[ MILANO ] MM Linea 4

Il forum sulle metropolitane.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
dedorex1
**
**
Messaggi: 5652
Iscritto il: mer 28 set 2005 15:48
Località: Milano

Re: [ MILANO ] MM Linea 4

#556 Messaggio da dedorex1 » mar 05 giu 2018 16:26

Da quel che so, la ragione dell'accordo (fittizio) per l'apertura al 2015 era legata ad evitare l'eliminazione del finanziamento statale collegata esplicitamente all'Expo
Da quel che mi ricordo (eventuali correzioni/integrazione benvenute), rispetto alla pianificazione iniziale, le grosse variazioni fino ad oggi sono legate a:
- ritardo nel lancio della gara da amministrazione Moratti (che aveva impegnato i soldi disponibili per A2A e simili
- ritardo nella firma del finanziamento con le banche (non so bene legato a Cipe o che)
- ritardo di telecom nel fare lo spostamento dei sottoservizi (impatto sulla tratta ovest)
- ritrovamento di tiranti e pozzi zona Tricolore e dintorni
- fisime della Sovrintenza zona Policlinico
- ritrovamento archeologici De Amicis
- bordelli sotterranei vari Sant'Ambrogio

Ipotesi prossimi casini
- collegamento M3-M4 (noioso, ma non critico)
- qualcosa che salterà fuori tra San Babila e Policlinico (e qui sarebbero volatili per diabetici)
Adoratore della fu Trimurti DelrioCascettaGentile
Fondatore del DelrioSantoSubito Club (NB iscrizioni attualmente sospese per previsto taglio contributi TPL 2017)

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7502
Iscritto il: mer 05 mag 2004 17:20
Località: Lomellina regione d'Europa

Re: [ MILANO ] MM Linea 4

#557 Messaggio da simplon » gio 07 giu 2018 7:52

dedorex1 ha scritto:
mar 05 giu 2018 11:24
In realtà anche aprire fino a Dateo ha probabilmente poco senso per una metropolitana
Fino a un certo punto, perché offri un servizio di collegamento tra un nodo ferroviario (più significativo di Forlanini) e l'aeroporto di Linate. Detto in altre parole avresti fatto un interscambio ferro-volo. Certamente le fermate intermedie non servirebbero a molto, perché non portano da nessuna parte che non sia Dateo da un lato e Linate dall'altro.
sr ha scritto:
mar 05 giu 2018 15:51
Sarebbe stata però solo una inaugurazione di facciata e con molti problemi di gestione, come ad esempio la mancanza di un deposito
Anche se non è mai stato avanzato un modello di esercizio (chiamiamolo così con parole grosse) perché non se ne è fatto nulla, con ogni probabilità avrebbero fatto solo un servizio navetta a spola (va e vieni), magari solo tra le due fermate di riferimento (Linate e Forlanini FS). E probabilmente solo durante il periodo dell'Expo...
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

dedorex1
**
**
Messaggi: 5652
Iscritto il: mer 28 set 2005 15:48
Località: Milano

Re: [ MILANO ] MM Linea 4

#558 Messaggio da dedorex1 » gio 07 giu 2018 8:40

simplon ha scritto:
gio 07 giu 2018 7:52
... avresti fatto un interscambio ferro-volo.
Ma quanti sarebbero i potenziali utenti? ho profondi dubbi che da soli giustifichino i costi di una metropolitana, senza considerare che il Comune comincerebbe a pagare le rate anche del "mutuo" con il costruttore, e solo di interessi l'effetto credo sia di qualche milione. Probabilmente conta anche l'interesse di Sala in ottica elettorale...
Adoratore della fu Trimurti DelrioCascettaGentile
Fondatore del DelrioSantoSubito Club (NB iscrizioni attualmente sospese per previsto taglio contributi TPL 2017)

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 11966
Iscritto il: mar 25 mag 2004 13:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: [ MILANO ] MM Linea 4

#559 Messaggio da sr » ven 15 giu 2018 14:46

https://milano.corriere.it/notizie/cron ... 8491.shtml

Milano, allarme della Ragioneria sugli extra-costi della M4: «Attenzione ai debiti»
Nella delibera approvata dalla giunta mancano indicazioni sulle coperture. «Parere positivo ma impatti sul futuro. Rivedere il piano di spese ed entrate»

Spese ed entrate da rivedere e il ricorso a «forme flessibili di indebitamento» per far fronte ai maggiori costi di realizzazione della linea 4 del metrò per un totale di 313 milioni di cui 139 a carico del Comune. Dal capo della Ragioneria e dal segretario generale del Comune arriva un warning alla giunta che nei giorni scorsi ha approvato la delibera che fissa le linee di indirizzo per l’integrazione della convenzione tra Comune e concessionaria della M4 e che potrebbe far scattare un campanello d’allarme alla Corte dei Conti. Pur dando parere positivo al documento, i due dirigenti presentano una serie di rilievi che fanno sorgere dubbi e domande. «Si evidenzia — scrive il responsabile della Ragioneria, Roberto Colangelo — che stante la natura dell’infrastruttura, la durata della concessione e le risorse proprie disponibili a oggi e destinabili al finanziamento dell’atto, gran parte degli importi a carico dell’Ente saranno oggetto di copertura con forme flessibili di indebitamento». Aggiunge: «Pertanto tali oneri avranno impatto sulla situazione di parte corrente negli esercizi in cui l’ammortamento di tale ulteriore debito esplicherà i suoi effetti». Nella delibera però non c’è traccia di quali siano «le forme flessibili di indebitamento» nè ci sono indicazioni di coperture. Ci si limita a dire che «l’aggiornamento degli stanziamenti sarà effettuato con apposita variazione di competenza consiliare del bilancio di previsione, che... comprenderà l’assunzione di nuovo indebitamento rispetto a quanto già previsto dal bilancio di previsione vigente». Quindi nuovo debito che andrà a pesare sui bilanci futuri. La replica di Palazzo Marino è che la durata ultradecennale della concessione permetterà di spalmare l’indebitamento su più anni senza gravi scossoni. Ma se per l’anno in corso la copertura c’è, per gli esercizi successivi occorrerà fare molta attenzione.

Colangelo va avanti. Il debito, a parere del ragioniere capo, comporterà una serie di conseguenze importanti per la parte corrente del bilancio: «Occorre fin d’ora essere consapevoli che tali effetti di irrigidimento della struttura corrente del bilancio dell’Ente, potrebbe comportare, per gli esercizi futuri, la necessità per l’amministrazione di un rimodulazione del sistema delle spese e delle entrate correnti dell’Ente al fine di rendere sostenibile il proseguimento degli equilibri e degli obbiettivi di finanza». Quindi, le conseguenze ci saranno anche per quanto riguarda la parte corrente del Bilancio, perché se la costruzione del metrò riguarda il conto capitale, la gestione andrà inevitabilmente a incidere sulla parte corrente. Quali spese si dovranno tagliare? Quali entrate aumentare?

Il sindaco Beppe Sala non ha mai nascosto che i metrò «costano» non solo per realizzarli ma anche per gestirli. Viene spontaneo pensare che il paventato aumento del biglietto Atm sia profondamente intrecciato al lievitare dei costi della 4. Il segretario generale del Comune, Fabrizio Dall’Acqua fa suo e riporta pari pari il contenuto della Ragioneria aggiungendovi però una serie di ulteriori considerazioni sull’approvazione delle varianti di spettanza del Rup, il responsabile unico del procedimento: «Si ritiene doveroso precisare — scrive Dall’Acqua — che le varianti progettuali proposte devono ritenersi regolari solo a condizione che esse non siano necessarie a correggere eventuali errori progettuali, circostanza questa la cui valutazione compete unicamente alle funzioni tecniche al riguardo incaricate». Precisazione che sembrerebbe non richiesta visto che tocca proprio al Rup individuare e approvare le varianti, ma evidentemente in una storia tormentata come questa, tra banche che sospendono le erogazioni a causa dei ritardi, contenziosi, varianti infinite e transazioni, è meglio sottolineare le rispettive responsabilità per evitare di finire nel mirino della Corte dei Conti.

D’altra parte era necessario intervenire il più in fretta possibile per evitare il blocco dei cantieri, perché la banca che erogava i fondi per conto dei soci finanziatori, preso atto dei ritardi, aveva bloccato gli ulteriori finanziamenti in quanto il ritardo costituiva «elemento ostativo all’effettuazione di ulteriori erogazioni». Da qui la necessità di evitare il contenzioso con la concessionaria, di arrivare a una transazione che tra l’altro ha portato alla rinuncia di tutte le riserve iscritte per 376 milioni, e rivedere il prima possibile il quadro economico con i nuovi costi: «È di interesse pubblico - si legge nel documento - procedere a una transazione non solo considerato l’impatto estremamente negativo che un blocco di 51 cantieri provocherebbe sulla città e per il rischio di soccombenza a fronte di richieste risarcitorie della concessionaria... ma anche perché in sede di trattativa, si è riusciti a ottenere delle misure di mitigazione del ritardo per rendere l’opera fruibile all’utenza, almeno per tratte funzionali, in tempi brevi».
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Avatar utente
em
**
**
Messaggi: 4294
Iscritto il: mer 07 gen 2004 11:34
Località: Genova

Re: [ MILANO ] MM Linea 4

#560 Messaggio da em » mar 26 giu 2018 8:30


dedorex1
**
**
Messaggi: 5652
Iscritto il: mer 28 set 2005 15:48
Località: Milano

Re: [ MILANO ] MM Linea 4

#561 Messaggio da dedorex1 » gio 05 lug 2018 14:13

Partita la prima talpa per la zona ovest; nel frattempo a Tricolore è partito l'assemblaggio delle "talpone"
Adoratore della fu Trimurti DelrioCascettaGentile
Fondatore del DelrioSantoSubito Club (NB iscrizioni attualmente sospese per previsto taglio contributi TPL 2017)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti