Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 17285
Iscritto il: mer 06 feb 2008 23:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#436 Messaggio da Ae 4/7 » mar 24 apr 2018 19:06

Arrivato nulla...
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12609
Iscritto il: dom 14 ago 2005 23:48

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#437 Messaggio da augustus » mar 24 apr 2018 20:14

Forse perché lo paghi in un'unica risoluzione ;)
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 17285
Iscritto il: mer 06 feb 2008 23:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#438 Messaggio da Ae 4/7 » mar 24 apr 2018 21:37

Certo, quattro cartelle da mille sull'unghia. Già si sono mangiati i 200 Fr. negoziati da Mr. Prezzi perché nella scalcagnatissima provincia dicevano che non ne avevo diritto avendo inoltrato la disdetta dello SP* (poi nondimeno rinnovato senza soluzione di continuità)...

* Tra l'altro la foto è ormai quasi irriconoscibile (non che sia una perdita :mrgreen: )...
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12609
Iscritto il: dom 14 ago 2005 23:48

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#439 Messaggio da augustus » mer 25 apr 2018 21:24

La presa in giro di M.me Pilloud

https://www.blickamabend.ch/news/oev-ti ... 01905.html Ovvero "I pendolari sono i cretini", personalmente ci chiamerei gli "utili idioti".

Innazitutto segnalo l'iniziativa, come al solito zukkino-centrica, delle FFS con l'invio bagagli gratis dalla Svizzera tedesca in Ticino, ma non c'è il corrispettivo per chi dal Ticino lo volesse inviare a nord delle Alpi.

Il punto è che, a fronte di una diminuzione dell'IVA, non c'è una diminuzione corrispettiva dell'AG. Restando identico nel prezzo, in realtà subisce di fatto un aumento non dichiarato. Tuttavia, ci dovrebbe essere secondo Sabine Krähenbühl, portavoce di "ch-direct", un buono di 120 franchi ma solo per chi rinnoverà il proprio AG per oltre 12 mesi. I 120 franchi saranno calcolati sul 13. mese. Per chi invece è costretto a pagarlo mensilmente - perché magari non gode di entrate cospicue - nada de nada.

Vengono poi diminuiti i prezzi di biglietti di corse di sola andata e, ciliegina velenosa sulla torta al cianuro, M.me Pilloud cerca di procacciare nuovi clienti per l'AG inviando ai detentori di 1/2 prezzo un'offerta per un buono da 500.-- franchi a riduzione di chi acquisti un AG, offerta valida per chi lo acquisti di 1. o 2. classe.

Quindi, noi detentori di AG siamo cornuti e mazziati, come sempre e da anni ormai.

Mi consolo col fatto che M.me Pilloud mi ha fatto il regalone di due buoni da 5 franchi per una consumazione con Elvetino.
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 17285
Iscritto il: mer 06 feb 2008 23:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#440 Messaggio da Ae 4/7 » gio 26 apr 2018 7:23

Se poi si pensa che c'è chi ha l'AG per pura pigrizia intellettuale (ovvero non dover stare a fare calcoli del farmacista con biglietti risparmio, CG(C) e quant'altro), quando potrebbe avere soluzioni ben più economiche (i.e. un Arcobaleno due zone) e quindi non ruba niente, checché ne pensi il comitato strategico del servizio diretto...

Sulla questione dei bagagli*, che ignoravo, è un ragionamento analogo a quello che facevo tra me e me l'altro giorno in merito al GoPEx/Weekender (e qui espresso: viewtopic.php?p=1681426#p1681426), ovvero che gli amici Confederati hanno il Weekender che non si paga, mentre noi abbiamo il GoPEx che costa una fucilata.

* A parte che ora che trovi una stazione servita e aperta per l'invio e ora che ne trovi una servita e aperta per il ritiro...
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 17285
Iscritto il: mer 06 feb 2008 23:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#441 Messaggio da Ae 4/7 » dom 06 gen 2019 16:16

Sbaglio o dalla T604 - Distanze tariffali e prezzi delle ITC (disponibile qui: https://www.sbb.ch/it/stazione-servizi/ ... olari.html) sono scomparse le tabelle con le distanze tariffali e i prezzi? ::-?: :wall:
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 17285
Iscritto il: mer 06 feb 2008 23:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#442 Messaggio da Ae 4/7 » dom 19 mag 2019 15:28

Prezzi ballerini
sul sito delle Ffs
ANDREA STERN


Bastano un paio di clic in più per risparmiare sul prezzo dei biglietti delle Ferrovie federali svizzere (Ffs). A volte si può pagare anche il 40% in meno. Per la stessa tratta allo stesso orario sullo stesso treno. Una situazione apparentemente assurda, di cui le imprese di trasporto sono a conoscenza ma che non possono correggere.
"Sì - conferma al Caffè Thomas Ammann, portavoce dell’organizzazione mantello ch-direct -, siamo consapevoli del problema, che non potrà però essere risolto entro breve. Ci vorrà sicuramente ancora qualche anno" (vedi articolo sotto). Meglio così per i viaggiatori, che grazie a quel "problema" possono nel frattempo risparmiare, e tanto, semplicemente spendendo qualche minuto in più sul sito delle Ffs.
Come? Prendiamo un esempio particolarmente eclatante. Guido e Mario sono due amici che vivono in Val Colla e che vogliono concedersi un sabato a Lucerna. La sera prima della partenza vanno entrambi sul sito delle Ffs per acquistare il biglietto. Entrambi scelgono il primo collegamento del mattino, quello che parte alle 6.32 da Bogno e che, dopo cambi a Tesserete, Lugano e Arth-Goldau, arriva a Lucerna alle 10.21.
Guido inserisce la località di partenza, Bogno, e quella di arrivo, Lucerna. In men che non si dica il sito delle Ffs gli indica tutti i collegamenti disponibili e il relativo prezzo, 74 franchi solo andata. Non è poco ma le Ffs non propongono alcuna alternativa. Guido inserisce dunque i propri dati, paga con la carta di credito e stampa il biglietto. Bene. Guido è pronto per partire, Guido è felice.
Sarebbe un po’ meno felice se sapesse che nella casa accanto il suo amico Mario sta acquistando il titolo di trasporto per lo stesso collegamento a soli 42,40 franchi. Come? Semplicemente spezzando in due la tratta. Un biglietto per andare da Bogno a Lugano, un altro per raggiungere Lucerna. Il primo lo paga 8,80 franchi, il secondo 33,60. In totale 42,40 franchi, oltre il 40% in meno di quanto ha sborsato Guido. Nonostante non abbia l’abbonamento metà prezzo.
A onor del vero bisogna dire che sulla tratta tra Lugano e Lucerna Mario ha beneficiato di un’offerta risparmio. Un’offerta che le Ffs riservano ai treni meno affollati, quelli fuori dagli orari di punta. Altrimenti il biglietto sarebbe costato 61 franchi, che sommati agli 8,80 della tratta Bogno-Lugano avrebbero portato il costo totale a 69,80 franchi. A onor del vero bisogna però anche dire che le Ffs propongono l’offerta risparmio solo a chi riserva un biglietto con partenza dalla stazione di Lugano. A Guido, che si è limitato a cercare la tratta Bogno-Lucerna, nessuno ha indicato che avrebbe potuto ottenere uno sconto.
Morale della storia? La soluzione più semplice non è quella più conveniente. Meglio investire qualche minuto in più sul sito delle Ffs provando a spezzettare il viaggio in più tratte che accontentarsi della prima offerta. Acquistare due biglietti distinti anziché uno solo conviene quasi sempre. Sembra assurdo ma è così. Perché la politica vuole che sia così.

astern@caffe.ch
http://www.caffe.ch/stories/economia/62 ... delle_ffs/
Le imprese di trasporto spiegano le differenze di prezzo
Tariffe Ffs ballerine
"decisione politica"
ANDREA STERN


Le Ferrovie federali svizzere (Ffs) non ritengono di dover prendere posizione sulla questione dei prezzi "ballerini". Pur essendo loro a vendere i biglietti attraverso il sito ffs.ch, i distributori automatici e gli sportelli nelle stazioni, preferiscono rimandare la palla ad altri. "È l’organizzazione mantello ch-direct a doversi esprimere in merito" sostiene Patrick Walser, portavoce dell’ex regia federale.
Ch-direct, nonostante sia sconosciuta ai più, è un’organizzazione importante. Coordina infatti i sistemi tariffali di 250 imprese di trasporto, tra cui le Ffs. E accetta di rispondere alle perplessità del Caffè. "Sì - afferma Thomas Ammann -, siamo a conoscenza del problema". Lo chiama proprio così, problema. E aggiunge che "non potrà però essere risolto entro breve, ci vorrà sicuramente ancora qualche anno". Perché, prosegue il portavoce di ch-direct, le disparità di prezzo sul sito delle Ffs sono dovute a decisioni politiche.
"Sul traffico a lunga distanza il viaggiatore paga il biglietto in base ai chilometri percorsi - spiega il portavoce di ch-direct -. C’è una tariffa al chilometro, che decresce con la distanza. Sul traffico regionale invece il sistema è diverso. Poiché in quasi tutte le regioni della Svizzera esistono delle comunità tariffali che dividono il territorio in zone. Il viaggiatore acquista dunque il biglietto per una, due o più zone. E poi può all’interno di queste zone può fare quello che vuole. Che faccia un chilometro o dieci, il prezzo non cambia, se resta nelle zone predefinite".
Il sistema delle zone è stato voluto dai Cantoni per favorire l’utilizzo dei mezzi pubblici tra i propri cittadini, in particolare tra i pendolari. Questi beneficiano così indirettamente di sussidi maggiori rispetto a quelli destinati ai viaggiatori su lunghe distanze. "A livello di imprese di trasporto c’è la volontà di correggere questa situazione - afferma Ammann -. Proprio in quest’ottica il 1° gennaio 2020 verrà costituito un tavolo di lavoro per studiare una riorganizzazione a lungo termine. Ma, come detto, la questione è essenzialmente politica, per cui è difficile prevedere se e quando potrà essere raggiunta un’armonizzazione tariffale a livello nazionale".
L’obiettivo del tavolo di lavoro sarà quello di ripristinare l’equità di trattamento fra tutti gli utenti dei trasporti pubblici. L’idea di base è che se un Cantone elargisce dei sussidi a favore del traffico regionale, devono poterne beneficiare tutti i viaggiatori, non solo quelli che hanno acquistato un certo tipo di biglietto. Un’idea logica. Nel frattempo però più che essere logici, sul sito delle Ffs è meglio essere furbi.
19.05.201
http://www.caffe.ch/stories/economia/62 ... _politica/

Premesso che notavo, giusto l'altra sera, un problema analogo anche in pizzeria (ma il Caffè non ci cava una storia), prima di fare un salto nel buio con le riforme orchestrate dall'UTP, risp. da chi coordina il SD, ci penserei mille volte: si sa cosa si lascia, non si sa cosa si trova...
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12609
Iscritto il: dom 14 ago 2005 23:48

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#443 Messaggio da augustus » lun 20 mag 2019 20:22

Lo "spezzare il viaggio" è mia prassi corrente quando devo cercare dei collegamenti che non siano quelli offerti dalle FFS (per il prezzo non è un problema dato che ho un AG): infatti i tempi di trasbordo prefissati possono essere fregati tagliando il viaggio in più tratte. Anche l'autopostale a Mendrisio - con 2/3 minuti di comporto - lo si può prendere, nonostante l'app ti indichi solo quello successivo.

A suo tempo, si propose un "cursore" da mettere sulla app, di modo che uno potesse scegliere i tempi di trasbordo da 0 a 240 o più minuti (in quest'ultimo caso, per uno che prevede di fare sosta a Zurigo per acquisti e poi proseguire ad esempio su S. Gallo), ma la cosa cadde.
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 17285
Iscritto il: mer 06 feb 2008 23:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#444 Messaggio da Ae 4/7 » lun 10 giu 2019 13:29

Quanto è comune che le tariffe aumentino durante il periodo di validità dell'orario (c'è forse stato un repentino aumento della perlopiù scarna imbottitura dei sedili?)?

Immagine Immagine

A parte questo, negli ultimissimi tempi ho notato, sul TiLo, diversi abusivi (almeno uno dei quali con ogni probabilità munito di FVP di seconda) che non sono stati multati dal personale dei sondaggi ma, al più, invitati a spostarsi (quelli che non hanno fatto gli gnorri, come, venerdì sera, dei turisti col Ticino Ticket (pagato con le nostre imposte dalle quali non si può neppure dedurre l'AG...)); mentre i Trapos sembrano avere, per fortuna, un'attitudine ben più rigorosa nell'assicurare la Klassendisziplin... :?
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Coccodrillo
***
***
Messaggi: 10159
Iscritto il: lun 10 mag 2004 20:30
Località: Ferrovia del Gottardo

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#445 Messaggio da Coccodrillo » lun 10 giu 2019 18:39

Non è comune ma è già successo per esempio con l'introduzione della tariffa integrata Arcobaleno anche per i biglietti , mi pare a settembre 2012.

Da notare che non si tratta di semplici aumenti, ma di una diversa ripartizione dei costi di biglietti e abbonamenti (per esempio il biglietto da una zona dovrebbe costare un po' meno, per compensare la perdita del percorso breve).
Gleis 3, einfahrt des InterRegio nach Linthal, Trun, Biasca, Chiasso, ohne Halt bis Glarus.

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 17285
Iscritto il: mer 06 feb 2008 23:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#446 Messaggio da Ae 4/7 » lun 10 giu 2019 18:58

Quindi si paga di più la differenza per sgravare gli ex-utenti del percorso breve (ovvero sostanzialmente utenti dei bus a classe unica). ::-?:

Mi si dice, peraltro, che anche il mensile quadrizona di prima (necessaria per evitare i teenagers che affollano la S20 in II) sarebbe aumentato notevolmente...
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Rispondi