Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
cf
**
**
Messaggi: 2051
Iscritto il: lun 01 mag 2006 10:18
Località: Berna - Ticino (Svizzera)
Contatta:

Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#1 Messaggio da cf » gio 14 gen 2010 14:43

Tutte le informazioni dal sito http://www.ffs.ch
CF

Le imprese di trasporto pubblico hanno deciso un aumento tariffario dal prossimo dicembre.

Il costante ampliamento dell’offerta del trasporto pubblico comporta maggiori costi per il personale, la sicurezza, l’energia e la manutenzione. A ciò vanno aggiunti gli elevati investimenti per il nuovo materiale rotabile, solo le FFS acquisteranno nuovi treni per un importo complessivo di 20 miliardi di franchi. Per questi motivi le imprese di trasporto pubblico hanno deciso un aumento tariffario generalizzato del 6,4 per cento in media a partire dal 12 dicembre 2010. Nel calcolo è incluso l’aumento dell’IVA dello 0,4 per cento.

Il 5 marzo 2009 le imprese svizzere di trasporto pubblico avevano rinunciato a un aumento tariffario dal dicembre 2009 a fronte dell’allora difficile situazione congiunturale. Ciò nonostante le imprese di trasporto hanno continuato ad aumentare le loro prestazioni (ad esempio dal cambio d’orario del dicembre del 2007: FFS: +6 per cento treni-chilometro, BLS +13,5 per cento, AutoPostale +14 per cento chilometri-anno) ed i servizi. Inoltre il finanziamento per il nuovo materiale rotabile e gli elevati investimenti nella manutenzione dell’infrastruttura incidono sempre più pesantemente sui budget delle singole imprese. Per fare in modo che l’incremento dei costi generati dall’esercizio siano coperti e che i futuri investimenti siano garantiti, le imprese di trasporto pubblico devono incrementare i ricavi.

A fronte della difficile situazione finanziaria di Confederazione e Cantoni è lecito presumere che la mano pubblica in futuro non compenserà tutti i fattori di costo. Un aumento dei prezzi è ritenuto quindi irrinunciabile. Per questo motivo, l’organo competente delle imprese svizzere di trasporto pubblico ha deciso di aumentare le tariffe dal prossimo 12 dicembre.

Le imprese di trasporto sono comunque consce della loro responsabilità politico-sociale e lasciano invariati i prezzi degli abbonamenti generali per disabili, ragazzi, Plus Familia ragazzo e Plus Familia giovane.

Conformemente alle disposizioni in vigore, da oggi scatta il termine di trenta giorni per le consultazioni all’interno delle oltre 200 imprese di trasporto che partecipano al sistema tariffario. Dopo la scadenza del termine, le tariffe proposte sono considerate definitive ed entrano in vigore con il cambio d’orario del 12 dicembre 2010.

Biglietti e abbonamenti di tratta.


L’aumento dei biglietti e degli abbonamenti di tratta è del 3,4 per cento e comprende, come tutte le categorie d’assortimento, l’aumento dell’Iva dello 0,4 per cento.

Abbonamenti metà prezzo.


Il metà-prezzo annuale non è più stato rincarato dal 1993. Questo titolo di trasporto è la carta sconto preferita in Svizzera. Il 75 per cento dei biglietti singoli sono acquistati in combinazione con il metà-prezzo. I responsabili dei trasporti pubblici ritengono che un rincaro di 15 franchi per l’abbonamento della validità di un anno possa essere considerato moderato.

Abbonamento generale.


L’apprezzato abbonamento generale è sempre più utilizzato come titolo di trasporto da parte di pendolari su distanze sempre più lunghe. Questa costatazione di per sé positiva comporta un calo costante dei ricavi per chilometro percorso da parte delle aziende di trasporto. Oggi le imprese di trasporto pubblico percepiscono ancora solo 10 centesimi per chilometro percorso, e la tendenza è in calo. Nonostante l’aumento in media del 6,7 per cento, l’AG continua ad offrire un ottimo rapporto prezzo–prestazioni.

Non sono per contro previsti rincari per gli AG ragazzo, AG Plus Familia ragazzo, AG Plus Familia giovane e AG disabili.

Carte giornaliere.


Analogamente all’abbonamento generale, anche in quest’assortimento di prodotti la situazione dei ricavi deve essere migliorata. L’attuale assortimento di carte giornaliere sarà rincarato in modo differenziato. In media l’aumento previsto è del 6,6 per cento. Nello specifico il prezzo per le carte giornaliere normali sale del 5,6 per cento, quello della carta giornaliera delle ore 9 del 7,5 per cento. Quest’ultima carta giornaliera potrà essere utilizzata solo da lunedì a venerdì. Il prezzo della carta giornaliera per i comuni subirà un rincaro del 15 per cento e durante i giorni feriali sarà valida solo dalle ore 9, mentre nei giorni festivi lo spettro orario d’utilizzo sarà illimitato.

Carte per bambini e giovani.

Le modifiche tariffarie proposte comportano pure una semplificazione dell’assortimento bambino. Invece della Carta Junior a 20 franchi e di quella Nipoti a 60 franchi, da dicembre 2010 sarà proposta un’unica offerta a 30 franchi. Verranno anche meno le disposizioni restrittive per i bambini accompagnati in gruppo. Anche per i viaggi giornalieri quattro bambini sotto i sei anni potranno viaggiare gratuitamente con un adulto.

-> Dettaglio aumenti abbonamenti metà prezzo
-> Dettagli aumenti di prezzo AG
-> Dettagli auemnti di prezzo carte giornaliere
L'altro dì andando a Cevi...

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16826
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#2 Messaggio da Ae 4/7 » gio 14 gen 2010 18:47

Servizio sempre più scadente, prezzi sempre più alti!! :shoot:
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
buran73
**
**
Messaggi: 4221
Iscritto il: mer 18 ago 2004 11:36
Località: uf 'em Wylerpark (non sempre però!)
Contatta:

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#3 Messaggio da buran73 » gio 14 gen 2010 19:34

Costante ampliamento dell'offerta? :lol: :lol: :lol:

Da noi l'offerta è costante dal 2004, anzi un EC lo hanno segato e il treno auto del mattino è diventato inutile . . . :roll:

Cosa dicono i francofoni?

Adesso vediamo che scusa tirerà fuori Mr. Prezzi per approvare in blocco questa rapina.
La Resistenza non è finita. Quella dell'Ossola continua: è solo cambiato l'oppressore e le armi che usa.

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16826
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#4 Messaggio da Ae 4/7 » gio 14 gen 2010 19:43

Fanno ridere i polli, ecco cosa ne pensano (io :megaball: ) in Romandia...

Aumentare i treni-km non vuol dire aumentare i collegamenti (infatti per fare Losanna-Locarno nel pomeriggio ho più o meno lo stesso numero di relazioni che nel 1923, anno di apertura della linea delle Centovalli, nonostante i treni-km sul Sempione siano magari anche aumentati, con tutti i vari 33xxx, 10xxx, ecc.)...

Mister prezzi (ogni tanto) sa il fatto suo, vedremo... :[-O<:
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16826
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#5 Messaggio da Ae 4/7 » gio 14 gen 2010 20:25

P.S.: Anche la faccenda delle carte giornaliere è scandalosa...

Vogliono rendersi conto, una buona volta, che da certe regioni, partendo dopo le nove antimeridiane, non si va da nessuna parte? Inetti!

Immagine

Immagine

Località non certo irrilevanti, ma anche gli Sbroja non se la passano poi molto meglio:

Immagine
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12144
Iscritto il: dom 14 ago 2005 22:48

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#6 Messaggio da augustus » gio 14 gen 2010 23:23

Non lamentarti! ti danno anche il "Bus del basso-pavimen" :mrgreen:
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16826
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#7 Messaggio da Ae 4/7 » gio 14 gen 2010 23:26

Quegli scatoloni di Solaris che l'ultima volta che ci ho viaggiato mi hanno shakerato lo stomaco (avevano montato le catene causa neve)... :mrgreen:
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12144
Iscritto il: dom 14 ago 2005 22:48

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#8 Messaggio da augustus » gio 14 gen 2010 23:32

Boh, i Solaris 'Rottal' (un nome una garanzia :mrgreen: ) e quelli di Winterthur vanno bene (i filobus soprattutto) :ciao:
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

Coccodrillo
**
**
Messaggi: 9988
Iscritto il: lun 10 mag 2004 19:30
Località: Ferrovia del Gottardo

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#9 Messaggio da Coccodrillo » dom 17 gen 2010 17:48

Gleis 3, einfahrt des InterRegio nach Linthal, Trun, Biasca, Chiasso, ohne Halt bis Glarus.

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16826
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#10 Messaggio da Ae 4/7 » mer 27 gen 2010 10:57

Nella trasmissione Modem del 15 c.m. si parlava degli aumenti tariffarii... Malfanti, ospite in istudio (o forse per telefono), sostiene implicitamente che l'esercizio di Mirage, RBe e compagnia sia meno costoso di quello dei Flirt (al minuto 7:36)... Io ero convinto del contrario... ::-?: Ma se lo dice lui gli credo! 8)

In più dice anche che gli ICN sono modernissimi (a 15:22)... A me pare che siano entrati in servizio per Expo.02 (quasi un decennio fa)... Ancora un po' e ci fanno passare per modernissime anche le RBe 540, entrate in servizio per Expo '64... :D

:ciao:
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
Ae 6/6 11519
**
**
Messaggi: 2980
Iscritto il: gio 01 mar 2007 21:18

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#11 Messaggio da Ae 6/6 11519 » mer 27 gen 2010 11:16

Ae 4/7 ha scritto:sostiene implicitamente che l'esercizio di Mirage, RBe e compagnia sia meno costoso di quello dei Flirt (al minuto 7:36)... Io ero convinto del contrario... ::-?:
Semplice, perchè per i Mirage & RBe si fa (o si faceva) solo la manutenzione necessaria per non lasciarli cadere a pezzi, mentre per i nuovi treni bisogna calcolare in più anche i "costi di ammortamento" (denominazione corretta? Io e l'economia siamo come CIS2 e Gottardo!). I treni nuovi, inoltre, hanno un'accelerazione più elevata e la climatizzazione, e ciò influisce mica male sui consumi (anche se il rendimento elettrico globale è sicuramente migliore oggi che ieri).

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16826
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#12 Messaggio da Ae 4/7 » mer 27 gen 2010 11:39

Mi sono espresso male... Lui parla esplicitamente di elettronico versus elettromeccanico... I costi di ammortamento (anch'io non sono troppo amico dell'economia...) ci sono, credo, per tutti i veicoli nuovi, anche se avessero acquistato dei Flirt ad azionamento elettromeccanico (sarebbero simpatici, però :lol: )...
Quel che voglio dire è che se Malfanti avesse ragione, O'Leary invece di volare con dei moderni Boeing 737 userebbe dei DC-3 di quinta mano... Non so se mi spiego... ::-?:
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12144
Iscritto il: dom 14 ago 2005 22:48

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#13 Messaggio da augustus » mer 27 gen 2010 20:11

Se ti riferisci a O' Leary é un conto, perché Leary invece viaggiava con altri mezzi... :mrgreen:
Che sappia gli ICN sono in giro almeno dal 1998 (prime consegne I serie) , poi in servizio regolare dal 2000 :ciao:
Piccolo episodio: una volta il Malf era in RSI e tesse le lodi dei nuovissimi ICN che da dicembre sarebbero entrati in servizio sul Gottardo. Telefonai dicendo che erano treni del 1998 o giù di lì, al che Malf disse: "Beh, sì, é vero; in CH circolano da dieci anni, ma sono nuovissimi per il Ticino"... se tanto mi dà tanto :mrgreen:
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16826
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#14 Messaggio da Ae 4/7 » mer 27 gen 2010 21:20

Poi c'è chi si lagna degli ETR500 riverniciati e spacciati per nuovi... :lol: :lol:

Comunque gli ICN si erano visti in Ticino già nel 2000/2001, anche se in poche (forse solo una) occasioni...
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16826
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Aumentano del 6,4% le tariffe da dicembre 2010

#15 Messaggio da Ae 4/7 » sab 27 feb 2010 10:51

Da La Regione:
Carte giornaliere: ‘Inopportuna la decisione delle Ffs’

Nuovi prezzi e orari, interrogazione di Riccardo Calastri al Consiglio di Stato

TI-PRESS Una misura che fa discutere

«Altamente inopportuna». Così il deputato Plr e attuale presidente del Gran Consiglio Riccardo Calastri definisce la decisione delle Ffs di aumentare del 15%, dal prossimo dicembre, il costo delle carte giornaliere per i Comuni «e, come se non bastasse, di limitarne la validità durante i giorni feriali solo a partire dalle 9».

Le carte giornaliere per i Comuni, scrive Calastri in un’interrogazione al Consiglio di Stato, rappresentano «un’importante opportunità offerta ai cittadini – che in particolare in Ticino non sempre hanno interesse ad acquistare altre forme di abbonamento per il trasporto ferroviario – di poter utilizzare questo mezzo di trasporto ecologico», ossia il treno, «quantomeno per occasionali spostamenti verso il resto della Svizzera». Basti pensare, aggiunge il granconsigliere, alle gite di uno o due giorni «da parte per esempio di persone anziane». Un servizio peraltro «al quale hanno proprio per questo aderito molti Comuni ticinesi, che mettono a disposizione praticamente a prezzo di costo queste carte ai loro sportelli». Comuni che oltretutto sono chiamati a dare «un contributo notevolmente accresciuto al finanziamento del trasporto pubblico regionale, con importanti ripercussioni anche sui loro conti annuali».

Quanto ventilato dalle Ffs lascia quindi «di stucco». Le Ferrovie federali intendono non solo incrementare il costo delle carte giornaliere per i Comuni ma anche limitarne come detto la validità durante i giorni feriali solo a partire dalle 9. Una misura quest’ultima, annota Calastri, «assolutamente ridicola se pensiamo che in Ticino, oltre a essere un Cantone periferico, sono poche centinaia le carte in circolazione e mal si vede come i loro utilizzatori possano causare un sovraccarico dei mezzi durante le ore di punta del mattino». A meno che lo scopo delle Ffs «non sia un altro, nel qual caso ci chiediamo oggettivamente quale esso sia». La cosa certa, aggiunge il deputato Plr, è che le carte in questione «diverranno molto meno interessanti e con ogni probabilità molti Comuni rinunceranno a fornire ancora questo servizio molto apprezzato».

Tre i quesiti posti da Calastri al Consiglio di Stato. Anzitutto chiede se il governo sia stato informato della decisione delle Ffs, «se ne ha preso atto e discusso e come la giudica». Il Consiglio di Stato «intende intervenire presso la Direzione delle Ferrovie federali per farla retrocedere da questa decisione?». E ancora: il governo «intravede altre vie d’uscita per garantire un comodo ed economico accesso ai mezzi pubblici e in particolare al trasporto ferroviario per coloro i quali vi fanno ricorso soltanto saltuariamente, ma non per questo possono esimersi dal trovare soluzioni economicamente vantaggiose?».
Chissà cosa risponderanno gli interrogati? ::-?: ::-?:
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti