camion elettrici

Il forum dedicato a tutti gli altri mezzi di trasporto non su rotaie.

Moderatore: Redazione

Autore
Messaggio
Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 39683
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: camion elettrici

#16 Messaggio da E412 » ven 08 giu 2018 12:58

In assoluto no, ma capisci che trovarsi un veicolo a 70 all'ora in corsia di sorpasso non è una gran cosa. Figurati poi se sei in salita e il veicolo procede a 45 per superarne uno che va a 35 :wink:
Il sorpasso comunque non mi pare un gran problema, così come un eventuale scarto laterale, (previa disponibilità di fonte di energia alternativa, seppur temporanea), basta gestire attivamente il pantografo e con la tecnologia odierna lo vedo fattibile.
Ci sono un sacco di altri problemi che mi paiono maggiormente pressanti.

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Avatar utente
Grande Puffo
***
***
Messaggi: 11403
Iscritto il: mer 28 gen 2004 13:06
Località: Torino / Traves in estate

Re: camion elettrici

#17 Messaggio da Grande Puffo » ven 08 giu 2018 14:04

Comunque secondo me ha senso solo se è associato ad un sistema di guida ottica che li tenga bene in fila sulla prima corsia.
DAL 30/05/07 COMPARE DEL CHEESEBURGER ®
DAL 25/04/09 SVACCATO IRREVERSIBILE
Arena si è arenata. E direi, con quel nome...
10/11/2018 SI TAV a Torino, io c'ero!!!

Avatar utente
cf
**
**
Messaggi: 2113
Iscritto il: lun 01 mag 2006 11:18
Località: Berna - Ticino (Svizzera)
Contatta:

Re: camion elettrici

#18 Messaggio da cf » ven 08 giu 2018 15:34

Se n'era già parlato quasi tre anni fa qui:
http://www.ferrovie.it/forum/viewtopic.php?f=17&t=38615
propongo di continuare lì
L'altro dì andando a Cevi...

Avatar utente
dedorex1
**
**
Messaggi: 6453
Iscritto il: mer 28 set 2005 16:48
Località: Milano

Re: camion elettrici

#19 Messaggio da dedorex1 » ven 15 mar 2019 17:09

Un po' di presentazioni del Cifi sulle Highway
http://www.cifi.it/UplDocumenti/Verona_01032019.htm

Personalmente preferisco questo topic, ma nel caso spostare pure
Adoratore della fu Trimurti DelrioCascettaGentile
Fondatore del DelrioSantoSubito Club (NB iscrizioni attualmente sospese per previsto taglio contributi TPL 2017)

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1959
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: camion elettrici

#20 Messaggio da Lirex » ven 15 mar 2019 17:31

facciamo un conto della serva
Pigliamo un Iveco Stralis della max potenza (circa 420 kW), aggiungiamo ausiliari e altro, facciamo 450 kW.
Con alimentazione a 600V sarebbero 750A di assorbimento per camion, supponendo che non girino tutti a piena potenza facciamo un valore medio di 500A/camion
Un bifilare da 150 mmq , arrivando alla max densità di corrente 6A/mmq tollererebbe 900 A, quindi 1 camion e mezzo per sezione....
E' chiaro che un bifilare non basta e 600V è troppo bassa.....
Se alziamo la tensione, poi occorre installare apparecchiature AT di disgiunzione e protezione, quindi poi, oltre ai costi di acquisto, non si può andare a fare manutenzione all' off. dei fratelli Brambilla.
Comunque la si metta è sempre una brutta copia del treno..., con tutti gli svantaggi della rigidità e poi quello del maggiore attrito

Coccodrillo
***
***
Messaggi: 10145
Iscritto il: lun 10 mag 2004 20:30
Località: Ferrovia del Gottardo

Re: camion elettrici

#21 Messaggio da Coccodrillo » ven 15 mar 2019 17:45

I sistemi oggi in prova (tipo il Siemens) che corrente usano?
Gleis 3, einfahrt des InterRegio nach Linthal, Trun, Biasca, Chiasso, ohne Halt bis Glarus.

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1959
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: camion elettrici

#22 Messaggio da Lirex » ven 15 mar 2019 20:36

650 Vcc, con sottostazioni ogni 2-3 km.
La tensione è tenuta bassa per non fare costare troppo i veicoli, ma anche così, con il bifilare a sospensione longitudinale e quindi con sezione del rame di circa 300 mmq , mi sa che la concentrazione di TIR che attualmente gira sulle nostre autostrade ce la scordiamo....
Sempre con i conti della serva:
max corrente nella catenaria : 1800 A
corrente per camion: 450/0,65 = 692A
numero di camion in 2 km = 1800/692 = 2,6 ( facciamo tre, un camion ogni 600 m......)

giorgiostagni
**
**
Messaggi: 1178
Iscritto il: gio 19 ago 2010 22:22
Località: Milano
Contatta:

Re: camion elettrici

#23 Messaggio da giorgiostagni » sab 16 mar 2019 10:28

Molto interessante, grazie.
Quindi se capisco giusto, in queste sperimentazioni si usa volutamente un sistema/equipaggiamento "tranviario" (650 V cc) perché altrimenti sarebbero troppo complicate e costose. Immagino che anche la sezione del bifilare sia sostanzialmente tranviaria.
Ma un camion per sua natura, carico e velocità di marcia assorbe molto di più di un tram (giusto per fissare le idee, se non sbaglio, una 4900 sono 300 kW, una Carrelli appena 85).
Quindi se mai si volesse fare un sistema "serio", occorrerebbe passare a tensioni ferroviarie, ma allora si avrebbero in sostanza tutte le complicazioni elettrotecniche del treno, senza averne i vantaggi.

Per confronto un "vero" treno merci sfrutta una tensione 5 volte superiore (anche solo con la corrente continua italiana, che comunque, come sappiamo, ha anch'essa limiti significativi), e immagino che per via dell'attrito molto minore, richieda potenze per massa rimorchiata significativamente inferiori. Giusto?

Avatar utente
diesel 445
**
**
Messaggi: 4889
Iscritto il: lun 26 gen 2004 16:45
Località: Siena

Re: camion elettrici

#24 Messaggio da diesel 445 » sab 16 mar 2019 10:37

Se sia giusto o no secondo me questa sperimentazione andrà a finire e continueranno a circolare come adesso camion a gasolio .

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1959
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: camion elettrici

#25 Messaggio da Lirex » sab 16 mar 2019 12:24

Sicuramente il treno richiede meno energia per il moto, a parità di velocità, visto che l' attrito sulle rotaie è 1/5 di quello della strada.
Poi con la 25kV avrebbe ancora meno problemi.
Dal punto di vista dei costi, equipaggiare un' autostrada con una cosa del genere sarebbe molto peggio che in ferrovia, già la quantità di rame sarebbe doppia, per via del bifilare, presumo anche più pali (non penso che i 60 m standard della ferrovia siano adeguati ad una strada) e poi su un percorso di 100 km avere 50 sottostazioni da costruire, telecomandare, manutenere non deve essere uno scherzo. Aggiungici poi il sistema di guida sui veicoli per mantenere il bipantografo allineato con la catenaria.....
Anche questo rimarrà un progetto "scolastico", giusto per spillare quanche soldo ai burocrati UE sbandierando riduzioni della CO2, mobilità verde e minchiate simili.
( come i ragazzi di ieri che vanno in piazza e intanto chattano a tutto spiano con telefonini e portano pure qualche cartello NOTAV)

Astro
**
**
Messaggi: 1256
Iscritto il: mar 17 gen 2017 15:33

Re: camion elettrici

#26 Messaggio da Astro » sab 16 mar 2019 13:42

Però un motore da 490 kW serve ad ottenere una coppia di 2800 Nm (a spanne) a circa la metà dei giri, per cui i conti andrebbero fatti su 300 kW. Un motore elettrico viceversa viene dimensionato per la potenza.

Avatar utente
dedorex1
**
**
Messaggi: 6453
Iscritto il: mer 28 set 2005 16:48
Località: Milano

Re: camion elettrici

#27 Messaggio da dedorex1 » lun 18 mar 2019 15:15

Per me il sorpasso è il minore di problemi: i camion che seguono, che gioco forza sarebbero ibrido, passerebbero in modalità "autonoma" e supererebbe quello lento, come accade oggi
Il punto sulla corrente in linea mi sembra di capire si invece un vincolo veramente significativo: il passaggio ad alta tensione quanto sarebbe complicato? E' possibile pensare a un'evoluzione rapida nel settore?
A tendere il settore dei trasporti (che conta per circa un terzo della CO2 prodotta) è il vero punto critico per la riduzione della CO2: in anche ipotizzando una crescita notevole dei treni, bisogna sempre trovare una soluzione per il 60-70% di camion che rimarrebbe e un bifilare che funzionasse sarebbe un bel vantaggio. Se dovessi sparare una previsione, resto dell'idea che arriverà qualche giapponese con un combustibile liquido prodotto con corrente a ciclo C02 nullo
Adoratore della fu Trimurti DelrioCascettaGentile
Fondatore del DelrioSantoSubito Club (NB iscrizioni attualmente sospese per previsto taglio contributi TPL 2017)

Avatar utente
paolo656
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 25272
Iscritto il: lun 22 dic 2003 10:51
Località: Siberia - Mosca
Contatta:

Re: camion elettrici

#28 Messaggio da paolo656 » lun 18 mar 2019 15:33

Ritengo assolutamente riduttivo e scorretto ragionare puntando l'occhio sulla CO2. E' solo uno degli aspetti, mancano tutti gli altri.

E altrettanto ritegno questo dei "filocarri" un esercizio di stile del tutto non coerente con il sistema trasporti. Serve "rivoluzionare" il sistema, con il multimodale, non alimentare gli autocarri per strada. Questa è la mia opinione, si intende.

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 39683
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: camion elettrici

#29 Messaggio da E412 » lun 18 mar 2019 16:17

I camion impegnati sulle lunghe distanze, che sono poi quelli che si vorrebbe 'elettrificare', sono anche quelli che sono in diretta concorrenza con altre forme di trasporto.
Quelli nel corto/medio raggio, o impiegati al di fuori dei grandi assi di trasporto, sono quelli 'insostituibili' (se non dalle stampanti 3D :>:):), e non vedo grandi possibilità di realizzare su grandi porzioni di territorio km e km di bifiliare con relative SSE. E visto che già rompono con la ldc del tram, che è esteticamente molto meno impattante... ::-?:

Per ora continua a sembrarmi un'idea strampalata, più complicata che altro. Felice di essere smentito, ma sono scettico.

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Avatar utente
Lirex
**
**
Messaggi: 1959
Iscritto il: lun 13 set 2004 13:10
Località: Milano

Re: camion elettrici

#30 Messaggio da Lirex » lun 18 mar 2019 16:28

dedorex1 ha scritto:
lun 18 mar 2019 15:15
Il punto sulla corrente in linea mi sembra di capire si invece un vincolo veramente significativo: il passaggio ad alta tensione quanto sarebbe complicato? E' possibile pensare a un'evoluzione rapida nel settore?
Se si adottasse la 25k-50Hz, una soluzione potrebbe essere quella ipotizzata per i tram bisistema, uno scatolotto sostenuto da isolatori AT che porta il pantografo, il disgiuntore sotto vuoto, l' e-trasformer ( trafo in ferrite ad alta frequenza con convertitore a IGBT) che porta poi una bassa tensione ( 650V) al resto dell' equipaggiamento.
Ma poi ci sarebbe un problema di distanza tra i due fili del bifilare, che dovrebbero essere allontanati tra dil loro, pericolo di scariche su altri veicoli ( tipo gli autobus Gran turismo) , ecc ecc.
Anch'io sono convinto che sia un modo per illudere i mercati che i camion elettrici a lunga distanza avranno un futuro anche senza combustibili fossili

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti