Metropolitana di Londra

Il forum sulle metropolitane.

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
ste1258
^_^
^_^
Messaggi: 17
Iscritto il: lun 18 giu 2012 19:32
Località: Piacenza

Re: Metropolitana di Londra

#46 Messaggio da ste1258 » sab 12 mag 2018 15:08

Sono stato a Londra per la prima volta poco tempo fa, in viaggio di piacere. Da appassionato ho apprezzato la capillarità del servizio ferroviario cittadino (Underground + Overground + DLR + National Rail) che almeno per il turista consente di andare ovunque con grande comodità. Mi ha colpito la generale cura dei mezzi (anche quelli non nuovissimi) e delle stazioni, se confrontata alla realtà nostrana che conosco meglio, Milano, e considerando di trovarsi in una città di 10 milioni di abitanti dove c'è letteralmente il mondo. Mai visti treni graffitati, sedili sempre puliti, stazioni ben tenute e di solito ben frequentate anche a tarda ora, abbondanza di addetti alla sicurezza, indicazioni chiare e annunci puntuali (hanno la paranoia del MIND THE GAP che ripetono ogni 4 secondi, ma nelle stazioni in curva può avere il suo perchè). Vagamente claustrofobiche le linee di profondità... se potevo le evitavo a favore delle sub-surface lines, che viceversa sono ariose e anche interessanti dal punto di vista storico.
La mia permanenza era di pochi giorni quindi è sicuramente un'impressione superficiale, ma non nego di essermi trovato bene con i trasporti del TfL.

Però ho un paio di curiosità tecniche a cui non ho trovato risposta
La prima riguarda l'ubicazione delle stazioni di cambio, che non sono mai (almeno quelle che ho visto) vicine tra loro: se 2 linee si incrociano, per cambiare treno c'è sempre da fare della strada in lungo e in largo. Sali le scale, scendi le scale, atrio, 200 m di galleria, altre scale, altro atrio, altri 200 m di galleria, altre scale (es. Bank). In certi casi c'è addirittura da uscire in strada e cambiare isolato (es. Canary Wharf). Nella mia ignoranza, se 2 linee si scavalcano, le stazioni dovrebbero essere una sopra l'altra, non a mezzo chilometro di distanza.
La seconda riguarda la DLR (che non è propriamente una metro, mi perdonino per il semi-OT), che dondola tantissimo. Ha un rollio impressionante in certi tratti, anche a velocità diverse: se non ti tieni ai mancorrenti voli via. Si vedono anche le rotaie consumate in modo sinusoidale... Qualcuno sa il motivo? Ho visto che ha delle curve strettissime, potrebbe dipendere dall'usura delle ruote?

Astro
*
*
Messaggi: 969
Iscritto il: mar 17 gen 2017 14:33

Re: Metropolitana di Londra

#47 Messaggio da Astro » sab 12 mag 2018 20:22

1) Se sei mai stato nei sobborghi tipo Hillingdon (Uxbridge) capisci che Londra è una provincia di 10 milioni di abitanti.
2) Le linee erano di diversi gestori, gli interscambi non dovevano esistere.

ste1258
^_^
^_^
Messaggi: 17
Iscritto il: lun 18 giu 2012 19:32
Località: Piacenza

Re: Metropolitana di Londra

#48 Messaggio da ste1258 » sab 12 mag 2018 21:55

Astro ha scritto:
sab 12 mag 2018 20:22
1) Se sei mai stato nei sobborghi tipo Hillingdon (Uxbridge) capisci che Londra è una provincia di 10 milioni di abitanti.
2) Le linee erano di diversi gestori, gli interscambi non dovevano esistere.
Bene, grazie. Ma la 1) non è una risposta a una mia domanda e la 2) può andar bene per le fermate più vecchie: si veda il caso di Canary Wharf realizzata in un periodo in cui la questione dei diversi gestori era ampiamente superata.

Avatar utente
nicola_luisari
**
**
Messaggi: 1044
Iscritto il: lun 22 mar 2004 15:46
Località: Tra il Kazakhstan e la mia Italia

Re: Metropolitana di Londra

#49 Messaggio da nicola_luisari » dom 13 mag 2018 10:40

Semplicemente le linee non passano vicine.
Se non ricordo male a green park si cammina parecchio anche se le linee sono sovrapposte, per la profondita'.

Vedi link

https://www.whatdotheyknow.com/request/ ... %20Map.pdf

Faccio notare la linea tratteggiata che si diparte da Oval fino alla Battersea Park alla vecchia power station.
Stanno facendo un investimento immobiliare importante, parecchie centinaia di appartamenti in una zona fino a 10 anni fa degradata ed adesso in pieno sviluppo, e giustamente portano la metro.
Ciao
Nicola
La disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile
Corrado Alvaro

XauMankib
^_^
^_^
Messaggi: 87
Iscritto il: sab 23 set 2017 9:05

Re: Metropolitana di Londra

#50 Messaggio da XauMankib » mer 16 mag 2018 21:28

La Docklands Light Railway é una metropolitana leggera. Ed essendo leggera, si permette di avere curve di manovra talvolta estreme. All'altezza di Stratford, i convogli DLR scavalcano un dislivello di qualche piedi in meno di una ventina di metri.
Ovviamente, questo "treno tascabile" é completamente automatico, usando il sistema Seltrack della Siemens.
Insomma, un bel trabiccolo.

XauMankib
^_^
^_^
Messaggi: 87
Iscritto il: sab 23 set 2017 9:05

Re: Metropolitana di Londra

#51 Messaggio da XauMankib » mer 16 mag 2018 21:34


Astro ha scritto:[...] Londra è una provincia di 10 milioni di abitanti
Londra é formata da 38 borough, unità amministrative col rango di City, dove ogni borough é composto da wards col rango di Parish. Londra é una special area con rango di regione, pertanto sta sotto una propria serie di leggi locali.


Astro
*
*
Messaggi: 969
Iscritto il: mar 17 gen 2017 14:33

Re: Metropolitana di Londra

#52 Messaggio da Astro » gio 17 mag 2018 21:38

A parte la burocrazia, non vedo come Hillingdon sia differente da Ozzero. Io mi riferivo alla demografia.

XauMankib
^_^
^_^
Messaggi: 87
Iscritto il: sab 23 set 2017 9:05

Re: Metropolitana di Londra

#53 Messaggio da XauMankib » lun 28 mag 2018 10:20

Ozzero è comune, Hillingdon é un "super-borough". Ha un consiglio ed é rappresentato in Parlamento. Quando si parla di Londra, demografica e gestione della città in se si intrecciano.
Astro ha scritto:A parte la burocrazia, non vedo come Hillingdon sia differente da Ozzero. Io mi riferivo alla demografia.

Astro
*
*
Messaggi: 969
Iscritto il: mar 17 gen 2017 14:33

Re: Metropolitana di Londra

#54 Messaggio da Astro » lun 28 mag 2018 10:32

Va beh, non vuoi capire cosa intendo. Ne prendo atto.

krisu99
*
*
Messaggi: 263
Iscritto il: gio 05 feb 2009 15:32
Località: Innsbruck / Varese / Nizza

Re: Metropolitana di Londra

#55 Messaggio da krisu99 » lun 28 mag 2018 16:40

"Seltrack della Siemens"
Seltrack non è della Simens, ma della storica "Standard Elektrik Lorenz" (da cui il SELtrack), che era durante gli anni 60 tra le 10 più grandi ditte Tedesche, ma oggi praticamente dimenticata (spaccata, venduta, rivenduta una decine di volte...)

http://www.berliner-verkehrsseiten.de/u ... ltrac.html

La tecnologia Seltrack era il primo (anni 1970) "Automatic Train Operation (ATO) con moving block", (simile alla LZB come trsmissione dati) per sistemi di trasporto automatizzati, che pero in Germania non riusciva a proliferarsi forse anche a causa della assai feroce ostilità dell'opinione pubblica contro Metro automatiche di quei tempi.

Fu inizialmente (inizio 1970) sviluppato per il sistema ettometrico Transurban della allora Kraus Maffei, a levitazione magnetica con motore lineare, forse troppo innovativo per quei tempi:

Immagine


In Germania nessun sistema di trasporto guidato non convenzionale a parte qualche sperimentazione, spesso di corta durata, fu impiegato. Ne hanno sviluppati tani pero, ma poi non si è mai fatto niente, dalla monorotaia Alweg, il Cabinentaxi, la H-Bahn al Transrapid forse una quindicina di approci molto diversi. Prima o poi (anni 80-90) hanno fermato tutto, vendendo le tecnologie a che le richiedeva (Giappone, Cina, Canada...) e oggi le usa.

SELtrack non ne fece eccezione, fu adottata dalla francese Alcatel (oggi Thales). Il motore lineare fu poi impiegato per il Skytrain a Vancouver.

Immagine


Il sistema Seltrack ATO oggi in versioni aggiornate viene impiegato sopratutto in Cina, ma ditte tedesche da due decenni non centrano più ed i brevetti iniziali sono ormai tutti scaduti...

In un mondo ormai iperglobalizzato è interessante seguire le tecnologie odierne, capire come sono nate, e chi le ha fatte.
Ho provato ricercare i carrelli AV della Bombardier (ETR 400), e si finisce in Gran Bretagna anni 80 (carelli non-AV per carrozze passeggeri)...

Avatar utente
PENDOLINO
**
**
Messaggi: 2543
Iscritto il: lun 22 dic 2003 19:18
Località: Rho (MI) - Castelnuovo del Garda (VR)

Re: Metropolitana di Londra

#56 Messaggio da PENDOLINO » lun 28 mag 2018 18:53

ste1258 ha scritto:
sab 12 mag 2018 15:08

La prima riguarda l'ubicazione delle stazioni di cambio, che non sono mai (almeno quelle che ho visto) vicine tra loro: se 2 linee si incrociano, per cambiare treno c'è sempre da fare della strada in lungo e in largo. Sali le scale, scendi le scale, atrio, 200 m di galleria, altre scale, altro atrio, altri 200 m di galleria, altre scale (es. Bank). In certi casi c'è addirittura da uscire in strada e cambiare isolato (es. Canary Wharf). Nella mia ignoranza, se 2 linee si scavalcano, le stazioni dovrebbero essere una sopra l'altra, non a mezzo chilometro di distanza.
http://carto.metro.free.fr/documents/Ca ... n.v3.7.pdf

A questo link, sicuramente già citato sul forum, trovi la rappresentazione esatta dei binari e delle banchine della Underground, così puoi anche farti l'occhio sulle distanze da percorrere per gli interscambi.
Per quanto riguarda la lunghezza dei percorsi da compiere a piedi per interscambiare fra diverse linee, credo che il record sia "Montparnasse-Bienvenue" a Parigi, che è considerato un importante nodo di scambio anche con la stazione SNCF, ma di fatto sono due stazioni ben lontane l'una dall'altra e collegate con un percorso pedonale infinito sotterraneo.
Pure "Catalunya" a Barcellona non scherza.

ste1258
^_^
^_^
Messaggi: 17
Iscritto il: lun 18 giu 2012 19:32
Località: Piacenza

Re: Metropolitana di Londra

#57 Messaggio da ste1258 » mar 29 mag 2018 17:50

Grazie mille. Mappa interessantissima... c'è da studiare per una settimana :D

ste1258
^_^
^_^
Messaggi: 17
Iscritto il: lun 18 giu 2012 19:32
Località: Piacenza

Re: Metropolitana di Londra

#58 Messaggio da ste1258 » mar 29 mag 2018 19:47

Una domanda sulla DLR: ho visto che a volte i treni hanno a bordo l'operatore seduto al posto di guida, altre volte il posto è vacante e il banco è chiuso con il coperchio. Qualcuno mi sa dire da cosa dipende la presenza o meno dell'addetto?

ssb
**
**
Messaggi: 2394
Iscritto il: mar 09 dic 2014 17:24

Re: Metropolitana di Londra

#59 Messaggio da ssb » mar 29 mag 2018 22:18

Io l’ho sempre visto in piedi a dare solo la chiusura porte. Quel giorno c’era qualche guasto? Ma agiva sui comandi o no?

XauMankib
^_^
^_^
Messaggi: 87
Iscritto il: sab 23 set 2017 9:05

Re: Metropolitana di Londra

#60 Messaggio da XauMankib » mar 29 mag 2018 23:33

Astro ha scritto:Va beh, non vuoi capire cosa intendo. Ne prendo atto.
Demografica e gestione vanno a braccetto nel mondo anglofono.

Quindi -scuso la mia ignoranza- il brevetto Seltrack non ha vissuto tranquillo. E io pensavo fosse un'idea Siemens del '70 *facepalm*

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti