Genova, crolla il ponte dell'autostrada

Il forum dedicato a tutti gli altri mezzi di trasporto non su rotaie.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
sandro.raso
**
**
Messaggi: 5368
Iscritto il: lun 10 nov 2008 15:43

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#421 Messaggio da sandro.raso » mar 06 nov 2018 20:31

Il ponte avrebbe dovuto essere abbattuto e ricostruito anche se non ci fosse stato il disastro.
Questo perchè con opportuni e costanti lavori di manutenzione si sarebbe potuto anche salvarlo, ma con tali spese annuali da renderlo non conveniente, dato che in pochi anni si sarebbe spesa la cifra equivalente a quella per ricostruirlo.
Immagine

fla221
**
**
Messaggi: 1344
Iscritto il: gio 02 set 2010 13:00

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#422 Messaggio da fla221 » mer 07 nov 2018 0:06

Inoltre come pensato di sistemare la pila che ha subito una torsione?

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25180
Iscritto il: lun 22 dic 2003 10:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#423 Messaggio da paolo656 » mer 07 nov 2018 8:36

La gronda è quella dei tetti e per il ponte in questione è meglio parlare e parlare tanto, così in 6 mesi (i famosi sei mesi....) sarà ricostruito....con le risme di carta stampata per tutte le ipotesi che circolano. Anche parlare è un lavoro....

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 38653
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#424 Messaggio da E412 » mer 07 nov 2018 10:14

Purché la carta sia stampata in 3D, eh!

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

trambvs
*
*
Messaggi: 602
Iscritto il: ven 09 nov 2007 14:01

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#425 Messaggio da trambvs » ven 16 nov 2018 0:41

interessante analisi di Paolo Rugarli (mio prof. di statica nel 2000-2001)
http://castaliasrl.blogspot.com/2018/10 ... liato.html

ssb
**
**
Messaggi: 2583
Iscritto il: mar 09 dic 2014 18:24

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#426 Messaggio da ssb » ven 16 nov 2018 9:24

Molto interessante grazie. Un po’ fastidiosa la decontestualizzazione e critica indiscriminata di quanto fatto da Morandi all’epoca, ma capisco che lo scopo sia smorzare la difesa postuma (acritica) della costruzione.

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 12211
Iscritto il: mar 25 mag 2004 14:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#427 Messaggio da sr » ven 16 nov 2018 9:48

Un ponte fatto all'estremo risparmio dell'acciaio a meno di 2 km da una delle maggiori acciaierie d'Italia.
Una vera beffa!
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Avatar utente
MTTCLV
*
*
Messaggi: 758
Iscritto il: dom 21 dic 2003 19:11
Località: milano
Contatta:

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#428 Messaggio da MTTCLV » ven 16 nov 2018 11:30

lettura della vicenda condivisibile.
Dicono, per difendere questo ponte, che allora non si usava fare le strutture duttili, che allora era normale non farle ridondanti, che era normale costruirle sulla testa delle persone. Allora.
Ma una volta era normale anche usare il lavoro minorile, e i ragazzini portavano i pesi a sette anni. Una volta c'era lo schiavismo. Una volta gli operai andavano su, nei cantieri, senza nessuna protezione. E una volta - negli anni '50 - si provavano farmaci potenzialmente pericolosi sui malati di mente.
Tuttavia, non tutti i medici facevano quegli esperimenti, non in tutti i cantieri gli operai andavano senza protezione. E non tutte le famiglie povere mandavano i figli a lavorare a sette anni. Non tutte le imprese li utilizzavano. E non tutti i ponti sono stati costruiti, settanta o cento anni fa, con i criteri usati da Riccardo Morandi, assolutamente sconsigliabili e errati, per diverse ragioni.

Qualcuno vorrebbe che il ponte fosse ricostruito identico e lo considera un monumento, un'opera d'arte da conservare: ma secondo me sarebbe uno sfregio ai morti e alla città di Genova, e inoltre un pessimo insegnamento per le scuole di ingegneria del Paese.
Non entro nel merito della tecnica costruttiva, che alla fine mi sembra spesso una ridicola sfida alla fisica, come faceva Escher con le sue divertenti idee...
In sintonia con l'analisi di cui ho riportato uno stralcio, sottolineo però la natura urbanisticamente prevaricatoria dell'intera asta autostradale da albisola a genova (carr. ovest), quale tipico esempio di porcate che i nostri predecessori hanno seminato in giro per l'Italia con tanto di orgoglio nazionale, e di cui il viadotto polcevera ha rappresentato forse una delle espressioni più celebri.
Ricostruire il ponte?! Quella di piazzare i ponti sopra la testa della gente o davanti al balcone di casa è stata una deriva storica (non ricordo esempi precedenti a questi) da condannare e possibilmente da sanare, indipendentemente dallo stato conservativo delle opere.
E ad onor del vero, compresi alcuni casi ferroviari....
Ciao, MT.

Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 2085
Iscritto il: ven 29 dic 2006 18:57

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#429 Messaggio da Andmart » ven 16 nov 2018 11:51

Far passare un'autostrada sulla testa della Gente non è il massimo, è vero.

Però nel caso specifico, se prendi un'immagine aerea della Val Polcevera degli anni '60 non c'era molta alternativa per far passare un'autostrada. Ed una autostrada di lì doveva passare, lo vediamo tutti i giorni oggi come è la situazione.

Poi sulle tecniche costruttive concordo.

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 38653
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#430 Messaggio da E412 » ven 16 nov 2018 12:27

Non entro nel merito delle tecniche costruttive, non è proprio il mio campo.
Però far passare un ponte sopra o davanti ad una finestra è una cosa che sarebbe meglio evitare, se possibile, per diverse buone ragioni, ma non sempre è possibile e a volte è un compromesso da accettare. Tuttavia un ponte è un ponte, e se ben conncepito il suo crollo su quello che sta sotto (con quello che ci sta sopra) dovrebbe essere un'eventualità parecchio remota. Di un ponte sopra le case io avrei timore di qualcosa che voli giù dal ponte, non del volo del ponte stesso.

Invece sul discorso della ricostruzione spero sia stata un'esagerazione. Spero davvero che nessuno si sia messo in testa di ricostruirlo così come era (oltretutto, parere personale, io continuo a dire che era davvero brutto; è famoso e scenografico giusto perchè è stato uno dei pochissimi esempi di viadotti strallati e un minimo 'arditi' (*) esistenti in Italia per qualcosa che no sia una passerella pedonale abbandonata al suo destino).

(*): fa ridere dirlo oggi, con i viadotti costruiti in giro per il mondo di ben altra portata, ma tant'è.

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

giorgiostagni
**
**
Messaggi: 1017
Iscritto il: gio 19 ago 2010 22:22
Località: Milano
Contatta:

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#431 Messaggio da giorgiostagni » ven 16 nov 2018 13:08

Condivido: un ponte sopra la testa non dovrebbe avere una probabilità di crollare maggiore di quella intrinseca dell'edificio! (che peraltro è tutt'altro che privo di rischi, basta pensare alla banalissima fuga di gas...)

Inoltre l'articolo, nella sua critica, si dimentica di precisare se e come, nel 1962, sarebbe stato possibile costruire un differente ponte senza interrompere neanche un giorno il traffico ferroviario sottostante. Perché questo era il vincolo di allora.
Oggi tutti si sarebbero fregati le mani dicendo "wow, abbiamo un'ottima scusa per chiudere la ferrovia per 5 anni". Allora non era così. I discorsi scientifici vanno sempre contestualizzati in una cosa che si chiama periodo storico.

Infine fa un po' sorridere, in un articolo scientifico, sia pure divulgativo, continuare a leggere "enorme peso". E' ovvio che era pesante, ma è altrettanto ovvio che quel peso era calcolato, magari a torto, sicuramente sottovalutando l'usura nel tempo, ma calcolato e conosciuto sì. Altrimenti sarebbe come guardare un grattacielo e dire "pesa troppo". Che mi sembra un ragionamento... a 370 gradi.

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 38653
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#432 Messaggio da E412 » ven 16 nov 2018 13:17

Non so...certo, sarebbe una buona scusa, se interessasse chiudere, ma è anche vero che per le autostrade varare ponti senza interrompere quello che ci passa sotto è abbastanza normale. Al massimo avrebbero chiuso per qualche notte di weekend.
Per contro, il problema riguarda proprio quando opera RFI. QUindi, se Italfer progettasse il nuovo ponte il rischio sarebbe concreto :>:): :megaball:

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 12211
Iscritto il: mar 25 mag 2004 14:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#433 Messaggio da sr » ven 16 nov 2018 14:18

Comunque, in un modo o nell'altro quel ponte lo ricostruiscono, per cui sapremo (relativamente) presto se i vincoli di allora saranno posti anche oggi.
Tenuto conto anche del fatto che attualmente quella è l'unica possibilità di servire il porto con la ferrovia.
Se dovesse decidere Ponti .... :sofa:
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

giorgiostagni
**
**
Messaggi: 1017
Iscritto il: gio 19 ago 2010 22:22
Località: Milano
Contatta:

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#434 Messaggio da giorgiostagni » ven 16 nov 2018 14:46

La differenza fondamentale la fa/faceva lo scalo Campasso: allora insostituibile, ieri dismesso, oggi integralmente smantellato. Quindi il problema n.1 del 1962 oggi non esiste più.

Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 2085
Iscritto il: ven 29 dic 2006 18:57

Re: Genova, crolla il ponte dell'autostrada

#435 Messaggio da Andmart » ven 16 nov 2018 14:57

Io da bambino ho visto costruire gli imponenti viadotti dell'autostrada Aosta - Traforo del Monte Bianco. Ma non ricordo nessuna interruzione -almeno prolungata- né della statale né della ferrovia che gli passa sotto almeno in due punti (e la statale era all'epoca l'unico accesso al traforo!). Anzi, ricordo che avanzavano nella costruzione con il traffico sotto....

Anche a S. Francisco ho letto che quando hanno varato i celebri ponti non hanno chiuso il traffico navale nella baia. Ed infatti questo era uno dei requisiti per il progetto.

Non credo che la struttura del Morandi fosse l'unica che permettesse di costruire senza bloccare tutto sotto. Forse era una delle poche, invece, che evitare di piantare troppi piloni nel parco del Campasso.... Ma anche un ponte sospeso o uno con stralli in ferro avrebbe avuto questo vantaggio.

Certo, col senno di poi sono bravi tutti. Però se al mondo i ponti strallati in CAP sono 3 in croce e nessuno in buona salute, un motivo ci sarà e forse all'epoca quella tecnologia (pure economica) non era ritenuta affidabile da molti (altrimenti ce ne sarebbero un sacco, magari tutti malati, ma un sacco...).

Insomma: se negli anni '60 il metodo Morandi era ritenuto affidabile, era economico e pure permetteva di costruire senza tanti vincoli... Perché non l'ha usato nessuno oltre a lui (che pure l'ha impiegato in pochissime realizzazioni)? Se era l'uovo di colombo... ::-?: ::-?:

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti