[ TRIESTE ] Tramvia di Opicina

Il forum sui tram.

Moderatore: Redazione

Rispondi
Autore
Messaggio
Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 1827
Iscritto il: ven 29 dic 2006 17:57

Re: [ TRIESTE ] Tramvia di Opicina

#1126 Messaggio da Andmart » lun 02 ott 2017 17:35

Io non ho mai detto che Ser.Fer. non abbia fatto un buon lavoro... Semplicemente su alcune cose condivido le loro osservazioni, su altre meno.

E poi da svariate cose si vede che c'hanno messo becco davvero tante teste. E questo secondo me ha incasinato molto le cose, soprattutto nell'ottica di avere tempi celeri per il ripristino del servizio. Questo volevo dire.

volvox
*
*
Messaggi: 101
Iscritto il: mer 24 feb 2016 7:11
Località: Istanbul

Re: [ TRIESTE ] Tramvia di Opicina

#1127 Messaggio da volvox » mar 23 gen 2018 5:59

Sembra vedersi la luce in fondo al tunnel per la sfortunata tramvia di Opicina.

Tempi certi non ce ne sono (il sindaco Di Piazza parla della primavera), ma le cose sembrano muoversi velocemente. Nell'articolo si parla di 150 milioni per la sostituzione delle rotaie (ma non le avevano giá sostituite? O forse non in tutti i tratti) e di messa a norma dei marciapiedi delle fermate. Gli interventi complessivi di ripristino proseguiranno almeno fino al 2020, ma il tram dovrebbe entrare in esercizio quest'anno.

http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cro ... hfpitsec-1

Avatar utente
simplon
**
**
Messaggi: 7410
Iscritto il: mer 05 mag 2004 17:20
Località: Lomellina regione d'Europa

Re: [ TRIESTE ] Tramvia di Opicina

#1128 Messaggio da simplon » mar 23 gen 2018 8:13

150 milioni? Togli tre zeri...

s.
Saluti da simplon

No ai PL sulla rete fondamentale RFI: sono il male assoluto, un cancro da estirpare.
Amico delle Frecce, di Italo e degli EC: sono i treni del mio Dna.

Avatar utente
sr
***
***
Messaggi: 11939
Iscritto il: mar 25 mag 2004 13:39
Località: milano (a est del Lambro Meridionale e a ovest della roggia Ticinello)

Re: [ TRIESTE ] Tramvia di Opicina

#1129 Messaggio da sr » mar 23 gen 2018 9:10

:=D>: :[-O<:
CONFRATELLO DELLA LOGGIA DEL CALAMARO®
Fondatore del CRRZFTz©
Comitato Richiesta Relazioni Zingarate Ferroviarie Tz

Andate in Transalp!

Bill
**
**
Messaggi: 2424
Iscritto il: sab 05 feb 2005 16:15
Località: Veneto

Re: [ TRIESTE ] Tramvia di Opicina

#1130 Messaggio da Bill » dom 03 giu 2018 15:34

"Il Piccolo" online 30/5/2018:

Trieste, "stop" del Ministero: slitta ancora la ripartenza del tram.
Doccia fredda sul riavvio dello storico tram: il Mit ha inviato a Regione, Comune e Trieste Trasporti tre pagine con una quindicina di osservazioni e richieste sul progetto di ristrutturazione della trenovia, chiarimenti ritenuti necessari per dare il nulla osta. Luccarini: "Si rischia di prolungare i tempi". L'ira di Dipiazza: "Siamo alle comiche". Sembra essere sempre più lontana la ripartenza del tram di Opicina. In occasione della conferenza stampa dei dati del bilancio 2017 della Trieste Trasporti, il presidente dell'azienda locale giuliana Piergiorgio Luccarini ha annunciato che proprio oggi, 30 maggio, è giunta una lettera da parte del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti alla Regione Friuli Venezia Giulia, al Comune di Trieste e all’azienda contenente tre pagine in cui viene rivelata una quindicina di osservazioni e richieste sul progetto di ristrutturazione della trenovia, ferma da quasi due anni, che il Comune aveva inviato a fine marzo al Mit.
Il problema ora è molto complesso: bisogna sistemare non solo le vetture, ormai pronte e tirate a lucido, ma anche l’intera linea. Impossibile stabilire quando il tram potrà esser rimesso in funzione.
Tre milioni dalla Regione per far ripartire il tram di Opicina
Il finanziamento "per la completa messa in sicurezza della linea tranviaria", è stato assegnato da un emendamento alla legge di Stabilità regionale
Su questi punti il Mit ritiene necessari approfondimenti o chiarimenti per dare il proprio nulla osta. Si va dalle tratte interessate dal progetto, alle tipologie di rotaie, alla misurazione della velocità del tram, dai marciapiedi ai sentieri di sicurezza fino al capolinea cittadino di piazza Oberdan.
«Sono tutte osservazioni - ha commentato Luccarini - che rischiano di prolungare i tempi. Qui ognuno aveva fatto la sua parte, la Regione ha messo 3 milioni di euro, noi abbiamo lavorato sul rifacimento delle funicolari, ma queste condizioni sono molto pesanti. È necessario un coordinamento tra noi, la Regione Fvg e il Comune di Trieste, per evitare altri ritardi».
A questo punto, quindi, appare davvero difficile ipotizzare una ripartenza entro il 2018.
L'ultracentenaria tramvia a funicolare, lunga 5 chilometri, è ferma da quando avvenne uno scontro frontale tra due carrozze.
La cittadinanza si è attivata per la sua riapertura con una raccolta firme, lanciata anche dal Piccolo, che ha raccolto oltre 15 mila adesioni.
Infuriato il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, che in un post su twitter (VEDI QUI SOTTO) accusa l'organismo ministeriale di fare di tutto per mettere i bastoni tra le ruote e impedire la ripartenza della trenovia.
Roberto Dipiazza
@RobertoDipiazza
Allucinante, siamo arrivati alla comiche. l'Ustif continua a bloccare la ripartenza del Tram di #Trieste-Opicina.
«Siamo arrivati alle comiche», afferma sui social Dipiazza, commentando le prescrizioni che l'Ustif di Venezia ha inviato a Comune, Regione Fvg e Trieste Trasporti. «Questi servitori dello Stato - spiega irritato il sindaco - si permettono di bloccare la trenovia di Trieste con una serie incredibile di prescrizioni folli, tutte stupidaggini mai viste, perché loro pensano di essere importanti. A questo punto dico qual è il problema di questo Paese: sono i servitori dello Stato, che ci impediscono di lavorare, che ci impediscono di fare e che poi - udite udite - quando devono fare le prescrizioni devono andare a cercare le cose più impossibili e insensate, non lo dico io, ma i tecnici, per cercare di bloccare tutto».
Dipiazza rende noto quindi l'indirizzo di posta elettronica dell'ufficio dei Trasporti di Venezia: «Mandate qualche email importante - conclude - perché se la meritano tutti».

http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cro ... hfpitsel-1
... ci scusiamo per il disagio.

Avatar utente
quattroe28
***
***
Messaggi: 14202
Iscritto il: mar 24 gen 2006 21:34
Località: sull'Arno nei pressi di dove entro il 2018 la tramvia avrebbe dovuto attraversarlo
Contatta:

Re: [ TRIESTE ] Tramvia di Opicina

#1131 Messaggio da quattroe28 » dom 17 giu 2018 22:06

ma si sa cosa hanno chiesto???
Finalmente avremo i binari Daucus per i treni metropolitani a Statuto, ma purtroppo non il tram a Gavinana
cari forumisti.... potreste smetterla di scrivere quell'orrore di "bho" e ritornare al classico ed esatto "boh"????????

Avatar utente
Ugo Fantozzi
^_^
^_^
Messaggi: 14
Iscritto il: mer 20 lug 2016 20:41

Re: [ TRIESTE ] Tramvia di Opicina

#1132 Messaggio da Ugo Fantozzi » mar 19 giu 2018 7:13

quattroe28 ha scritto:
dom 17 giu 2018 22:06
ma si sa cosa hanno chiesto???
Tram di Opicina, Dipiazza: «Richieste assurde dal Ministero, neanche per un Frecciarossa»
Altre richieste riguardanti il Tram di Opicina da parte del Ministero dei Trasporti, così commentate su Facebook dal sindaco Dipiazza: «Sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico. Il dirigente del Ministero dei Trasporti, invece di rispondere cose senza senso al Sindaco e ai cittadini di Trieste, farebbe bene a richiamare i suoi uffici dell’Ustif per le ulteriori assurdità che ci hanno chiesto, dopo che avevamo già ottemperato alle loro precedenti richieste ed avevamo tutto pronto per far ripartire il Tram di Opicina. Invece dell’atteso via libera ci hanno inviato ulteriori richieste assurde».

«Queste alcune assurdità: - spiega Dipiazza - ci hanno chiesto le pensiline per persone con problemi di deambulazione quando, purtroppo, non possono salire sulle carrozze (recentemente rimesse a nuovo) perché come sanno anche all’Ustif, essendo una linea storica vincolata come bene culturale in tutte le sue parti, non ha carrozze abilitate a questo trasporto. Come per i treni ad alta velocità o i Frecciarossa ci hanno chiesto di rispettare una certa distanza tra le case e la tranvia che è del 1908, quindi per far ripartire il Tram dobbiamo abbattere le case?».

«Poi - conclude il sindaco - vorrei ricordare ai signori dell’Ustif che fino ad un minuto prima dell’incidente, non causato da problemi tecnici o di scarsa manutenzione, hanno sempre firmato e certificato tutte le autorizzazioni di conformità e sicurezza. Stanno facendo un danno alla città, comunque la prossima settimana gli uffici del Comune, con la Regione e la Trieste Trasporti, si riuniranno per rispondere a questi signori».
http://www.triesteprima.it/cronaca/tram ... -2018.html

Avatar utente
Andmart
**
**
Messaggi: 1827
Iscritto il: ven 29 dic 2006 17:57

Re: [ TRIESTE ] Tramvia di Opicina

#1133 Messaggio da Andmart » mar 19 giu 2018 9:56

quattroe28 ha scritto:
dom 17 giu 2018 22:06
ma si sa cosa hanno chiesto???
Un utente su FB ha pubblicato le lettere di USTIF:

Immagine
Immagine
Immagine

Le richieste non sono poi tanto fuori dal mondo e rientrano nel normale iter necessario all'ottenimento di un nulla osta tecnico per una variante o una nuova realizzazione. La questione delle distanze, che deriva dalla norma UNI di cui si richiede una verifica, è ampiamente derogabile trattandosi di un impianto già esistente (e forse già derogata, visto che molte prescrizioni in fatto di distanze risalgono addirittura al Testo Unico del 1912 e poi sono state riprese nel DPR753/80). Basta far opportune relazioni e controlli.

Quello che invece mi sembra sia "deragliato" è che si è andati a richiedere un "nulla osta tecnico ai sensi dell'art. 3 del DPR 753/80" per un intervento di manutenzione semi-ordinaria come lo è il rinnovo di alcune tratte di armamento. Questo fatto ha innescato tutto il resto: il progetto, essendo pensato per un semplice intervento manutentivo, è inadeguato rispetto alle richieste (anche documentali) di un nulla osta tecnico (che invece valuta interventi più corposi come modifiche delle caratteristiche tecniche e nuove realizzazioni) perché da' ovviamente per scontate diverse cose. E quindi era ovvio che da Roma arrivassero prescrizioni e richieste di verifiche.

Però torno al punto iniziale: il nulla osta tecnico ai sensi dell'art. 3 del DPR 753/80 si richiede per nuove costruzioni oppure per "apportare varianti rispetto alle caratteristiche tecniche dei progetti definitivi approvati" alla realizzazione della linea o nel caso di variante precedenti. Qui devono semplicemente cambiare binari e traverse, nessuna variante. O no? ::-?: ::-?:

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti