[ LINEA ] [ ATAC ] Roma - Viterbo

Il forum sulle metropolitane.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
volodinotte1945
**
**
Messaggi: 1760
Iscritto il: mer 11 mag 2005 12:53
Località: roma

[ LINEA ] [ ATAC ] Roma - Viterbo

#1 Messaggio da volodinotte1945 » gio 04 mag 2006 12:38

Tempo fa a New York, i lavoratori del trasporto pubblico ebbero l'appoggio dei newyorkesi, anche io fino a venerdi mi sentivo vicino agli autoferrotramvieri di Roma alle prese con una trattativa contrattuale pesante.

Da alcuni mesi la ferrovia Roma-Prima Porta si trova in uno stato pietoso, a parte la stazione di piazzale Flaminio che ricorda una capitale del terzo mondo (andrebbe chiusa per mancanza di sicurezza), ma poi sono iniziate le corse soppresse e dopo lo sciopero di venerdi scorso, e` scoppiata una strana epidemia dei ferrovieri che ha portato ad una situazione pesantissima.

In Italia a differenza di New York (perche` non imitiamo mai gli americani per le cose positive????) prevale questo tipo di scontro, si assiste a malattie di massa e si riversa il problema su altri lavoratori pendolari.......

Ma il problema non sono ovviamente i conducenti che sfiancati da turni estesi all'infinito per coprire le carenze di organico, possono anche ammalarsi tutti insieme (visto che di reponsabilita` loro ne hanno gia` tante con i turni normali), il problema sono i soliti dirigenti di nomina politica messi nelle aziende pubbliche dalle varie giunte.....

Questa mattina ho letto le dichiarazioni della soc. Met.ro, non solo ripetono sconsolati che e` un problema annoso e inevitabile, ma hanno pure il coraggio di pubblicare a fine anno le carte dei servizi dipingendo un servizio che non esiste, e non dicono che l'abbonamento metrebus e` aumentato da poco tempo a fronte di un servizio sempre piu` scadente......

Che senso ha avuto inaugurare la stazione di Montebello in pompa magna prima delle elezioni se poi non ci sono i conducenti per fare funzionare i treni?????
Roberto

gabriele pillon
**
**
Messaggi: 2323
Iscritto il: dom 24 lug 2005 17:58

#2 Messaggio da gabriele pillon » gio 04 mag 2006 12:51

Ritengo comunque non accettabile che su una linea come la Roma Viterbo vi sia il doppio agente che in pratica si limita a tare tutto il tempo in cabina.
Sarebbe più giusto trasformare questi in macchinisti , dotando la linea delle necessarie tecnologie, per l'agente unico .
Di fatto nel servizio urbano questa è una metropolitana e l'agente doppio è un anacronismo.
GABRIELE PILLON

Avatar utente
sasib
^_^
^_^
Messaggi: 63
Iscritto il: dom 30 apr 2006 21:28
Località: Roma

#3 Messaggio da sasib » gio 04 mag 2006 13:16

La malattia è un prestesto che l'azienda usa per giustificare il disservizio e quindi mettere in cattiva luce i macchinisti agli occhi della gente. Ma dovete sapere che in realtà per creare disservizio basta semplicemente effettuare il proprio lavoro ordinario rinunciando a prestazioni straordinarie tant'è la carenza di organico.
Ogni volta che succedono queste cose ci ritroviamo articoli sui giornali dove ci si accusa di malattie di massa quando in realtà il numero di malati è pressocchè lo stesso dei giorni normali, ci si toglie solo ed esclusivamente lo strardinario. Purtroppo l'azienda (le aziende), a differenza di noi lavoratori, può raccontarvi ciò che vuole avendo nella stampa un canale prefernziale, l'unica mia speranza è che ognino di voi possa farsi una opinione personale che vada sempre oltre a ciò che vi raccontano.
Macchinista Met.Ro.

Avatar utente
sasib
^_^
^_^
Messaggi: 63
Iscritto il: dom 30 apr 2006 21:28
Località: Roma

#4 Messaggio da sasib » gio 04 mag 2006 13:20

Per il doppio agente finche non ci sarà la ripetizione segnali a bordo non se ne parla, stesso discorso vale per la Lido.
Macchinista Met.Ro.

gabriele pillon
**
**
Messaggi: 2323
Iscritto il: dom 24 lug 2005 17:58

#5 Messaggio da gabriele pillon » gio 04 mag 2006 13:21

Ciò non toglie però che il doppio agente su questa linea è un controsenso
GABRIELE PILLON

Avatar utente
sasib
^_^
^_^
Messaggi: 63
Iscritto il: dom 30 apr 2006 21:28
Località: Roma

#6 Messaggio da sasib » gio 04 mag 2006 13:33

Perchè reputi un controsenso il doppio agente su questa linea?
Secondo me invece ai fini della sicurezza è indispensabile su un linea di questo genere. Oltre alla ripetizione segnali, manca l'uomo-morto sui treni, non c'è una DCO, non esiste un impitano di terratreno ma solo collegamenti GSM,insomma al momento o si fanno grossii interventi di ammodernamento, tra l'altro in progrmma, o altrimenti non è proprio pensabile.
Macchinista Met.Ro.

volodinotte1945
**
**
Messaggi: 1760
Iscritto il: mer 11 mag 2005 12:53
Località: roma

Malattie

#7 Messaggio da volodinotte1945 » gio 04 mag 2006 14:05

io non me la prendo assolutamente con i macchinisti, ma alla fine da noi scoppiano le guerre tra poveri (lavoratori vs pendolari lavoratori)........

nei trenini Roma-Prima Porta esistono due persone in macchina e poi come alcuni mesi fa un camion puo` ribaltarsi sulla linea ferroviaria e mancare la strage per miracolo facendo deragliare il treno (perche` a separare strada e linea c'e` una rete da pollaio).... quando e` successo dal Centro Rai di Saxa siamo corsi verso la stazione di Saxa Rubra per segnalare con le braccia al treno in arrivo che il binario era inagibile (il macchinista non poteva vederlo perche` quel tratto e` coperto dal muro del viadotto)......

di problemi ne esistono tanti, a partire dalla gara per l'acquisto dei treni della linea A fatta male e che ha procurato un ritardo maledetto sanato da poco dai nuovi treni spagnoli........

fanno bene i macchinisti delle metropolitane ad essere arrabbiati perche` lavorare la sotto e` ancora piu` dura....... ma certamente trattare gli utenti come animali e` intollerabile e la societa` Met.ro negli ultimi mesi ci sta trattando come tali.....
Roberto

gabriele pillon
**
**
Messaggi: 2323
Iscritto il: dom 24 lug 2005 17:58

#8 Messaggio da gabriele pillon » gio 04 mag 2006 16:28

sasib ha scritto:Perchè reputi un controsenso il doppio agente su questa linea?
Secondo me invece ai fini della sicurezza è indispensabile su un linea di questo genere. Oltre alla ripetizione segnali, manca l'uomo-morto sui treni, non c'è una DCO, non esiste un impitano di terratreno ma solo collegamenti GSM,insomma al momento o si fanno grossii interventi di ammodernamento, tra l'altro in progrmma, o altrimenti non è proprio pensabile.
Infatti, sono interventi che vanno fatti.
Per troppo tempo questa linea è stata considerata una cenerentola, basti considerare che da Civita a Viterbo sono in opera i vecchi pali a traliccio dela preesistente tramvia ,pali che hanno 100 anni.
Credo che anche dal punto di vista della sicurezza nuove tecnologie e agente unico siano doverose.
GABRIELE PILLON

Alessandro
***
***
Messaggi: 10089
Iscritto il: mar 30 ago 2005 12:21
Località: Genova
Contatta:

#9 Messaggio da Alessandro » gio 04 mag 2006 17:25

Ma scherziamo?
Vedo che la leggenda doppio agente= più sicurezza dilaga anche qui.
L'agente doppio è un anacronismo tutto italiano e ben poco ha a che fare con i dispositivi di sicurezza.
Penisamo se fosse adottato anche sulle tranvie o peggio sulle autolinee... impensabile, eppure lì il grado di pericolosità è estremamente più elevato.
Ale

Son zeneise, riso ræo, strenzo i denti e parlo ciæo.
Devo fagghe unn-a vixita? Scià se despoegge...
Aloa Pepe, notissie di nostri?
E comme mai sei issee a quest'oua?
Cotirdeeeeeeeeeeee

Avatar utente
sasib
^_^
^_^
Messaggi: 63
Iscritto il: dom 30 apr 2006 21:28
Località: Roma

#10 Messaggio da sasib » gio 04 mag 2006 18:05

Scusa Alessandro, ma non puoi mettere sullo stesso piano una autolinea o tranvia ed una ferrovia. Eppoi che centra dire che il grado di pericolosità è più elevato; è risaputo che su strada i pericoli siano tantissimi basti pensare quando guidiamo la nostra auto o peggio una moto. Ma hai presente quando si scontrano due treni magari anche a 30km/h quello che può succedere? Insomma voglio dirti che in ferrovia una distrazione minima può costare molto cara anche se i pericoli sono inferiori.
Spiegami poi per quale motivo secondo te il doppio gente non ha nulla a che vedere con la sicurezza.
Se il macchinista ha un malore ed è solo ed il mezzo è sprovvisto dell'uomo-morto, mi dici chi ferma il treno?
Allora il tuo discorso è totalmente valido se la linea e i mezzi sono attrezzati con dispositivi al passo coi tempi che rendano superflua la presenza di un altro agente, e a quanto pare sulla roma viterbo ma anche su molte tratte FS siamo ancora all'eta della pietra.
Per esempio in metropolitana il doppio agente non avrebbe senso proprio perche abbiamo a disposizione diversi dispositivi che aiutano il macchinista, ma devi sapere che da regolamento circolazione treni se alcuni di questi dispositivi sono guasti è previsto il doppio agente anche nei treni della metropolitana, proprio perchè è a garante della sicurezza della marcia del treno.
Macchinista Met.Ro.

volodinotte1945
**
**
Messaggi: 1760
Iscritto il: mer 11 mag 2005 12:53
Località: roma

PERICOLI

#11 Messaggio da volodinotte1945 » ven 05 mag 2006 7:48

che poi i problemi esistono anche con due uomini in cabina (figuriamoci con uno solo).........

sulla Roma-Viterbo purtroppo hanno perso la vita due macchinisti, l'incidente e` avvenuto perche` il treno si e` scontrato con un convoglio di quelli dei lavori, in sosta...... solo un miracolo ha scongiurato un bilancio piu` grave.....

in effetti, posso confermare che anche sulla tratta da Piazzale Flaminio a Prima Porta esistono svariati pericoli che vanno dalla vicinanza con la via Flaminia protetta da una rete da pollaio (un camion tempo fa ha invaso la sede ferroviaria), dai vari insediamenti di zingari che dall'acqua acetosa, fino a saxa rubra possono attraversare e dalla visuale del binario coperta dai viadotti stessi della Flaminia......

l'esempio del macchinista che evoca i danni di un incidente a "soli" 30 km/h mi sembra molto appropriato per descrivere la delicatezza di questo mestiere.....
Roberto

Alessandro
***
***
Messaggi: 10089
Iscritto il: mar 30 ago 2005 12:21
Località: Genova
Contatta:

#12 Messaggio da Alessandro » ven 05 mag 2006 9:31

Scusa Alessandro, ma non puoi mettere sullo stesso piano una autolinea o tranvia ed una ferrovia. Eppoi che centra dire che il grado di pericolosità è più elevato; è risaputo che su strada i pericoli siano tantissimi basti pensare quando guidiamo la nostra auto o peggio una moto. Ma hai presente quando si scontrano due treni magari anche a 30km/h quello che può succedere? Insomma voglio dirti che in ferrovia una distrazione minima può costare molto cara anche se i pericoli sono inferiori.
Spiegami poi per quale motivo secondo te il doppio gente non ha nulla a che vedere con la sicurezza.
Se il macchinista ha un malore ed è solo ed il mezzo è sprovvisto dell'uomo-morto, mi dici chi ferma il treno?
Allora il tuo discorso è totalmente valido se la linea e i mezzi sono attrezzati con dispositivi al passo coi tempi che rendano superflua la presenza di un altro agente, e a quanto pare sulla roma viterbo ma anche su molte tratte FS siamo ancora all'eta della pietra.
Per esempio in metropolitana il doppio agente non avrebbe senso proprio perche abbiamo a disposizione diversi dispositivi che aiutano il macchinista, ma devi sapere che da regolamento circolazione treni se alcuni di questi dispositivi sono guasti è previsto il doppio agente anche nei treni della metropolitana, proprio perchè è a garante della sicurezza della marcia del treno.
Perdonatemi, cari amici, ma continuo ad essere in totale disaccordo con voi. La marcia a vista è MOLTO più pericolosa di quella con segnalamento e anche senza scomodare dati scientifici corretti, che pure esistono, questa semplice considerazione serve a comprendere come il trasporto su ferro sia meno pericoloso di quello su gomma: pretendere due macchinisti ha senso se prima si pretendono due autisti.

Vorrei poi capire perché secondo voi non posso mettere sullo stesso piano una tranvia o una ferrovia: a parità di impianti le stesse differiscono solo per il regolamento di esercizio! Si possono paragonare eccome, ed in effetti in tutta Europa è in atto la tendenza di trasformare linee suburbane in tranvie per contenere i costi.

Anche il caso dell'incidente frontale a 30 km/h è eclatante ma va rapportato ad un analogo sinistro fra due due autobus. E le statistiche sui sinistri confermano questa impostazione. E chi ferma il bus se l'autista ha un malore?

Insomma: ben vengano dispositivi di controllo della veglia del personale di macchina, così come sistemi per il controllo della marcia del treno, ma il tema della sicurezza è correlato a questi, non alla presenza del secondo agente in cabina che non influisce affatto sulle statistiche dei guasti. Lo abbiamo già ripetuto fino alla noia anche su questo forum.

Anche l'accenno sui regolamenti della metropolitana non è corretto: se ti riferisci ad un singolo caso (immagino Roma) posso capire, ma il discorso va riferito alla complessità dei sistemi, e non mi risulta che la pratica del doppio agente sia diffusa... ma qui evidentemente siamo in un campo dove la tecnologia è diffusa da più tempo.

Concludo: spendiamo pure, ma facciamolo con oculatezza perché la sicurezza in ferrovia è altra cosa rispetto a quella stradale e non ha senso investire nella prima (già elevatissima con un solo agente) senza pensare a quanto sia spaventosamente bassa la seconda. Un po' di sano realismo, suvvia.
Ale

Son zeneise, riso ræo, strenzo i denti e parlo ciæo.
Devo fagghe unn-a vixita? Scià se despoegge...
Aloa Pepe, notissie di nostri?
E comme mai sei issee a quest'oua?
Cotirdeeeeeeeeeeee

gabriele pillon
**
**
Messaggi: 2323
Iscritto il: dom 24 lug 2005 17:58

#13 Messaggio da gabriele pillon » ven 05 mag 2006 9:54

La difesa del secondo agente è dovuta temo solo a interessi corporativi , di chi teme perciò di perdere il posto di lavoro.
Io penso al contrario che sia necessario riqualificare il secondo agente in macchinista, dotando la linea e i mezzi di tecnologie adeguate.
Non si capisce d'altronde perchè il TGV sia condotto da un solo agente, mentre il treno per Prima Porta che è poco più di un tram ne necessiti di due.
In questo modo le risorse non vanno al miglioramento del servizio ferroviario, ma coprire posti di lavoro inutili.
GABRIELE PILLON

volodinotte1945
**
**
Messaggi: 1760
Iscritto il: mer 11 mag 2005 12:53
Località: roma

#14 Messaggio da volodinotte1945 » ven 05 mag 2006 10:22

il secondo uomo in macchina a volte osserva dal finestrino la salita sul trenino che a causa di un dislivello rispetto alle banchine di alcune stazioni avviene con scalini molto alti che quando si chiudono possono trattenere i vestiti dei passeggeri e intrappolarli con esito che potete immaginare...
Roberto

gabriele pillon
**
**
Messaggi: 2323
Iscritto il: dom 24 lug 2005 17:58

#15 Messaggio da gabriele pillon » ven 05 mag 2006 12:06

volodinotte1945 ha scritto:il secondo uomo in macchina a volte osserva dal finestrino la salita sul trenino che a causa di un dislivello rispetto alle banchine di alcune stazioni avviene con scalini molto alti che quando si chiudono possono trattenere i vestiti dei passeggeri e intrappolarli con esito che potete immaginare...
Basterebe una telecamera...
GABRIELE PILLON

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti