazione stazione di chiasso

#23 Messaggio da ssb » dom 12 giu 2016 11:44

Sì presumibilmente su tutti i binari in direzione Italia.

Era forse questo lo scopo:
Nicola ha scritto:Un tempo erano installati sistemi (a terra e a bordo treno) che facevano aprire l'IR automaticamente se il maestro lo dimenticava e "autorizzava" il passaggio tramite selettore al nuovo sistema di alimentazione (ETR 470), poi sono stati tolti.
:?:

Avatar utente
Nicola
**
**
Messaggi: 2282
Iscritto il: dom 04 dic 2005 11:14
Località: Lugano
Contatta:

Re: organizzazione stazione di chiasso

#24 Messaggio da Nicola » dom 12 giu 2016 13:08

Servivano per il 470, forse anche per il TEE unico vero treno in grado di transitare nella stazione di confine fino ad ora. Come funzionavano non lo so ma consentivano al macchinista di cambiare sistema sul treno.
Girare il selettore senza aver "letto" il coccodrillo non avrebbe sortito alcun'effetto.

C'erano anche in entrata (galleria MO) verso la Svizzera.
Ae 6/6 11'460
SBB / CFF / FFS

ssb
**
**
Messaggi: 2310
Iscritto il: mar 09 dic 2014 17:24

Re: organizzazione stazione di chiasso

#25 Messaggio da ssb » dom 12 giu 2016 15:00

Grazie.

Avatar utente
RABe 610
**
**
Messaggi: 1079
Iscritto il: mar 29 set 2009 19:30
Località: Undermorbio

Re: organizzazione stazione di chiasso

#26 Messaggio da RABe 610 » dom 12 giu 2016 19:31

la cabina attuale risale al 1989 dal 2018 verrà sostituita da una piccola cabina lato pedrinate che entrerà in funzione solo in casi particolari locali normalmente sarà tutto comandato dal CES Pollegio ;-)

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16776
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: organizzazione stazione di chiasso

#27 Messaggio da Ae 4/7 » sab 29 apr 2017 8:55

CHIASSO

29/04/2017 - 09:20
Scontro fra [censura], qualche disagio in stazione

Non dovrebbero esserci feriti. Non è nota l'entità dei danni

GALLERY | 2 immagini

CHIASSO - Le informazioni sono al momento frammentarie, ma due treni [censura] si sono scontrati, questa mattina verso le 6, alla stazione di Chiasso.

Non è chiaro se l'urto, che non dovrebbe aver provocato feriti, sia avvenuto per l'uscita dai binari di uno dei due treni o se per un mancato rispetto della precedenza.

L'accidentale "incontro", come si evince dalle immagini giunte il redazione, ha leggermente inclinato uno dei due convogli. Non è nota l'entità dei danni che, tuttavia, non dovrebbero essere particolarmente rilevanti.

Le FFS non riferiscono di ritardi o soppressioni dovute all'incidente.

Articolo di D.M.
http://www.tio.ch/News/Ticino/Cronaca/1 ... n-stazione
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16776
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: organizzazione stazione di chiasso

#28 Messaggio da Ae 4/7 » lun 02 ott 2017 12:28

LUGANO

02/10/2017 - 09:53
«Io, donna disabile, in lotta con le FFS»

La battaglia di Silvia Arioli, studentessa di medicina a Monza: «Ogni volta che devo cambiare il treno a Chiasso, nessuno mi assiste». Le Ferrovie: «Miglioramenti in vista»

LUGANO – Sui social network è seguitissima. I suoi post suscitano sempre decine di reazioni. Lei è Silvia Arioli, classe 1982, affetta da una rara malattia che la costringe a vivere e a muoversi su una sedia a rotelle. Quasi tutti i giorni da Lugano, luogo in cui vive, si reca con il treno a Monza, dove studia medicina. E quotidianamente si trova ad avere problemi alla stazione ferroviaria di Chiasso. «È lì che devo cambiare treno – ammette –. Ma la stazione di Chiasso non è dotata di un’assistenza per le persone disabili. Ogni volta, per passare dal TILO al treno di Trenord, e viceversa, mi trovo a dovere chiedere aiuto ai passanti».

Il marciapiede non è a livello – È una lunga battaglia, quella portata avanti da Silvia. Che, in un certo senso si fa portaparola di tutte quelle persone che si trovano nella sua stessa situazione. «Il fatto è che a Chiasso, contrariamente a quanto accade a Lugano, il marciapiede non è allo stesso livello del treno. E non ci sono rampe di accesso ai vagoni».

La differenza – Silvia ha scritto sia alla Ferrovie Federali Svizzere (FFS), sia alle Ferrovie italiane per spiegare il suo problema. «Dall’Italia ho avuto comprensione. Tanto che a Monza ogni volta c’è un operatore che si occupa di farmi scendere e di farmi salire sul treno. Io devo solo mandare loro settimanalmente l’email con il programma dei miei orari. Dalle FFS, invece, non ho ancora ricevuto nulla di esaustivo. Le ferrovie italiane mi hanno giustamente fatto notare che a Chiasso non possono intervenire. Tocca al personale svizzero occuparsi dei passeggeri che fanno scalo a Chiasso».

Obiettivo 2024 – La 35enne di Lugano è una donna agguerrita. «Sto seguendo una riqualifica. Non voglio mancare alle lezioni. Le FFS sostengono che entro 6-7 anni ci saranno grossi miglioramenti per quanto riguarda l’accessibilità delle stazioni della Svizzera italiana per i disabili. Ma nel frattempo non si possono trovare soluzioni transitorie?»

Lacune – Silvia viaggia molto in treno. «E posso dire che, per quanto riguarda il sostegno ai disabili, le FFS hanno ancora molto da migliorare. Spesso le nostre difficoltà sono invisibili alla “gente normale”. Nella mia situazione anche una banalità può diventare un problema. Eppure pago l’abbonamento completo. Avrei gli stessi diritti degli altri passeggeri».

A norma di legge – Patrick Walser, portavoce delle FFS, non ci sta a vestire i panni del “cattivo”. E puntualizza. «Per i prossimi anni le FFS hanno previsto importanti miglioramenti in merito al tema dei disabili. Già oggi 422 stazioni FFS, ossia più della metà, utilizzate dal 73% dei viaggiatori, sono prive di barriere. La nostra pianificazione per l’applicazione della legge sui disabili entro fine 2023 è a buon punto e sarà concordata nei dettagli con l’Ufficio federale dei trasporti».

Prospettive future – In pratica sono previste misure architettoniche quali rialzi di marciapiede, rialzi parziali o soluzioni che prevedono l'installazione di rampe o ascensori. «Nelle stazioni senza interventi architettonici – fa notare Walser – le FFS applicano le direttive legali con provvedimenti sostitutivi, che prevedono ad esempio che il personale ferroviario fornisca aiuto ai viaggiatori con mobilità ridotta utilizzando rampe pieghevoli o mobilift».

Il caso specifico – Walser si rivolge, infine, a Silvia. E al suo caso specifico. «Il personale può dare una mano ai disabili, ma la richiesta deve essere effettuata, come si può vedere sul nostro sito, con un certo anticipo». «Eppure – conclude Silvia –, finora le FFS mi avevano sempre detto che a Chiasso non vi era personale apposito per questa funzione. Mi sembra che ci sia un po’ di confusione in merito. Ma voglio pensare positivo».

Articolo di Patrick Mancini
http://www.tio.ch/News/Ticino/Attualita ... on-le-FFS-
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12110
Iscritto il: dom 14 ago 2005 22:48

Re: organizzazione stazione di chiasso

#29 Messaggio da augustus » lun 02 ott 2017 20:07

Un collega conferma che una persona della sua famiglia dice che con persone disabili al seguito si trova meglio in Italia che non in Svizzera. Lo notavo ieri, ma il binario 5 ha un marciapiede piccolo, sconnesso e basso, tant'è che per entrambi i tipi di Tilo il dislivello è di una trentina di centimetro circa. Strano che dopo mesi non se ne sia accorto nessuno. ::-?:
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

ssb
**
**
Messaggi: 2310
Iscritto il: mar 09 dic 2014 17:24

Re: organizzazione stazione di chiasso

#30 Messaggio da ssb » mar 03 ott 2017 4:08

Confermo, in Italia si è molto più avanti. Bisognerebbe avere il coraggio di ammetterlo e non arrampicare sempre sui vetri del genere "sì ma nel 2023...". Tipica svizzeritudine secondo me: siccome il miglioramento è previsto, in sua attesa si fa finta di niente..

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti