Le strane interpretazioni del codice della strada

Il forum dedicato a tutti gli altri mezzi di trasporto non su rotaie.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Wilhem275
**
**
Messaggi: 4406
Iscritto il: mar 19 dic 2006 1:03
Località: Genova & Venezia/Padova
Contatta:

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1291 Messaggio da Wilhem275 » mer 26 apr 2017 16:11

Il CdS specifica ancora l'ordine delle lampade, ma stiracchiando l'interpretazione si potrebbe dire che il lampeggiante di avviso non è propriamente parte della sequenza del semaforo...

In effetti è una soluzione pure intelligente, la sequenza Gx > G > R è sempre stata una rogna perché il primo passaggio non risulta in modo chiaro.
L'alternativa è di lasciare verde a meno di chiamata pedonale, secondo me preferibile in molti casi; ma in un contesto del genere lo eviterei perché può essere confuso rispetto alla precedenza della rotonda.
Petizione per l'aborto postumo dei progettisti di Italferr
Rete Ferroviaria Italiana: perché a noi, la capacità, ci fa schifo.

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 39314
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1292 Messaggio da E412 » mer 26 apr 2017 16:34

Plausibile.
Infatti questo è un doppio pedonale, sito a Brescia presso la fermata Prealpino della metro. Come si vede anche dall'immagine, quello in direzione sud espone un bel verde, mentre quello in direzione nord, che ha una rotonda subito dopo, mostra un giallo lampeggiante.

Tornando a Schio, l'idea è un po' strana. Ne capisco la ragione, ma non ho ancora deciso se mi piace. Mi chiedo però se sia stato oggeto di un parere da parte del ministero o comunque di qualche ufficio tecnico ::-?:

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Avatar utente
Wilhem275
**
**
Messaggi: 4406
Iscritto il: mar 19 dic 2006 1:03
Località: Genova & Venezia/Padova
Contatta:

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1293 Messaggio da Wilhem275 » mer 26 apr 2017 23:17

Adesso, non complichiamo le cose mettendo in mezzo l'ANSF della situazione :mrgreen:

Secondo me la soluzione è valida per il fatto che risolve un problema di comunicazione senza introdurne altri, nel senso che l'aspetto del segnale è di interpretazione immediata anche se non lo si è mai visto.


Dalle mie parti hanno installato un pedonale a chiamata che, in condizione normale, risulta giallo lampeggiante verso le auto e rosso verso i pedoni. Il che è una grossa cazzata, perché il lampeggiante impone comunque ai veicoli di dare precedenza ai pedoni in attesa... i quali non possono poi muoversi.
Petizione per l'aborto postumo dei progettisti di Italferr
Rete Ferroviaria Italiana: perché a noi, la capacità, ci fa schifo.

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7996
Iscritto il: mer 05 mag 2004 18:20
Località: Lomellina tra terra e acqua

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1294 Messaggio da simplon » gio 27 apr 2017 9:02

La soluzione più classica e priva di problemi di interpretazione è quella di avere il giallo lampeggiante nella lanterna centrale; nel momento in cui un pedone chiede la chiamata, il semaforo lungo la strada scatta al verde, per una manciata di secondi in modo da dare con chiarezza l'indicazione del semaforo, come dire, in funzione. A questa segue la sequenza corretta di giallo fisso e quindi rosso.

s.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 39314
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1295 Messaggio da E412 » gio 27 apr 2017 10:53

Però hai due problemi (nulla di grave, eh...):
- li obblighi ad avere la luce verde, che magari vogliono risparmiare :twisted:
- il passaggio da R a Gx crea sempre qualche 'perplessità' in chi non è pratico.

La maggior parte dei pedonali che io conosco e che ha l'indicazione lampeggiante lato strada ha contemporaneamente il rosso per i pedoni.

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Avatar utente
Wilhem275
**
**
Messaggi: 4406
Iscritto il: mar 19 dic 2006 1:03
Località: Genova & Venezia/Padova
Contatta:

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1296 Messaggio da Wilhem275 » gio 27 apr 2017 14:46

Il passaggio R > Gx crea problemi ma almeno è fail-safe, mal che vada i pisquani non ripartono fino a quando qualcuno gli suona...

Il problema è il passaggio Gx > G quando il ciclo viene attivato: stessa lanterna, stesso colore, cambia solo il tempo di accensione. Vale a dire che per capire cosa sta facendo la devi osservare con attenzione per un tempo prolungato, che è proprio quello che non dovrebbe richiedere un segnale.
Di conseguenza spesso il giallo viene visto con ritardo o non viene visto proprio, e quindi si vedono inchiodate davanti ad un rosso "comparso dal nulla".

Io l'ho sempre considerata una criticità da risolvere.

La soluzione Schio mi piace perché rende molto più evidente la transizione facendo accendere una lanterna diversa da prima, e anche rispettando la sequenza geometrica "basso>medio>alto" che il guidatore riconosce senza manco osservare i colori.
Petizione per l'aborto postumo dei progettisti di Italferr
Rete Ferroviaria Italiana: perché a noi, la capacità, ci fa schifo.

Avatar utente
nicola_luisari
**
**
Messaggi: 1160
Iscritto il: lun 22 mar 2004 16:46
Località: Tra il Kazakhstan e la mia Italia

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1297 Messaggio da nicola_luisari » lun 11 feb 2019 12:44

Metto in questo topic (riesumandolo)

da Repubblica

https://www.repubblica.it/cronaca/2019/ ... P5-S1.4-T1

Codice della strada, si cambia: bici contromano, niente fumo in auto e anche i monopattini nel regolamento

Sì alle bici contromano nei centri abitati. I ciclisti ai semafori avranno la precedenza e potranno circolare sulle corsie riservate agli autobus e ai taxi. E per gli automobilisti aumenta il limite di velocità sulle autostrade a tre corsie che viene elevato a 150 km/h. Il testo poi prevede parcheggi 'rosa' per le donne in gravidanza, niente fumo e telefonini alla guida e l'aumento delle sanzioni per i trasgressori.
Ecco alcune delle novità del nuovo codice della strada firmato Lega e Movimento 5 Stelle. Il testo, non ancora del tutto blindato, è in discussione alla commissione Trasporti della Camera dove sono in corso le audizioni ma già i cambiamenti prefigurano una "rivoluzione" per le due ruote.

I ciclisti
I ciclisti, agli incroci o davanti ai semafori, non saranno più costretti ad accodarsi alle auto incolonnate ma avranno la precedenza. Una novità in Italia ma non in altri Paesi come l'Olanda dove la nuova regola è già prassi. Il nuovo regolamento prevede per le biciclette uno spazio ad hoc, "una striscia di arresto avanzata" e saranno i comuni a dover indicare una doppia linea (una anche per le bici) davanti ai semafori e agli stop.

Poi nei centri abitati dove il limite di velocità è di 30 km/h le biciclette potranno andare contromano, "indipendentemente dalla larghezza della carreggiata e dalla massa dei veicoli autorizzati al traffico". La misura è già stata sperimentata in Europa e secondo gli studi dei ricercatori non comporta un aumento dei rischi per incidenti stradali. Tuttavia per la Lega e il M5s (al testo stanno lavorando Emanuele Scagliusi per pentastellati e Massimiliano Capitanio e Alessandro Morelli per la Lega) prevedono che sia il sindaco a dover emanare un'ordinanza e che la possibilità di "circolare anche in senso opposto a quello di marcia rispetto agli altri veicoli" sia segnalata da un pannello.

I ciclisti avranno anche la possibilità di circolare nelle corsie ora riservate solo ai taxi e agli autobus e di parcheggiare in aree adibite dal Comune o sui marciapiedi e all'interno delle zone pedonali. Diversi emendamenti presentati in Commissione prevedono inoltre l'obbligatorietà dell'utilizzo del casco e incentivi per l'acquisto.

I motociclisti
Per quanto riguarda i motociclisti la maggioranza si sta confrontando sull'eventualità di inserire l'obbligo di dotarsi di un abbigliamento 'tecnico' di sicurezza. In più le moto elettriche potranno circolare anche in autostrada. Con il disegno di legge M5s-Lega gli skate, i monopattini e gli hoverboard entrano a far parte per la prima volta del codice della strada (il dibattito in corso è se potranno circolare solo nelle piste ciclabili).

Il divieto di fumo in auto e' una cazzata immane. Gia' c'e' in presenza di minori ed e' sacrosanto. Se tra adulti, voglio poter fumare anche perche' a volte tiene sveglio il conducente.
Ciao
Nicola
La disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile
Corrado Alvaro

Avatar utente
Tz
***
***
Messaggi: 15752
Iscritto il: dom 21 mar 2004 18:20
Località: sul grande fiume

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1298 Messaggio da Tz » lun 11 feb 2019 12:47

Già mi stanno sui maroni adesso i ciclisti soprattutto per il loro comportamento strafottente figuriamoci se glielo legittimiamo anche... :shoot:
Saluti Tz

In pensione penalizzato a vita per aver fatto il macchinista !
FOLle inventore della: Stella di Valenza - AV Arno-Maremmana - AV Mediopadana - linea S Circolare di Milano - Zig-Zag LP/AV piemontese.
TAV FOREVER !

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 39314
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1299 Messaggio da E412 » lun 11 feb 2019 13:16

A naso:
1) un sacchissimo di cartelli in più. Qualcuno ne sarà contento
2) mi aspetto un sensibile aumento di cause ed affini
3) in bici si potrà parcheggiare in appositi spazi E nelle aree pedonali? Perché, adesso (al di la delle diatribe sulla sosta selvaggia) cosa avviene?
4) casco. Interessante. Ma con il bike sharing come la mettiamo? ::-?:

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Avatar utente
nicola_luisari
**
**
Messaggi: 1160
Iscritto il: lun 22 mar 2004 16:46
Località: Tra il Kazakhstan e la mia Italia

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1300 Messaggio da nicola_luisari » lun 11 feb 2019 13:37

Sharing anche per il casco e i pidocchi.

Le bici le posteggi ovunque adesso. Non capisco cosa permette il nuovo codice che non succede gia' regolarmente.
Ciao
Nicola
La disperazione più grave che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere onestamente sia inutile
Corrado Alvaro

Avatar utente
E412
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 39314
Iscritto il: sab 20 dic 2003 13:14
Località: Fermo in linea per un guasto agli impianti di circolazione. W RFI! :)

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1301 Messaggio da E412 » lun 11 feb 2019 14:07

Legalizzerà l'esistente :sofa:
L'ultima compagnia di scooter-sharing a Milano se non sbaglio il casco te lo mette a disposizione. Ma in bici sarebbe ancora meno pratico (e sparirebbero comunque in meno di una settimana).

And you run and you run to catch up with the sun but it's sinking, racing around to come up behind you again
The sun is the same in a relative way but you're older, shorter of breath and one day closer to death


I'm pushing one elephant up the stairs

Avatar utente
aln668.1207
**
**
Messaggi: 3551
Iscritto il: sab 23 giu 2007 21:17
Contatta:

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1302 Messaggio da aln668.1207 » lun 11 feb 2019 19:18

Il casco obbligatorio non serve a nulla.
Chi lo usa già non ha bisogno che qualcuno gli imponga di usarlo, chi non lo usa difficilmente si adeguerà, piuttosto smetterà di andare in bici, esperienza già fatta in altri Stati.
Il casco poi è qualcosa di personale, non userei quello di un altro per nessun motivo, anche perché non posso sapere se sia sano o già "battuto".
Funziona correttamente solo se calza con precisione, se è troppo largo non conta nulla, troppo stretto non calza e, specie se uno ha un testone di forma strana si fa una fatica immane a trovare quello di taglia adatta (ogni riferimento al sottoscritto è puramente intenzionale, ci saranno si e no tre modelli di casco che mi vanno bene, e il più economico costa quasi 200 euro... per trovare un modello integrale per praticare Enduro sono andato apposta ad una fiera e ho girato tutti gli stand dei produttori; risultato, solo uno mi si adatta, e costa un mezzo rene...)
E' vero che in giro c'è roba che costa pochissimo, ma vale anche pochissimo.
Qualcuno mi deve delle scuse. Chi vuole intendere intenda.

Avatar utente
Wilhem275
**
**
Messaggi: 4406
Iscritto il: mar 19 dic 2006 1:03
Località: Genova & Venezia/Padova
Contatta:

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1303 Messaggio da Wilhem275 » mar 12 feb 2019 1:54

aln668.1207 ha scritto:
lun 11 feb 2019 19:18
Funziona correttamente solo se calza con precisione, se è troppo largo non conta nulla, troppo stretto non calza e, specie se uno ha un testone di forma strana si fa una fatica immane a trovare quello di taglia adatta (ogni riferimento al sottoscritto è puramente intenzionale,
Ti ricordi fin dove siamo dovuti arrivare per comprarne uno che andasse a me? :D
Petizione per l'aborto postumo dei progettisti di Italferr
Rete Ferroviaria Italiana: perché a noi, la capacità, ci fa schifo.

ESCity81
**
**
Messaggi: 3983
Iscritto il: dom 11 ott 2009 18:56

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1304 Messaggio da ESCity81 » mar 12 feb 2019 11:07

nicola_luisari ha scritto:
lun 11 feb 2019 12:44
E per gli automobilisti aumenta il limite di velocità sulle autostrade a tre corsie che viene elevato a 150 km/h.
sarà la 4565a volta che lo annunciano....
nicola_luisari ha scritto:
lun 11 feb 2019 12:44
l'aumento delle sanzioni per i trasgressori.
Non serve aumentare le sanzioni. Serve comminarle.
nicola_luisari ha scritto:
lun 11 feb 2019 12:44
I ciclisti avranno anche la possibilità di circolare nelle corsie ora riservate solo ai taxi e agli autobus
Vaccata colossale.
nicola_luisari ha scritto:
lun 11 feb 2019 12:44
Il divieto di fumo in auto e' una cazzata immane. Gia' c'e' in presenza di minori ed e' sacrosanto. Se tra adulti, voglio poter fumare anche perche' a volte tiene sveglio il conducente.
Non direi. Il principio è lo stesso del cellulare: la sigaretta ti impegna una mano, quindi la guida è meno sicura (e non è come il classico braccio fuori del finestrino, perchè in quel caso la mano è libera è può essere usata in qualsiasi momento)
DAVIDE - ESCity

trambvs
*
*
Messaggi: 652
Iscritto il: ven 09 nov 2007 14:01

Re: Le strane interpretazioni del codice della strada

#1305 Messaggio da trambvs » mar 12 feb 2019 12:22

1. ma non era già stato approvato ma lasciato a discrezione dei gestori (che giustamente hanno preferito lasciare i 130 km/h)?
2. ok, ma in italia funziona così, fare la voce grossa e poi voltarsi dall'altra parte...
3. dipende molto dalle situazioni: in ambito milanese per esempio pedalare nei parterre centrali della 90/91 non ha senso (ed è pure pericoloso, viste le velocità raggiunte dalle altre categorie inutilmente ammesse), ma in monte ceneri - dove peraltro è già oggi consentito - sarebbe da folli circolare in bici di fatto in mezzo strada, vista l'assenza di qualsiasi delimitazione seria della preferenziale; analogamente il percorso della 94 in senso orario non presenta alternative sensate e quindi dovrebbe IMHO essere aperta alle bici
piccola nota sull'obbligatorietà del casco, in Francia è stato introdotto da parecchi e mesi, mi pare funzioni
4. ok, il senso è proprio quello, infatti dubito che il divieto sia esteso anche a veicolo fermo

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti