Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

Commenta qui articoli, news e FOLD di Ferrovie On Line.

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
Ferrovie.it
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 8062
Iscritto il: ven 28 set 2007 4:41

Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#1 Messaggio da Ferrovie.it » mar 19 mar 2019 19:43

Accantonata la 'Tartaruga elettronica' E.444.005

MILANO - Si è conclusa il 18 marzo la lunga carriera della E.444.005, unità sulla quale fu testato per la prima volta in Italia l'azionamento full chopper poi...
Ferrovie.it

Avatar utente
Dimitrakis
*
*
Messaggi: 140
Iscritto il: mer 20 nov 2013 0:31

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#2 Messaggio da Dimitrakis » mar 19 mar 2019 23:42

Ancora ricordo e non posso descrivere la sensazione quando ho visto (ormai 20+ anni fa) il modello. Sono rimasto a bocca aperta per... ore!! ::-O: ::-O: ::-O:
A me la livrea XMPR1 piaceva, mancava solo, sulle pareti, un tocco colore vivace come il rosso (come sulle testate per es.) e bellissima l' idea di invertire le fasce verdi e blu. O forse era un' errore?

Tornando sulla parte tecnica, come era il circuito di trazione? Nel mio archivio, avevo salvato il seguente disegno, mi pare di Lirex. Era così?
Immagine

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1982
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#3 Messaggio da Lirex » mer 20 mar 2019 8:49

Quello è il classico chopper a tre tiristori usato sulle E.633/652, sulla E.444.003 era diverso, più simile a quello delle macchine francesi, con due soli gruppi di tiristori ed un gruppo di diodi, più induttanze e condensatori vari; i questi ce n' erano 12 ( tre per motore) che operavano sfasati di 1/12 di periodo. Contrariamente alle E.633, la frequenza di chopper non era fissa a gradini, ma continuamente variabile da 33 a 528 Hz. L'eccitazione dei motori era indipendente, con la corrente di campo mantenuta proporzionale alla corrente di indotto (immagine serie) tramite un chopper ausiliario alimentato a 250 Vcc. Era presente anche il comando automatico di trazione e frenatura con impostazione della velocità e della forza di trazione/frenatura.
Il fatto di utilizzare una frequenza variabile per i chopper, ha portato alla creazione di disturbi sul segnalamento; nelle prime uscite sulle linee attorno a Milano, nelle tratte con blocco automatico i segnali sembravano alberi di natale, anche sul binario opposto a quello ove circolava la macchina. Per alleviare il problema furono introdotti filtri di linea e anche sugli apparati del bAcc, ma non bastò tanto che sulle E.633 fu usata la frequenza di chopper a gradini, con valori tali da non generare armoniche sulla 50Hz e anche sulla 278 Hz.
P.S: quando sono state demolite le prime E.633, che ho praticamente visto nascere (lavorativamente), mi sono sentito vecchio...., adesso mi ammazzano anche questa..., che posso pensare (sigh, sigh).

Avatar utente
dedorex1
**
**
Messaggi: 6488
Iscritto il: mer 28 set 2005 16:48
Località: Milano

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#4 Messaggio da dedorex1 » mer 20 mar 2019 9:15

Che non sei vecchio, hai solo tanta esperienza (almeno è quello che mi ripeto io)
Adoratore della fu Trimurti DelrioCascettaGentile
Fondatore del DelrioSantoSubito Club (NB iscrizioni attualmente sospese per previsto taglio contributi TPL 2017)

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1982
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#5 Messaggio da Lirex » mer 20 mar 2019 10:10

Errata corrige...... ( sono vecchio...)
Quello indicato da Dimitri è il chopper a tre tiristori delle macchine francesi.....( :oops: :oops: :oops: ), quello nostro,( sia delle E.444 e delle E.633/652) è quello a due tiristori, più semplice ma più instabile, la confusione è stato ache nelle E.633 è leggermente più semplice, con meno componenti di quello delle E.444.
Nel chopper in figura Thp il tiristore di accensione, The=tiristore di estinzione ( spegnimento) e Thi= tiristore di inversione (per la ricarica del Condensatore)
Nei chopper a due tiristori la ricarica del condensatore avviene grazie alla oscillazione del gruppo LC che si crea azionando il tiristore di spegnimento.
Il motivo per cui non è stato usato il chopper a tre, più sicuro, sta nel numero eccessivo di semiconduttori da usare per ogni chopper, a causa della tensione di 3kV invece di quella a 1,5kV francese.

Avatar utente
ROMULUS31
*
*
Messaggi: 867
Iscritto il: lun 02 feb 2004 19:24
Località: Roma

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#6 Messaggio da ROMULUS31 » mer 20 mar 2019 13:24

Sui social fioccano commenti del tipo "Onore a te, Tartaruga", "Onore al merito"...
Al di là di ogni dubbio ha scritto la storia delle ferrovie italiane
Tschüß tschüß
"Für die Welt klinge mein Lied"
Romulus31 (alias Rag. Filini)

Avatar utente
Dimitrakis
*
*
Messaggi: 140
Iscritto il: mer 20 nov 2013 0:31

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#7 Messaggio da Dimitrakis » mer 20 mar 2019 13:34

@Lirex: Dire Grazie mille sarebbe poco!
Immagine

Una domanda ancora: cercando su Internet, ho trovato questo schemino, con un chopper a 2 SCR. Quello usato sulle 633 e 444.005 sarebbe simile?
Immagine

Però non deve essere prima attivato il SCR2 per caricare il condensatore?

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1982
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#8 Messaggio da Lirex » mer 20 mar 2019 15:43

Il ciclo inizia con l'applicazione degli impulsi su SCR2 che provvedono alla carica di C attraverso il motore: Per azionare il motore la logica di comando inizia ad applicare gli impulsi di ON al tiristore principale SCR1 consentendo la circolazione della corrente di trazione nel motore. Contemporaneamente si innesca una oscillazione nella maglia C-D-L2-SCR1 che inverte la polarità sul condensatore di commutazione a -V con un periodo pari a T= 2pgreco*(L2 * C)½
Il diodo D impedisce alla corrente di invertirsi nuovamente e blocca la tensione su C al valore negativo; innescando SCR2 il condensatore C si scarica annullando la corrente in SCR1 che si spegne; una volta spento SCR2 l'oscillazione prosegue attraverso D ed L fino alla completa ricarica di C alle condizioni iniziali. Allo stesso modo SCR2 si spegne quando il condensatore C è carico; a questo punto l'energia accumulata dall'induttanza L2 ricircola sul motore attraverso il diodo DR.
Il funzionamento è più delicato e richiede un accordo tra L2 e C; con l' invecchiamento dei componenti la capacità può diminuire e il chopper funzionare peggio; col chopper a 3 è molto meglio.

Avatar utente
Il Basso di Genova
**
**
Messaggi: 7887
Iscritto il: sab 14 ott 2006 17:19
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
Contatta:

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#9 Messaggio da Il Basso di Genova » mer 20 mar 2019 16:07

Il fatto di non poterlo fare a tre è "semplicemente" una questione di peso/ingombro?
Paladino dei marciapiedi alti
..contromano..

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1982
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#10 Messaggio da Lirex » mer 20 mar 2019 16:30

A quel tempo non c'erano gli IGBT da 6,5kV.... si dovevano mettere i tiristori in serie
Ad esempio la BB7200 SNCF ( bimotore) ha sei chopper ( tre per motore, sfasati di 120 gradi); ogni chopper ha il tiristore di accensione composto da due rami di 4 SCR in serie ( 8 scr), quello di estinzione e di inversione composti da quattro SCR in serie , ogni chopper ha quindi 16 SCR, la locomotiva quindi ha 96 SCR più 12 diodi di ricircolo, naturalmente ogni SCR è un padellone con contenitore di ceramica grande come una scatola di crema nivea ( formato grande) inserito tra due radiatori alettati in alluminio investiti dall' aria di raffreddamento.... viene una parete!

Le 633 hanno tre motori, nei prototipi vi erano tre chopper ciascuno formato da tre rami di sei minichopper in serie, ciascuno formato da due tiristori e un diodo.
In totale c' erano 108 tiristori elementari, 54 diodi, piu 12 diodi di ricircolo, nella serie, grazie a tiristori più grossi i rami di ogni chopper sono stati ridotti a 2, diminuendo il numero a 72 tiristori e 36 diodi.
Se fossero stati a tre.... avremmo avuto nelle macchine di serie 108 tiristori, tutti col loro radiatore alettato ( mentre i diodi no, perchè non portano la corrente di trazione)

Avatar utente
Wilhem275
**
**
Messaggi: 4433
Iscritto il: mar 19 dic 2006 1:03
Località: Genova & Venezia/Padova
Contatta:

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#11 Messaggio da Wilhem275 » mer 20 mar 2019 19:08

Io ho sempre la mia idea di monumentare la 005 e per di più in livrea R, e chissene se è un falso storico :megaball:
Petizione per l'aborto postumo dei progettisti di Italferr
Rete Ferroviaria Italiana: perché a noi, la capacità, ci fa schifo.

Avatar utente
E431.037
*
*
Messaggi: 953
Iscritto il: lun 18 dic 2006 23:15
Località: Genoa, Republic of Genoa (occupied by Italy)
Contatta:

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#12 Messaggio da E431.037 » mer 20 mar 2019 20:06

In memoria... Milano Centrale, 9 luglio 2017, appena giunta con l'IC da Genova

Immagine
Oh listen to the jingle / The rumble and the roar
As she glides along the woodlands / Through the hills and by the shore
Hear the mighty rush of her engine / Hear that lonesome hobo's call
We're travelling through the jungles /On the Wabash Cannonball

Avatar utente
edmonson
**
**
Messaggi: 1753
Iscritto il: gio 04 set 2008 16:50
Località: Albisola Capo

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#13 Messaggio da edmonson » mer 20 mar 2019 20:20

È stata, tra le altre cose, anche la titolare del vero ultimo treno sulla vecchia S. Lorenzo al Mare - Andora... Un invio di materiale IC giunto a Ventimiglia ma che il giorno dopo, causa chiusura linea vecchia e linea nuova non ancora attiva, avrebbe dovuto originare da Albenga. :(

Avatar utente
dedorex1
**
**
Messaggi: 6488
Iscritto il: mer 28 set 2005 16:48
Località: Milano

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#14 Messaggio da dedorex1 » mer 20 mar 2019 20:26

Domanda da lento ignorante: i test con i chopper in che periodo vennero svolti?
Adoratore della fu Trimurti DelrioCascettaGentile
Fondatore del DelrioSantoSubito Club (NB iscrizioni attualmente sospese per previsto taglio contributi TPL 2017)

Bomby
*
*
Messaggi: 298
Iscritto il: mar 01 ott 2013 19:16
Località: Massa Finalese (MO)

Re: Accantonata la 'Tartaruga elettronica'... | Del 19/03/19

#15 Messaggio da Bomby » mer 20 mar 2019 20:29

Ma solo a me pare che il fondo della cassa della E.444.005 sia un filo imbarcato (basta confrontarlo con quello della Tartaruga a fianco nella foto dell'articolo)? Mi ricordo di averla vista dal vivo qualche tempo fa e di avere avuto la stessa impressione ::-?: ...
Davide Bombarda

Rispondi