Berlino, non Italia..

Il forum dedicato a tutti gli altri mezzi di trasporto non su rotaie.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Wilhem275
**
**
Messaggi: 4335
Iscritto il: mar 19 dic 2006 0:03
Località: Genova & Venezia/Padova
Contatta:

Re: Berlino, non Italia..

#211 Messaggio da Wilhem275 » mer 27 dic 2017 22:09

Parlando in via teorica: BER ha due piste, di cui una è quella attuale di SXF. Non mi intendo di aviazione e non so quanta capacità residuale possano avere le piste rispetto alla saturazione del T1; però intuisco che del margine ci sia, visto che il T2 del BER mi pare sia previsto senza piste aggiuntive.
Alla fine non lavorerebbe in modo diverso da Malpensa, che ha appunto punti di accesso distinti per i due terminal.

Con BER a regime SXF perderà tutti i servizi RE ma manterrà le stesse S, mentre i bus potrebbero restare passanti per SXF con un perditempo contenuto.

Secondo me l'inghippo più grosso è su strumenti e personale di terra, perché per la famosa inaugurazione mancata erano tutti pronti a muovere baracca e burattini da TXL e SXF per portarli tutti al BER (però anche lì, se lavorano come corpo unico una parte delle risorse è condivisa).

Se non ho capito male, nell'ultimo anno si è detto che SXF lavorerà comunque fino al 2025 (almeno).
Petizione per l'aborto postumo dei progettisti di Italferr
Rete Ferroviaria Italiana: perché a noi, la capacità, ci fa schifo.

Se non si vedono le immagini nei miei messaggi, per favore scrivetemi.

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16743
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Berlino, non Italia..

#212 Messaggio da Ae 4/7 » mer 27 dic 2017 22:20

Wilhem275 ha scritto:
mer 27 dic 2017 17:40
E quindi come risolvono, tengono Tegel aperto in parallelo? ::-?:
Questo è comunque quanto vorrebbe il 56,4% dei Berlinesi che si sono espressi nella votazione dello scorso settembre: https://www.wahlen-berlin.de/wahlen/BU2 ... index.html
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 13243
Iscritto il: sab 26 apr 2008 11:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: Berlino, non Italia..

#213 Messaggio da UluruMS » gio 28 dic 2017 9:25

Linate vs Malpensa in salsa brandemburghese?
"Ingegné, io mi licenzio!"
"Ma..perché? non si trova forse bene qui?"
"No, è che da me le littorine vanno a nafta; se lo vuole il carbone se lo cavi fuori lei..."
Dear guest, never trust Tz; it’s a Troll

marcogiov
*
*
Messaggi: 457
Iscritto il: ven 25 feb 2005 16:12
Località: Milano P.ta Venezia

Berlino, non Italia..

#214 Messaggio da marcogiov » gio 28 dic 2017 9:33

Wilhem275 ha scritto:Parlando in via teorica: BER ha due piste, di cui una è quella attuale di SXF. Non mi intendo di aviazione e non so quanta capacità residuale possano avere le piste rispetto alla saturazione del T1
Londra Heathrow, che ha due piste, ha avuto quasi 76 milioni di passeggeri nel 2016.

La capacità di un aeroporto è dettata da:

1) il numero di movimenti (decolli+atterraggi) che le piste consentono
2) la capacità del/dei terminal
3) la capacità dei piazzali dove gli aerei stazionano fra l'atterraggio e il nuovo decollo.

La dimensione media degli aerei a Heathrow è eccezionale, per la forte quota di voli intercontinentali, ma due piste permettono comunque parecchio traffico.

In realtà la scarsa capacità delle piste è molto gradita alle compagnie aeree che hanno slot, perché limita la concorrenza attuale e potenziale e permette prezzi dei biglietti più alti e profitti.

La capacità dei terminal va intesa come "ottimale" per un buon servizio, ma può salire se si accetta un degrado della qualità.

Quanto ai piazzali, BER mi sembra avere spazio in grande abbondanza, per quella del terminal, nulla a parte l'orgoglio vieta di tenere aperto il brutto terminal di Schönefeld.

Avatar utente
UluruMS
***
***
Messaggi: 13243
Iscritto il: sab 26 apr 2008 11:41
Località: Dal Kander al Somes, dalla Nahe al Cesano

Re: Berlino, non Italia..

#215 Messaggio da UluruMS » gio 28 dic 2017 10:22

Secondo l'autorevole opinone del TUV espressa a novembre, una apertura prima del 2021 è "irrealistica"
http://www.faz.net/aktuell/wirtschaft/u ... 06219.html
Secondo la Bundesrechnungshof gli 8G€ finora finora a bilancio sono degni di una indagine. Fino a maggio 2016 erano stati spesi 6,9G€.
Il limite "invalicabile" posto dalla UE ad agosto 2016 era di 6,8
I costi di non decadimento/obsolescenza di quanto finora realizzato ammontano a 500M€ annui.
Hanno già proposto una terza pista (circa 1 G€) ed espansioni per la gestione bagagli e merci, per altri 2,2G€
La BEI ha già fatto sapere che non allunga più un pfenning se non ha in mano un approfondito audit, ritenendo quelli precedenti "manchevoli, incompleti ed approssimativi"
"Ingegné, io mi licenzio!"
"Ma..perché? non si trova forse bene qui?"
"No, è che da me le littorine vanno a nafta; se lo vuole il carbone se lo cavi fuori lei..."
Dear guest, never trust Tz; it’s a Troll

Avatar utente
Ae 4/7
***
***
Messaggi: 16743
Iscritto il: mer 06 feb 2008 22:07
Località: Oben am deutschen Rhein

Re: Berlino, non Italia..

#216 Messaggio da Ae 4/7 » gio 28 dic 2017 19:05

marcogiov ha scritto:
gio 28 dic 2017 9:33
brutto terminal di Schönefeld.
A me l'unica volta che ci andai, attendendo dei colleghi in arrivo su un triste aeromobile bianco-arancio, piacque molto. :D Attesi, ovviamente, leggendo il Neues Deutschland... :sofa:
Forumista Chimico Simpatizzante|Dall'11.05.09 Aquila d'Oro - "Giù le mani dalle Officine" - No ai treni panoramici della Vigezzina (e ai Centovalli Express)!
Immagine

ALe840
*
*
Messaggi: 876
Iscritto il: dom 21 dic 2003 23:39
Località: Berlino; Val Pusteria
Contatta:

Re: Berlino, non Italia..

#217 Messaggio da ALe840 » ven 29 dic 2017 11:37

Le piste pare bastino, i terminal sono troppo piccoli. E' già stato deciso che SXF rimarrà aperto (sono in corso lavori di ammodernamento e di ampliamento). In un referendum a settembre la maggioranza si è anche espressa a favore del mantenimento in esercizio di Tegel - problematico perché comporterebbe il rinnovamento completo delle autorizzazioni (attualmente sotto proroga temporanea) obbligando a portare tutto agli standard di sicurezza e ambientali attuali con costi che superano i miliardi...

Altro aspetto: molti aeroporti (Tegel...) lavorano attualmente ben sopra la loro capacità nominale. Dopo anni di rodaggio questo mi pare possibile - c'è abbastanza tempo per risolvere problemi, assumere e formare del personale, acquisire esperienza di esercizio... solo che con il BER vorrebbero partire già con un grado di utilizzo del 100%. Impresa secondo me destinata al fallimento totale - tanto più che osservazioni e critiche di esperti vengono da sempre sistematicamente ignorate - mica si discutono e affrontano apertamente potenziali problemi.
Per fare un paragone: il nuovo aeroporto di Monaco è stato aperto nel 1990 (con procedure e regolamenti ben più semplici di ora), progettato per 27 milioni di passeggeri e utilizzato nel primo anno da 10 milioni, cioè al 37% della capacità nominale!

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti