Torpedoni a buon mercato fanno concorrenza alle FFS

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Ugo Fantozzi
*
*
Messaggi: 609
Iscritto il: mer 20 lug 2016 21:41

Re: Torpedoni a buon mercato fanno concorrenza alle FFS

#226 Messaggio da Ugo Fantozzi » mer 08 ago 2018 10:55

Niente sedie a rotelle: l'autobus deve pagare il viaggio in treno ai disabili
BERNA - Quando, due mesi fa, i primi bus a lunga percorrenza hanno iniziato a collegare le città svizzere, l’Ufficio federale dei trasporti (Uft) ha posto una condizione precisa all’operatore del servizio, la società Eurobus: la Legge federale sui disabili (LDis) doveva essere rispettata. «L’azienda si è impegnata a dotarsi di autobus conformi», conferma la portavoce dell’Uft Florence Pictet.

Al momento, però, i torpedoni rimangono quelli che Eurobus già possedeva. Per averne di nuovi, infatti, ci vorranno mesi. L’azienda è così sottoposta a un ulteriore obbligo: «Deve pagare i costi di trasporto in treno per i viaggiatori in sedia a rotelle per i quali non sia possibile salire e scendere» dall’autobus, fa sapere l'Uft. Roger Müri, di Eurobus, spiega che per il momento sono necessari una sedia a rotelle pieghevole e una minima capacità di camminare per salire sui suoi mezzi, che sono dei normali bus gran turismo: «Abbiamo sempre informato in maniera trasparente le persone in sedia a rotelle su cosa è possibile e cosa no», assicura il responsabile. In dicembre, però, tutto cambierà: in una prima mondiale Eurobus metterà in servizio degli autobus a due piani che dispongono di un accesso al pianale ribassato per mezzo di una rampa, due posti per sedia a rotelle e una toilette per disabili, annuncia Müri.

Mentre Eurobus si trova costretta a investire, però, Flixbus non è obbligata a sottostare alle disposizioni della LDis perché non propone collegamenti all’interno del territorio nazionale, ma solo dalla Svizzera verso l’estero e viceversa. Marc Moser, dell’associazione mantello Inclusion Handicap, trova che ciò costituisca un errore: «È nostra opinione che anche Flixbus debba sottostare alla LDis», commenta. «È importante che vi si faccia attenzione fin dall’inizio nel caso di nuove proposte come gli autobus a lunga percorrenza», sottolinea.
https://www.tio.ch/svizzera/attualita/1 ... i-disabili
Più bimodali per tutti!
Bimodale in servizio intercity: http://www.jarnvag.net/images/bild/vagn ... 150401.jpg

Avatar utente
Ugo Fantozzi
*
*
Messaggi: 609
Iscritto il: mer 20 lug 2016 21:41

Re: Torpedoni a buon mercato fanno concorrenza alle FFS

#227 Messaggio da Ugo Fantozzi » sab 11 ago 2018 18:17

È Flixbus-mania anche in Svizzera e in Ticino
LUGANO - Dopo essersi confermata in forte aumento in Svizzera e con già cinque fermate in Ticino, la società FlixBus, compagnia di bus low cost, annuncia la previsione di un aumento dei passeggeri del 40% rispetto all'anno precedente, raggiungendo così 1,7 milioni di clienti. L'intervista alla rappresentante della società fa luce sulle cifre esatte riguardanti la presenza nel nostro Paese e, più in particolare, nel nostro cantone. Ha risposto alle domande del Corriere, Sara Venditti, Senior PR e Communication Manager dell'azienda tedesca.

Dalla Svizzera partono i bus per 200 destinazioni diverse. Tra queste quali sono le più gettonate a livello svizzero e ticinese?

Le mete più gettonate a livello internazionale sono Monaco, Milano e Lione. Mentre, a livello nazionale sono Zurigo, Berna e Basilea. Per quanto riguarda in particolare il Ticino la meta più popolare è Lugano. Qui di seguito la classifica delle 10 città preferite da chi viaggia da questa città: ai primi posti troviamo Milano (fino a 10 corse giornaliere), Torino (6), Como (4), Verona (4) Bergamo (3) e Monaco (3); mentre a seguire osserviamo Basilea (2), Lucerna (2), Stoccarda (2) e Rimini (1).

In Ticino sono già presenti 5 fermate FlixBus. Qual è il numero di passeggeri trasportati nel nostro cantone da quando siete operativi? E da quali fermate si riscontra un maggior numero di partenze?

Anche in Ticino, grazie all'espansione della rete e all'investimento in nuovi servizi come la prenotazione dei posti, prevediamo un incremento del volume dei passeggeri di oltre il 40%, arrivando a trasportare nel 2018 1,7 milioni di passeggeri su trasporti internazionali e nazionali.
In Ticino riscontriamo un numero di partenze elevate in particolare, appunto, da Lugano e anche da Bellinzona.

A partire dal mese di giugno avete introdotto un servizio di trasporti interno alla Confederazione. Potete già stilare un primo bilancio?

Da giugno di quest'anno, anche gli autobus nazionali operano per la prima volta in Svizzera. La compagnia di autobus svizzera EUROBUS fornisce il servizio, mentre FlixBus si occupa del sistema di prenotazione e distribuzione dei biglietti.

A proposito del trasporto interno alla Svizzera, in un comunicato stampa diffuso il 5 giugno, il sindacato del personale dei trasporti (SEV) vi ha accusato di "sabotaggio della politica svizzera dei trasporti centrata su una ferrovia performante", ponendo l'accento sulle pessime condizioni di lavoro e salariali dei vostri conducenti. Come rispondete a queste accuse?

Il modello di business di FlixBus è un modello collaborativo: FlixBus collabora con numerose, piccole e medie imprese di autotrasporto indipendenti, supportando una sana concorrenza in ciascuno dei mercati in cui opera e confrontandosi sempre con diversi competitor, tanto nell'ambito dell'industria della mobilità quanto a livello di trasporto individuale. Da un punto di vista di prezzo, FlixBus utilizza un sistema di "pricing dinamico" in 27 mercati europei, offrendo ai passeggeri servizi di qualità e prezzi contenuti. Con "pricing dinamico" si intende che il prezzo del biglietto si dilata o si contrae a seconda del momento in cui viene effettuata la prenotazione e del tasso di riempimento dell'autobus; a questo, si aggiungono diverse attività promozionali limitate nel tempo. FlixBus ha sempre agito, e continuerà ad agire in ogni mercato in cui opera, nel rispetto della normativa prevista dal mercato.
https://www.cdt.ch/ticino/cantone/19723 ... -in-ticino
Più bimodali per tutti!
Bimodale in servizio intercity: http://www.jarnvag.net/images/bild/vagn ... 150401.jpg

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12368
Iscritto il: dom 14 ago 2005 23:48

Re: Torpedoni a buon mercato fanno concorrenza alle FFS

#228 Messaggio da augustus » mar 14 ago 2018 23:08

"Il modello Flixbus è un modello collaborativo…." che in italiano si traduce: Flixbus dà ai padroncini di cui si avvale la livrea e li costringe poi a viaggiare a tariffe basse imposte, per cui il rischi per Flixbus è zero, ma ricade in toto sulle spalle del padroncino.
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 17089
Iscritto il: mer 06 feb 2008 23:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Torpedoni a buon mercato fanno concorrenza alle FFS

#229 Messaggio da Ae 4/7 » mar 16 ott 2018 23:13

Bus in fiamme sull'A1
Le impressionanti immagini del pullmann che ha preso fuoco nel Canton S. Gallo. Nessun ferito
Ultima modifica: 16 ottobre 2018 17:30

Erano alte diversi metri le fiamme sprigionatesi dal pullman - un torpedone a due piani [della DB con insegne anche delle FFS] proveniente dalla Germania - che ha preso fuoco verso le 14.15 di martedì sull’A1, più precisamente allo svincolo di Meggenhus nel Canton San Gallo, in territorio di Mörschwil.
Nonostante le impressionanti immagini del rogo e della colonna di denso fumo nero che si è alzata in aria, la polizia ha confermato in un comunicato l'assenza di feriti. L'autista - accortosi del fumo che si stava sviluppando all'interno del veicolo - ha infatti prontamente fatto scendere tutti i circa 20 passeggeri.

Sul posto sono intervenuti in forze i pompieri, la polizia e precauzionalmente anche un'ambulanza.
Il tratto di autostrada tra Meggenhus e San Gallo rimarrà chiuso almeno fino alle 18.
dielle/ATS
https://www.rsi.ch/news/svizzera/Bus-in ... 90112.html
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Coccodrillo
***
***
Messaggi: 10048
Iscritto il: lun 10 mag 2004 20:30
Località: Ferrovia del Gottardo

Re: Torpedoni a buon mercato fanno concorrenza alle FFS

#230 Messaggio da Coccodrillo » mar 16 ott 2018 23:22

È sicuramente uno dei bus Monaco-Zurigo che DB e FFS hanno messo intercalati ai treni.
Gleis 3, einfahrt des InterRegio nach Linthal, Trun, Biasca, Chiasso, ohne Halt bis Glarus.

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7683
Iscritto il: lun 26 gen 2004 13:09
Località: Terzo - Montabone

Re: Torpedoni a buon mercato fanno concorrenza alle FFS

#231 Messaggio da Cinghiale » mer 17 ott 2018 8:20

Che senso ha, per due Amministrazioni Ferroviarie, inserire un autobus, tra l'altro su di un percorso internazionale di tutto rispetto?

Avatar utente
augustus
***
***
Messaggi: 12368
Iscritto il: dom 14 ago 2005 23:48

Re: Torpedoni a buon mercato fanno concorrenza alle FFS

#232 Messaggio da augustus » mer 17 ott 2018 21:25

Perché gli costa meno che attrezzare un treno con due vetture. Oltretutto, mi pare a naso che la percorrenza del bus sia così più lunga di quella di un EC.
Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! S. Giovanni Paolo II

Coccodrillo
***
***
Messaggi: 10048
Iscritto il: lun 10 mag 2004 20:30
Località: Ferrovia del Gottardo

Re: Torpedoni a buon mercato fanno concorrenza alle FFS

#233 Messaggio da Coccodrillo » gio 25 ott 2018 18:56

Cinghiale, per questa volta non devi preoccuparti. Sono finalmente in corso i lavori di elettrificazione della parte tedesca della linea, talvolta con deviazioni di treni o chiusure della linea. I bus sono provvisori per integrare il servizio ferroviario durante i lavori, e dovrebbero sparire con l'indroduzione dei treni elettrici verso il 2021 con aumento delle corse (oggi 4 coppie con cambio loco elettrica-diesel a Lindau).

Per info: http://www.abs48.com/

È però vero che altrove DB ha messo bus in sostituzione di EC, mi pare sulla Monaco-Praga, per non parlare di SNCF.
Gleis 3, einfahrt des InterRegio nach Linthal, Trun, Biasca, Chiasso, ohne Halt bis Glarus.

Avatar utente
Ugo Fantozzi
*
*
Messaggi: 609
Iscritto il: mer 20 lug 2016 21:41

Re: Torpedoni a buon mercato fanno concorrenza alle FFS

#234 Messaggio da Ugo Fantozzi » dom 13 gen 2019 10:44

«Flixbus rischia incidenti per risparmiare»
ZURIGO - Ancora una volta un autista di Flixbus viene pizzicato con il telefono mentre è alla guida. L'ultima segnalazione risaliva ad ottobre. A 20 Minuten un uomo aveva inviato il filmato di un conducente che, durante un viaggio tra Basilea e Monaco di Baviera, più volte controllava lo schermo del telefonino distogliendo lo sguardo dalla strada.
Una nuova segnalazione arriva da RG* che in agosto ha viaggiato con Flixbus da Lucerna a Milano. Nel mezzo del tunnel del San Gottardo l'autista, racconta il viaggiatore, usava il cellulare e telefonava.
I casi non sono isolati. Solo negli ultimi mesi sono diverse le segnalazioni giunte a 20 Minuten che fanno sorgere dubbi circa la sicurezza a bordo dei bus a lunga percorrenza. A metà dicembre, a Zurigo, proprio un Flixbus è stato protagonista di un incidente che ha causato due morti. E la causa non è ancora chiara.
Problema sistemico? - Giorgio Tuti, presidente del sindacato ferroviario e dei trasporti SEV, crede in un problema sistemico. «Il modello di business di Flixbus può funzionare solo se l'azienda abbatte i costi, inclusi quelli dello staff», spiega.
Un'analisi del SEV mostra come i conducenti francesi di Flixbus sulla rotta Costanza-Lione guadagnino solo 1400 euro al mese. I salari dei colleghi tedeschi sarebbero inferiori a 2000 euro. Sulla rotta Zurigo-Milano sono state riscontrate giornate lavorative da 12 a 14 ore perché un conducente che vive nel sud della Germania ha dovuto prendere in consegna l'autobus a Zurigo.
Risparmio a scapito della sicurezza? - «Questo incide sulla sicurezza», aggiunge Tuti. «Con questi chauffeur a basso costo Flixbus non solo non rispetta gli standard svizzeri, ma rischia incidenti e risparmia a costo della sicurezza».
La SEV chiede che gli standard del settore vengano applicati anche per i viaggi internazionali attraverso la Svizzera. «Le condizioni svizzere dovrebbero essere applicate per chiunque viaggi sulle strade svizzere. Flixbus ha dei doveri. Non siamo sicuri che la società li rispetterà», conclude.
I politici chiedono un'azione federale - Il portavoce di Flixbus, Martin Mangiapia, nega un problema di sicurezza. «Gli incidenti gravi con il bus a lunga percorrenza sono estremamente rari», afferma. «La sicurezza è una priorità assoluta ed è assicurata, ad esempio, con controlli non annunciati e pause di guida e riposo chiaramente regolate».
I politici, intanto, chiedono che il governo federale agisca. Le violazioni delle regole da parte degli autisti degli autobus sono «inaccettabili», afferma Manfred Bühler, consigliere nazionale UDC.
«Dopotutto, si tratta della sicurezza dei viaggiatori. L'Ufficio federale dei trasporti (UFT) deve fare in modo tale condotta scorretta non si verifichi più», afferma Philipp Hadorn, consigliere nazionale PS.
Di fatto, tuttavia, Flixbus opera nel traffico internazionale e quindi non ha alcuna concessione che potrebbe essere ritirata.
Il salario minimo tedesco per i conducenti di autobus è pari a 1750 franchi. L'equivamente svizzero guadagna almeno 4735 franchi dal quarto anno di anzianità lavorativa.

* Nome noto alla redazione
https://www.tio.ch/svizzera/cronaca/134 ... isparmiare
Più bimodali per tutti!
Bimodale in servizio intercity: http://www.jarnvag.net/images/bild/vagn ... 150401.jpg

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti