cara fano-urbino, ti voglio

Immagine Gli aggiornamenti della rete ferroviaria italiana dai volumi di Ennio Morando.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
aleall
**
**
Messaggi: 3446
Iscritto il: lun 22 dic 2003 20:09
Località: Milano

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#826 Messaggio da aleall » mar 18 ott 2011 16:48

il consiglio regionale ha votato a favore della dismissione della linea...
VERGOGNA!
RIP 9992/93/94/95/96

Avatar utente
franci.cico
^_^
^_^
Messaggi: 61
Iscritto il: mer 12 mar 2008 10:31
Località: Calcinelli

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#827 Messaggio da franci.cico » mer 19 ott 2011 10:23

Se non ci sono i soldi per riaprirla, mi chiedo perché sprecarli nel dismetterla.
Finché non si entra nell'ottica che la ferrovia rappresenta il futuro, saremo sempre un paese arretrato.
Secondo il Quinto rapporto dell’associazione Amici della Terra e di Ferrovie dello Stato, per ogni chilometro percorso in auto si provocano 3,07 centesimi di euro di danni ambientali e sociali, chi prende l’aereo 2,10, chi sceglie il treno 0,72 centesimi di euro.
CARA FANO-URBINO, TI VOGLIO!

Marvol
**
**
Messaggi: 1901
Iscritto il: lun 17 nov 2008 16:16

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#828 Messaggio da Marvol » dom 23 ott 2011 17:54

Se non ci sono i soldi per riaprire una linea andrebbe conservato il tracciato in attesa di tempi migliori.
Un percorso ciclopedonale è l'estrema soluzione --in certi casi l'unica-- per evitare lo smantellamento del tracciato. In qualche maniera, se si mantengono i limiti sulle distanze degli edifici dall'ex linea, si proibiscono sbancamenti ecc. qualche speranza per il futuro rimane.
Nel caso della Fano - Urbino mi sembra che ci sia una gara delle amministrazioni locali a impedire una futura riattivazione del servizio facendo capire che proprio non gli interessa. Ma non è l'unico caso.

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7554
Iscritto il: lun 26 gen 2004 12:09
Località: Terzo - Montabone

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#829 Messaggio da Cinghiale » dom 23 ott 2011 18:02

Trattasi sempre della solita mafia stradale che compra gli Amministratori pubblici.

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7668
Iscritto il: mer 05 mag 2004 17:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#830 Messaggio da simplon » mar 25 ott 2011 8:31

Solito luogo comune. Se ci fosse veramente una mafia stradale, saremmo costellati di autostrade e superstrade. Mentre sappiamo tutti che non è così. Anzi, mancano infrastrutture moderne e adeguate alle esigenze attuali. E questo un po' in tutte le aree, dal ricco Veneto, al centro marchigiano, al profondo sud. Mancano tangenziali, il traffico arranca attorno alle grandi città, l'economia sopporta costi aggiuntivi, ecc. ecc.

s.

Avatar utente
Cinghiale
**
**
Messaggi: 7554
Iscritto il: lun 26 gen 2004 12:09
Località: Terzo - Montabone

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#831 Messaggio da Cinghiale » mar 25 ott 2011 8:56

Si cerca, sempre e comunque, di costruire autostrade o superstrade o tangenziali, poi trasformate in viabilità ordinaria urbana a causa dei capannoni che ci nascono intorno come i funghi.

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 13638
Iscritto il: sab 26 apr 2008 11:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#832 Messaggio da UluruMS » mar 25 ott 2011 9:35

Scusa, ma nelle Marche non mancano strade ed autostrade.
Li parlano di fare autostrade e superstrade dove il traffico attuale non arriva a 1000 veicoli al giorno.
Non è un caso che la pianificazione delle infrastrutture e dei trasporti nelle Marche viene additata ad esempio di incompetenza ed irrazionalità da almeno una decina di anni.
"Ingegné, io mi licenzio!"
"Ma..perché? non si trova forse bene qui?"
"No, è che da me le littorine vanno a nafta; se lo vuole il carbone se lo cavi fuori lei..."

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7668
Iscritto il: mer 05 mag 2004 17:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#833 Messaggio da simplon » mar 25 ott 2011 9:45

E infatti il famoso Quadrilatero è completamente realizzato e percorribile...

s.

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 13638
Iscritto il: sab 26 apr 2008 11:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#834 Messaggio da UluruMS » mar 25 ott 2011 9:51

Appunto...
"Ingegné, io mi licenzio!"
"Ma..perché? non si trova forse bene qui?"
"No, è che da me le littorine vanno a nafta; se lo vuole il carbone se lo cavi fuori lei..."

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7668
Iscritto il: mer 05 mag 2004 17:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#835 Messaggio da simplon » mar 25 ott 2011 10:16

E il collegamento con il porto di Ancona? E la Grosseto-Fano? Opere delle quali si parla da decenni e non si vede nulla, o quasi. Secondo l'Istituto Tagliacarne (vedi l'allegato del Corriere del 7/10), le Marche sono tra le otto regioni al di sotto della media nazionale per disponibilità di strade e ferrovie.

s.

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 13638
Iscritto il: sab 26 apr 2008 11:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#836 Messaggio da UluruMS » mar 25 ott 2011 10:29

Vuol dire poco: ci saranno sempre delle Province o delle Regioni al di sotto della media nazionale, come al disopra, perché è nella normalità degli indici statistici.
Poi, imho (ma non solo secondo me), tra i fattori di "libera interpretazione" dell'indice del Tagliacarne c'è la ponderazione sulla "popolazione" e la "domanda" di un indice che nasce come terriotriale.
"Ingegné, io mi licenzio!"
"Ma..perché? non si trova forse bene qui?"
"No, è che da me le littorine vanno a nafta; se lo vuole il carbone se lo cavi fuori lei..."

Avatar utente
DM
**
**
Messaggi: 1915
Iscritto il: mar 28 dic 2004 12:36
Località: boh!

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#837 Messaggio da DM » mer 26 ott 2011 20:05

Ecco il video ad un convegno del geniale presidente della provincia di Pesaro e Urbino Matteo Ricci e il suo mirabolante sogno (che neanche sua figlia vedrà mai), pista ciclabile e corriere attrezzate per caricare biciclette per le tratte acclivi.
Demenza allo stato puro!

Si rende ridicolo da solo durante l'intervento narrando un suo viaggio in Alto Adige....
Se avete un quarto d'ora:
http://youtu.be/bD-rsqB0Y0c

Avatar utente
DM
**
**
Messaggi: 1915
Iscritto il: mar 28 dic 2004 12:36
Località: boh!

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#838 Messaggio da DM » sab 05 nov 2011 18:04

Servizio (il primo) sulla Fano-Urbino nello speciale settimanale del TG3 Marche:
http://www.youtube.com/watch?v=edba51jD ... e=youtu.be

Avatar utente
DM
**
**
Messaggi: 1915
Iscritto il: mar 28 dic 2004 12:36
Località: boh!

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#839 Messaggio da DM » ven 20 gen 2012 10:38

E' finita definitivamente: è arrivato il decreto ministeriale, numero 430 del 15 dicembre 2011, ratificato il 3 gennaio scorso, firmato dal ministro Corrado Passera. Dice: «....si comunica che a conclusione dell’iter procedurale di competenza è stata disposta la dismissione della linea ferroviaria Fano-Urbino».
Complimenti e viva il regresso.

Avatar utente
DM
**
**
Messaggi: 1915
Iscritto il: mar 28 dic 2004 12:36
Località: boh!

Re: cara fano-urbino, ti voglio

#840 Messaggio da DM » gio 01 mar 2012 17:07

Pare approvato, dopo la definitiva dismissione della Fano-Urbino (che diverrà ciclabile), il prolungamento con 15 Km di nuova linea da Pergola a Fossombrone, per avere i collegamenti con Roma via Fabriano.

dal Corriere Adriatico di oggi 01/03/2012
Avanti tutta con la Fano-Urbino
Ricci sigla l’intesa con i Comuni sulla ciclabile. Fossombrone sarà l’apripista


Pesaro “Avanti tutta con la ciclabile Fano-Urbino, bene il piano strategico sul treno”. Viaggia a binari paralleli il presidente della Provincia Matteo Ricci e non vuole perdere tempo per cui gioca d’anticipo. Da un lato i progetti sulla ferrovia, i collegamenti tra le aree interne e Roma, la congiunzione ai nodi dell’alta velocità. Dall’altro la ciclabile Fano-Urbino. Le chiama le “infrastrutture del benessere”, lo sviluppo della nuova mobilità e del turismo. In attesa della programmazione per i fondi europei, il presidente sigla già l’intesa a Urbino con i sindaci della vallata del Metauro. “Un ufficialità che conferma, su entrambi i versanti, le priorità individuate nel Piano strategico - osserva - tutti i Comuni presenti al tavolo (Fano, Cartoceto, Saltara, Serrungarina, Montefelcino, Fossombrone, Fermignano, Urbino ndr.) hanno condiviso la nostra strategia sul treno. Il punto è collegare Urbino e l’entroterra a Roma, per la connessione all’alta velocità. In questa prospettiva, la priorità è il prolungamento della Fabriano-Pergola, realizzando intanto i 15 chilometri del tratto Pergola-Fossombrone”. Così, secondo Ricci, Fossombrone diventerebbe la stazione delle aree interne, collegate, attraverso Fabriano, a Roma. Con annessi ovvi benefici, anche in termini turistici, per il territorio “Per questo – prosegue il presidente - è stato importante evitare la chiusura della Pergola-Fabriano, grazie alla concertazione e al sostegno dell’assessore regionale Luigi Viventi. Tutti abbiamo tirato un sospiro di sollievo”. Ma c’è altro. Perché il presidente ha messo a segno un passo avanti importante anche per la ciclabile Fano-Urbino, nel tracciato dei vecchi binari. “Il ministero, dopo la dismissione, si è detto disponibile alla nostra richiesta per la concessione in comodato d’uso gratuito. La tratta passerà a noi, c’è già l’intesa con Fer-servizi”. Per cui l’incontro di ieri a cui hanno partecipato anche i tecnici, per la Provincia c’era Alberto Paccapelo, è servito a fare il punto sul progetto e i fondi necessari. Tutta l’opera dovrà essere finanziata con l’accesso alle risorse europee, relative al settennato 2013-2020. Questa “infrastruttura del benessere” è una delle cinque priorità individuate all’interno del piano strategico provinciale e nell’incontro tale concetto è stato ribadito. Per l’intera ciclabile, dunque, verrà richiesto il finanziamento comunitario ma nel frattempo per i Comuni che ne faranno richiesta, si potrà già partire con i primi stralci funzionali. L’auspicio di Ricci è realizzare il primo tratto di ciclabile Fano-Urbino prima della fine della legislatura.
giovedì, 1 marzo 2012

Luca Senesi


dal Resto del Carlino di oggi 01/03/2012:
Ricci gioca d'anticipo: "Avanti tutta con la ciclabile Fano Urbino"
"Bene il piano strategico sul treno"

Il presidente sigla l’intesa con i Comuni. In attesa dei fondi europei, via agli stralci funzionali per "l’infrastruttura del benessere". Fossombrone apripista

Pesaro, 29 febbraio 2012 - Viaggia a «binari paralleli». Contemporaneamente. Non vuole perdere tempo, Matteo Ricci, e gioca d’anticipo. Da un lato i progetti sulla ferrovia, i collegamenti tra le aree interne e Roma, la congiunzione ai nodi dell’alta velocità. Dall’altro la ciclabile Fano-Urbino, le «infrastrutture del benessere», lo sviluppo della nuova mobilità e del turismo. In attesa della programmazione per i fondi europei, il presidente sigla già l’intesa a Urbino con i sindaci della vallata del Metauro.

«Un’ufficialità che conferma, su entrambi i versanti, le priorità individuate nel Piano strategico», osserva il presidente. Che evidenzia con ordine: «Tutti i Comuni presenti (al tavolo sindaci e rappresentanti delle amministrazioni di Fano, Cartoceto, Saltara, Serrungarina, Montefelcino, Fossombrone, Fermignano, Urbino e il presidente della Comunità montana Alceo Serafini, ndr) hanno condiviso la nostra strategia sul treno. Il punto è collegare Urbino e l’entroterra a Roma, per la connessione all’alta velocità. In questa prospettiva, la priorità è il prolungamento della Fabriano-Pergola, realizzando intanto i 15 chilometri del tratto Pergola-Fossombrone».

Così, secondo Ricci, Fossombrone diventerebbe la stazione delle aree interne, collegate, attraverso Fabriano, a Roma. Con annessi ovvi benefici, anche in termini turistici, per il territorio: «Per questo – prosegue il presidente - è stato importante evitare la chiusura della Pergola-Fabriano, grazie alla concertazione e al sostegno dell’assessore regionale Luigi Viventi. Tutti abbiamo tirato un sospiro di sollievo». Ma c’è altro. Perché il presidente mette a segni un passo avanti importante per la ciclabile Fano-Urbino, nel tracciato dei vecchi binari. «Il ministero, dopo la dismissione, si è detto disponibile alla nostra richiesta per la concessione in comodato d’uso gratuito. La tratta passerà a noi, c’è già l’intesa con Fer-servizi».

Per cui: «L’incontro di oggi, a cui hanno partecipato anche i tecnici (per la Provincia Alberto Paccapelo), è servito a fare il punto sul progetto e i fondi necessari. Tutta l’opera dovrà essere finanziata con l’accesso alle risorse europee, relative al settennato 2013-2020. Questa “infrastruttura del benessere” è una delle 5 priorità individuate all’interno del piano strategico provinciale. E oggi lo abbiamo ribadito». Per l’intera ciclabile, dunque, verrà richiesto il finanziamento comunitario. «Ma nel frattempo – aggiunge Ricci –, per i Comuni che ne faranno richiesta, si potrà già partire con i primi stralci funzionali. Con questo meccanismo: la Provincia eseguirà i lavori, i Comuni metteranno il materiale necessario. A Fossombrone, il sindaco ci ha già inviato la proposta per realizzare i primi 4 chilometri».

Da Fossombrone a Fano, «dove con la ciclabile cambierà positivamente l’approccio alla mobilità quotidiana e agli spostamenti per tante persone», il progetto prevede la copertura del sedime ferroviario. Altra modalità, invece per il tratto Calmazzo-Fermignano-Urbino: «In questa area – evidenzia il presidente - il tracciato non verrà coperto, perché c’è lo spazio sufficiente in parallelo. Qui vogliamo sperimentare un progetto di veicoli a pedali sui binari esistenti, specialmente per promuovere il turismo. Il territorio si presta, ci sono poche abitazioni e c’è l’accordo con i Comuni». L’auspicio di Ricci è «realizzare il primo tratto di ciclabile Fano-Urbino prima della fine della legislatura».

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite